Notizie » Società Civile Don Luigi Lupini lascerà Umbertide

Un pezzo di storia umbertidese, una grande guida che ha contribuito alla crescita di tante generazioni, da settembre dovrà lasciare il suo gregge. Don Luigi Lupini, storico parroco della chiesa di Cristo Risorto - che proprio il 22 gennaio prossimo festeggerà i trenta anni dal suo arrivo nella nostra città - dopo la decisione voluta dal vescovo di Gubbio, Monsignor Mario Ceccobelli, giunta dopo un lungo periodo di preghiera e di consultazione, dovrà lasciare la sua parrocchia domenica 21 settembre. La decisione del capo della Chiesa eugubina è stata resa nota ai parrocchiani del Dongi - come viene chiamato affettuosamente dai suo ragazzi- la sera di venerdì 10 gennaio, in un’assemblea che ha visto un’alta partecipazione di fedeli. Già nel 2011, il vescovo decise di sollevare dalla sua sede Don Luigi, ma tutto venne rimandato, facendo tirare un sospiro di sollievo a tutta la comunità parrocchiana. Monsignor Ceccobelli ha anche reso noto anche il nome del successore di Don Luigi. A prendere il testimone sarà l’attuale parroco di Padule Don Luca Lepri, che a detta del vescovo, saprà cogliere appieno l’eredità del suo predecessore. Don Luca prenderà possesso della sua nuova parrocchia una settimana dopo la partenza di Don Lupini, domenica 27 settembre, mentre nella stessa data Don Luigi, si insedierà nella sua nuova parrocchia, quella di Scheggia e Pascelupo. Dopo l’annuncio della scelta di Monsignor Ceccobelli, Don Luigi ha dichiarato di lasciare con molto dispiacere Umbertide ma, come lui stesso ha rimarcato, essendo un sacerdote della “vecchia guardia”, non ha potuto fare altro che obbedire, senza interferenza alcuna, alla volontà del vescovo. Durante l’assemblea convocata per comunicare la decisione del vescovo, molte sono state le manifestazioni di affetto nei confronti dell’attuale parroco che, nei trent’anni dell’inizio del suo servizio in una delle più grandi parrocchie della Diocesi di Gubbio, che conta circa ottomila fedeli, ha saputo organizzare un’intensa attività nella sua parrocchia, coinvolgendo tantissimi giovani e dando sempre ausilio ai più bisognosi. Per noi rimane il suo essere guida e pastore.

13/01/2014 17:52:06

Notizie » Società Civile Gruppo missionario umbertidese: 25 anni di solidarietà

La solidarietà si sviluppa nel tempo, con costanza, abnegazione, gratuità e perseveranza. Questi i caratteri che ha il Gruppo Missionario Umbertidese, che festeggia 25 anni di attività. Il responsabile, Giampaolo Giostrelli, sottolinea perché l’attività è andata sempre bene: non è stato mai smarrito (e sprecato) un centesimo. “Perché – spiega Giostrelli - il Vangelo non ammette alcuna deroga”. In 25 anni il gruppo incardinato nella parrocchia della Collegiata ha raccolto oltre un milione e mezzo di euro, destinati sopratutto al Burkina Faso, uno dei Paesi in assoluto più poveri del mondo. “Tanti soldi - afferma Giostrelli – che non sono stati frutto di una vaga idea di solidarietà, oggi tanto abusata e di moda, ma di vero, concreto impegno cristiano, vissuto alla luce esigente del Vangelo. Tutta la città e non solo (esistono benefattori a Saronno, come a Cagliari, a San Sepolcro come a Roma) in questo lunghissimo scorcio di tempo che va dal 1988 al 2013 si è stretta attorno al gruppo missionario, permettendo di realizzare una serie straordinaria di opere, senza che una sola lira o un euro fossero sprecati. Basti pensare ai 35 pozzi di acqua potabile costruiti nella regione di Nanoro (dove si è concentrata l'attività missionaria), le 580 adozioni scolastiche in corso, le tre scuole costruite, la chiesa di Ouagadougou. E poi ancora una casa di accoglienza di ben 24 camere in grado di ospitare 70 ragazze, serbatoi di acqua da 12 metri, gli aiuti alla popolazione che quotidianamente permettono il pasto di 2600 bambini e tanto altro ancora, compresi gli aiuti inviati ad Haiti dopo il terremoto, il denaro per un orfanotrofio di Phnon Penn in Cambogia, i ben 13 mila euro versati alle parrocchie ed alle associazioni di Umbertide, i 20 mila euro per acquistare 14 barche da pesca per le popolazioni del sud est asiatico colpite dallo Tsunami”.  

01/01/2014 19:53:13

Notizie » Società Civile Campus Da Vinci di Umbertide: finanziato il progetto orientamento allo studio e lavoro

L’Istituto superiore "Leonardo da Vinci" ha ottenuto un finanziamento dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per il progetto “FiXo” di orientamento allo studio e al lavoro. L'istituto umbertidese si è classificato al terzo posto nella graduatoria della Regione Umbria dei soggetti ammessi a contributo dal programma “Formazione e innovazione per l'occupazione scuola e università", per la realizzazione di servizi di orientamento allo studio e al lavoro (placement). Tali servizi sono rivolti a studenti che si accingono a terminare il proprio percorso formativo e che quindi si stanno avviando agli studi universitari o ad intercettare il mondo del lavoro. Il finanziamento erogato dal bando per il progetto “FiXo” è di 30mila euro e dovrà essere utilizzato per raggiungere gli obiettivi del progetto: erogare servizi di placement agli alunni che stanno per diplomarsi con l’intenzione di facilitare il loro l'ingresso alle facoltà universitarie, ridurre i tempi d'inserimento nel mercato del lavoro e aumentarne le possibilità di trovare un’occupazione in linea con gli studi effettuati. "Negli ultimi anni ci siamo dedicati con maggior approfondimento all'orientamento in uscita dei nostri alunni, che, soprattutto in questo momento di profonda crisi, trovano forti difficoltà sia a scegliere gli studi universitari che ad inserirsi nel mondo del lavoro”, ha spiegato la preside Franca Burzigotti. Le riforme del mercato del lavoro introducono, infatti, un nuovo ruolo della scuola, non solo deputata allo sviluppo socio-educativo, ma anche facilitatore nella transizione dal mondo della scuola a quello del lavoro. “Siamo dunque sollecitati – ha aggiunto la preside - a svolgere la funzione di intermediario tra domanda e offerta di lavoro. Sono state proprio le significative esperienze intraprese nei precedenti anni che ci hanno permesso di salire ai primi posti nella graduatoria delle sole nove scuole selezionate in Umbria e ora faremo buon uso dei 30mila euro concessi dal bando”.   

27/12/2013 14:45:33

Notizie » Società Civile Radio comunità cristiana Umbertide: le favole in radio

I corsi di lettura ad alta voce approdano in radio. Grazie alla collaborazione con l'emittente umbertidese Rcc, l'associazione genitori “Insieme per” ha realizzato un programma radiofonico dedicato ai bambini dal titolo “Le favole della buonanotte alla radio”. Nell’ambito del progetto di sensibilizzazione alla lettura infatti, nei mesi di luglio, ottobre e novembre l'associazione ha proposto “Corsi di lettura ad alta voce” e formato nuovi lettori; grazie al numero sempre maggiore di persone disponibili e motivate è stato quindi promosso il progetto “Le favole della buonanotte alla radio”, che ha visto i genitori registrare la lettura di fiabe e favole che verranno trasmesse in radio a partire dal 26 dicembre nei giorni di lunedì, giovedì e sabato alle ore 21,05. “E' un modo per tenere compagnia ai bambini durante le festività ma vuole essere anche un incentivo per gli adulti a dedicare un po’ del proprio tempo alla lettura di una fiaba, utile a rafforzare il legame affettivo con i propri figli. - ha spiegato la presidente dell'associazione genitori Leonella Zucchini - Sono i genitori che già dai primi mesi di vita del bambino possono trasmettere l’amore per la lettura; non bisogna essere attori per leggere una fiaba, basta farlo con il cuore. Leggere è volare con la fantasia, è crescere, è scegliere, è essere liberi di guardare le cose da prospettive diverse”. L'appuntamento è quindi sulle frequenze di Rcc (Umbertide 96.9 – 94.4, Città di Castello- Valtiberina 107.7, Gubbio 105.2) o on line all'indirizzo www.radiorcc.com.  

25/12/2013 16:31:11

Notizie » Società Civile Operazione trasparenza

Pubblica Amministrazione e trasparenza. Grazie alle legge n. 241 del 1990 e col Decreto n. 33 del 2013, entrato in vigore lo scorso 20 aprile, è stato data una grande spinta alla pubblicazione dei bilanci e di tutti i dati economici che riguardano gli Enti pubblici. La trasparenza online della Pubblica amministrazione in Umbria è un'ombra, come ha messo in evidenza Il Giornale dell’Umbria nell’inchiesta del 20 ottobre scorso. Per i Comuni quasi un miraggio. Va detto che per molti i lavori sono in corso ma, tra chi è rimasto al palo e chi di giorno in giorno allestisce il nuovo sito, ad esempio travasando le informazioni della vecchia sezione "Trasparenza, valutazione e merito" nella nuova "Amministrazione trasparente", di strada ce n'è ancora da fare prima che la Pa umbra sveli tutti i suoi "segreti" ai cittadini. E pensare che sono previste anche sanzioni. Per verificare lo stato dell'arte basta cliccare sul sito www.magellanopa.it ed accedere alle varie sezioni della "Bussola della Trasparenza", lo strumento di valutazione del Ministero della Funzione Pubblica riattivato da poco, che in tempo reale passa al setaccio le sezioni "Amministrazione trasparente". Anche il Comune di Umbertide ha adempiuto a questa norma di legge e sul suo sito (www.comune.umbertide.pg.it), nella sezione “Amministrazione Trasparente”, sono riportati tutti i numeri dell’amministrazione, dagli emolumenti degli amministratori comunali (sindaco, presidente del consiglio comunale, assessori e consiglieri), di coloro che rappresentano il nostro Comune all’interno dei consigli di amministrazione di aziende pubbliche o compartecipate e tutte le cifre concernenti le consulenze effettuate da professionisti. C’è da sottolineare subito, però, che sul sito del Comune di Umbertide non sono stati inseriti nomi e cognomi di coloro che siedono all’interno dei Consigli di amministrazione. Inoltre all’interno della sezione Amministrazione trasparente, alcuni link suono vuoti e non si può accedere ad alcun dato, ricordando pure che in questa sezione - che ha costituito la fonte del nostro articolo – i dati sono stati inseriti da pochissimo tempo. Soltanto un mese fa all’interno di essa ne erano stati riportati pochissimi e risalenti nel tempo. Nel 2013 si parlava del 2011. Comunque, di seguito, la descrizione dei dati. Partiamo con gli emolumenti lordi degli amministratori relativi all’anno 2012. Anno scorso, Giampiero Giulietti, ancora Sindaco di Umbertide, per la carica che ricopriva all’epoca, ha percepito 20.340 euro, mentre il Presidente del Consiglio Comunale Paolo Bondi 15.060. Passiamo ora agli Assessori. L’assessore Maria Chiara Ferrazzano, ancora vice- sindaco nel 2012, ha percepito 8.364 euro,  la sua collega Stefania Bagnini 15.060, come anche Lorenzo Scarponi, che da quest’anno è stato sostituito da Giovanni Valdambrini. 7524 euro d’indennità invece per Simona Bellucci e Federico Ciarabelli, mentre Maria Cinzia Montanucci (subentrata ad Alessandro Villarini, che da gennaio ad aprile 2012 ne ha percepiti 3932), ha percepito 11169,50 euro. Passiamo ora ai venti consiglieri comunali. Partiamo con quelli del Partito Democratico. Elisabetta Agea ha percepito nel 2012 160.93 euro, Mauro Alunni 206.91, Andrea Capecci 183.92, Milena Fiorucci- entrata nell’assise comunale in aprile- 114.95; Massimo Floridi 275.88; Mauro Mancini 160.93; Mirko Massai 206.91; l’attuale capogruppo Marco Montanucci 183.92; l’assessore Maria Cinzia Montanucci, che ha ricoperto la carica di consigliere fino ad aprile, 22.99; Antonietta Norgiolini 183.92; Gianluca Palazzoli 206.91; Pier Giacomo Tosti 298.87; Giovanni Valdambrini, che nel 2013 è diventato assessore comunale, 160.93; e Raffaella Violini 229.90. Prendiamo ora i consiglieri del Popolo della Libertà. La capogruppo Giovanna Monni, l’anno passato, ha percepito 206.91, mentre Antonio Molinari 183.92 e Michele Zurino 160.93. Per quanto riguarda gli altri consiglieri, Marco Caporali, attuale capogruppo del Partito Socialista, l’anno passato ha ricevuto 160.93 euro; Jacopo Galmacci, dal 2013 capogruppo di Rifondazione Comunista, 183.92; come anche il consigliere del gruppo misto Luigino Orazi. Ma, come detto nella premessa, sul sito del nostro Comune, sono stati resi pubblici anche gli emolumenti di coloro che siedono all’interno dei Consigli di Amministrazione di entri controllati dal nostro municipio. Per quanto riguarda gli Istituti di Beneficenza Riuniti, che hanno avuto, per quanto riguarda il 2012, un onere complessivo di 612.000 euro sul bilancio comunale, i rappresentati dell’amministrazione sono cinque (il Presidente e quattro consiglieri, i nomi dei quali però non sono resi pubblici). Il Presidente ha percepito 4800 euro, due consiglieri 468, uno 351 e un altro 117. Sul fronte dell’Agenzia Intercomunale per l’erogazione di metano (Aimet), il nostro Comune, che ne controlla il 31,69%, esprime sia il Presidente che il Vice-presidente (per il primo 7mila euro percepiti l’anno passato e 3mila per il secondo), ma in questo caso non è l’ente comunale a pagare loro, ma l’azienda. A riguardo dell’ATI 1, che ha le funzioni di promuovere il turismo nell’Alto Tevere e di gestire il servizio idrico integrato e l’igiene urbana, il Comune, avendo il controllo del 12,4% della società, esprime un consigliere nel CdA che siede però a titolo gratuito. Inoltre sul bilancio comunale del 2012, per la gestione dell’ATI 1, sono stati spesi 13005,76 euro. Anche il fiore all’occhiello per la riabilitazione fisica presente sul nostro territorio, l’Istituto Prosperius, di cui il nostro municipio possiede 10,81% delle azioni, ha un membro all’interno del Consiglio di amministrazione nominato dal nostro municipio, che però siede a titolo gratuito e non comporta nessun onere sul bilancio comunale. Sul piano della Multiservices, l’azienda intercomunale per la gestione della rete del gas, il Comune di Umbertide controlla il 52,03% della società ed esprime sia il Presidente, che non percepisce nulla, che due consiglieri d’amministrazione, con un costo totale di 6mila euro annui per l’azienda. In conclusione, in altre aziende dove il comune possiede una piccola parte societaria, come nel caso del Consorzio degli Acquedotti della Provincia di Perugia (3,84%), che ora è in liquidazione, Umbra Acque (0,58%) e Sviluppumbria (0,29%), il Comune di Umbertide non ha nessun rappresentante nei Consigli di amministrazione. Spostiamo ora la nostra attenzione sulle spese di rappresentanza sostenute dal municipio umbertidese. Nel 2012 esse sono ammontate a 3810.66 euro spesi per lo più per ricevimenti, commemorazioni, presentazioni di progetti e premiazioni. Passiamo ora alle consulenze e alle collaborazioni. In tutto il 2012, il Comune di Umbertide, sul piano delle consulenze, per lo più legali, ha speso 51796.39 euro, mentre su quello delle collaborazioni, di cui ce n’è solo una, quella riguardante il portavoce del Sindaco, a cui sono stati attribuiti, nell’anno passato, 12240 euro lordi. Formulandovi i più sinceri auguri per un felice e sereno 2014, speriamo che esso sia l’anno della più completa trasparenza.   Alessandro Minestrini

21/12/2013 15:04:21

Notizie » Società Civile Investito carabiniere a Umbertide, impegnato in controlli

Nella tarda serata di ieri, nei pressi della stazione ferroviaria di Umbertide, un cittadino extracomunitario, probabilmente ubriaco, ha rischiato di investire un Carabiniere che gli aveva intimato l’alt. Erano circa le 23 quando una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Città di Castello, impegnata in controlli finalizzati al contrasto dei reati contro il patrimonio, stava effettuando un posto di controllo nella centralissima Via Garibaldi di Umbertide. Ad un certo punto è giunta un’autovettura FORD FOCUS con a bordo due uomini. I Carabinieri hanno imposto l’alt. L’uomo alla guida però ha improvvisamente accelerato. Un militare, per non essere travolto in pieno, è stato costretto a gettarsi in terra. A causa della violenta caduta il Carabiniere ha riportato la frattura di una costola ed altre lesioni minori. Trasportato in ambulanza presso l’Ospedale di Città di Castello, è stato giudicato guaribile in oltre 40 giorni. Nel frattempo il pirata della strada, nel tentativo di guadagnarsi la fuga, ha perso il controllo del mezzo andando a schiantarsi, in una strada limitrofa, contro un’autovettura in sosta. A questo punto ha abbandonato il veicolo, gravemente danneggiato, e si è dato alla fuga a piedi. Sul posto si sono portati diversi equipaggi del Nucleo Operativo e delle Stazioni di Umbertide, Città di Castello e Monte S. Maria Tiberina. Il passeggero dell’autovettura datasi alla fuga, un cittadino nordafricano in stato di ebbrezza, è stato subito rintracciato ed identificato. Nei suoi confronti al momento non sono stati adottati provvedimenti. Le immediate indagini hanno consentito di identificare con assoluta certezza anche il conducente, un 40enne extracomunitario già ben conosciuto alle Forze dell’Ordine, residente ad Umbertide, al quale in un recente passato era già stata sospesa la patente per guida in stato d’ebbrezza. Le ricerche dell’uomo, datosi alla macchia, sono tuttora in corso.

20/12/2013 13:01:23

Notizie » Società Civile La musicoterapia presso il Centro Alzheimer di Umbertide

La musica, si sa, rompe i confini. Una nuova prova è arrivata con un importante progetto che ha visto protagonisti gli ospiti del Centro diurno Alzheimer “Il Roseto”, che hanno riprodotto le canzoni anni Cinquanta, rivisitate in chiave moderna. È nato così il cd “Musicalmente”, frutto del progetto “Musicoterapia e Alzheimer” promosso dalla Sezione Soci Coop di Umbertide nell'ambito dell'iniziativa “Insieme per il centro diurno Il Roseto” e presentato sabato scorso presso la Residenza Balducci. Erano presenti il direttore del Distretto Altotevere dell'Asl 1 Daniela Felicioni, Alberto Trequattrini, responsabile del Servizio Disturbi cognitivi dell'Asl 1, il sindaco Marco Locchi, Serenella Leonardi della Sezione Soci Coop di Umbertide, Goretta Morini presidente dell'associazione Ama, che ha proposto il progetto ai Soci Coop, e il musicoterapista Francesco Fulvi. “Questo cd è l'ennesima prova che, tutti insieme, Asl, Comune e associazioni di volontariato, possiamo migliorare i nostri servizi e a far stare meglio i cittadini che frequentano i nostri centri”, ha detto la dottoressa Felicioni. “Dall'Alzheimer non si può guarire ma nel tempo sono stati scoperti trattamenti anche non farmacologici che sono in grado di migliorare la vita dei malati, come la musicoterapia”, ha aggiunto Serenella Leonardi. La musica è infatti la protagonista del progetto in quanto in grado di stimolare e coinvolgere i malati di Alzheimer, facendo riaffiorare alla loro mente ricordi e sensazioni del passato. Il risultato è stato più che positivo perché con la pratica del canto, accompagnata da strumenti musicali del passato e del presente, il musicoterapista Francesco Fulvi è riuscito a coinvolgere anche i pazienti che sembrano non reagire più agli stimoli. Il progetto di musicoterapia è stato finanziato dalla Sezione Soci Coop grazie alle iniziative promosse nel corso dell'anno, come la cena d'estate in galleria e la tombolata in galleria, e il prossimo anno verrà esteso anche agli anziani ospiti della Residenza Balducci e ai bambini che soffrono di autismo.

17/12/2013 15:29:19

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy