Categorie

Attualità » Primo piano Moschea ad Umbertide. La risposta dell'Amministrazione comunale

Riceviamo e pubblichiamo dall'Amministrazione comunale di Umbertide "Si trasmette la risposta scritta dell’Amministrazione Comunale alle interrogazioni presentate dal consigliere di FdI-An e dal consigliere del Gruppo misto in merito all’ipotesi di realizzazione di un centro islamico: Nel corso del 2011 l’Amministrazione comunale ha avviato un progetto finalizzato alla delocalizzazione della struttura denominata “ex serra comunale” in via Madonna del Moro in adiacenza al mattatoio. Il progetto è stato finalizzato allo spostamento della struttura aggregativa su un’area maggiormente idonea e consona alle attività svolte dalle associazioni ed ha contestualmente previsto la variante urbanistica dei terreni adiacenti al mattatoio attraverso la cui valorizzazione immobiliare venissero reperite le risorse finanziarie per la costruzione della nuova struttura in altro sito. Con D.C.C. n. 23 del 16.03.2011 è stata approvata la variante dell’area in questione. La variante approvata ha consentito la trasformazione dell’area da zona servizi a tessuto di completamento produttivo TCP (art. 33 NTA del PRG parte operativa), prevedendo coerentemente alla disciplina del suddetto tessuto una zona destinata a spazi ludico/ricreativi/culturali. Con D.G.C. n. 142/2012 è stato approvato lo schema di distribuzione dei lotti che ha previsto l’individuazione di n. 3 lotti con destinazione artigianale e di un lotto denominato “L3” con indice di edificabilità ridotto (0,51 mq./mq.) nel quale è consentito realizzare strutture di tipo culturale e ricreativo e non dedicate al culto. Con D.G.C. n. 153 del 3.6.2011 è stato approvato il bando di vendita dei terreni sopra indicati. Con D.D. n. 37/72 del 25.7.2011 è stato approvato il verbale dell’asta pubblica tenutasi in data 22.7.2011 per la vendita dei terreni edificabili ricadenti nell’area denominata “ex serra comunale” in base al quale è risultata assegnataria del lotto L3 la Associazione Culturale Islamica di Umbertide. In data 28.01.2013 con prot. 2198 l’Associazione Islamica Umbertide ha inoltrato all’Amministrazione Comunale istanza per l’acquisizione di un’ulteriore rata di terreno, in ampliamento a quella di lotto L3. Con la suddetta istanza è stata richiesta anche la delocalizzazione del lotto L3, su una sedime diverso da quello originario, ma sempre all’interno del comparto. Con D.G.C. n. 21/2013 la richiesta dell’Associazione Islamica Umbertide è stata accolta osservando che: 1. nel corso dei mesi intercorsi dalla pubblicazione del bando di vendita si era riscontrata, soprattutto in relazione al particolare momento congiunturale, una stasi del mercato immobiliare, che ha determinato la mancata vendita dei terreni limitrofi; 2. tale situazione di stasi era riscontrabile anche nelle aree PiP di Montecastelli, Buzzacchero e Pierantonio tanto che l’Amministrazione Comunale non era in possesso di una graduatoria di soggetti interessati all’acquisto dei terreni per i quali era stato esplorato in modo approfondito e ripetuto il mercato di riferimento; 3. per le suddette motivazioni la richiesta dell’Associazione Islamica Umbertide è risultata del tutto accoglibile senza previa pubblicazione di un nuovo avviso d’asta, trattandosi di una richiesta di ampliamento di un lotto già assegnato a seguito di esperimento di asta pubblica in data 22.7.2011; L’Associazione Islamica Umbertide, trasformatasi nel frattempo in associazione di volontariato denominata “Centro Culturale Islamico di Umbertide”, ha ottenuto l’assegnazione di un’area di complessivi mq. 1.849 in parte edificabile ed in parte destinata a parcheggio. Con atto segretario comunale Rep. 4568 del 17 dicembre 2013 il Comune di Umbertide ha quindi perfezionato la cessione del terreno a favore del “Centro Culturale Islamico di Umbertide” per l’importo complessivo di € 105.900,00 interamente pagati. Il contratto prevede la possibilità di utilizzo a titolo gratuito dell’area da parte del Comune fino al 30 giugno 2015. Alla data odierna, per quanto sopra esposto, non sono stati presentati progetti da parte del soggetto proprietario dell’area e non sono stati conseguentemente rilasciati titoli abilitativi. Si mette in evidenza che oggi il “Centro Culturale Islamico di Umbertide” utilizza per le proprie attività alcuni locali posti all’interno dell’immobile “ex manifattura tabacchi” in via Battisti. Nel corso del tempo, a più riprese, è stata manifestata a questa Amministrazione da parte della comunità Islamica l’esigenza di individuare uno spazio maggiormente adeguato e dignitoso; l’immobile attualmente in uso fa parte di un complesso immobiliare, tra l’altro compreso all’interno del PUC2, caratterizzato da rilevanti problemi di degrado ed in alcuni casi di natura strutturale e non può più continuare ad assolvere alla sua attuale funzione. La soluzione prospettata con l’area di Via Madonna del Moro intende far fronte in modo razionale e sufficientemente adeguato a questa necessità, trattandosi di un terreno edificabile all’interno di una zona facilmente accessibile ed idonea alla realizzazione di una struttura ricreativa/culturale, ben distinta da un edificio di culto. Vale la pena ricordare che a poche centinaia di metri, lungo via Spoletini, è presente un’altra struttura privata di proprietà della Congregazione dei Testimoni di Geova, che assolve in maniera del tutto analoga alle esigenze della propria comunità."  

10/04/2014 19:28:22

Attualità » Primo piano Umbertide. Bullismo in treno. Arrestati dalla Polizia cinque minorenni

Nel corso delle prime ore della mattinata, i poliziotti dell’Ufficio Anticrimine e della Squadra Volante del Commissariato di Città di Castello , coadiuvati da quattro equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Umbria-Marche, hanno notificato ed eseguito a cinque minorenni, l’ ordinanza “dell’ obbligo di permanenza in casa”, l’equivalente degli arresti domiciliari. Le misure cautelari, tutte eseguite ad Umbertide, sono il risultato di un’accurata ed elaborata attività d’indagine durata circa due mesi, nei confronti di un gruppo di giovanissimi, due italiani e tre extracomunitari, che si comportavano come una baby gang. Da tempo la “banda” imperversava e terrorizzava i coetanei tra Umbertide e Città di Castello, preferendo quale luogo delle proprie angherie il treno che trasporta gli studenti pendolari sulla direttrice Umbertide -Sansepolcro. L’indagine prende le mosse da un referto medico emesso dal Pronto Soccorso del nosocomio di Città di Castello, nel quale ad un ragazzo, appena maggiorenne, vengono riscontrate alcune lesioni ed ecchimosi a seguito di una caduta presumibilmente avvenuta scendendo dal treno. La motivazione appare subito degna di attenzione da parte del Responsabile del Posto di Polizia presso l’Ospedale; vengono svolti i primi accertamenti dai quali comincia ad emergere una preoccupante verità: la caduta non sarebbe accidentale, ma volontariamente procurata da alcuni ragazzi. Viene quindi sentito l’interessato, che dopo le prime negazioni, comincia ad ammettere di essere stato vittima del comportamento scellerato di alcuni coetanei. La successiva attività d’investigazione permette di individuare un primo trio di soggetti dediti a comportamenti bullistici, ed un numero abbastanza corposo di altri ragazzi oggetto e testimoni dei loro comportamenti. Dalle dichiarazioni emergono altri due nominativi, i cui successivi riscontri positivi, portano a cinque il numero totale della “baby gang”. L’indagine si arricchisce delle denunce sporte da un dirigente di “Umbria Mobilità” e da addetti delle Ferrovie, in merito ad alcuni danneggiamenti avvenuti all’interno dei treni, causati da ignoti, e da una globale situazione di estrema sofferenza per i viaggiatori e studenti che quotidianamente, da tempo, nella quasi indifferenza, assistevano ad atti di puro vandalismo e soggezione psicologica. Accertati comportamenti violenti, soprusi, prevaricazioni, sino ad arrivare a sputi ed insulti nei confronti anche di alcune ragazze minorenni. Il Pubblico Ministero presso la Procura per i Minori di Perugia dr. Flaminio Monteleone, dopo aver ricevuto una dettagliata informativa, e dopo aver attentamente valutato le risultanze dell’attività investigativa, ha chiesto ed ottenuto dal G.I.P. l’emissione dei provvedimenti restrittivi cautelari.

09/04/2014 12:11:58

Attualità » Primo piano Magia Fontenette. L'Acqua&Sapone vince 56-55 Gara 1 semifinale scudetto contro Ragusa

Che sarebbe stata una partita piena di emozioni si sapeva, ma questa sera l’Acqua&Sapone ha superato ogni aspettativa. 56-55. Questo il risultato finale giunto dopo una partita al cardiopalma, in un Pala Morandi ( nonostante l’orario non favorevole dovuto ad esigenze televisive) colmo di tifosi che hanno accompagnato le ragazze e coach Serventi alla vittoria. Due punti di Fontenette aprono l’incontro. Ragusa si porta a +5 dalle umbre che con Putnina ritrovano il pareggio a 6′ dalla fine della prima frazione di gioco. Le siciliane riallungano, ma l’Acqua&Sapone tiene il passo e con due punti di Putnina e cinque di Black terminano il primo quarto a -3 dalle ospiti, sul 14-17. Nella seconda frazione di gioco, prima con Santucci e poi con Consolini,  le umbertidesi vanno a -1 dalle biancoverdi che però si riportano avanti. La squadra siciliana va a +9, ma Gorini e  Black  fanno ritornare le biancoblù a -5. Si va all’intervallo sul 24-29. Al ritorno dagli spogliatoi, l’Acqua&Sapone parte bene con Black e Fontenette che agguantano il pareggio. Ragusa sembra prendere il largo, ma dalla sponda umbertidese quattro punti di capitan Consolini bloccano l’arrembaggio siciliano e il terzo quarto finisce sul 35-45. E’ nell’ultima frazione di gioco che l’Acqua&Sapone plasma il capolavoro. Con due punti di Santucci e quattro di Putnina, Umbertide va -6. Ci pensa poi Gorini ad accorciare ancora le distanze, portando le padrone di casa a -2. Ragusa si riporta avanti con Malashenko, ma prima con Black e poi con Consolini l’Acqua&Sapone torna a -1 dalle rivali. Ed è Fontenette, ad una manciata di secondi dalla fine, a firmare il canestro del successo, facendo esplodere il Pala Morandi in un tripudio di gioia. Prossimo appuntamento per le ragazze di coach Serventi venerdì 11 aprile, alle ore 20.30, quando a Ragusa giocheranno Gara 2. Finale: 56-55  (14-17; 24-29; 35-45) Acqua&Sapone Umbertide: Consolini 9, Gorini 6, Puliti, Ortolani ne, Ceccaroni ne, Linguaglossa, Dotto, Putnina 10, Black 12, Fontenette 13, Villarini ne, Santucci 6. All. Serventi Passalacqua Ragusa: Micovic 10, Gatti 5, Mauriello, Galbiati, Williams, Walker 10, Malashenko 19, Wabara 2, Soli 2, Valerio 7. All. Molino Arbitri: Matteo Boninsegna, Francesco Terranova, Roberto Radaelli

09/04/2014 11:42:06

Attualità » Primo piano Area ex Tabacchi di Umbertide. Illustrata la fase di valutazione partecipata

Il nucleo di valutazione appositamente istituto per l’utilizzo coordinato dell’edificio ex tabacchi (Forum nel Parco) ha illustrato nei giorni scorsi la metodica del Poe (Pre Occupancy Evaluation) attraverso la quale verrà avviato un processo sistematico di valutazione delle prestazioni della struttura per il periodo compreso tra i mesi di aprile e giugno 2014. Tale nucleo è attualmente composto dall’ing. Lorenzo Antoniucci, responsabile Puc 2 per il Comune di Umbertide, dal presidente del Comitato Uisp Altotevere Stefano Alunno, dall’urbanista Ray Lorenzo e dal pedagogista Aldo Manuali. Compito del nucleo è quello di analizzare, interpretare e rendere sistematiche le valutazioni svolte dai vari soggetti che nei prossimi mesi “sperimenteranno” l’utilizzo dello spazio per attività proprie.  Dalla sua apertura, sono stati già tanti i soggetti che hanno fatto richiesta dell’edificio ex tabacchi, sottolineandone le potenzialità ed indicandone le possibili forme di utilizzo. Per facilitare questa raccolta di dati e di idee, il nucleo ha predisposto delle schede di valutazione sull’impatto, riguardanti le caratteristiche, le performance, le potenzialità e le problematiche del luogo, con il fine di valutare, attraverso i feedback registrati, come le soluzioni impiantistiche e il generale funzionamento dell’edificio sono percepiti dagli occupanti, per poi arrivare alla definizione del bando per la gestione dello spazio, in modo da ottimizzare al meglio le opportunità offerte dal sito. Inoltre, nei prossimi mesi verranno organizzati quattro workshop - indicativamente a fine aprile, a metà maggio, ad inizio giugno e a fine giugno – finalizzati ad incontrare tutti gli interessati, coinvolgendoli direttamente in un’analisi valutativa per stimolare e raccordare le varie proposte di utilizzo. In merito alla struttura, l’urbanista Lorenzo ha messo in evidenza la flessibilità dello spazio, in grado di adattarsi a molteplici situazioni, dallo sport alla cultura, passando per la musica e l’arte, ed ha sollecitato un utilizzo sperimentale a 360 gradi della struttura. Come sottolineato ancora da Lorenzo, la metodica del Poe (nata negli anni Settanta negli Stati Uniti ma quasi sconosciuta in Italia, tanto che l’esperienza umbertidese risulta tra le prime nel nostro Paese) permetterà proprio di analizzare aspetti molteplici, favorendo una valutazione partecipata al fine di arrivare ad una destinazione di utilizzo il più condivisa possibile e più rispondente alle esigenze della cittadinanza. Per quanto riguarda l’utilizzo della struttura, attualmente gestita in via temporanea dal Comitato Uisp Altotevere al quale è già stato affidato tramite procedura pubblica il campo sportivo Usu, non è previsto il pagamento di alcun canone di affitto ma è richiesto un contributo per le spese di pulizia pari a 5,00 euro all’ora più Iva se l’utilizzo è inferiore alle cinque ore e a 50,00 euro più Iva se l’utilizzo è superiore alle cinque ore. Inoltre l’utilizzo è gratuito nel caso in cui l’evento sia patrocinato dal Comune di Umbertide (qualora sia ad ingresso gratuito); nel caso preveda un biglietto di ingresso è previsto uno sconto pari al 50% rispetto alle tariffe sopra indicate.  Chiunque abbia interesse a visitare il sito e a proporre iniziative, può contattare  il Comitato Uisp Altotevere al numero 393 9879772; la Uisp provvederà poi a fissare un contatto con i tecnici della valutazione che si renderanno disponibili a somministrare le schede e a registrare idee, proposte e suggerimenti.

05/04/2014 11:19:30

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy