Categorie

Attualità » Primo piano Il gioco tradizionale della Ruzzola

Tra i giochi popolari per eccellenza, la Ruzzola è da sempre considerato uno dei più umili, praticato dalla gente di campagna. Una disciplina, riconosciuta dal CONI e dalla UISP, che ha origini antichissime, tanto che una prima testimonianza di ruzzola, con relativa fettuccia, è stata addirittura rinvenuta nella tomba di un bambino di epoca romana. Un gioco praticato da tempo immemorabile anche nel nostro territorio, che ancora oggi appassiona e soprattutto unisce. Lo sanno bene i circa 34 associati del Circolo Uisp S.Angelo di S.Maria di Sette che da oltre 30 anni, accoglie appassionati di ruzzola e boccette. Li abbiamo seguiti, in una bellissima domenica primaverile, in una delle loro gare, per scoprire e capire meglio qual è lo spirito che anima questo sport popolare.  Ad accompagnarci, Luca Riccardini, giovane montonese pratico di giochi e rievocazioni, vista la sua partecipazione al Gruppo Arcieri Malatesta del borgo medioevale. La prima gara è tra le campagne di S.Lorenzo, su una strada asfaltata, ovviamente poco trafficata. Il gruppo di S.Maria di Sette, davvero eterogeno per età ed esperienza, organizza un proprio campionato, dividendosi in quattro squadre che per undici domeniche si sfidano nel lancio della ruzzola, stilando una classifica a punteggio, che alla fine della stagione decreterà i vincitori. La mattinata dei lanciatori inizia intorno alle 8 con un torneo a boccette, seguito da un’abbondante merenda ristoratrice per poi continuare con la vera gara di ruzzola. Le regole del gioco sono molto semplici: ogni giocatore ha la propria ruzzola, un disco di legno duro, del diametro di circa 13 cm e uno spago o fettuccia per il lancio (opportunamente passato nella pece per aiutarlo ad aderire). Ogni partita consiste nel lanciare la ruzzola il più lontano possibile con un numero prefissato di lanci, si aggiudica il gioco la formazione, che, dopo il numero di lanci prefissato ha percorso la maggiore distanza. Tutti i lanciatori appartenenti alla stessa squadra effettuano di seguito un lancio ciascuno e viene prescelto come tiro valido quello più lungo. Si tratta di una sana competizione che prevede forza, intuizione, destrezza ma anche una buona dose di fortuna. La difficoltà maggiore sta nel dare forza al lancio ma anche nel seguire il naturale snodarsi del percorso, che prevede curve ma anche piccole discese o salite.  Chi gioca a ruzzola, lo fa per il piacere del gioco ma non solo, perchè dietro ad ogni lancio c’è l’amore per la campagna e per la vita all’aria aperta, la gioia di scambiare due chiacchiere tra amici e di trascorrere qualche ora divertendosi. Il clima – e noi lo abbiamo constatato – è quello di un’allegra comitiva che esulta per un lancio ben riuscito e si schernisce per quello sbagliato. La ruzzola, per quanto semplice ed ecologica, è senza dubbio una tradizione da preservare, facendola conoscere alle nuove generazioni. E siamo sicuri che basterà il primo lancio per rimanerne conquistati. 

24/03/2017 18:53:04 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Umbertide: bilancio di previsione 2017, firmato l'accordo tra Amministrazione comunale e organizzazioni sindacali

Riceviamo e pubblichiamo   E' stato firmato mercoledì 22 marzo presso la Residenza comunale l'accordo tra l'Amministrazione Comunale e le organizzazioni sindacali relativo al bilancio di previsione 2016   Il documento è stato sottoscritto per il Comune dal sindaco Marco Locchi, dall'assessore al Bilancio Pier Giacomo Tosti e da quello ai tributi Maria Cinzia Montanucci, per le organizzazioni sindacali, da Alessandro Piergentili per la CGIL, Feligioni per lo SPI CGIL, Piergiovanni Egidi per la UIL, Antonello Paccavia per la CISL, Silvano Nardi per la FNP CISL e Piergiovanni Egidi per la UILP.   Le parti hanno espresso preoccupazione per la situazione sociale che stanno vivendo molte persone che hanno perso il lavoro e/o non lo trovano, impegnandosi ad individuare linee di azione condivise finalizzate al reiserimento lavorativo, in particolare per gli over 50. Nonostante questo, si evidenziano comunque alcuni segnali di ripresa nel territorio, determinati in particolare da alcuni fattori legati alle produzioni agroalimentari e del settore metalmeccanico ed agli investimenti effettuati. Alla luce di queste considerazioni, viene rilevato che il sistema produttivo locale sta dando segni di vitalità che debbono essere consolidati per trasformarsi in opportunità di lavoro stabile, in grado di dare prospettive concrete al territorio.   Cgil, Cisl e Uil, apprezzando le iniziative messe in campo dall’Amministrazione comunale di Umbertide, ribadiscono i punti elaborati nelle loro piattaforme: “L’alto Tevere al lavoro”, “Le linee di sviluppo per l’alto Tevere” e “L’alto Tevere sociale”. Entrambe le parti condividono l’obiettivo di sostenere il welfare cittadino, i servizi educativi e scolastici, in quanto diritti che permettono alle comunità di crescere in termini qualitativi, il lavoro e le famiglie anche attraverso la destinazione di risorse aggiuntive. In particolare le organizzazioni sindacali hanno apprezzato lo sforzo dell’Amministrazione comunale per l’abbassamento della pressione tributaria per l’anno 2017 con la riduzione dell’Imu-Tasi dal 2,5 al 2,00 sulle seconde abitazioni e pertinenze ed il mantenimento invariato dello standard e degli investimenti nel settore dei servizi alla persona e alle famiglie. Molto importante anche la conferma delle tariffe e/o contribuzioni attualmente applicate nei servizi socio-assistenziali e didattici resi dall’Ente, il mantenimento delle tariffe per i servizi a domanda individuale e il mantenimento dei servizi, in modo particolare per le famiglie con bambini in difficoltà, incrementando le risorse per la loro assistenza didattica. E’ stato inoltre rilevato con soddisfazione la conferma dell’addizionale comunale Irpef allo 0,5 e la soglia di esenzione a 12mila euro. “Anche a fronte di minori trasferimenti, – hanno affermato il sindaco Locchi, l'assessore al Bilancio Tosti e quello ai tributi Montanucci – siamo riusciti a non tagliare i servizi alla persona, ad abbassare la pressione tributaria di Imu-Tasi e a mantenere invariata per il 2017 tutta l’altra tassazione, mantendo invariati i livelli dei servizi per le persone e le famiglie. Oggi, la sottoscrizione dell'accordo con le parti sociali che hanno condiviso le scelte effettuate dall'Amministrazione confrontandosi con noi in maniera seria e responsabile è un'ulteriore conferma di un bilancio solido e sano”. E’ stata ribadita la necessità di un’azione costante e determinata nella lotta all’evasione fiscale per l’attuazione di una reale equità fiscale; il mantenimento degli attuali livelli di servizio destinati alle persone e alle famiglie, anche attraverso la sinergia con l'Usl Umbria 1; la conferma dei contributi alle imprese per investimenti in conto capitale e per la stabilizzazione e l’assunzione dei lavoratori, con sistemi incentivanti per l’occupabilità di soggetti deboli e sviluppando il confronto al fine di prevedere altre modalità di erogazione degli incentivi; l'incentivazione del risparmio energetico, delle energie rinnovabili e dell’utilizzo responsabile del territorio; l'attenzione alla manutenzione di infrastrutture stradali ed edifici pubblici, anche attraverso la collaborazione con altre istituzioni; la condivisione dei progetti in corso per il miglioramento sismico ed energetico delle scuole del territorio; interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche; la conferma del fondo per l’assegnazione di borse di studio universitarie a studenti meritevoli prevedendo uno stanziamento di 10mila euro e consentendo a tutti i cittadini di contribuire in maniera volontaria a suddetto fondo. Cgil, Cisl e Uil hanno inoltre confermato la loro condivione per il FabLab, il laboratorio per la creatività e l’imprenditoria giovanile; lo sviluppo di ulteriori rapporti di collaborazione con il sistema prodittivo locale, anche sulla base di progetti elaborati dall’Università di Perugia; lo sviluppo della collaborazione con le aziende per incentivare sistemi di welfare aziendale integrativi e che interagiscano con i servizi offerti dall’Amministrazione comunale. Nel corso dell’incontro le parti hanno discusso le tematiche relative al sistema dei collegamenti, in modo particolare riguardo alla ferrovia, e al sistema sanitario locale, rimandando su questi importanti temi ad ulteriori momenti di approfondimento e confronto. Le organizzazioni sindacali hanno dichiarato di condividere le linee programmatiche espresse dall’Amministrazione comunale, valutando positivamente il percorso partecipativo che è stato attuato, teso a favorire la consapevolezza nei cittadini delle scelte operate e a facilitare la conoscenza e l’accesso ai servizi offerti nel territorio comunale.      

23/03/2017 19:17:43 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy