Notizie » Politica Presentata la lista Sinistra per Umbertide

E’ stata presentata ieri mattina presso la Residenza comunale di Umbertide, la lista Sinistra per Umbertide, soggetto politico che vede correre insieme Rifondazione Comunista e i Comunisti Italiani che appoggia la candidatura a sindaco di Marco Locchi. A presentare la lista sono stati Spartaco Bottaccioli (coordinatore di Rifondazione ad Umbertide), Matteo Cesarini (membro della segreteria comunale del Prc) e Andrea Ceccarelli (segretario provinciale dei Comunisti Italiani).  “Rifondazione – Comunisti Italiani –Sinistra per Umbertide- dichiarano i promotori- è il nome della lista unitaria con la quale il PRC ed il PdCI di Umbertide si presenteranno alle prossime elezioni amministrative del 25 Maggio 2014.  I simboli tradizionali della falce martello e la presenza di tanti giovani nella lista stanno a segnalare la volontà dei nostri due partiti di puntare su un forte rinnovamento nella politica locale mantenendo inalterati i valori a cui ci ispiriamo: la difesa dei diritti dei lavoratori e delle fasce sociali più deboli. Queste tematiche sono presenti anche all’interno del programma della coalizione del centro-sinistra umbertidese che sta alla base dell’accordo unitario sottoscritto da PRC e PDCI con il candidato sindaco Marco Locchi e con le forze politiche della coalizione. L’invito a presentarsi tutti insieme con una lista unitaria è stato rivolto anche ai compagni di Sinistra Ecologia e Libertà, i quali però hanno deciso di compiere una scelta diversa, presentandosi nella lista civica Umbertide Cambia che candida a Sindaco Claudio Faloci”. Durante la presentazione, i promotori di Sinistra per Umbertide hanno esposto i temi da loro proposti che sono stati inseriti all’interno del programma di coalizione, come la nomina simbolo di un delegato al lavoro e contro la disoccupazione all’interno degli organi del governo cittadino. La Sinistra per Umbertide s’impegna, insieme alla coalizione, a far diventare Umbertide comune solidale, rivalorizzando il lavoro con lo sviluppo di progetti di co- working con i quali l’amministrazione comunale può mettere a disposizione strutture pubbliche per i giovani che possono svolgere dei lavori diversi ma che possono collaborare tra loro su qualche progetto specifico e di affidare, attraverso accordi con altri enti locali, dei terreni agricoli demaniali in disuso per la coltivazione della terra come nel caso della tenuta di Caicocci. Altre istanze avanzate dalla lista e accettate da tutta la coalizione sono l’istituzione di un  Fondo di solidarietà, alimentato da una parte degli emolumenti di sindaco e amministratori comunali, per aiutare le persone più in difficoltà; e di far operare nel nostro comune, un paio di volte al mese, un dentista sociale; gli interventi del quale avranno un costo pari ad un terzo rispetto alle normali cure odontoiatriche. Sul piano della trasparenza e della partecipazione, le anime che formano la lista si sono prefissate di dare voce, per ogni decisione importante, ai cittadini umbertidesi attraverso delle consultazioni ed è stato ribadita le netta contrarietà alla costruzione dell’impianto a biomasse di Pian d’Assino e alla trasformazione della E 45 in autostrada. Per quanto riguarda il complesso della ex fornace, l’auspicio è quello di riconvertirla in edilizia popolare. Sul fronte dei diritti civili è stato reso noto che, durante la prima seduta del Consiglio comunale, verranno presentate della proposte per l'istituzione del testamento biologico e di un registro delle unioni civili.    

18/04/2014 16:39:02

Notizie » SLIDER Nasce la lista civica Umbertide Viva. Monni candidata sindaco

Si chiama “Umbertide viva”. E’ la lista civica di centro destra che candida a sindaco Giovanna Monni, sostenuta da Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale. Tra i sostenitori Antonio Molinari, che si candida a consigliere comunale, che spiega prima di tutto la rottura dell’accordo con Forza Italia: “Ci siamo riuniti mercoledì 9 aprile. Forza Italia ci ha posto la condizione che il candidato sindaco fosse espresso da loro. Nonostante vi fosse un accordo a livello provinciale per cui a Forza Italia spettasse indicare il candidato sindaco di Perugia e agli partiti di centro destra quelli di Umbertide, Marsciano, Castiglion del Lago, siamo stati possibilisti. Abbiamo chiesto il nome e Forza Italia ci ha risposto che dovevamo accettare a scatola chiusa, senza sapere chi fosse. Superato lo sbigottimento per la inconsueta proposta, abbiamo ovviamente detto no a questa strampalata idea. Due giorni dopo Forza Italia ha annunciato Luca Squartini come candidato sindaco”. Che voi non avreste accettato… “Non è secondo noi una candidatura che può rappresentare il popolo del centro destra umbertidese”. Se Forza Italia avesse candidato il coordinatore Vittorio Galmacci, avreste accettato? “Si, ma lui ha rifiutato di candidarsi a sindaco”. Quindi il centro destra si presenta diviso alle prossime elezioni. E se l’elettorato dovesse punire questa scelta? Per la prima volta nella storia il centrodestra potrebbe restare fuori dal Consiglio comunale. “E Forza Italia si assumerà la responsabilità di questa eventualità, perché la rottura è solo frutto dei loro diktat. Comunque non si avvererà”. Perché ne è sicuro? “Perché “Umbertide viva” rappresenta la tradizione del centro destra umbertidesi. La mia storia personale dice che ho sempre degnamente rappresentato la destra di Umbertide. Abbiamo un candidato sindaco che ha ben lavorato all’opposizione in questi cinque anni e stiamo raccogliendo numerose adesioni nella società civile. Per questo abbiamo scelto di presentarci come lista civica di centro destra piuttosto che con il simbolo di Fratelli d’Italia. Io stesso correrò come indipendente di destra, perché non ho la tessera di alcun partito”.

17/04/2014 19:38:56

Notizie » SLIDER Boom di studenti in visita al Centro Mola Casanova

Il Centro di Educazione Ambientale Mola Casanova ha fatto il pieno di visitatori. Nel corso dell’anno scolastico 2013-2014 sono state infatti tante le scuole che hanno scelto il centro umbertidese per la gita di fine anno. Qui gli studenti possono visitare il vecchio molino Gamboni, diventato oggi un centro per le energie rinnovabili e la sostenibilità, conoscere da vicino la centrale idroelettrica sul fiume Tevere, ma anche partecipare a giochi ed esperimenti scientifici per una giornata all’insegna della sostenibilità. Inoltre Mola Casanova è uno dei pochi centri italiani in cui convivono entrambe le energie rinnovabili, idroelettrica e geotermica, grazie alla presenza di un pozzo geotermico che alimenta l’impianto di riscaldamento della struttura. Sempre nell’ottica della sostenibilità ambientale, molte classi di studenti raggiungono Umbertide in treno, per poi recarsi a piedi al Centro Mola Casanova, un modo salutare, ecologico ed anche economicamente conveniente per spostarsi. Lo scopo delle attività che vengono svolte al centro di educazione ambientale è quello di imparare facendo, ovvero di educare e formare gli studenti a guardare il mondo e se stessi con occhi nuovi con la consapevolezza di essere parte di sistemi complessi. Per l’anno scolastico 2013/2014 sono stati tanti i temi proposti a studenti ed insegnanti, dalla casa ecologica all’energia sostenibile, dagli esperimenti e attività per produrre energia in maniera inconsueta fino alla costruzione di macchine per la produzione di energia, dallo studio dell’acqua come fonte primaria di vita alle escursioni nel bosco per conoscere da vicino la natura.   

16/04/2014 09:20:25

Notizie » Politica Umbertide. Guglielmo Epifani ha aperto la campagna di Marco Locchi

Riceviamo e pubblichiamo Un Teatro dei Riuniti gremito ha accolto ieri Guglielmo Epifani, ex segretario nazionale del Partito Democratico e attualmente deputato e presidente della Commissione Attività produttive, commercio e turismo della Camera, ad Umbertide per sostenere la candidatura di Marco Locchi a sindaco della città. Insieme al deputato Giampiero Giulietti, Epifani ha preso parte all’iniziativa pubblica promossa dal Partito Democratico di Umbertide che, al termine della manifestazione al teatro, ha colto l’occasione per inaugurare le due sedi del Comitato elettorale Per Locchi Sindaco di piazza XXV Aprile e di via Unità d’Italia. Lavoro, politiche giovanili, ambiente, sociale ma anche sanità, scuola, turismo e sicurezza le tematiche alla base del programma elettorale del Pd, illustrato nel dettaglio dal candidato a sindaco Marco Locchi sotto lo slogan di “Condividiamo il futuro”, per proseguire, come ha affermato Guglielmo Epifani, con il buon governo che il Partito Democratico ha saputo dare in questi anni ad Umbertide. “Credo che gli italiani torneranno a darci fiducia per il buon governo che abbiamo assicurato alle nostre città. – ha affermato l’on. Epifani – Dal canto nostro abbiamo il compito di tornare a dare una speranza al Paese, ad investire sui giovani, a difendere i diritti degli anziani, a combattere l’evasione fiscale, a favorire gli investimenti e a creare nuove occasioni di sviluppo, come unica strada da intraprendere per uscire da una crisi che ha colpito il nostro Paese più di altri”. “Con le elezioni europee del 25 maggio ci giochiamo il futuro del Paese e la credibilità del Governo – ha aggiunto l’on. Giulietti – Abbiamo un’ultima possibilità per cambiare l’Europa e con essa anche l’Italia, assicurando un futuro di lavoro e speranza ai nostri giovani. Il 25 maggio si vota per l’Europa ma si vota anche per il rinnovo dei governi delle nostre città e credo che ad Umbertide il centrosinistra saprà far valere quanto di buono è stato fatto in questi anni, lontano da critiche e polemiche sterili. Abbiamo condiviso il passato ed il presente, condividiamo anche il futuro per garantire ancora una volta un buon governo alla nostra città”.

15/04/2014 20:06:58

Notizie » Politica Ex- FCU. Le proposte di Umbertide Cambia

Riceviamo e pubblichiamo “Riguardo al futuro delle infrastrutture del comprensorio, Umbertide cambia pretenderà trasparenza, partecipazione, razionalità e lungimiranza, pronta a discutere senza preconcetti ideologici, ma con il vincolo assoluto che prima di tutto si decida di investire concretamente su una ferrovia moderna in grado di alleggerire radicalmente il traffico pubblico su gomma, tenendo conto non solo della compatibilità ambientale, ma anche della sostenibilità economica delle fasce più deboli”. Il candidato sindaco di Umbertide cambia, Claudio Faloci, ha concluso con questa affermazione l’iniziativa “Ferrovia tradita”, la prima delle occasioni programmate da “Umbertide cambia” per affrontare i temi più rilevanti che coinvolgono gli interessi dei cittadini umbertidesi e non solo, dalla quale sono emersi fatti e proposte concrete. Protagonista dell’incontro, raccontata da due esperti, Mario Tosti e Alessio Trecchiodi, la “Ferrovia”, per l’influenza fondamentale che ha avuto nello sviluppo economico e sociale  della comunità altotiberina durante il primo secolo di vita, “tradita”, per la situazione di degrado ed abbandono in cui è venuta a trovarsi negli ultimi lustri, mettendo in pericolo non solo un servizio importante per i cittadini ma anche dei posti di lavoro. Ne è stata ricordata l’epopea delle origini, la tempestività della ricostruzione della tratta Terni – Sansepolcro dopo la catastrofe della guerra, il declino indotto dalla concorrenza dell’auto privata e dal trasferimento della pianificazione a livello regionale, che si è rivelata priva di una visione strategica e fonte di sprechi incredibili, tuttora in atto. Come, ad esempio, la montagna di traversine e le rotaie accatastate da anni a Pierantonio, che aggiunta ad un altro finanziamento di oltre 500.000 euro sollecitato nei giorni scorsi dal Comune, può ben rappresentare l’emblema della dilapidazione delle risorse, in quanto destinate al completamento di un raccordo ferroviario adibito al trasporto merci che non entrerà mai in funzione. Si pone infatti in totale contraddizione rispetto alla collocazione – comunque assurda ed opaca – della piastra logistica di San Giustino, con cui la Regione ha sancito la condanna a morte del trasporto merci su ferro. Questa scelta, opposta alla sempre declamata priorità del ferro sulla gomma, è passata in sordina, sopra le teste della comunità, in totale disprezzo della trasparenza e della lealtà. Alle critiche oggettive, sono seguite valutazioni della competitività potenziale della ferrovia, basate sull’analisi del bilancio della FCU, sulle statistiche dei passeggeri giornalieri rispetto al bacino d’utenza, sul grado di onerosità complessiva (indice sintetico di costi e tempi di percorrenza) raffrontata ai mezzi alternativi. E sono state presentate ipotesi di rivitalizzazione, fra cui il sistema tram-treno, utilizzato in varie città europee. Se questo è un progetto strategico, l’iniziativa di Umbertide cambia ha individuato anche interventi immediatamente realizzabili, illustrati da Spartaco Ceccagnoli. “Valorizzare la ferrovia come strumento per l’organizzazione della mobilità sostenibile. Realizzare una rete intermodale di trasporto (corse autobus di adduzione al treno) che consenta spostamenti più veloci ed economici di quelli realizzati dagli autoveicoli privati, ed un sistema di integrazione tariffaria o biglietto unico che favoriscano gli spostamenti casa-lavoro-scuola. Effettuare corse treno che partano da Umbertide per i lavoratori o studenti che debbano recarsi nella zona Silvestrini. Prevedere collegamenti diretti con Ponte San Giovanni e quindi con l’aeroporto di Sant’Egidio in coincidenza con l’arrivo e la partenza dei voli aerei per favorire anche questo scambio intermodale”.

15/04/2014 19:55:36

Notizie » Società Civile Grande successo per il primo Giro Turistico in Alto Tevere di auto, vespe e moto storiche

Domenica 13 Aprile 2014 si è tenuto il 1° Giro Turistico in Alto Tevere,passeggiata in auto, vespe e moto storiche. L'evento è stato organizzato dall'A.I.A.C (Associazione Italiana Automotoveicoli Classici) di Perugia in collaborazione con il Vespa Club Fratta Umbertide ed il Vespa Club Città di Castello. I Mezzi si sono ritrovati presso la Città della Domenica (PG) dove dopo le iscrizioni e la colazione si sono diretti verso il centro di Montone passando per Umbertide. A Montone ad accogliere i partecipanti c'erano il Sindaco di Umbertide Marco Locchi ed il Sindaco di Montone Mariano Tirimagni insieme ai quali gli appassionati dei mezzi d'epoca hanno potuto visitare gratuitamente il bellissimo Museo San Francesco per poi degustare l'aperitivo in piazza a Montone offerto dai bar "Antica Osteria"e "Aries Cafè". La mattinata è terminata con il pranzo presso il ristorante il Boschetto" a Città di Castello dove si sono effettuate le premiazioni ed i ringraziamenti finali. è stata una bellissima esperienza la quale ha avuto un ottimo riscontro fra i presenti, ed ha visto consolidarsi una già affiata amicizia fra i Vespa Club Fratta Umbertide, Città di Castello e l'associazione A.I.A.C di Perugia che è stata ribadita al termine del pranzo dai rispettivi presidenti Massimo  Bifolchi(V.C fratta) Lilo Lazzaro Gaudenzi-Fiorucci (V.C Città di Castello) Dario DI Bello (A.I.A.C) che si sono dati appuntamento per ripetere l'evento al prossimo anno.    

15/04/2014 12:37:20

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy