Notizie » Politica Strada della Ceramica: anche Umbertide ne farà parte. Soddisfazione di Ventanni, Pd Umbertide

“Grande soddisfazione nel leggere che si è deciso di far aderire Umbertide all’Associazione delle Città della Ceramica. Nel corso del 2018 era partito infatti un confronto tra i Comuni umbri storicamente riconosciuti per l’importanza del settore della ceramica all’interno del proprio tessuto artigianale e culturale, maturato poi con la scelta di far nascere l’associazione Strada della Ceramica – Umbria Ceramic Way. Lo stesso Commissario Dr. De Rosa aveva sollecitato all’Associazione Nazionale l’iscrizione di Umbertide tra le realtà comunali annoverate nella lista di quelle in cui la ceramica ha avuto un ruolo preminente in particolare nel secolo scorso. Alla luce della situazione venutasi a creare nel panorama regionale e nazionale, il nostro gruppo consiliare aveva depositato a luglio 2019 un ordine del giorno con il quale si chiedeva alla Giunta di procedere ad un confronto istituzionale con i Comuni umbri già facenti parte dell’Associazione al fine di avviare una valutazione economica sulla possibilità di adesione del nostro Comune ad essa. Umbertide può vantare, con le proprie peculiarità e implicazioni del tessuto socio-industriale locale, una tradizione in questo campo sviluppatasi particolarmente a partire dagli anni ’20 del Novecento e poi accresciuta nei decenni successivi fino a diventare una delle realtà più importanti nello scenario nazionale ed europeo con stili e design del tutto unici, con riconoscimenti importanti e premi significativi provenienti dal mondo dell’arte. La nostra proposta aveva trovato l’adesione di tutti i gruppi politici, i quali avevano votato all’unanimità l’ordine del giorno presentato in Consiglio. Leggere la delibera con la quale l’Amministrazione si è fatta carico della questione, proponendo al consiglio comunale l’iscrizione della nostra città all’Associazione Nazionale Città della Ceramica, ha dato modo di comprovare l’importanza della questione presentata. Come già ribadito infatti nell’ordine del giorno, questo patrimonio culturale e identitario della Città ha trovato seguito negli ultimi anni, con progetti di riqualificazione che hanno avuto e hanno tuttora la finalità di tramandare la nostra storia in questo settore. E quindi un’importante opportunità turistico-culturale ma anche professionale e lavorativa per Umbertide.>> Matteo Ventanni, Capogruppo - Gruppo Consiliare PD Umbertide                

21/09/2020 16:05:10 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Dal Pd Umbertide una proposta per recuperare i farmaci inutilizzati ancora validi

“In tantissime nostre case ci sono confezioni di farmaci solo parzialmente utilizzate, e spessissimo questi medicinali ancora validi rimangono inutilizzati o vengono gettati via. Il danno è duplice: un costo assolutamente evitabile per lo smaltimento in sicurezza di farmaci ancora utilizzabili e, di contro, un potenziale impatto sull’ambiente nel caso lo smaltimento non sia effettuato nel modo corretto. Risulta, pertanto, inderogabile muoversi verso un consumo di farmaci più responsabile e recuperare quelli inutilizzati, ma ancora validi, considerando questa azione etica potrebbe completarsi con una ridistribuzione tra le fasce fragili della società, persone indigenti che non avrebbero altrimenti possibilità di accedere alle cure, e contribuire a contrastare la povertà sanitaria.” Così Massimo Moretti, Professore associato di Igiene Generale e Applicata del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’Università di Perugia e membro della Segreteria del Pd di Umbertide, presenta l’argomento del recupero farmaci che è l’oggetto di un ordine del giorno depositato dal medesimo Gruppo consiliare questa mattina in Comune a Umbertide.  “Da alcuni anni il recupero dei farmaci inutilizzati ha suscitato l’interesse della società e delle Istituzioni, le quali hanno provveduto a normare tale attività tenendo conto di tutti i delicati aspetti da essa derivanti.” continuano dal Gruppo Consiliare. “La Direttiva Europea 2001/83/CE e la successiva 2003/94/CE hanno aperto l’iter con la possibilità per le organizzazioni non lucrative impegnate nell’assistenza domiciliare di riutilizzare i farmaci per i propri assistiti. Prerogativa confermata poi da normative nazionali, in particolare dalla Legge Finanziaria del 2016 con la quale sono stati introdotti idonei sistemi di raccolta per i medicinali inutilizzati o scaduti. Tali sistemi possono basarsi anche su accordi, a livello nazionale o territoriale, fra le parti interessate alla raccolta. Oggi, con questo ordine del giorno, abbiamo calato la necessità di pensare a questa importante iniziativa nel nostro comune e proposto all’intero Consiglio Comunale e all’Amministrazione di avviare un progetto costruttivo finalizzato a promuovere il recupero di farmaci validi non scaduti insieme ai principali attori. Vale a dire professionisti in campo medico-sanitario e associazioni impegnate nell’assistenza che, assieme al ruolo cruciale delle farmacie sia comunali che private, potranno così lavorare in primis per sensibilizzare la cittadinanza su questa tematica importante e costruire così le basi per una successiva raccolta integrata dei farmaci. Tanti Comuni italiani hanno dato una spinta propulsiva all’argomento, promuovendo l’installazione dei contenitori per la raccolta di quei farmaci ritenuti ancora validi per l’utilizzo. Esortando quindi il cittadino che per qualsiasi motivo si ritrovi con scatole integre a conferire presso i punti individuati quel farmaco che in seguito, dopo una scrupolosa fase di disamina, potrà essere ridistribuito ai tanti che non dispongono purtroppo dei mezzi economici per il loro acquisto. Come ha sottolineato il Professor Moretti, parliamo di quantitativi impressionanti di farmaci sprecati, per un valore complessivo stimato di oltre 8 mld di euro solo in Italia. Una cifra economica che rischia di nascondere una questione dapprima etica che tramite l’agire politico può essere concretamente affrontata. Anche a Perugia, dove è stato approvato l’ordine del giorno dei Consiglieri Comunali PD Bori e Bistocchi, sono ormai due anni che si lavora con un partenariato al progetto di recuperare quanti più farmaci idonei possibili. Confidiamo nella comprensione di questo documento affinché, dopo la sua approvazione, permetta di costruire una solida rete locale impegnata su questo fronte con una battaglia etica e politica a fianco dei più deboli”

18/09/2020 12:43:44 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Galmacci, segretario Lega Umbertide, plaude all'operato della giunta Carizia

Riceviamo e pubblichiamo E' Vittorio Galmacci, segretario cittadino della Lega, a plaudire l'operato della Giunta Carizia. Dice Galmacci: "Pochi giorni ancora e inizieranno i lavori per un'altra importante opera, volta all'abbattimento delle barriere architettoniche e alla mobilità sostenibile fra Piazza Mazzini e Via Vittorio Veneto, un progetto che prevede tra l'altro anche la realizzazione di un'altra passerella sul torrente Reggia, contrapposta a quella già esistente".   Prosegue il segretario leghista:  "In merito a quanto concerne la viabilità e la messa in sicurezza, l'operato dell'Amministrazione comunale è sotto gli occhi di tutti, operato in linea con quanto dichiarato in campagna elettorale. L'Amministrazione è intervenuta in più punti della viabilità cittadina come ad esempio nella zona di Piazza Carlo Marx,  sulla parte alta di via Roma con il rifacimento del manto stradale e anche su tutto il rettilineo. Inoltre è notizia recente l'annunciata messa in sicurezza di un altro tratto di via Roma, dell'intervento di manutenzione straordinaria previsto in via Madonna del Moro e di nuovi asfalti per le frazioni di Calzolaro e Montecastelli”.   Aggiunge Galmacci: "A ciò si aggiungono la costruzione della nuova scuola dell'infanzia Marcella Monini in via Morandi e il mutuo di 800mila euro per la scuola primaria di Niccone. Senza dimenticare gli interventi di efficientamento energetico presso la scuola primaria e la palestra della primaria di Pierantonio e la palestra scuola media Mavarelli-Pascoli, con i due plessi di quest'ultima interessati da lavori per l'adeguamento alla normativa antincendio. Colgo l'occasione per ricordare, sul tema della sicurezza l'armamento della Polizia Locale e l'installazione di nuove telecamere di videosorveglianza nel capoluogo e nelle frazioni. Ancora qualche giorno e arriveranno tre fototrappole per combattere l'abbandono dei rifiuti".   Conclude il segretario cittadino della Lega: "Questa è la giunta Carizia, questa è la nuova Amministrazione! Essa, come potete notare, è caratterizzata da fatti concreti e non dalle elucubrazioni mentali tipiche dell'opposizione quali quelle che leggiamo nei discorsi bizantini che essi tentano di rifilare ai cittadini. Questi ultimi però non ci cadono più".           

14/09/2020 18:40:33 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide, PD su nido comunale: “Solo 22 bambini, di quello nuovo neanche se ne parla”

Riceviamo e pubblichiamo “Un unico salone, armadietti usati come divisori, un nido con presenze dimezzate: questo il quadro dell'asilo nido comunale. Mentre a livello nazionale si investono risorse su nidi pubblici e sostegno alle famiglie, ad Umbertide la Lega e Carizia depauperano il grande patrimonio di professionalità e competenza che ha caratterizzato da tanti anni la nostra città. Inizia così la nota stampa a firma del Partito democratico di Umbertide, che poi ribadisce il fatto che “del nuovo asilo nido neppure se ne vuol parlare e intanto viene smantellato quello rimasto”. “Il nido d’infanzia “Il Ranocchio” è sempre stato, fin dalla sua nascita, risalente agli anni 80, il fiore all’occhiello della comunità umbertidese. Ha ospitato per più di trent’anni, presso la struttura di via Morandi, una media di 70 bambini per anno educativo. Tutto ciò è stato possibile fino all’anno 2016 dove, in seguito allo spostamento provvisorio presso i locali di Santa Maria della Pietà, i bambini ospitati all’interno della struttura erano 50. Dal 2017 in poi la media del numero dei bambini accolti all’interno del servizio era intorno alle 45 unità.” “Ed ora si passa a 22. Ci vorranno far credere che non c'erano domande (arrivate solo agli asili privati che invece sono pieni), ma in realtà il disinteresse generale è la vera motivazione di questo risultato. E all'Amministrazione, a questa amministrazione – conclude la nota - non interessa nulla né dei bambini né delle famiglie umbertidesi”.

14/09/2020 18:14:36 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide cambia: “un consiglio comunale tenuto solo dalla minoranza”

"Invitiamo i cittadini a partecipare al Consiglio comunale: così si renderanno conto, dal vivo e non dalle nostre parole, che cosa sia questa Giunta Carizia e la maggioranza leghista. Nessuna proposta, nessun dialogo su questioni concrete, ma solo un silenzio imbarazzante di chi non sa che cosa fare.  Nell’ultimo Consiglio le opposizioni di Umbertide cambia, Pd e M5S hanno avanzato un progetto di potenziamento dell’Ospedale di Umbertide: in particolare della chirurgia, che ha dato eccellenti numeri durante il Covid, il potenziamento della medicina territoriale con il Centro salute e il ripristino della Residenza sanitaria protetta. Temi centrali che vanno al cuore del cittadino. Ebbene? il Sindaco e la maggioranza leghista hanno votato contro, come avevano fatto del resto per l’infermiere di famiglia, poi approvato dalla Giunta leghista della Tesei. Insomma, con un capolavoro di incompetenza, hanno votato contro se stessi e la Regione. Questo il livello. Il problema è che non c’è stato nemmeno un accenno di spiegazione e soprattutto non si sa quale sia la proposta alternativa. Niente. Silenzio. La stessa cosa avviene per la sicurezza e il decoro urbano. Ormai in questi due anni pieni di Amministrazione leghista il decoro urbano è una parola vuota. Quartieri non curati come le Fontanelle (e Consigli di quartiere mai svolti), il Parco Ranieri e la Pineta sono in stato di degrado come piazza Michelangelo, che subisce atti di continuo vandalismo. La zona industriale è una groviera e male organizzata. Alcuni impianti sportivi avrebbero urgente bisogno di seri interventi di manutenzione. Ancora stiamo aspettando l’applicazione e organizzazione del controllo di vicinato, da noi proposto e votato. La richiesta di Progetti di educazione alla cittadinanza sono di un altro pianeta. Il menù delle inadempienze dell’Amministrazione Carizia è lungo: la nuova caserma dei carabinieri è stata cancellata dalla programmazione dei lavori pubblici e non c’è stata mai richiesta di maggiore risorse umane; le video camere installate sono risultate totalmente inefficienti ai fini dell’accertamento dei reati (funzionano?); non si sa quale fine abbia fatto il Patto con la comunità islamica; manca il regolamento sulla consulta delle comunità straniere.   Conclusione: ma i governanti di oggi non avevano detto che avrebbero ripulito la città?"  

11/09/2020 19:14:51 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide Partecipa sul referendum del 20 e 21 settembre

Riceviamo e pubblichiamo   "Umbertide Partecipa non è un partito nel senso classico e tradizionale del termine; è una lista civica trasformata poi in associazione che ha partecipato alle ultime elezioni comunali conseguendo un buon risultato e, come tale, fa politica. Il 20 e 21settembre pp.vv. i cittadini italiani verranno chiamati a  votare per un referendum che ha come base la modifica degli art. 56-57-59 della costituzione; coloro che voteranno “SI”  intendono ridurre il numero dei senatori e dei deputati, coloro che voteranno “NO”  vogliono invece confermare gli attuali numeri. In virtù delle premesse non daremo indicazioni di voto proprio in rispetto  della ns. natura “locale” e dei numerosi cittadini che, seppur con appartenenze politiche diverse, ci hanno votato. Comunque siamo una associazione che    di politica si interessa  e, pertanto,  ci sentiamo in dovere di fare alcune considerazioni e porre alcuni quesiti  in merito, per offrire agli umbertidesi elementi di riflessione  visto che il referendum riguarda la costituzione,  non un argomento qualsiasi. Prima di ogni altra cosa invitiamo i cittadini a recarsi alle urne per votare; La partecipazione al voto è la prima espressione della democrazia. Nelle dittature non si vota o se lo si fa il voto è taroccato. Mantenere l’ affezione al voto è una espressione genuina di libertà. Poniamo quindi  elementi di riflessione attraverso quesiti: La rappresentanza in una democrazia  delegata è un valore oppure no? Il parlamento è la sede delle scelte e delle decisioni  che tengono conto dell’interesse generale di tutti i cittadini  oppure è sufficiente un  “efficientismo” che poi diventa di facciata? I territori più piccoli (come l’ Umbria)  hanno pari dignità oppure vengono considerati “ancelle” di quelli più grossi? Se intere aree del paese non venissero rappresentate  o lo fossero solo marginalmente  il confronto sarebbe reale? L’ efficienza del parlamento dipende dal numero dei componenti oppure dall’ esperienza, dalla dedizione e dalla capacità di coloro che lo compongono? E’ cosa buona mettere mano alla costituzione modificando alcuni articoli  al di fuori  di un disegno generale  oppure può rappresentare un pericolo? Per  ridurre i costi della politica – reali o presunti -  è meglio tagliare le rappresentanze oppure  i compensi ?  Abbiamo scelto questa strada non per una sorta di “ponziopilatismo”, ma anche per ribadire che la nostra è una democrazia matura, in grado quindi di scegliere in maniera ponderata. Sicuramente questo referendum pone ai partiti  diverse interrogativi, primo fra tutti il modo  con cui si individua  la classe dirigente: serve    una nuova legge elettorale che consenta agli elettori la libera scelta e senza inganni. L’improvvisazione è una brutta bestia  che ricade sui cittadini. La preparazione è  frutto sicuramente di cultura, ma anche di esperienza  fatte in diversi campi della società. Il cittadino che sceglie la nobile strada  della politica deve avere uno sguardo a 360°."   

11/09/2020 19:00:18 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy