Attualità » Primo piano Giornata della Memoria, presentazione del libro Guerra e Resistenza nell'Alta Valle del Tevere

Il Comune di Umbertide torna a commemorare la Giornata della Memoria, istituita dal Parlamento italiano il 20 luglio 2000 in ricordo delle vittime del nazismo, del fascismo e dell'Olocausto. Mercoledì 27 gennaio, a 70 anni esatti dall'apertura dei cancelli di Auschwitz e alla presa di coscienza da parte del mondo intero dell'orrore dell'Olocausto, si terrà la presentazione del libro di Alvaro Tacchini “Guerra e Resistenza nell'Alta Valle del Tevere (1943-1945)” edito da Petruzzi Editore. L'iniziativa, che avrà luogo al Museo Santa Croce alle ore 18, è organizzata dal Comune di Umbertide in collaborazione con l'Isuc – Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea e la sezione Anpi di Umbertide. Il volume di Tacchini propone una ricostruzione storica molto dettagliata, basata su una copiosa documentazione d'archivio in gran parte inedita; pagina dopo pagina si possono meglio apprezzare gli eventi dell’epoca, sia riguardo alla lotta partigiana e al tessuto antifascista e patriottico che si oppose al nazi-fascismo, sia riguardo ai combattimenti tra truppe anglo-indiane e tedesche che nel luglio-settembre 1944 investirono tutto il territorio. Una guerra con battaglie importanti e sanguinose, ricostruite nella loro rilevanza militare e strategica, una guerra che prese nel mezzo la popolazione, che pagò un prezzo altissimo in termini di morti, feriti e distruzioni. Il volume include anche le schede, suddivise Comune per Comune, delle vittime civili della seconda guerra mondiale e dei partigiani che combatterono nell’Alta Valle del Tevere e al di fuori di essa. Alla presentazione del libro parteciperanno, oltre all'autore Alvaro Tacchini, l'assessore alla Cultura Raffaela Violini, il ricercatore Isuc Tommaso Rossi e Umberto Zoppo della sezione Anpi di Umbertide. La cittadinanza è invitata a partecipare. 

21/01/2016 12:37:58

Attualità » Primo piano Raccolta differenziata ad Umbertide oltre il 70%

Riceviamo e pubblichiamo Anche per il 2015 la raccolta differenziata ad Umbertide si è attestata oltre il 70%. Siamo ancora in attesa dei dati definitivi, ma possiamo affermare con certezza che l'anno appena concluso ha confermato il consolidamento degli ottimi risultati raggiunti negli ultimi anni in tema di differenziazione dei rifiuti. Un ringraziamento va innanzitutto ai cittadini che, sin dall'introduzione del porta a porta, si sono subito adattati al nuovo sistema di differenziazione dei rifiuti, dimostrando una spiccata sensibilità per l'ambiente. Ora dobbiamo proseguire su questa strada, potenziando ancora di più la raccolta differenziata e soprattutto migliorando la qualità dei rifiuti da destinare al recupero. E' questo l'obbiettivo che si è posta anche la Regione Umbria, nella consapevolezza che è soltanto attraverso una migliore qualità della raccolta differenziata che sarà possibile fare quel salto in avanti che ci consentirà di ridurre sensibilmente la quantità di rifiuti in discarica, con l'obbiettivo di chiudere tutte le discariche entro il 2020, e scongiurare il ricorso agli inceneritori. Oggi in Umbria soltanto il 50% dei rifiuti viene raccolto in maniera differenziata e lo scopo è quello di portare rapidamente i comuni a superare quota 65-70%. Un traguardo che il Comune di Umbertide ha raggiunto già da qualche anno ma che va ancora di più potenziato, soprattutto migliorando la qualità dei rifiuti differenziati per ridurre al minimo la percentuale di scarto destinata a finire in discarica. E' in questo senso che abbiamo deciso di introdurre la figura della guardia ecologica, che ha il compito di vigilare sulla tipologia di rifiuti differenziati e segnalare eventuali conferimenti errati, ed è per questo che continueremo a spingere l'acceleratore sulla raccolta differenziata, cercando di contribuire al raggiungimento degli obbiettivi che la Regione Umbria si è posta, a tutela dell'ambiente e della salute dei cittadini. Il Sindaco Marco Locchi L'Assessore all'Ambiente Maria Chiara Ferrazzano  

21/01/2016 12:20:23

Attualità » Primo piano Il bilancio dell'assessore Raffaela Violini tra cultura e sviluppo economico

Il 2015 è stato un anno molto vivace dal punto di vista culturale, con l'organizzazione, nonostante le poche risorse disponibili, di numerose iniziative culturali, rese possibili grazie alla collaborazione di associazioni e commercianti ma anche attraverso l'accesso ai finanziamenti europei. E' stata infatti finanziata con fondi comunitari l'iniziativa “Gusta la cultura” finalizzata a coniugare cibo e cultura attraverso visite guidate, conferenze e degustazioni di prodotti tipici. Al fine di valorizzare i prodotti locali, è stato poi rinnovato il look del Mercato della terra con l'installazione di gazebo e nuova segnaletica. Ma oggi la cultura ha bisogno del sostegno di tutti, per questo abbiamo dato concreta attuazione all'Art bonus istituito dal Governo, individuando tre progetti di riqualificazione riguardanti i reperti di Torre Certalda, il chiostro di San Francesco e il monumento ai caduti di via Garibaldi, che possono essere finanziati tramite donazioni di privati e imprese che beneficeranno di detrazioni fiscali. Il 2015 ha visto poi l'inaugurazione della sezione archeologica del Museo Santa Croce, contenente i reperti della storia antica di Umbertide, tra cui i bronzetti votivi di Monte Acuto. La cultura è stata anche al centro di due importanti progetti che hanno coinvolto gli studenti delle scuole medie e dell'istituto superiore, risultati tra i finalisti del concorso nazionale “Articolo 9 della Costituzione”. Inoltre è stata riorganizzata la biblioteca comunale, ampliandone l'orario e promuovendo iniziative per adulti e bambini. Nel 2015 sono stati poi riproposti il cartellone della stagione teatrale ai Riuniti, il ricco calendario di iniziative estive, comprese feste e sagre che animano le frazioni, il Premio Rometti giunto alla terza edizione, il cinema al Chiostro di San Francesco, il ritorno ad Umbertide della kermesse Rockin' Umbria, il calendario del Settembre umbertidese con la Rassegna delle bande musicali e ovviamente la Fratta dell'800, edizione arricchita quest'anno da due eventi di elevato spessore culturale, la mostra di abiti ottocenteschi e il concerto della Sagra musicale umbra, il Calendario storico di Umbertide giunto alla 25esima edizione. Sul fronte dello sviluppo economico, anche nel 2015 il Comune ha promosso i bandi per favorire la nascita di nuove imprese e l'assunzione dei lavoratori mettendo a disposizione 16.000 euro, siamo stati promotori di un incontro tra le imprese del territorio e una delegazione di Shanghai al fine di favorire la nascita di nuovi scambi commerciali e insieme alla Regione abbiamo illustrato le nuove opportunità di finanziamento dei bandi Por – Fesr 2014- 2020. Nel 2016 inoltre decollerà il progetto, avviato già nel 2015, “Laboratorio Umbertide Futura”, centro di formazione e sviluppo di nuove idee imprenditoriali nato dalla sinergia tra Amministrazione, imprese del territorio e istituto “Leonardo Da Vinci” ed è stato presentato il progetto di riqualificazione dell'area urbana di Umbertide, realizzato dalla Facoltà di Ingegneria dell'Università di Perugia, che interessa in particolar modo l'area industriale di Madonna del Moro. Tale dettagliato studio sarà il punto di partenza per riqualificare l'intera area, a vantaggio delle tante imprese umbertidesi che sono riuscite a cavalcare la crisi, puntando su ricerca, innovazione ed internazionalizzazione. Infine, per quanto riguarda le altre deleghe di mia competenza, il 2015 ha visto il rinnovo dei Consigli di Quartiere con i quali l'Amministrazione Comunale intende continuare a lavorare per mettere in atto interventi a favore della città e in particolare delle frazioni, mentre sul fronte delle farmacie comunali sono state promosse due giornate di prevenzione dell'osteoporosi che hanno permesso di sottoporre a Moc ben 300 persone. 

20/01/2016 17:22:10 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Presentato il Calendario storico di Umbertide

E' stata presentata sabato pomeriggio presso il Museo Santa Croce l'edizione 2016 del Calendario storico di Umbertide, che nei prossimi giorni arriverà nelle case di tutti gli umbertidesi. Erano presenti il sindaco Marco Locchi, l'assessore alla Cultura Raffaela Violini, l'ideatore e curatore del calendario Adriano Bottaccioli e il coordinatore Fabio Mariotti. Il Calendario 2016 quest'anno ha festeggiato i suoi primi 25 anni di vita con un'edizione dedicata al tema dell'emigrazione degli umbertidesi nel mondo: pagina dopo pagina, mese dopo mese, si susseguono le storie di chi, a cavallo tra la fine dell'Ottocento e gli anni Sessanta, ha salutato i propri affetti per andare alla ricerca di un lavoro e di una vita migliore: Argentina, Brasile, Stati Uniti, ma anche Francia, Germania, Svizzera i Paesi che hanno accolto gli umbertidesi emigranti che in queste terre lontane hanno spesso fatto fortuna, mettendo a frutto le loro abilità e competenze di manovali, artigiani e contadini. Un'emigrazione diversa da quella disperata che purtroppo oggi la cronaca ci racconta quotidianamente, ma comunque sofferta e dolorosa; c'è chi non ce l'ha fatta ed è tornato indietro e chi invece è riuscito a costruirsi una nuova vita, senza dimenticare però la sua terra natale e chi invece, dopo anni trascorsi all'esterno, ha deciso di tornare, riportando a casa, oltre ai ricordi, anche un immenso patrimonio di conoscenze che ha contribuito allo sviluppo sociale di Umbertide. Ogni mese del calendario è dedicato ad alcuni personaggi, più o meno noti, di umbertidesi emigrati all'estero, corredati da materiale fotografico messo a disposizione dai cittadini, che hanno contribuito in maniera sostanziale alla realizzazione del calendario, mentre le ultime pagine raccontano l'emigrazione dei nostri giorni, con le storie di molti giovani, spesso laureati, che in Italia non riescono a trovare la propria strada ma che all'esterno hanno saputo distinguersi nei più svariati settori. Tutte le foto raccolte dalla redazione sono andate a costituire una mostra allestita presso il Museo Santa Croce, che sarà aperta anche alle scuole, ma l'idea è quella di continuare a reperire materiale fotografico e documentario al fine di dare vita ad un archivio della storia dell'emigrazione degli umbertidesi. “Quello dell'emigrazione è un fenomeno che ha coinvolto molti nostri concittadini per circa un secolo e che anche oggi vede tanti giovani partire alla ricerca di una vita migliore – ha affermato l'assessore Violini – Il nostro intento è quello di dare vita ad un archivio, di cui le foto in mostra a Santa Croce costituiscono soltanto una prima parte, per dare un giusto riconoscimento a chi con sacrificio ha contribuito alla crescita sociale della nostra comunità”. “E' un calendario che fa riflettere su un tema purtroppo tristemente attuale quale è quello dell'emigrazione e che ci mostra quanto le condizioni di vita degli emigranti siano nel tempo peggiorate – ha concluso il sindaco Locchi – E' un tema importante che dà sicuramente lustro al Calendario storico di Umbertide ed in particolare alla sua 25esima edizione, e per questo intendo ringraziare tutti coloro che vi hanno lavorato e in particolare l'ideatore Adriano Bottaccioli, che insieme a Mariotti faceva parte già del gruppo di redazione della prima edizione del calendario, la Digital editor per la stampa e soprattutto tutti gli umbertidesi che lo hanno reso vivo mettendo a disposizione le loro foto e la loro storia”. 

18/01/2016 18:49:42

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy