Notizie » Politica Umbertide cambia, risposta al Capogruppo della Lega, Cavedon

Riceviamo e pubblichiamo la risposta al capogruppo Lega Cavedon da parte di Umbertide cambia "Sappia consigliere Cavedon che quando lei attacca il consigliere Codovini attacca Umbertide cambia, che si riconosce totalmente nell'azione del suo rappresentate istituzionale. E sappia consigliere Cavedon che chi le ha scritto quel risentito attacco personale in risposta ad una critica politica si è dimenticato, tra le tante, di alcune cose particolarmente importanti. Umbertide cambia, mentre voi passavate le vostre giornate in tranquillità, ha combattuto per anni un sistema di potere fino a determinare la caduta dell'ultima Giunta a guida Pd. Umbertide cambia si è presentata autonomamente alle elezioni per governare la città presentando un programma chiaro, completo, articolato, che oggi guida la nostra attività anche consiliare, mentre voi avevate stretto sottobanco un accordo con l’ex Sindaco. Umbertide cambia non ha accettato di entrare in una Giunta senza identità e progetto, sostenuta da una Lega molto lontana da quei valori costituzionali e repubblicani che per il nostro civismo rappresentano principi fondamentali di riferimento. Chi le ha scritto la nota, consigliere Cavedon, si è dimenticato che non solo la Giunta che lei sostiene è in piena continuità, anche nelle attività che lei elenca, con il sistema che noi abbiamo combattuto e contribuito a far cadere, ma vede anche ben rappresentata un'area che ad Umbertide faceva apertamente riferimento all'Onorevole Giampiero Bocci. Nulla di male, solo per chiarezza. Vede, consigliere Cavedon, quello che cerchiamo di dimostrare è che la politica, come la intendiamo noi, non è arroganza, prepotenza, spartizione del potere. Aspetti comuni tra il governo precedente e quello attuale, che del suo aggiunge improvvisazione politica e amministrativa, mancanza di rispetto delle Istituzioni, un buon grado di falsità e manipolazione della comunicazione. Per questo ne siamo coerentemente e convintamente all'opposizione, ritenendo che Umbertide meriti un governo migliore. Noi proviamo a costruire una alternativa, che presuppone relazioni nuove, positive, trasparenti. E nuove alleanze. Non legate ad interessi particolari e personali, ma fondate sulla esigenza di realizzare un concreto modello di sviluppo economico, culturale, sociale della nostra città. Poi saranno gli elettori a valutare. Questa per noi è la politica, fatta di contenuti, rispetto, confronto. Le simpatie personali sono altra cosa."                     Umbertide cambia

01/07/2019 11:55:08 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Cavedon, “L’incoerenza politica di Codovini si commenta da sola”

Cavedon, Capogruppo Lega Umbertide, risponde a Codovini dopo l'ultimo comunicato di Umbertide cambia   “In questa torrida estate ci mancavano le perle di saggezza di Codovini che, con i suoi giudizi parziali e strumentali, quanto meno ci fa sorridere”. A rispondere alle illazioni del consigliere Codovini è il capogruppo Lega Umbertide Lorenzo Cavedon. “Il caldo gioca brutti scherzi – precisa  il leghista – ma è bene dare una rinfrescata alla memoria del consigliere di minoranza, schieratosi più volte contro il Pd ma che all’occorrenza non ne disdegna l’appoggio per la sua elezione a Vice Presidente del Consiglio comunale. Una  presunzione politica che forse gli ha fatto rimuovere la proposta di un emendamento alla manovra di bilancio in cui chiedeva di far pagare più tasse alla fascia di popolazione meno abbiente. I cittadini si ricorderanno anche delle partecipazioni di Codovini alla Festa dell’Unità o di quando appoggiò il progetto del Pd “Siamo Europei”. Da parte del capogruppo di “Umbertide Cambia” non una linea politica coerente  ma solo un naufrago in cerca di un’isola in cui issare la bandiera a seconda del vento.  A dimostrarlo sono i fatti: dice di combattere il sistema clientelare del Pd poi partecipa al progetto “Cantiere Civico” iniziativa organizzata dal Pd dove era presente anche l’ex sottosegretario all’Interno, oggi agli arresti domiciliari, Gianpiero Bocci. Tanta polvere e una visione politica ballerina in contrasto con quella lineare portata avanti dalla Lega e dall’amministrazione Carizia che, a testa bassa e senza grandi proclami, sta lavorando per il bene di Umbertide. Lo dimostrano i progetti riguardanti la demolizione e la ricostruzione della scuola Monini, la riqualificazione eco la ristrutturazione della scuola di Niccone, la costruzione della serra disabili, i lavori di sistemazione di piazza Marx.In attesa che Codovini trovi una sua dimensione politica, se mai la troverà, la Lega ad Umbertide continua a lavorare e dare risposte concrete ai cittadini”

28/06/2019 09:23:13 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia: ad un anno di distanza un primo bilancio delle attività della nuova giunta

Gianni Codovini, consigliere comunale di Umbertide cambia, traccia un primo bilancio ad un anno dalla elezione della nuova amministrazione. Di seguito il comunicato stampa. Immobilismo amministrativo e silenzio politico assordante. Questi sono i caratteri che contraddistinguono l’Amministrazione, eletta un anno fa. Non c’è dialogo, né interno alla maggioranza, presa com’è nella notte dei lunghi coltelli-fratelli Carizia-Locchi-Tosti, già spaccati, né con l’opposizione su questioni che interessano la città. Un’attenzione politica però c’è: quella della partitocrazia, intenta com’è la Giunta a spartire posti ai propri fedeli nei consigli di amministrazione, da ultimo quello della Prosperius. Ma i costi della politica rimangano quelli di prima: mentre la Giunta di Gualdo Tadino taglia l’indennità di funzione per Sindaco, Vice Sindaco, Assessori e Presidente del Consiglio Comunale del 13% qui a Umbertide, invece, si continua a percepire come prima, al tempo del Pd, lauti compensi (anche 16mila euro l’anno per assessori e presidente del Consiglio!). Con la riserva, però, che ai cittadini la stangata massima sull’addizionale Irpef questi signori l’hanno messa. E pensare che prima era una flat tax allo 0,50 (ma i leghisti non la vogliono?), ora è al  massimo dello 0,80. E i grandi problemi rimangono: una zona industriale che è un Vietnam e senza infrastrutture; le politiche per giovani e anziani non si sanno nemmeno cosa siano; non un’idea sulla sanità e i servizi alla persona. Le politiche territoriali su acqua, metano, scuola, ambiente, turismo e trasporti sono poi inesistenti: Umbertide non ha più voce né in Alta Umbria né in Alto Tevere. Isolati. L’ex magazzino tabacchi è sempre uno scatolone vuoto, la Moschea ancora lì, l’erba dei giardini privati non si sa dove buttarla e nessuno ci aiuta per pulire i cassettoni dei rifiuti condominiali. Tanto per dire che lo sbandierato cambiamento non si vede nemmeno nelle piccole cose. È cartina tornasole di questa condizione il fatto solo il prossimo 4 luglio ci sarà finalmente un Consiglio comunale, che dal 31 gennaio non viene convocato in sessione straordinaria (cioè per discutere i vari temi che interessano la città), come le Commissioni che non funzionano. È persino censurato nel sito del Comune il resoconto dei Consigli comunali. Sfido i cittadini a sapere se sanno cosa si è discusso e approvato in questi mesi. Qui la  propaganda di regime qualcosa potrebbe dire, invece di baloccarsi su erba (alta dappertutto) e buche (una groviera). Umbertide cambia  

26/06/2019 13:07:28 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Dal 4 al 14 luglio torna il beach volley sotto la Rocca di Umbertide

Dopo la fortunata edizione dell’anno scorso, la prima della manifestazione organizzata dal Volley Umbertide, si torna a schiacciare nella suggestiva cornice del centro storico di Umbertide. Saranno ben 11 i giorni di gara, con tante novità e sorprese. Innanzi tutto, anche in virtù delle recenti modifiche regolamentari, ben quattro giornate saranno riservate alla tappa del primo Campionato Territoriale Fipav, riservato ai beachers categoria under 16, sia per il maschile che per il femminile. Per questo torneo giovanile potranno “accoppiarsi” anche atleti tesserati con società diverse, quasi a ribadire la trasversalità della disciplina del beach volley, che tanto ha dato allo sport italiano e per il quale ci si aspetta una crescita proprio tra i più giovani. Ma siccome i allestiti sulle spiagge dei nostri lidi marini e lacustri sono affollati da tutti gli amanti del volley, senza distinzione di età e di livello di gioco, ognuno avrà la possibilità di cimentarsi sulla sabbia dell’arenile appositamente allestito dalla società umbertidese. Ci sarà il 4x4 misto open e under 18 (almeno due donne e un uomo in campo), ma anche un 3x3 misto open (almeno una rappresentante del gentil sesso in campo) riservato agli atleti più navigati. Un programma molto ricco, impreziosito dalla presenza di testimonial d’eccezione, provenienti non solo dal mondo della pallavolo, ma anche di altri sport, che all’occorrenza si misureranno all’ombra della Rocca medievale e sotto le stelle. Una delle serate sarà poi dedicata alla raccolta fondi in favore dell’associazione di Giacomo Sintini, che pure ha assicurato la sua presenza a dare un cambio d’eccezione agli atleti in campo. E non è tutto, perché a fianco del campo principale, verrà allestito un campo di mini volley in materiale sintetico, mentre anche gli under 14, 13 e 12, avranno la possibilità di calcare la sabbia. Il tutto contornato dalla possibilità di gustare specialità locali, fritto di pesce, o anche solo di bere una buona birra a bordo campo o sotto le strutture mobili per l’occasione appositamente installate. E immancabile sarà la musica e l’intrattenimento per godere in pieno di queste serate estive, che cero non hanno nulla da invidiare a quelle marittime. Partner della kermesse sono il Comune di Umbertide, che ha concesso il patrocinio e con il quale la società organizzatrice da diverso tempo collabora strettamente, la Fipav umbra, che dal canto suo ha concesso la possibilità di disputare la tappa del Campionato territoriale e i generosi sponsor che hanno contribuito. Il divertimento è assicurato e nel fervore dei preparativi, sono già numerose le coppie e le squadre già iscritte per le battaglie sulla spiaggia umbertidese.

25/06/2019 09:38:43 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica M5S Umbertide: “anche l'amministrazione Carizia contagiata dal solito immobilismo”

Riceviamo e Pubblichiamo il comunciato stampa a firma Movimento 5 Stelle Umbertide   Ad un anno circa di distanza dall'insediamento del nuovo consiglio comunale dobbiamo, con amarezza, registrare che l’immobilismo che aveva caratterizzato la legislatura Locchi ha contagiato anche l’amministrazione Carizia, purtroppo, nonostante i ripetuti appelli al cambiamento più volte fatti dal Movimento 5 Stelle. Sorda ad ogni stimolo e proposta, la maggioranza ha continuato nella strada del “non cambiare nulla”, aggiungendo rispetto alla precedente amministrazione un vago e laconico “… per il momento “. Nei fatti: sul fronte della sicurezza si sta procedendo a fatica nella dotazione di armamento al corpo di polizia municipale e forse, se saranno buoni, Gesù bambino porterà una pistolina sotto l’albero di Natale dei vigili; sul fronte Moschea nulla si è fatto se non acquisire un parere pro veritate, nella speranza che magari i titolari della concessione finissero i soldi per la costruzione dell’immobile; per le manutenzioni ( oggetto anche di una nostra interrogazione al prossimo consiglio comunale) assistiamo ad una serie di interventi a macchia di leopardo privi di una logica programmatica e strategica , se logica c’è è quella della conferma del consenso strappato con le promesse elettorali, e intanto checché se ne dica campa cavallo che l’erba cresce, e non solo in senso figurato, le strade sono sempre più dissestate ed insieme a loro il disagio e lo sconcerto dei cittadini. Non sembra che altro ci fosse nel programma di governo della attuale maggioranza L’amministrazione si limita a gestire il contingente e l’ordinario senza alcuna strategia di programma limitandosi a portare a compimento le iniziative prese dall’unico innovatore che nelle ultime legislature abbiamo avuto: ironia della sorte , il Commissario Governativo De Rosa. Tante le operazioni di facciata, le iniziative popolar - presenzialiste, troppi i post su Facebook, e anche i selfie cominciano a stufare. Quando da opposizione proponiamo qualcosa di veramente innovativo e programmatico, un vero cambio di mentalità nell’affrontare le sfide future, si risponde a colpi di maggioranza dicendo che questa è la democrazia. A chi sposa questa tesi, ricordiamo di fare attenzione e che la Democrazia è ben diversa dalla dittatura della maggioranza!   

21/06/2019 18:54:40 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy