Notizie » SLIDER Grande partecipazione alla Marcia per la Pace Serra- Penetola

Centinaia di persone hanno partecipato alla prima edizione della Marcia per la Pace che si è tenuta domenica 29 giugno in occasione del 70esimo anniversario degli eccidi di Serra Partucci e Penetola. Promossa dal Coordinamento per la Pace di Umbertide – Montone – Lisciano Niccone sotto lo slogan “La memoria cammina con noi”, la marcia è stata la prima iniziativa umbra di preparazione alla Marcia PerugiAssisi del 19 ottobre prossimo per non dimenticare gli orrori delle guerre e costruire insieme, attraverso la memoria, un mondo di pace. Ben 34 le associazioni e gli Enti del territorio che hanno aderito all’iniziativa; centinaia le persone, provenienti non solo da Umbertide ma anche da altre zone dell’Umbria, che hanno partecipato alla marcia, raggiungendo e superando in alcuni tratti le 500 presenze. L’iniziativa ha preso avvio da Serra Partucci, nel luogo in cui il 24 giugno del 1944 cinque giovani - Natale Centovalle, Domenico Cernic, Bruno Ciribilli, Giuseppe Radicchi e Mario Radicchi - caddero sotto la furia della rappresaglia tedesca; qui è stata celebrata la santa messa officiata da don Luigi Lupini e sono state depositate le corone di alloro ai piedi dei monumenti che ricordano i caduti. Hanno inoltre portato il loro saluto il sindaco di Umbertide Marco Locchi, il sindaco di Lisciano Niccone Gianluca Moscioni e il vicesindaco di Montone Roberto Persico mentre Carlo Villarini del Coordinamento per la Pace ha spiegato le motivazioni della marcia. A Serra Partucci è intervenuta anche Jozica Cernic, nipote di Domenico Cernic, straniero che trovò la morte ad Umbertide nel tentativo di fuggire dagli orrori della guerra, mentre il sindaco Locchi ha consegnato a lei e ai familiari delle altre vittime di Serra Partucci una pergamena commemorativa, così come avvenuto anche per le vittime del bombardamento del 25 aprile e come fatto successivamente a Penetola. Poi ha preso il via la marcia: dietro lo striscione con lo slogan “La Marcia cammina con noi” hanno marciato i gonfaloni dei Comuni di Umbertide, Lisciano Niccone e Montone e della Provincia di Perugia, seguiti da un’immensa bandiera della pace e da centinaia di persone che a piedi hanno percorso i 10 chilometri che separano Serra Partucci da Penetola, passando per il centro di Umbertide, da via Roma a piazza del Mercato, ai piedi della Rocca, fino a piazza Matteotti e piazza 25 Aprile dove sono state commemorate le vittime del bombardamento. A fare da colonna sonora la banda Città di Umbertide diretta dal maestro Galliano Cerrini che ha accompagnato la marcia nel suo percorso cittadino. Quindi, dopo aver attraversato la suggestiva campagna umbertidese, il corteo è giunto a Penetola di Niccone, ai piedi del casolare dove la notte tra il 27 e il 28 giugno furono bruciate vive 12 persone, tra cui tre bambini, Antonio, Carlo e Renato Avorio, oltre a Milena Bernacchi Nencioni, Canzio Forni, Ezio Forni, Edoardo Forni, Guido Luchetti, Conforto Nencioni, Eufemia Nencioni, Ferruccio Nencioni ed Erminia Renzini. Ai piedi di quel che resta del casolare è stata depositata una corona di alloro mentre Giuseppe Avorio, sopravvissuto alla strage, ha condiviso con i presenti il ricordo di quella terribile notte. Quindi sono intervenuti Giuseppina Gianfranceschi del Coordinamento per la Pace, Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della Pace, che ha sottolineato come negli ultimi cento anni sano state combattute ben 180 guerre che hanno causato 230 milioni di morti, e l’avv. Francesco Innamorati, presidente provinciale dell’Anpi che ha ricordato con ardore lo scempio della guerra che lui stesso ha vissuto in prima persona. La prima edizione della Marcia per la Pace Serra-Penetola è stata resa possibile grazie allo sforzo e al sostegno di tante persone che il Coordinamento per la Pace Umbertide- Montone – Lisciano Niccone intende ringraziare una per una: la Tavola della Pace con la quale è stato dato avvio al percorso e tutte le persone che lavorano all’organizzazione della marcia Perugia-Assisi per i loro consigli e il loro appoggio; le 34 organizzazioni, tra enti ed associazioni, che hanno aderito all’iniziativa, perché ognuno ha fatto la propria parte nella riuscita della marcia; l’ANPI sezione di Umbertide; l’Amministrazione Comunale di Umbertide attuale e precedente; i familiari delle vittime e i superstiti che da sempre tengono viva la nostra memoria; il Gruppo Comunale di Protezione civile che non solo è stato di supporto il giorno della marcia ma che ha contribuito alla preparazione del percorso; l’associazione culturale Motociclisti non agitati che è stata di supporto insieme alla Protezione civile; la Polizia Municipale e la Polizia Provinciale; il Gruppo di Umbertide della Croce Rossa, l’associazione Runners Monte Acuto e la Sezione Soci Coop di Umbertide che hanno dato la loro adesione sin da subito; Tommaso Renzini che ha curato la realizzazione del manifesto; Digital Editor e le persone che vi lavorano che hanno realizzato gratuitamente le locandine, i manifesti e lo striscione; Gaetana Fronduti che ha realizzato il cartellone con il percorso della marcia e i loghi delle associazioni aderenti; Ciaccini Paolo, Babucci Mirco, Facciadio Rino, i F.lli Orfanini, Epatici Enzo che hanno reso percorribile il sentiero della marcia; Ceccarelli Enrico e Associazione Volontari Umbertide che si sono occupati del servizio di trasporto; tutti gli amici che hanno provato e deciso il percorso. Ma soprattutto grazie a tutti coloro che hanno partecipato, nonostante le distanze e il caldo, alla marcia e che hanno contribuito con la loro presenza a tenere viva la memoria.     

01/07/2014 14:25:13

Notizie » Politica Umbertide Cambia: fondo speciale per il diritto allo studio universitario

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia Con un ordine del giorno che sarà presentato al prossimo Consiglio Comunale Umbertide cambia chiede la costituzione di un fondo speciale per il diritto allo studio universitario, volto a sostenere studenti meritevoli in difficoltà economiche residenti nel comune di Umbertide. Il fondo dovrebbe essere gestito con un apposito regolamento approvato dal Consiglio Comunale, che dovrà necessariamente tenere conto degli strumenti che già consentono di agevolare la carriera universitaria, e dovrà essere costituito senza gravare ulteriormente sulla contribuzione dei cittadini. Secondo Umbertide cambia l’iniziativa dovrebbe essere finanziata attraverso i compensi spettanti per le attività istituzionali: consiglieri comunali,  assessori, membri dei consigli di amministrazione di nomina pubblica delle società partecipate, degli enti e delle istituzioni che fanno riferimento al comune potrebbero cioè volontariamente rinunciare agli emolumenti loro spettanti, destinandoli a tale scopo, realizzando in tal modo il principio “amministrare a costo zero”, utile anche a restituire all’impegno politico ed amministrativo un nuovo senso civico ed una nuova dignità.   “La crisi che colpisce ormai da anni l’economia nazionale costringe molte famiglie a redditi che spesso non sono sufficienti nemmeno per coprire le esigenze primarie. A soffrirne – afferma Stefano Conti, consigliere comunale di Umbertide cambia - sono i consumi, ma sempre più frequentemente anche la possibilità di garantire ai propri figli un percorso di studi superiore ed universitario. Negare la possibilità di studiare ad un figlio – aggiunge Conti - significa per un genitore subire un forte senso di frustrazione, significa per il giovane vedersi ingiustamente limitare l’opportunità di una scelta professionale e di una emancipazione sociale, ma significa anche privare l’intera comunità di una potenziale ricchezza, di un valore aggiunto che deriva appunto dalla crescita culturale e professionale dei suoi componenti. Da qui l’esigenza di intervenire anche con iniziative pubbliche investendo sul diritto allo studio, sia nel percorso superiore, anticipato da una efficace attività di orientamento scolastico, sia nella fase universitaria. Ciò consentirebbe l’applicazione sostanziale del fondamentale principio di equità, che a tutti dovrebbe garantire le stesse opportunità parificando le condizioni di partenza, nonché il riconoscimento concreto dell’impegno e del merito individuale.

30/06/2014 12:47:30

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy