Azione in corso...

Celebrato il primo anno di attività della serra Orti felici

Autore: Giulio Foiani Ultima modifica: 01/07/2022 16:06:58
Alla cerimonia, che si è svolta nell'area circostante la serra che sorge presso la ex Draga a pochi passi dalle sponde del Tevere, hanno preso parte  il sindaco Luca Carizia, l'assessore alle Politiche Sociali Sara Pierucci, la direttrice del Distretto Altotevere della Usl Umbria 1 Daniela Felicioni, il presidente del Gal Alta Umbria Mirco Rinaldi, il segretario generale della Fondazione Perugia Fabrizio Stazi e il consigliere della fondazione Luciano Ventanni, la presidente della Cooperativa Asad Liana Cicchi, la responsabile territoriale di Asad Monica Nanni, del dottor Mauro Gramaccia del Parco Tecnologico Agroalimentare dell'Umbria e del referente area disabilità adulti per l'Altotevere della Usl Umbria 1 Diego Simonetti. Erano presenti la vicesindaco Annalisa Mierla, gli assessori Francesco Cenciarini, Pier Giacomo Tosti e Alessandro Villarini, i consiglieri comunali Francesco Caracchini, Giovanni Dominici e Tania Turchi, la presiente della condotta Slow Food Alta Umbria Roberta Nanni, Valentina Cecchetti del Mercato della Terra, il responsabile del V Settore del Comune di Umbertide Gabriele Violini, gli ingegneri Fabrizio Bonucci e Lorenzo Antoniucci dell'ufficio tecnico comunale, rappresentanti delle associazioni del territorio i ragazzi che ogni giorno lavorano presso la serra e i loro genitori.
 
Questo importante servizio socio-assistenziale, che sorge sulla area della ex Draga a pochi passi dal fiume Tevere, il cui uso è stato dato in concessione dal Comune di Umbertide alla Usl Umbria 1, è improntato verso il lavoro in agricoltura, dove gli ospiti del Centro Socio Riabilitativo “Arcobaleno” (situato presso i locali della Fabbrica Moderna di piazza Marx) sono affiancati da operatori educatori della Cooperativa Asad e svolgono la loro attività durante tutto l'arco dell'anno, come una vera e propria azienda agricola.
La consegna della struttura da parte del Comune di Umbertide alla città,  a seguito dei lavori dall'importo di 190mila euro sono finanziati dal Gal Alta Umbria e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, è stata effettuata a ottobre 2020 mentre a maggio 2021 sono iniziate le attività al suo esterno, facendo ripartire una realtà importante per tante persone disabili e per le loro famiglie, ospitata fino a qualche anno fa presso in quella che era la serra situata nella zona industriale Madonna del Moro.
In questo anno sono stati attivati in collaborazione con Comune e Usl Umbria 1 con progetti con realtà del territorio che hanno visto la Serra Orti Felici al centro di numerose iniziative ed eventi.
Collaborazioni importanti sono state attivate con scuole del territorio, Associazione Gruppo Volontari Umbertide, Fipsas, Mercato della Terra, Slow Food Alta Umbria, Cooperativa Nido dei Pettirossi, Azienda Giuliano Tartufi.
“Oggi siamo qui per far vedere che quando le cose funzionano sia merito di tante persone – ha detto il sindaco Luca Carizia - Non c'è nessuno che si innalza rispetto agli altri. C'è un lavoro di squadra importante per far funzionare un progetto così bello sotto il profilo dell'aggregazione. Ho sempre detto che è molto facile tagliare nastri, ma bisogna essere più bravi a portare avanti quello che è un progetto. C'è bisogno dell'aiuto di tutti per arrivare a questo, soprattutto per dare un sostegno a tutti i ragazzi che vengono qui ogni giorno a lavorare qui”. Il sindaco ha quindi ringrazito il Gal Alta Umbria e la Fondazione Perugia per il contributo fattivo che ha portato alla realizzazione della Serra, la Usl Umbria 1 e la Cooperativa Asad per la proficua collaborazione, gli uffici comunali competenti, i ragazzi che ogni giorno lavorano presso la serra e le loro famiglie.
 
“Le progettualità vanno create e mantenute – ha affermato la direttrice del Distretto Altotevere della Usl Umbria 1, Daniela Felicioni – Da un anno a questa parte si è creata una realtà importante che sta lavorando e sta iniziando a vedere i suoi frutti, attraverso nuove collaborazioni con istituzioni, associazioni e realtà del territorio”.
“La parola squadra e la parola inizio sono molto importanti per noi – ha affermato la responsabile di zona della Cooperativa Asad, Monica Nanni – La serra è diventata il centro della città. Sono venuti più di 100 bambini delle scuole del territori, vengono qui i centri estivi. E' stato ospitato il progetto 'Predispone' della Fipsas con oltre 400 ragazzi. Si è instaurata una forte collaborazione con il Mercato della Terra. Qui i ragazzi disabili hanno un ruolo attivo perché lavorano”.
“Oggi si festeggia un compleanno ed è tempo di bilanci e quello della serra è più che positivo – ha dichiarato il direttore generale della Fondazione Perugia, Fabrizio Stazi portando i saluti della presidente Cristina Colaiacovo - E' un progetto complesso come tutti i progetti del welfare, un ambito complesso in cui viene richiesta molta competenza sia interna che da coloro che ricevono i contributi. Siamo ampiamente soddisfatti per questa iniziativa e l'augurio che facciamo è che questa iniziativa possa andare avanti per sempre e che possa ridurre sempre di più le diseguaglianze”.
“E' un progetto che portiamo avanti come esempio perché è uno dei migliori – ha detto il presidente del Gal Alta Umbria, Mirco Rinaldi - E' un progetto di comunità importante. Siamo pronti a progettare qualcosa di nuovo che possa ampliare le attività della serra”.
“Questa serra di comunità è frutta di un lavoro corale ed è la dimostrazione che insieme si può fare tanto – ha detto la presidente della Cooperativa Asad, Liana Cicchi - Attraverso il Centro Arcobaleno la nostra cooperativa ha potuto realizzare e sta realizzando quella che è veramente una attività importante per questa comunità e per le persone con disabilità. Qui c'è un percorso formativo che porta all'inclusione lavorativa e su questo si sta basando la nostra azione. E' un compleanno importante, con un bilancio in positivo. Questa serra avrà un futuro importante. Noi saremo presenti e continueremo su questa strada”.
Al termine degli interventi si sono svolte due soprese d'eccezione che hanno ricordato una delle vocazioni future della serra, ovvero quella di puntare sulla biodiversità ospitando alcune tipologie rare di sementi che verranno piantate nell'orto della struttura. Il dottor Mauro Gramaccia del Parco Tecnologico Agroalimentare dell'Umbria, ha donato alcune piante di Pomodoro Francescano, una pianta di pomodoro rara proveniente dalla zona del lago Trasimeno. Il signor Ivano Pascolini ha invece donato alcuni esemplari dieci esemplari di peperoncino, tra cui quella “Violetto”.
Infine, sono intervenute Roberta Nanni per conto di Slow Food Alta Umbria e Valentina Cecchetti del Mercato della Terra che hanno ricordato l'appuntamento il 9 luglio con il “Mercato della Terra per tutti party”, nel corso del quale la Molini Popolari Riuniti donerà alla Serra 1000 bulbi di zafferano.
La serra “Orti felici” si integra con il territorio e con i servizi  che si occupano di inserimento lavorativo, per consentire alle persone disabili di essere inserite nel mondo del lavoro con maggiore grado di formazione e di preparazione.
In particolare sono attivi i progetti:
Il progetto di agricoltura sociale “Imparo l'orto” che si poggia sul progetto di Innovazione AGRI SOCIAL NETWORK “Prototipizzazione di modelli innovativi di business in agricoltura, attraverso una rete di cooperazione tra il mondo agricolo, sociale ed istituzionale”finanziato dal Programma di Sviluppo Rurale per l’Umbria 2014-2020 – Misura 16 – Sottomisura 16.1, eseguito dalla Cooperativa “Il Nido dei Pettirossi”. Il progetto prevede un percorso di formazione in orticoltura per un gruppo di 6 giovani disabili. L’attività ha carattere sperimentale e punta all’apprendimento di competenze di base rispetto all’attività di orticultura e ha l’obiettivo di avviare gli utenti a percorsi formativi per inserimento lavorativo.
 
E’ stato avviato un accordo con il Mercato della Terra per l’affiancamento dei ragazzi agli agricoltori che aderiscono al mercato ogni sabato mattina e dove vengono venduti gli ortaggi che vengono coltivati nell'orto e in serra.
E' attuato il Laboratorio Orientamento giovani disabili. Il servizio è una sperimentazione per avviare percorsi di orientamento e potenziamento delle capacità e delle autonomie a giovani con disabilità per i quali un progetto di accompagnamento al lavoro individualizzato.
Senza dimenticare l'impegno dei ragazzi disabili nella cura e la manutenzione del parco giochi tra la Serra e la Fornace e la collaborazione con il bar antistante la Serra, che utilizza prodotti della Serra per realizzare le pietanze da servire ai clienti.
Sono in fase di costituzione nuovi progetti come ad esempio quello di strutturare della collaborazioni perché la Serra possa essere luogo di  "custodia di alcune tipologie di sementi" che saranno piantate nell'orto facendo in modo da moltiplicare e mantenere viva la specie che devono essere custodite.
Sarà lanciato un nuovo progetto che prevede la consegna dei prodotti direttamente a casa di chi li ordina.
Sono in programma nuove collaborazioni con le scuole del territorio per progetti condivisi. Gli istituti scolastici potranno recarsi presso la serra per sperimentare le attività agricole e gli ospiti potranno andare nelle scuole per prendersi cura del verde insieme ai bambini. Le attività con le scuole sono iniziate in precedenza con il progetto organizzato dalla Fipsas “Predispone” che hanno coinvolto circa 400 alunni delle scuole primarie.  Con il progetto “Adotta una piantina” con cui i bambini della scuola “Di Vittorio” e  le persone con disabilità hanno piantato piccole piante grasse che la popolazione del territorio ha potuto adottare, con il ricavato donato ad Unicef per i bambini ucraini. Si sono svolti laboratori didattici ambientali dove i ragazzi disabili sono stati docenti di laboratori sull’orticoltura per le scuole.

 

Il Gruppo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna

Giornalista 1

Lorem ipsum dolor sit amet

Giornalista 2

Lorem ipsum dolor sit amet

Giornalista 3

Lorem ipsum dolor sit amet

Giornalista 4

Lorem ipsum dolor sit amet

Giornalista 5

Lorem ipsum dolor sit amet

Ass.ne Informazione Locale -- via Roma 99 06019 Umbertide (PG) -- P.IVA 03031120540
Privacy Policy