Terremoto politico a Umbertide

I dati parlano chiaro: non si tratta di un semplice segnale, ma di un terremoto. La vittoria di Renzi rappresenta in sé, a livello nazionale, una rottura radicale, ma qui nel locale si carica di significati ulteriori e benauguranti. Una stagione, o meglio un’età, si chiude, quella di un partito apparato o partito istituzione, forte certo del suo consenso, ma ripiegato in sé. Oggi si dice autoreferenziale: qui il suo limite. Non a caso i personalismi hanno fatto da padrone, nelle istituzioni e al suo interno. Ad Umbertide, infatti, il Pd è stato teso più alla gestione del potere che ad orientare le coscienze, a dare ragioni e l’idea di un cambiamento che si percepiva in tanti e troppi atteggiamenti. la vittoria di REnzi ad Umbertide è l'immagine plastica di questa storia che finisce. Gli umbertidesi, ancora una volta, hanno scelto consapevolmente una politica di innovazione, non l’antipolitica o la tradizione. La grande partecipazione ha detto una voglia di rompere con logiche che non tengono più. Crediamo che questo sia anche un bel viatico per le prossime amministrative che, a questo punto, sono l’ultimo passaggio per un reale ed epocale cambiamento.


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy