Notizie » Politica Umbertide: acceso botta e risposta tra PD e Lega

Il clima politico ad Umbertide resta teso. Lo dimostra il botta e risposta tra PD e Lega che se le cantano a suon di comunicati e post social.  Secondo il Pd Umbertide: Questa Giunta massacra le famiglie e ci vorrebbe far credere che la colpa è degli altri Questa amministrazione leghista aumenta del 50% l'Irpef, taglia i servizi, vende strutture adibite al sociale (ex scuola di Civitella), toglie i servizi come la farmacia dalla Piazza, ci racconta le balle sulla vicenda del Calzolaro (dicendo che ora è la puzza non c'è più) e vorrebbe usare la "moschea" come arma di distrazione di massa. Ma no cara Amministrazione: non potete rubare il futuro a questa città, non potete aumentare le tasse, impoverire il centro, tagliare i servizi sociali e pensare che la colpa è sempre degli altri (che poi sarebbero quelli che avete in Giunta). In questi mesi non avete fatto nulla, avete provato a scaricare la vostra insipienza sugli altri e ci avete fatto avere l'onta per la prima volta nella storia di questa città di avere consiglieri comunali morosi verso il Comune stesso. Ora basta il PD non si lascia intimorire e userà la stessa moneta (che non sono i trenta denari).   Mentre la Lega risponde: Ormai il Pd di Umbertide è in totale difficoltà.  Invece che fare mea culpa per gli eclatanti errori fatti in passato, in un delirio social, racconta nefandezze e falsità. Avete già provato a gettare fango sulla Lega in campagna elettorale, paventando la calata dei barbari o l'arrivo di squadracce fasciste. Tutto questo, come gli umbertidesi hanno potuto appurare, non è minimamente accaduto.  Al Pd di Umbertide forse non sta bene che ora, a differenza del passato, non si governa pensando solo ai propri interessi personali. Al centro dell'azione politico-amministrativa di questa squadra ora ci sono solo la città, le sue frazioni, la sua gente.  Da chi ha svenduto in tutto e per tutto il nostro Comune per mero calcolo personale non accettiamo lezioni. Solo un paio di numeri: un milione e mezzo di mancati incassi, un milione e 750mila euro di mutui da pagare per opere inutili (piazza del Mercato, Puc 2 e bretella ferroviaria di Pierantonio).  Seppur a conoscenza di questi dati, di fatto inoppugnabili, il Pd ha pure il coraggio di aprire bocca e di gettare fango su chi, con responsabilità, ora si è accollato l'impegno di gestire questo macigno di bugie e inefficienza.  

11/03/2019 15:09:59 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Da Calzolaro oltre 4mila euro per il Comitato 'Daniele Chianelli'

Da Calzolaro oltre 4mila euro in favore del Comitato per la Vita “Daniele Chianelli”. L’importante somma è stata raccolta nel corso della tradizionale cena che ogni anno viene organizzata dalla Pro Loco calzolarese, per dare un contributo concreto alla Onlus che, da quasi trenta anni, è in prima linea per la ricerca e la cura delle leucemie, linfomi e tumori di adulti e bambini.   La serata benefica, alla quale hanno risposto prontamente moltissime persone, si è svolta sabato 9 marzo presso il Cva della frazione e ha visto la presenza dei fondatori del Comitato per la Vita, Luciana e Franco Chianelli. A portare i saluti dell’Amministrazione Comunale sono stati gli assessori Francesco Cenciarini, Sara Pierucci e Pier Giacomo Tosti.   “E’ sempre un piacere venire a Calzolaro – ha dichiarato Franco Chianelli – Ogni volta che io e Luciana prendiamo parte a questa cena sentiamo sempre un grande affetto e un forte senso di amicizia da parte di tutti voi. Con un vostro semplice gesto state contribuendo ad aiutare la ricerca”.   “Un ringraziamento speciale va a Franco e Luciana, per l’impegno che ogni giorno mettono in campo per portare avanti il lavoro del Comitato – ha detto l’assessore Cenciarini – Anche quest’anno la Pro loco di Calzolaro ha messo in moto una macchina formidabile per  organizzare un evento che è diventato un appuntamento fisso da undici anni a questa parte. Si tratta di persone straordinarie, che non si tirano mai indietro quando c’è una buona causa da sostenere. Infine, voglio ringraziare tutti coloro che sabato sera, con la propria generosità, hanno contribuito a fornire un aiuto concreto all’associazione”.

11/03/2019 11:58:47 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide: Fratelli d'Italia appoggia la manovra di bilancio

Fratelli d'Italia appoggia la manovra di bilancio con un comunicato a firma di Giovanna Monni  Con il varo della manovra di bilancio il PD e gli scambisti della politica, ora  suoi fedeli "compagni di viaggio",  hanno di nuovo perso l’occasione di fare un po’ autocritica. Il tema si è spostato dalla manovra ai processi a questo o quell' assessore, dimenticando che l’assessore ai tributi era proprio in quota PD e ha lasciato l’incarico solo a dicembre 2017, tra l’altro in malo modo, visto che il sindaco del tempo gli revocò le deleghe. Il Pd spara bassi giudizi sulle persone, quando invece dovrebbe giudicare i propri numeri (davvero impietosi) e governi, tutti suoi da 70 anni.  Alla maggioranza  oggi spetta l’onere di una profonda ristrutturazione del bilancio che sappia contenere l’imposizione tributaria e garantire un congruo gettito in entrata. Le gravi carenze in tema di recupero dei crediti devono trovare soluzione,  è una priorità che il centro destra ha costantemente segnalato in passato, cosi come è stato ravvisato dal Commissario De Rosa nella relazione di fine mandato. Oggi la Lega e la coalizione che la sostiene sembrano aver individuato le soluzioni, facendosi carico del problema che vede sì un aumento delle aliquote IRPEF (non tutte)  ma prevede anche un innalzamento della soglia di esenzione fino a 13mila euro. A ciò si aggiunge la lotta all’evasione tributaria che dovrebbe raggiungere risultati importanti con l’annunciato accorpamento  di uffici fondamentali come bilancio e tributi. Occorre assicurare alle casse del comune le entrate previste, ovvero far sì che tutti paghino il dovuto al fine di pagare tutti di meno. Fratelli d’Italia sostiene dunque lo schema di bilancio consapevole che la via tracciata è quella giusta. Quanto al Pd e ai suoi  nuovi amici di comodo poco importa del futuro della città. Per loro è più  facile allestire  gogne sui  social, espressione di rancori personali  (è la banale sindrome dell'abbandonato) piuttosto che ammettere la responsabilità di manovre che ci hanno caricato di interessi passivi per finanziare opere pubbliche discutibili. Il PD non parla dei mancati gettiti, indicati solo per tener piedi bilanci di previsione traballanti, non c’è consapevolezza degli errori ripetuti negli anni né tanto meno proposte. Al PD serve un colpevole da individuare purché non si parli di quello vero: se stesso e i suoi capi. Fatica vana».  

09/03/2019 17:26:51 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Capogruppo Lega umbertide Cavedon: 'A vergognarsi deve essere il PD'

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa firmato dal capogruppo Lega Umbertide Cavedon “Altro che vergognarsi, la Lega si assume la responsabilità politica insieme alla maggioranza di mettere in sicurezza le casse comunali. A vergognarsi deve essere il PD , visto che chi lo  guida per davvero di nascosto,dal 1999 al 2004 è stato assessore al bilancio, dal 2004 al 2013 sindaco e dal 2013 al 2018 parlamentare gestendo direttamente con arroganza tutti gli aspetti del Comune (bilanci, tributi, mutui, moschee, aree industriali, etc). Per fortuna dal 2018 tutto questo ha avuto fine”: così in una nota il capogruppo della Lega, Lorenzo Cavedon. “Come riportato oggi dagli organi di stampa, trapelano cifre impressionanti sui mancati pagamenti di Imu, Tasi e Tari – prosegue Cavedon - Nel triennio 2016-2017-2018, risultano mancati pagamenti per circa 2 milioni e 750mila euro, di cui recuperati solo circa 110mila euro. Per quanto riguarda la tassa sui rifiuti, negli ultimi tre anni risultano mancati pagamenti per 1 milione e 700mila euro. Senza la rimodulazione dell'addizionale Irpef, a bilancio sarebbero mancati 450mila euro, causati dalla situazione pregressa che ci siamo trovati a gestire. Inoltre, sul groppone pesano 1 milione e 750mila di rate di mutui. Saranno questi i dati che hanno indotto l'amministrazione Carizia a procedere nella riforma del servizio tributi? Strano che l'ultimo assessore donna del Pd ai tributi non se ne sia mai accorto”.   Lorenzo Cavedon Capogruppo Lega umbertide 

07/03/2019 17:38:15 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile In piazza Matteotti arrivano 'i ristulzini del Mercato della Terra'

La primavera si avvicina, e la collaudata sinergia tra Slow Food Alta Umbria e Pro-Loco Umbertide scalda i motori in vista degli attesi eventi 2019. Per iniziare al meglio la bella stagione ecco "I Ristulzini del Mercato della Terra" che punteranno a stuzzicare il vostro palato all’insegna dei sapori del territorio, rigorosamente a km0. Quattro appuntamenti per gustare al meglio i prodotti offerti dal caratteristico Mercato della Terra, realtà ultradecennale che ogni sabato mattina arricchisce Piazza Matteotti di Umbertide. Si parte sabato 9 marzo, con "La Paella del mercato", rivisitazione del piatto più iconico della cucina spagnola, arricchito con le verdure che trovate lì esposte, a pochi metri, sui banchi degli agricoltori locali. Il 23 marzo invece sarà la volta della Ribollita, un piatto della tradizione contadina, che di “povero’’ ha solo le origini, visti le sue caratteristiche organolettiche, ma soprattutto il suo gusto imperdibile. Il 6 aprile invece ci permettiamo un piccolo sgarro, con una croccante frittura, rigorosamente con le verdure km0 offerte dal territorio. Per chiudere in bellezza, il 20 aprile, sabato di Pasqua, scenderà in piazza un vero simbolo della cucina umbertidese, tutto da riscoprire e valorizzare: il brustengo. Questo semplice, ma gustoso spuntino, sarà accompagnato con formaggi e salumi locali. Insomma, quattro appuntamenti da non perdere per capire, assaporare, ma soprattutto immergersi nel mondo dei piccoli produttori dell’agroalimentare del nostro territorio. Una preziosa realtà, accessibile settimanalmente grazie ad uno dei progetti più longevi ed allo stesso tempo iconici di Slow Food, che vede proprio ad Umbertide, uno dei suoi fiori all’occhiello. Le degustazioni, gratuite per tutti i soci di Pro-Loco Umbertide e Slow Food Alta Umbria, si terranno tutte in concomitanza con il Mercato della Terra, durante le mattinate delle date succitate, che trovate anche in locandina. Inoltre, per tutto il periodo dei Ristulzini, sarà aperto il tesseramento di entrambe le associazioni.  

07/03/2019 17:26:02 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica M5S Umbertide: 'la giunta del non cambiamento'

Riceviamo e pubblichiamo Ogni anno, come da prassi, l'amministrazione comunale deve redigere un documento nel quale programma le spese che intenderà intraprendere, le entrate che prevede di ottenere dalle sue operazioni, in pratica un bilancio, un atto programmatico su quelle che sono le sue intenzioni. Il bilancio di ogni ente è l'atto politico per eccellenza, lì si vede fin da subito se le promesse fatte in ambito elettorale, ad esempio sulla riduzione delle tasse e sul miglioramento dei servizi, trovano un oggettivo riscontro. Abbiamo sempre sostenuto in passato che ai bilanci delle passate amministrazioni mancasse una programmazione, che fossero bilanci di sopravvivenza visto l'enorme debito o disavanzo, chiamatelo come preferite, che ci portavamo dietro, figlio delle pessime passate gestioni. Oggi abbiamo un'altra amministrazione, ma di fatto nulla è cambiato anzi si continua nella scellerata scelta di esternalizzare i servizi, uno importante come quello relativo ai tributi. Emerge proprio la volontà di consegnare le mansioni svolte dal nostro ufficio tributi ad una figura esterna, infatti per il futuro è prevista l'indizione di una gara per l’appalto del servizio di supporto all’attività accertativa e per l’attività ordinaria delle entrate tributarie. Così viene lasciato in mano al privato un servizio pubblico, interno al nostro Comune, seguendo sempre la logica che il privato possa svolgere meglio certe funzioni. Si sta effettuando uno smantellamento della struttura comunale e dei suoi settori importanti, iniziato già con le passate amministrazioni. Perchè questa scelta? Depotenziare la macchina comunale con quale vantaggio poi per i cittadini, su cui ricadranno tali scelte in termini di servizio? Privato non è sinonimo di efficienza, lo abbiamo sempre sostenuto. Si dovrebbe migliorare ciò che si ha e renderlo più efficiente se carente piuttosto che dismettere come se fosse qualcosa di inutile. D'altronde come potersi aspettare qualcosa di nuovo se l'assessore al bilancio è sempre lo stesso. Cambiano le bandiere, ma alla fine …. Eppure lo avevamo detto, ricordate? “O il futuro o tutto si ripete” e a dire il vero dall’esame attento del bilancio di previsione e dal DocUP non possiamo che trarre amare conclusioni, le tasse aumentano a discapito delle fasce di reddito più deboli, che inevitabilmente risentiranno in maniera più acuta degli aumenti, i servizi diminuiscono con la chiusura di fatto a partire dal 2020 dell’Ufficio Tributi. La scarsa attenzione per i servizi resi è altresì testimoniata dalla diminuzione della copertura finanziaria per i servizi a domanda individuale. Diciamo basta ai dictat imposti da questa amministrazione come da quelle precedenti. Rendersi disponibili e tentare di contribuire a risollevare le sorti del paese si sta rivelando una delusione. Fino ad oggi abbiamo assistito impotenti ad una maggioranza che ha dimostrato tutta la sua arroganza ignorando, quasi irridente, ogni proposta (tranne una, quella della modifica del regolamento di igiene) che è venuta dal Movimento 5 stelle. E d’altro canto l’amministrazione, non tanto la maggioranza consiliare che fino ad oggi è rimasta muta e silente in consiglio (tanto che c’è chi dubita che i componenti della “strana” compagine abbiano il dono della favella), non ha fatto altro che sfruttare, per ottenere consenso, il lavoro del Commissario Straordinario, beandosi di risultati di operazioni poste in essere da altri e dedita a mere operazioni di facciata con fini palesemente elettorali. Le campagne elettorali si lascino a Salvini e Berlusconi, le passerelle, si facciano al teatro e ci si renda più disponibili al confronto ! il metodo resta lo stesso e a rimetterci sono i cittadini in termini di servizi. Movimento 5 Stelle Umbertide

07/03/2019 17:10:45 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica La Giunta comunale risponde al PD: è ora della verità sul bilancio

    Ci vuole la faccia tosta degli esponenti del PD per avanzare determinate accuse tramite post sui social (farciti di bugie e inesattezze) contro la maggioranza. Paradossale che a parlare siano proprio quelle persone che hanno amministrato per 60 anni, prosciugando le risorse del Comune (e quindi i soldi dei cittadini). Lasciando le casse svuotate e una situazione drammatica. Entrando nel merito della questione, la manovra di bilancio adottata è derivata da un'attenta analisi della situazione trovata dalla nuova maggioranza insediatasi otto mesi fa e resa possibile anche grazie all'accorpamento della delega Tributi con quella del Bilancio. Le fortissime criticità che abbiamo trovato sul tavolo sono segnalate dal Commissario straordinario Castrese De Rosa e della Corte dei Conti. Ci siamo trovati con enormi rate di mutui accesi per opere spesso inutili. Il commissario nella relazione di fine mandato scriveva: “Al fine di garantire e mantenere gli attuali elevati standard dei servizi erogati, sarà necessario effettuare una manovra tributaria tale da consentire flussi di entrata certi e continuativi per conferire una maggiore stabilità ai futuri bilanci e una maggiore solidità finanziaria. Sarà da valutare un'eventuale manovra tributaria relativamente all’addizionale comunale Irpef”. Per sanare questa situazione, la nuova maggioranza, alle prese per la prima volta con il bilancio, ha preso atto delle relazioni di Commissario e Corte dei Conti e cercato una soluzione che non gravasse troppo sulle tasche dei cittadini, a cui il nuovo governo nazionale non ha toccato un euro. La soluzione individuata è stata l'applicazione della progressività delle aliquote Irpef, cercando di salvaguardare le categorie deboli secondo un principio di proporzionalità e quindi di equità, con una tassazione in linea con gli altri Comuni dell'Umbria. Abbiamo inoltre elevato l'esenzione totale da 12mila a 13mila euro, consentendo a 400 umbertidesi in più, di cui la metà pensionati, di non pagare l'Irpef (che si aggiungono ai circa 4400 già esentati), oltre alla diminuzione per tutte le famiglie del 5% della tariffa sui rifiuti. C'era poi il problema di altrettanto enormi cifre non incassate da tassazione come Imu e Tari, scoperte grazie alla richiesta dei consiglieri comunali del PD, i quali chiedendo verifiche sulla situazione debitoria dei consiglieri comunali (con il chiaro intento di fare danno alla maggioranza), sono finiti per farci scoprire il fatto che molti cittadini avessero dei debiti verso il Comune di Umbertide, obbligandoci a riscuoterli, attraverso un potenziamento dell’ufficio tributi tramite un supporto esterno. In definitiva con questa manovra andiamo a sanare i problemi del passato e assicuriamo un futuro a Umbertide. Gli umbertidesi ci hanno capito benissimo il 10 e 24 giugno e siamo certi che ci capiranno sia adesso che in futuro.

06/03/2019 21:29:32 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy