Notizie » SLIDER La nuova Giunta regionale dell'Umbria

La presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, ha nominato questa mattina i cinque assessori che andranno a formare la nuova Giunta regionale. Di seguito tutti i nomi e le deleghe Presidente della Giunta regionale Catiuscia Marini (Pd),  deleghe: programmazione strategica generale, controllo strategico e coordinamento delle Politiche comunitarie; rapporti con il Governo e le istituzione dell’Unione europea; intese istituzionali e di programma e accordi di programma quadro; bilancio e risorse finanziarie; programmazione europea e politica di coesione, fondi strutturali; protezione civile, programmi di ricostruzione e sviluppo delle aree colpite da calamità naturali; relazioni internazionali, cooperazione allo sviluppo, politiche per la pace; politiche di parità di genere e antidiscriminizione; rapporti con le Università e Centri di ricerca; promozione e internazionalizzazione dell’Umbria; coordinamento degli interventi per la sicurezza dei cittadini. Vice presidente della Giunta Fabio Paparelli (Pd), deleghe: politiche per la competitività e crescita del sistema economico-produttivo regionale; economia; commercio, turismo e terziario innovativo; tutela dei consumatori; politiche industriali, innovazione del sistemo produttivo, politiche per artigianato e cooperazione; politiche del credito; politiche per la creazione di impresa e start up; coordinamento e attuazione Agenda urbana; Infrastrutture tecnologiche e diffusione di banda larga, superamento divario digitale; energia; formazione professionale; politiche attive del lavoro; sport, impiantistica sportiva e associazionismo sportivo; rapporti con le agenzie Sviluppumbria e Gepafin. Assessore Luca Barberini (Pd), deleghe: coesione sociale e welfare con delega anche a: tutela e promozione della salute; programmazione e organizzazione sanitaria ivi compresa la gestione del patrimonio immobiliare sanitario; sicurezza dei luoghi di lavoro; sicurezza alimentare; politiche e programmi sociali; politiche familiari per l’infanzia e per i giovani; politiche immigrazione; cooperazione, associazionismo e volontariato sociale; rapporti con l’assemblea legislativa regionale. Assessore Antonio Bartolini (tecnico di area Pd), deleghe: riforme della pubblica amministrazione e istituzionali; società partecipate e agenzie regionali; attuazione riforma delle Province; servizi pubblici locali e riforme endoregionali; politiche della sicurezza urbana; innovazione e agenda digitale, risorse umane e organizzazione dell’ente; risorse patrimoniali; istruzione e sistema formativo integrato; diritto allo studio; edilizia scolastica; riforme istituzionali e semplificazione; coordinamento e politiche di formazione con la Scuola umbra di amministrazione pubblica. Assessore Fernanda Cecchini (Pd), deleghe: politiche agricole e agroalimentare; sviluppo rurale; programmazione forestale e sviluppo della montagna; promozione sistemi naturalistici, aree protette e Parchi; rapporti con l’Agenzia forestale dell’Umbria; rapporti con l’Agenzia regionale per l’ambiente (Arpa); tutela e valorizzazione ambiente; prevenzione e protezione dall’inquinamento; piano regionale rifiuti; rischio idraulico, pianificazione di bacino, ciclo idrico integrato, cave, miniere e acque minerali; energia da fonti rinnovabili; politiche del paesaggio e programmazione urbanistica; caccia e pesca; beni e attività culturali; politiche dello spettacolo; associazionismo culturale; grandi manifestazioni e festival, qualità della risorsa Umbria. Assessore Giuseppe Chianella (Psi), deleghe: riqualificazione urbana dei centri storici; infrastrutture, trasporti e mobilità urbana; rapporti con le società di trasporto pubblico e con l’agenzia regionale per la mobilità e il trasporto pubblico locale; politiche della casa, edilizia agevolata e sovvenzionata; lavori pubblici e interventi diretti, opere pubbliche; mitigazione rischio sismico e geologico; sicurezza dei cantieri e sicurezza stradale.

20/06/2015 12:47:08

Notizie » SLIDER Bilancio: il commento del Movimento 5 Stelle

Riceviamo e pubblichiamo Nell'ultimo Consiglio comunale si è discusso del riaccertamento straordinario e delle modalità di ripiano del disavanzo di amministrazione. Non finiscono mai di stupirci quando si parla di bilancio. Un disavanzo che ammonta a circa 1.033.152,08 euro che aggrava la situazione finanziaria del nostro Comune e che comporta un peso di circa 34.000 euro annui, per i prossimi trent'anni, fino al 2044 insomma. Mettiamo altri pesi sulla testa dei nostri figli; è dall'approvazione del bilancio dello scorso anno che denunciamo una condizione difficile che ha portato ad intraprendere misure straordinarie, come la vendita di certi beni comunali, quali Aimet, che ricordiamo ha portato alle casse comunali oltre 800.000 euro. Per l’Assessore al bilancio Tosti e per il nostro Sindaco sembra che tutto vada bene, che non ci siano problemi e che non ci si debba preoccupare, d’altronde sembra che il loro ruolo sia quello di trovare parole rassicuranti alle mancanze ed alle difficoltà del nostro Comune piuttosto che pensare ad apportare dei miglioramenti concreti. Che la colpa di queste cifre sia dell'opposizione? I cittadini sono preoccupati e soprattutto stanchi di essere vessati da tasse sopra la norma ed al limite della sopportazione. A fronte poi di quale ottimizzazione dei servizi? Sarebbe ora di cambiare approccio, affrontare le criticità del nostro Comune anziché rimanere fermi su posizioni che potrebbero condurre Umbertide sull’orlo di una crisi irreversibile.  Magari una costruttiva autocritica da parte della maggioranza sul suo trascorso e attuale operato sarebbe gradita, visto che le ricadute si ripercuotono sempre sui cittadini, stanchi di ripianare scelte sbagliate dell'Amministrazione.

16/06/2015 19:31:40

Notizie » SLIDER Bilancio: nota dell'assessore Tosti

Riceviamo e pubblichiamo Qualcuno, più che dire la verità, continua a mistificare la realtà. Ci dispiace dover contraddire quanto affermato sulla stampa dall'opposizione ma, purtroppo per loro, il Comune di Umbertide gode di un bilancio sano e in salute, con un avanzo di amministrazione di 1.186.611,88 euro che l'Amministrazione utilizzerà per investimenti utili per il territorio. La nuova contabilità ci obbliga a costituire un fondo per i crediti difficilmente incassabili, tra i quali vogliamo ricordare i proventi dall'accertamento tributario, i crediti che il Comune vanta nei confronti di Umbra Acque e le imposte dovute ma non ancora pagate dai cittadini. É evidente che si procederà a far pagare quanto dovuto, anzi nei prossimi mesi l'Amministrazione metterà in campo tutte le misure necessarie per far fronte al mancato pagamento delle imposte, ma questo accantonamento ci consente di avere tempistiche più lunghe. D'altronde il fondo veniva già costituito nei bilanci ogni anno, semplicemente da quest'anno si aggiunge questo ulteriore accantonamento. Comprendiamo che a qualcuno possa dispiacere sentirsi dire come stanno veramente le cose, ma questa è la realtà: il Comune di Umbertide vanta una situazione contabile solida e tranquilla che ci fa guardare con fiducia al futuro. Quando saranno approvati, entro il mese di luglio, tutti i bilanci e le misure di riaccertamento, magari sarebbe utile per le opposizioni fare un raffronto con i Comuni della stessa nostra dimensione demografica, così scoprirebbero che il Comune di Umbertide è molto più virtuoso di quanto oggi, in maniera strumentale ed imprecisa, sostengono. 

16/06/2015 11:38:05

Notizie » SLIDER Bilancio: Umbertide Cambia risponde all'assessore Tosti

Riceviamo e pubblichiamo In merito al bilancio comunale Umbertide cambia risponde alle affermazione dell'Assessore Tosti con il seguente comunicato stampa: “La delibera approvata in Consiglio Comunale titola: disavanzo straordinario di amministrazione, approvazione modalità di ripiano. Noi l’abbiamo chiamata “operazione verità”, ma vediamo che fatica ad essere ammessa, pur tuttavia sappiamo che ci vuole tempo per elaborarla. Ed allora insistiamo ed aiutiamo l’assessore al Bilancio Tosti in questa elaborazione. Nel suo comunicato, Tosti sostiene che esiste un “avanzo di amministrazione di 1.186.611,88 euro” anche dopo il riaccertamento dei residui, che rimane però un gioco solo formale di poste spalmate negli esercizi di competenza (vedi tabelle inserite nella delibera). Dunque si tratta di un accertamento sulla carta. Fatto sta che il disavanzo di amministrazione, dopo l’accantonamento, in base ai nuovi principi contabili, consiste di €. 1.033.152,08 e sarà ripianato in 30 anni per un importo annuo pari a 34.000 euro circa. Questa somma, che per Tosti indica la prudenza dell’Amministrazione, ed in particolare la sua notevole consistenza, sottolinea  la difficoltà, o meglio l’impossibilità, di esigere i crediti pregressi. E conferma che i bilanci precedenti erano in qualche maniera certamente legittimi, ma fittizi. Se a questo aggiungiamo il fatto che il Comune avrebbe potuto, secondo legge, utilizzare quote di avanzo destinate ad investimenti non si capisce perché, con un avanzo di bilancio come si afferma, ciò non sia avvenuto.  Ribadiamo la nostra disponibilità a ragionare in termini costruttivi, ma al tempo stesso auspichiamo da parte dell'Amministrazione una informazione corretta, soprattutto per il rispetto che si deve ai cittadini”.                                                                                                                              Gruppo consiliare Umbertide Cambia                                                                                                                              Associazione Umbertide Cambia

16/06/2015 11:33:51

Notizie » Società Civile Saggio spettacolo del Centro Studi Danza

Lunedì 15 giugno, alle ore 21.15, presso l'Anfiteatro del Parco Ranieri si terrà il saggio spettacolo dell'Associazione Centro Studi Danza di Umbertide che da 30 anni ormai opera nella città svolgendo quotidianamente attività di formazione nel campo della danza. Il Centro Studi Danza nasce infatti nel 1985 per proporsi nella città di Umbertide come un luogo di formazione nell’ambito della danza e delle discipline ad essa complementari. La presenza dei diversi e qualificati insegnanti, che si sono susseguiti nel corso degli anni, e il continuo scambio di contatti e di esperienze, rendono il centro un luogo stimolante sia per chi vuole fare della danza un arricchimento culturale della propria vita quotidiana, sia per chi sceglie la danza come professione. Lo spettacolo di chiusura dell’anno scolastico 2014-2015, sotto la direzione artistica dell'insegnante Maria Paola Fiorucci (laureata all'Accademia Nazionale di Danza in Roma) e l'organizzazione del Centro Studi Danza in collaborazione con Tree Events di Barbara Cagnini, porterà più di cento ragazzi dai 4 ai 25 anni a ballare sotto le stelle. Quest’anno gli allievi dei corsi di educazione al movimento, propedeutica alla danza e tecnica accademica si esibiranno in una serie di estratti di balletti che ripercorrono i 30 anni di attività della scuola,  quali “La Bella Addormentata nel Bosco”,  “Alice nel Paese delle Meraviglie”, “Cenerentola”, “Tango” e “Pinocchio” con coreografie riadattate da Maria Paola Fiorucci, Marzia Magi, Daniela Pascolini e Marta Benvenuti.  Anche le altre discipline insegnate nella scuola saranno protagoniste della serata, ovvero il Modern Jazz con il pezzo “Naturae Elementa Hominum” coreografato da Francesco Mariottini e Giulia Lampredi,  la Danza Hip Hop e Break con la coreografia “Red Lines” di Mattia Maiotti e Jenny Mattaioli e la Danza Contemporanea con il pezzo “By the way” del maestro Roberto Costa Augusto.

14/06/2015 15:55:02

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy