Notizie » Editoriale Cambio di direzione

Come tutte le iniziative  che hanno un valore sociale e comunitario anche quella di un giornale è scandita da sviluppi particolari. Oggi è una di queste e vale anche per Informazione Locale. Dopo averlo fondato e guidato per sette anni, è giunto il tempo di un cambiamento: lascio la direzione e la redazione del giornale, che ha bisogno di nuove prospettive e analisi. Vero è che i miei rinnovati impegni professionali e personali non consentono un’attenzione e partecipazione continua, che è presupposto per dirigere un mezzo di comunicazione che per sua natura, ma anche per la sua efficacia, abbisogna di “velocità” e di stare sul pezzo, ma è altrettanto vero che nel campo dell’informazione, come quello della politica, non si possono e non devono consolidare le posizioni, altrimenti si finisce per ingessare la realtà e deformarla. Non mi sono mai piaciute, in ogni campo, le posizioni dominanti e/o i monopoli. Ciò vale anche per il sottoscritto. Del resto, Informazione Locale ha fatto crescere una nuova generazione di liberi e bravissimi giornalisti in casa- come nella migliore tradizione della “cantera”- che hanno occhi e categorie mentali diverse e più pronte a leggere i segni dei tempi di una stagione convulsa ma ricca di possibilità, la quale va raccontata prontamente e con linguaggi diversi. Così, lascio la direzione ad una persona del nostro vivaio, Eva Giacchè, la quale è stata una dei fondatori del giornale. Ormai iscritta all’Ordine dei Giornalisti conosce la squadra, molto giovane, che saprà guidare con maggiore freschezza e creatività. Non ne dubito, avendola formata e conoscendo i ragazzi. Ciò, peraltro, aggiunge un valore in più alla comunità umbertidese che vede realmente un passaggio generazionale di responsabilità e alla comunità dei giornalisti locali, che qui voglio ringraziare per il sostegno che ci hanno sempre dato nelle battaglie civili e di critica. Appunto la critica. Questa è stata l’impostazione di Informazione Locale, che mi auguro mantenga. Nel mondo giornalistico corre un vecchio adagio secondo il quale un libero e buon giornale si misura dalle querele che il suo direttore “si è beccato”. Tra quelle minacciate e quelle veramente che ho ricevuto credo che Informazione Locale sia stato un giornale libero. Lo sarà, anche in futuro. Gianni Codovini, ex direttore

02/05/2015 14:09:24

Notizie » Politica Umbertide: eletti i nuovi Consigli di Quartiere

Sono stati eletti i nuovi Consigli di Quartiere, organismi partecipativi che hanno il compito di rappresentare le esigenze della popolazione locale, promuovendo la partecipazione e la consultazione dei cittadini. Nel corso della seduta consiliare di ieri, il Consiglio Comunale ha infatti approvato (con 8 voti favorevoli, 2 contrari e 2 astenuti), i componenti dei Consigli di Quartiere che risultano così composti: n. 1 – Capoluogo: Massimo Ciucci Alunni, Diego Marchetti, Adelita Margutti, Paolo Minelli, Giulio Fonti, Stefano Ventanni, Lorenzo Cavedon, Vittorio Galmacci, Sandro Vaiani; n. 2 – Capoluogo: Gabriele Lisetti, Massimiliano Cipriani, Sonia Galmacci, Federico Peverini, Marta Migliorati, Alessandro Minestrini, Alessandro Staccini, Giuliano Mastriforti, Antonio Molinari; n. 3 – Capoluogo: Gabriele Bianchi, Giuseppe Burzigotti, Cristian Montanucci, Michele Pini, Marco Pici, Nicola Monni, Simone Ferranti, Milena Morelli, Primo Merli; n. 4 – Capoluogo: Enrico Ciampelli, Mauro Ceccarelli, G.Paolo Cagnini, Enrico Palazzoli, Franco Beacci, Silvano Palazzetti, Francesco Palazzoli, Andreina Giornelli, Patrizia Nanni; n. 5 – Pierantonio: Virginia Gnoni, Romina Ricci, Mirco Fumanti, Alberto Bartolini, Mauro Santarelli, Marcello Fiorucci, Renato Locchi, Diego Mussini, Miki Russo; n. 6 – Niccone e vallata: Franco Staccini, Luciano Bartolini, Fausto Fiorucci, Gianfranco Bernasconi, Elena Galmacci, Enrico Citti, Sauro Alunni, Luca Bottai, Gianbaldo Tuzza; n. 7 – Montecastelli – Verna – Calzolaro: Claudio Serpolini, Claudio Biagini, Andrea Melini, Alessandro Biagini, Antonio Gabrielli, Nicola Giovannini,                   Moreno Mattiacci, Marco Angeloni, Angelo Montanucci; n. 8 – Preggio; Silvano Falomi, Alberto Bufali, Marco Peverini, Giovanna Rossi, Francesco Marconi, Luciana Alunni, Katia Batazzi, Ernesto Franceschini, Francesco Battelli. 

30/04/2015 14:04:17

Notizie » Politica M5S Umbertide boccia rendiconto di gestione 2014

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento 5 Stelle Umbertide Nell'ultimo Consiglio comunale si è discussa l'approvazione del bilancio consuntivo 2014, purtroppo nulla è cambiato rispetto a quanto già detto in sede di approvazione del bilancio preventivo 2014, la situazione è drammaticamente la stessa! Rispetto al 2013 assistiamo ad un peggioramento delle richieste di anticipazione di cassa alla banca che passa dai 254 giorni del 2013 ai 354 giorni del 2014, tranne che a Natale e Santo Stefano il nostro Comune non ha una liquidità propria e si deve far anticipare soldi dalla banca , su cui paghiamo, noi cittadini, interessi passivi. La mancanza di liquidità viene imputata alla mancata vendita di lotti e di terreni industriali, la cui cifra è inserita a bilancio da anni: ma ad oggi che valore di mercato reale hanno questi lotti? Forse il valore di mercato non è più attuale e andrebbe visto al ribasso?  A bilancio sono presenti residui attivi per diversi milioni di euro, crediti che il comune deve incassare, ma quanti di questi sono ancora esigibili ? Pensiamo ad esempio ad attività che non hanno pagato tributi come la tari e che ora sono fallite. L'Assessore al bilancio afferma che la situazione è migliore rispetto all’anno precedente. Perché hanno incassato più anticipando le rate della Tari ed hanno venduto AIMET per circa 800 mila euro?  La difficile situazione del bilancio del nostro Comune è da imputare unicamente ai tagli del governo o ad una gestione passata e attuale delle risorse non molto lungimirante? Un’amministrazione attenta dovrebbe evitare gli sprechi, anzi, da buon amministratori si dovrebbe avere le capacità di saper individuare ed eliminare le spese inutili. Non si sarebbe potuta evitare la realizzazione di un'opera inutile per la collettività, come l'edificio ex Tabacchi? Innanzitutto si potrebbero diminuire le spese, a partire dalle più semplici: potrebbe essere tolta la figura del portavoce del Sindaco, forse non così fondamentale in un Comune di appena 17 mila persona, potrebbe essere annullata la convenzione con il Comune di Monte Santa Maria Tiberina per la gestione associata della segreteria comunale, che farebbe risparmiare al Comune migliaia di euro l’anno. Si potrebbe evitare di convocare commissioni ad hoc per far assistere qualche consigliere a dei seminari facendogli prendere il gettone di presenza ed il permesso retribuito e magari eliminare il gettone di presenza in tutte le commissioni; si potrebbe diminuire il numero degli assessori. Anziché ragionare in un'ottica di vendita del patrimonio pubblico per reperire risorse perché non ridurre le spese? Quando non avremo più nulla da vendere, né terreni né municipalizzate cosa si venderà? Forse il cimitero?

30/04/2015 12:15:32

Notizie » Politica Rendiconto di gestione 2014: no di Umbertide Cambia

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia “Per coerenza e convintamente votiamo contro il rendiconto 2014 presentato dall’Amministrazione comunale, perché non fa altro che confermare e sancire i limiti politici e le criticità finanziarie che Umbertide cambia ha evidenziato in sede di approvazione del bilancio di previsione”. Questa la conclusione che Stefano Conti, consigliere comunale di Umbertide cambia ha espresso dopo aver esposto una dettagliata analisi del documento contabile consuntivo. “Il rendiconto 2014 – ha spiegato Conti – rivela una gestione del bilancio che, attraverso il contenimento della spesa corrente, ha cercato di riequilibrare in parte gli elementi di difficoltà finanziaria derivanti dai tagli imposti dal governo, ma ancor di più dalle gestioni precedenti, che hanno prodotto scelte costose intempestive, inopportune ed in alcuni casi inutili. Ma l’inversione di tendenza è ancora parziale e insufficiente”. “L’ente – ha aggiunto il consigliere del movimento civico - non è in dissesto finanziario, né strutturalmente deficitario, ma non sta bene. Avrebbe bisogno di una forte cura ricostituente, di qualche antibiotico e di una buona riabilitazione, che dovrà essere proposta in occasione della redazione del bilancio di previsione 2015”. Conti ha analizzato le principali criticità che emergono da una attenta lettura dei documenti contabili, in particolare il costante e notevole ricorso all’anticipazione di cassa, improprio e costoso, l’ammontare dei residui passivi ed attivi, che necessitano di una ulteriore ed attenta operazione di riaccertamento, le somme eccessivamente alte individuate rispetto alle attività di recupero dell’evasione, che servono per far quadrare il bilancio ma non possono essere realisticamente incassate nei tempi previsti”. “E’ un bilancio – ha concluso Stefano Conti - che presenta un avanzo di amministrazione di difficilissimo utilizzo, data la sua composizione, ed un conto economico che presenta un risultato della gestione operativa negativo, dato che deve far riflettere soprattutto in relazione alla impostazione riformata della nuova gestione finanziaria ed economica”. 

30/04/2015 12:06:55

Notizie » SLIDER Umbertide: approvato il rendiconto di gestione 2014

E’ stato approvato questa mattina dal Consiglio Comunale il rendiconto di gestione 2014. Con 9 voti a favore e 5 contrari, l’assise cittadina ha dato l’ok al consuntivo 2014 che chiude con un avanzo di amministrazione pari a 2.158.659,69 euro, di cui 1.171.393,96 euro di fondi vincolati (derivanti sia da trasferimenti da altri enti che da vincoli posti dall’Amministrazione che possono essere comunque rimossi) e 987.265,73 euro di fondi vincolati per investimenti. In merito allo stato di realizzazione dei programmi, è stata raggiunta un’elevata percentuale di realizzazione degli obbiettivi individuati in sede previsionale, che si attesta al 72,07% mentre in merito alla tempestività dei pagamenti della Pubblica Amministrazione, nel 2014 l’Ente ha raggiunto un indice pari a 22,84, ben inferiore al limite massimo previsto dalla normativa pari a 90. Anche per il 2014 è stato inoltre possibile rispettare il patto di stabilità, evitando così le gravi sanzioni previste dalla normativa che avrebbero comportato, tra l’altro, tagli alla spesa corrente per il 2015 con ricadute in termini di minori servizi erogati e prestazioni sociali rese. E’ proseguita infine anche nel 2014 l’operazione di riduzione della spesa, compresa la riduzione della spesa per il personale, escluse le categorie protette, così come  previsto dalla normativa; complessivamente per il 2014 la riduzione della spesa ha determinato un risparmio pari a 550.000 euro.

29/04/2015 14:31:58

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy