Notizie » Altotevere Usl Umbria 1, Lions club e AACC a fianco dell'ospedale di Città di Castello

  Donati un ecografo, una macchina per il ghiaccio, tre tablet e un computer per la ricostruzione non chirurgica del capezzolo per le donne sottoposte a mastectomia radicale  Il presidio ospedaliero di Città di Castello continua ad arricchirsi di strumentazioni particolari grazie alla generosità dell’Associazione Altotevere contro il cancro (AACC) e del Lions Club di Città di Castello. La mattina del 22 giugno, infatti, sono stati consegnati dal Lions club una macchina per il ghiaccio insieme e tre tablet per il distretto Alto Tevere che si uniscono all'ecografo già acquistato durante l’emergenza Covid-19.  L’associazione Altotevere contro il cancro ha invece donato un dispositivo tecnologico con touch screen collegato ad un manipolo che è in grado di eseguire diversi tipi di trattamenti tra cui la ricostruzione non chirurgica dell'areola mammaria e del capezzolo a donne sottoposte a mastectomia radicale, in modo da ridisegnare in maniera quanto più possibile simile al passato il seno operato.  “Ringrazio le associazioni del territorio – ha detto il commissario straordinario della Usl Umbria 1 Silvio Pasqui – per la vicinanza alla nostra struttura. Nel periodo dell’emergenza Covid-19 abbiamo ricevuto moltissimi attestati di stima e moltissime donazioni che hanno contribuito a farci affrontare nel miglior modo possibile la fase critica”. Alle cerimonie di donazione hanno preso parte insieme al commissario Pasqui il dottor Luciano Carli, il dottor Marino Cordellini, il presidente di Altotevere contro il cancro Italo Cesarotti, il presidente del Lions Club Roberto Masi e l’assessore alle politiche sociali del Comune di Città di Castello Luciana Bassini.   

23/06/2020 16:50:28 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Pietralunga, Il Comune sposa il progetto “ETitelefonoacasa”

Il Comune di Pietralunga ha deciso di aderire al progetto "ETitelefonoacasa". Un servizio gratuito pensato per grandi e piccini, capace di regalare un po’ di magia e, soprattutto, rompere la monotonia delle giornate. “L'idea – spiega l’assessore alle politiche sociali Federica Radicchi - nasce dal successo riscosso da ‘Favole al telefono’ attraverso cui, nel periodo di reclusione forzata, legato alla pandemia, i concittadini si sono sentiti meno lontani e soli ascoltando le favole di Gianni Rodari. Ma le fragilità e l'isolamento non sono terminate proprio per tutti. Per questo è stato ritenuto utile sposare questa nuova iniziativa, investirci e riavviare la collaborazione”. Il progetto è realizzato dall’associazione MEDEM di Città di Castello e dall’associazione ASTRA APS di San Giustino, con il coinvolgimento di numerosi volontari. L’iniziativa sarà attiva anche nei Comuni di Città di Castello e San Giustino. Prenotare una telefonata dalla squadra di “ETiTelefonoACasa!” è semplice, basta collegarsi alla piattaforma www.etitelefonoacasa.it, appositamente realizzata, e scegliere uno dei diversi servizi telefonici (completamente gratuiti). Queste le proposte offerte dal servizio: – E TI RACCONTO UNA FAVOLA, si può richiedere, per sé o per altri, una telefonata con una o più favole; – E TI LEGGO UNA POESIA, si può richiedere, per sé o per altri, una telefonata con una o più poesie; – E TI ASCOLTO, in questo caso l’utente può raccontare una storia, una favola, a chi lo chiama; – E TI FACCIO UNA SORPRESA, in questo caso la chiamata è richiesta per altri, per particolari ricorrenze, ad esempio compleanni, o per fare scherzi telefonici. Il servizio, in questa prima fase, proseguirà fino al 31 luglio per poi valutarne i risultati.  

23/06/2020 15:38:02 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Altotevere Pietralunga: “Not(t)e sotto la Rocca” apre la stagione estiva nel Borgo

E’ iniziata a ritmo di musica l’estate 2020 a Pietralunga. Per celebrare la 26esima festa della musica europea, la Pro loco, con il patrocinio del Comune, ha organizzato "Not(t)e sotto la Rocca", un evento all’aperto all’insegna del divertimento in tutta sicurezza. “Questa iniziativa deve essere il simbolo della nostra ripartenza, necessaria per superare i difficili mesi passati – commenta l’assessore al turismo Federica Radicchi -. Tutto si può fare con attenzione, responsabilità e rispetto reciproco, stessi principi che tutti insieme abbiamo dimostrato in questa occasione. Un particolare ringraziamento ai pietralunghesi che hanno partecipato, dimostrando responsabilità civica e mettendo in atto tutte le misure di contenimento del Covid-19, ancora necessarie in questo periodo. Grazie alla "Street Band" e al loro debutto dopo un lungo periodo di inattività forzata. I ragazzi hanno animato il nostro Borgo, che per primo in Umbria li ha visti esibirsi dopo il lockdown. Un sentito ringraziamento alla Pro loco e al suo presidente Roberto Polidori non solo per aver da subito accolto l'iniziativa, ma per aver organizzato, come sempre, il tutto alla perfezione”. L’estate è appena iniziata e a Pietralunga sono numerosi gli eventi messi in calendario dall’Amministrazione comunale con la collaborazione di due grandi associazioni del Paese. “Si tratta – continua l’assessore - di due importanti realtà del territorio: la Pro loco, con la quale abbiamo elaborato una serie di appuntamenti all'insegna del divertimento e dell'intrattenimento, ma anche della cultura e l'Associazione Valle del Carpina, con la quale si è lavorato per strutturare un calendario concentrato sulla natura e sulle nostre tipicità. L'instaurarsi di questa collaborazione era un mio obiettivo, perché sono convita che fare politica significhi mettersi a disposizione del territorio, dialogare e instaurare rapporti proficui come questi. Un grazie particolare va alla dottoressa Samantha Citti, dal 1° luglio nuova responsabile del settore turismo del Comune, che si è resa sin da subito disponibile a sposare la mia iniziativa”.  

22/06/2020 18:47:56 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile La storia di “Nini”: la sfortuna chiama e l'imprenditore umbertidese risponde

Dopo oltre 3 mesi di chiusura, torna ad aprire le porte ai propri clienti IFannulloni. Un'apertura dal sapore davvero speciale perchè quello che si è abbattuto su quest'attività nell'ultimo periodo non è stato solo il lockdown e il ciclone dell'emergenza Covid-19. Quello che ha dovuto affrontare Claudio Palazzini, titolare de IFannulloni, è stato un vero e proprio calvario, iniziato per uno strano scherzo del destino proprio il 12 marzo scorso. Sono giorni di angoscia e lunghe attese: esami, referti, analisi. E' un turbinio di emozioni che si conclude con una diagnosi che spaventa solo nell'essere pronunciata: carcinoma squamocellulare alla gola. Claudio, inizia subito le terapie, cosciente che non può arrendersi. Non l'ha mai fatto e non lo farà ora che il mondo sembra crollare addosso a lui e alla sua attivitàcostruita con grandi sacrifici. Il mondo intorno sembra essersi fermato, il senso di insicurezza pervade tutti, nonostante un macigno enorme sullo stomaco, Claudio combatte la sua battaglia. Prova più volte a chiedersi il senso di tutto questo, ma da imprenditore sa che la vita a volte prende strani percorsi e ci pone sfide che sembrano insuperabili. Sembra un incubo: la malattia e una crisi economica pronta ad abbattersi su anni di sacrifici. Solo chi ha investito tanto, se non tutto, nella propria attività può immaginare quello che si può provare in certi momenti. Claudio lo sperimenta sulla sua pelle e sis ente abbandonato, dallo Stato soprattutto, che promette aiuti che non arrivano. "C'è stata l'illusione di aiuti a pioggia, ma la verità è che non è arrivato niente per me e poco per i miei collaboratori, che devo ringraziare perchè nonostante la grande incertezza del momento e sulla riapertura, si sono rimboccati le maniche e da inizio maggio hanno continuato a lavorare solo con il servizio d'asporto. Io non ho potuto aiutarli con la mia presenza, ho finito le cure (radioterapia e chemioterapia) il 29 maggio e ho dovuto fare i conti con il dolore, quello fisico, che purtroppo non mi ha risparmiato. Spesso penso a tutto ciò che è successo in questo breve periodo, tutto ciò che non credevo possibile si è avverato improvvisamente e quello che mi fa più rabbia è che posso passare sopra al tumore, sopra ad una pandemia ma non sopra al senso di angoscia che si prova quando ci si sente abbandonati dallo Stato. Le spese di un'attività continuano, non guardano in faccia al lockdown o alla malattia, ne ho avuto la conferma con l'ingiunzione di pagamento ricevuta per l'affitto dei mesi marzo-aprile e maggio. L'ennesima "Bastonata" subita". Oggi IFannulloni riapre le porte e Claudio tornerà dietro al suo bancone, ancora con il fisico provato ma con la tenacia di chi non si lascia abbattere. La sua è la storia di un uomo e di un imprenditore su cui il destino sembra essersi accanito in modo particolare ma è anche quella di chi poteva lasciarsi andare alla disperazione e invece ha deciso di reagire e in fondo dimostrare anche a noi cosa significhi avere coraggio. In bocca al lupo Claudio!  

22/06/2020 15:12:01 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Gruppo Lega Umbertide: “la fase 3 va più spedita che mai”

"Nuovi asfalti, nuove telecamere per la sicurezza di tutti, lavori della scuola dell'infanzia “Marcella Monini” che proseguono a ritmo serrato, manutenzione e riqualificazione del verde pubblico che avanza senza sosta. La fase 3 nel comune di Umbertide va più spedita che mai e il segnale di rinascita che viene dato in questi giorni è più che forte. Come segreteria e come gruppo consiliare della Lega Umbertide desideriamo fare un plauso al nostro sindaco Luca Carizia e a tutta la sua squadra. Dopo una gestione della fase più acuta dell'emergenza avvenuta in maniera egregia, in questi giorni si sta dando un grande segnale di rinascita per tutta la nostra comunità, alla faccia di chi, pieno di livore e odio verso i propri avversari, passa ore e ore su Facebook per denigrare l'operato dell'Amministrazione. Ma le menzogne delle opposizioni vengono puntualmente smentite alla prova dei fatti. Valga come esempio la vicenda legata alla Rsa, usata per gettare fumo negli occhi dei nostri concittadini. Avevamo dato le dovute rassicurazioni (che si sono realizzate) quando le opposizioni dicevano che sarebbe stata chiusa definitivamente. Le opposizioni dicono che siamo ancora in lockdown e che Umbertide stenta a ripartire? Ed ecco che il loro naso diventa come quello di Pinocchio. Forse perché quando erano al governo di Umbertide incentravano i tipi di intervento e le azioni come quelle attuate dall'Amministrazione a poche settimane dalle elezioni comunali. Noi invece agiamo diversamente: come abbiamo dimostrato, è nel corso dei cinque anni che si lavora per Umbertide".

22/06/2020 12:46:37 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia: approvato in consiglio un odg del movimento civico sull'emergenza educativa

Riceviamo e pubblichiamo C’è un’emergenza educativa che fa affrontata. L’approvazione da parte del Consiglio comunale, all’unanimità, dell’Odg di Umbertide cambia permette l’organizzazione di un Piano straordinario sul sostegno educativo e sportivo in estate e a settembre. Bisogna essere pronti anche con la riapertura delle scuole e ad offrire un sostegno alle società sportive. «C’è un’emergenza educativa che sfugge ai più. Anche ad Umbertide è necessario prepararci fin da subito alla ricostruzione di un tessuto sociale e di relazioni in cui bambini, ragazzi e adolescenti ritrovino la normalità di vita». Con questo spirito “Umbertide cambia” attraverso il suo consigliere comunale Gianni Codovini ha portato all’attenzione del Consiglio un Ordine del giorno, votato all’unanimità, su “Attività estive e sostegno educativo. Un piano comunale straordinario per l’infanzia e l’adolescenza”. Legandosi alla risoluzione regionale presentata dai civici di Andrea Fora nel Consiglio regionale, Gianni Codovini ha sottolineato la proposta dei servizi educativi articolata per le diverse fasce d’età: servizi educativi anche sperimentali per la fascia 0-6; centri estivi per la fascia 3-14. I centri estivi potranno essere organizzati anche valorizzando tutta la ricca rete di esperienze del volontariato, della cooperazione sociale e dell’associazionismo laico e cattolico, dei campus privati, della rete degli oratori e dei GREST. Nello specifico “Umbertide cambia” ha avanzato un Piano sistematico che coinvolga, con una nuova convenzione (integrativa del contratto di locazione), gli spazi per la gestione estiva delle attività rivolte ai bambini, in particolare dell’attuale e temporanea sede dell’asilo nido presso la Parrocchia di Santa Maria della Pietà; nonché dei locali della Chiesa di Cristo Risorto dove attualmente e temporaneamente ha sede la Scuola materna di Via Morandi;  la ridefinizione degli spazi relativi alle suddette attività ludico-didattiche del Parco Pineta Ranieri (e della stessa Pineta Ranieri), del parco-palestra delle Scuole dell’Infanzia Garibaldi, degli spazi aperti della Scuola Mavarelli-Pascoli in cui insiste il Centro Youspa e Lucignolo, già operativo. Senza dire poi la necessaria preparazione per la riapertura delle scuole a settembre, come richiesto anche dai dirigenti scolastici incontrati peraltro dalla Giunta.  Inoltre, come aggiunge il direttivo di “Umbertide cambia”, al Piano presentato in Consiglio va integrata una particolare attenzione per le società sportive, che vivono già le difficoltà legate al pagamento delle quote sociali.  Come finanziare il Piano per l’emergenza educativa e per coprire le attività delle società sportive? Gianni Codovini fa riferimento «al nuovo finanziamento di 274.242 euro (Fondo per l’esercizio delle funzioni fondamentali) che il Governo ha trasferito al Comune di Umbertide il 28 maggio scorso. Nonché si tratta di prelevare dal Fondo di riserva, già coperto per legge. Ci vuole la volontà politica di farlo e soprattutto le idee, che ora ci sono con l’approvazione all’unanimità dell’Odg di “Umbertide cambia”. Bisogna farlo ora, non fra due mesi - conclude Gianni Codovini. È questione di emergenza e risposte rapide, impedite dall’immobilismo di questa Giunta».  

22/06/2020 12:32:19 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Economia Bonus pubblicità 2020: con Informazione Locale investi in pubblicità e risparmi

 Il Decreto Rilancio permette di avere un credito di imposta fino al 50% degli investimenti sulle testate registrate tra cui Informazione Locale. Ripartire si può, anzi si deve. E noi di Informazione Locale, forti anche dei nostri numeri in costante crescita, siamo in grado di offrire alle aziende e agli esercizi commerciali del territorio la giusta visibilità necessaria per conquistare nuovi clienti e valorizzare prodotti e servizi. Il DL rilancio, per agevolare la ripartenza, ha ampliato il bonus pubblicità utilizzabile da aziende, professionisti singoli, enti non commerciali sugli investimenti pubblicitari effettuati nel 2020 sulla stampa quotidiana e periodica.. Ora questi potranno “recuperare” attraverso un credito d’imposta il 50% degli investimenti pubblicitari effettuati nel 2020. Bonus pubblicità: come funziona? In materia di pubblicità Il DL rilancio introduce, per il 2020, un regime straordinario del credito d’imposta sulla pubblicità, nella misura del 50% del valore totale degli investimenti effettuati nell’anno in corso. La copertura dell’intervento è assicurata dalle risorse del Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione entro il limite complessivo, che costituisce tetto di spesa, determinato dal DPCM da emanare entro il prossimo 30 settembre e nei limiti dei regolamenti Ue. Bonus pubblicità: come richiederlo? Per accedere all’agevolazione, i soggetti interessati devono presentare una specifica istanza telematica (“prenotazione”) utilizzando un’apposita piattaforma dell’Agenzia delle Entrate e uno specifico modello, tra il 1° e il 30 settembre 2020. Bonus pubblicità: quali investimenti copre? L’agevolazione comprende gli investimenti riferiti all’acquisto di spazi pubblicitari e inserzioni commerciali su giornali quotidiani e periodici, anche locali editi da imprese titolari di testata giornalistica registrata presso il Tribunale.  Le spese ammissibili si calcolano al netto delle spese accessorie, dei costi di intermediazione e di ogni altra spesa diversa dall’acquisto dello spazio Adv. Bonus pubblicità: Informazione Locale cosa può fare per voi Informazione Locale può offrirvi tante soluzioni di visibilità che ben si adattano alle diverse tipologie di attività ed imprese commerciali. Si va dalle “classiche” pubblicità grafiche, agli articoli pubbliredazionali, con speciali tematici.   Per contatti Digital Editor srl via Roma, 99 Umbertide (PG) Tel. 0759415046 - info@digitaleditor.it

19/06/2020 16:50:36 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Altotevere Pietralunga, contributi per gli affitti, il Comune pubblica il bando

È stato pubblicato dal Comune di Pietralunga il bando per l’assegnazione di contributi a sostegno dei canoni di affitto corrisposti nell’anno 2019. Per presentare la domanda c’è tempo fino al 15 luglio. Il contributo, determinato in maniera percentuale al finanziamento complessivo a disposizione dell’Amministrazione comunale, sarà erogato secondo le modalità definite dalla Regione dell’Umbria, non appena i fondi regionali saranno trasferiti nella disponibilità del Comune. Il bando è rivolto ai cittadini italiani, ai soggetti membri di uno Stato dell'Unione europea o agli stranieri in possesso dei requisiti di cui all' articolo 40, comma 6, del D.Lgs. 286/1998. Il richiedente deve avere la residenza anagrafica o un’attività lavorativa stabile ed esclusiva o principale all’interno del Comune di Pietralunga e in Umbria da almeno cinque anni consecutivi. Altra condizione stabilita per accedere al sostegno è che tutti i componenti del nucleo familiare anagrafico, compreso il richiedente, non siano titolari del diritto di proprietà, comproprietà, usufrutto, uso e abitazione su un alloggio, o quota parte di esso, ovunque ubicato sul territorio nazionale, adeguato alle esigenze dell’intera famiglia. L’interessato, inoltre, non deve essere titolare dei contributi per l’autonoma sistemazione, concessi a seguito di eventi sismici o di altri contributi pubblici concessi ad integrazione del canone d’affitto. Tra i requisiti richiesti anche quello di essere percettore di reddito nell’anno di riferimento e aver percepito nel medesimo anno, un reddito annuo complessivo del nucleo familiare non superiore ad euro 16.400,00, rispetto al quale l’incidenza del canone annuo di locazione sia non inferiore al 24%. Sono comunque esclusi dai contributi i locatari di alloggi accatastati nelle categorie A1, A8 e A9. Il bando e il relativo modello per la presentazione delle domande sono a disposizione degli interessati presso l’Ufficio protocollo del Comune, situato in via del Macello n. 1 (tel. 075 9460721), e nel sito internet www.pietralunga.it. Nella richiesta è necessario dichiarare, ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. n.445 del 28/12/2000, il possesso dei requisiti previsti per l’accesso al contributo. La domanda compilata in tutte le sue parti, debitamente sottoscritta, con allegata copia di un documento di identità del sottoscrittore e copia del permesso o carta di soggiorno nel caso di cittadini non appartenenti all’U.E., potrà essere consegnata all’Ufficio protocollo o spedita tramite raccomandata A.R. al Comune di Pietralunga (farà fede il timbro postale di spedizione) entro, come detto sopra, mercoledì 15 luglio. “Si tratta di sostegni – commenta il sindaco Mirko Ceci – che servono a dare sollievo e respiro ai bilanci familiari. Soprattutto in questo difficile momento di emergenza sanitaria, queste misure assumono grande importanza per sostenere le famiglie che hanno subito gravi danni a livello economico. Il contributo affitti è un ulteriore intervento per far capire che le Amministrazioni lavorano e stanno mettendo in campo tutte le proprie risorse e competenze per il bene comune”.

19/06/2020 15:39:34 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy