Volley serie D: nella trasferta di Foligno prevalgono le padrone di casa

Foligno – La penultima trasferta dei playoff era forse l’ultima occasione per centrare l’obiettivo della promozione. Certo, dopo l’andamento altalenante delle partite precedeneti, l’imperativo era vincere. Cosa certamente alla portata della squadra di Maddalena Rosi, che nel corso della regular season, al netto di qualche comprensibile pausa, aveva dimostrato di avere le carte in regola per fare il salto di categoria.

Dimostrazione data nonostante le assenze per infortuni e per altri motivi avessero complicato il percorso. A Foligno … come volevasi dimostrare, non potevano non pesare le assenze di Ottaviani, di Palazzetti e di Rometti, che hanno costretto la seconda palleggiatrice Fiorucci a secendere in campo nonostante un fastidioso risentimento muscolare.

Dunque una formazione più che rimaneggiata, che ha imposto scelte a dir poco inusuali, come ad esempio quella di schierare Althea Giulietti con la maglia “normale”. E c’è mancato poco che si arrivasse al tie break, segno che le umbertidesi ce l’hanno messa tutta, peraltro dovendo lottare anche con altre sfortune durante il match.

 

FOLIGNO PARTE FORTE

Al fischio di inizio Umbertide soffre troppo la battuta, soprattutto di Adriani, che mette a segno una serie che scava il solco (9 – 3). A metà set dalla parte delle ospiti Fiorucci avvicenda Sarnari e alcuni buoni attacchi di parimo tempo di Polidori, oltre a un ace della centrale umbertidese, consentono un parziale recupero. Ma il problema è che, senza la posssibilità di avere la punte di diamante della prima linea, l’attacco incide poco e le concusioni di palla bassa non bastano. Il frangente finisce con un significativo 25 a 11.

Il secondo set è un po’ la fotocopia di quello precedente. La rotazione iniziale premia ancora il servizio delle padrone di casa, che si portano a + 5 (8 – 3). Per le ospiti si comincia a vedre qualche buon muro, ma è ancora troppo poco e i due aces di Fiorucci e Leveque servono solo a mitigare il punteggio finale, che è ancora nettamente a favore di Foligno (25 – 16).

 

REAZIONE D’ORGOGLIO

Coach Rosi capisce che dave dare una scossa e fin dall’inizio del terzo set fa entrare in campo Althea Giulietti, che “di mestiere” fa il libero, cma che certo potrebbe dare stabilità alla squadra, soprattutto in seconda linea. Fiorucci rimane in campo e a metà frazione c’è la svolta. Al palleggio va proprio Fiorucci, mentre Ubaldi, che peraltro ha inizato la sua carriera come attaccante, viene utilizzata come opposto. E’ proprio Ubaldi a mettere a segno qualche buon attacco, che consente di recuperare lo svantaggio (da 17 – 11 a 19 – 15). Althea Giulietti va al servizio sul 21 – 17 e mette a segno un’ottima serie. Foligni rimarrà a 22 e saranno proprio le battute di Althea Giulietti a propiziare gli attacchi vincenti che consentiranno alle umbertidesi di aggiudicarsi il parziale (22 – 25).

Il quarto paziale apre proprio con un ace di Althea Giulietti. Poi Umbertide mette as egno un break con il mani out di Ercolani (1 – 3). Foligno recuoera e pareggia (6 – 6) e a quel punto, su un suo attacco da posto 2, l’arbitro decreta il punto a favore della padrone di casa, ma l’impressione (forse qualcosa più di un impresione … ) è che la palla sia nettamente out.

Forse è l’episodio chiave. Un episodio che mina un po’ le convinzioni delle ospiti, che fatalmente subiscono il contraccolpo e vanno di nuovo sotto (18 – 11).

Ma l’orgoglio e la mano ci sono e la squadra di Rosi non ci sta a gettare la spugna, recuperando tutto lo svantaggio a partire dall’attacco di primo tempo di Moretti, completata dall’eccellente serie al servizio di Ercolani, che consente il pareggio con l’ace che vale il 19 a 19.

Foligno si riporta avanti (22 – 19), ma tre monster block di Polidori riportano il punteggio in bilico (23 – 22).

La partita si decide su un paio di episodi, che senza nulla togliere alle folignati, sarebbero potuti volgere a favore di Umbertide, ma che inesorabilmente decretano la conquista del parziale (25 – 22) e del match a favore delle prime.

 

SPERANZE E BILANCI

Forse è già tempo di bilanci. Già, perché la situazione di classifica è ormai quasi del tutto compromessa. Servirebbe vincere le due prossime partite (in casa contro Tavernelle e a Trevi) aggiudicandosi tutti i sei punti in palio. Ma forse non basterebbe, perché servirebbero incroci di risultati alquanto improbabili.

Però srvirà ripartire proprio dalle prosisme due partite, senza piangere sul latte versato e guardando al futuro.

Perché se come è più che probabile l’impresa della promozione non riuscirà, si tratterà di guardare al prossimo campionato, quando facendo tesoro (anche) di questa esperienza e possibilmente senza intoppi, l’obiettivo della promozione non sarebbe una chimera.

 

 

FOLIGNO VOLLEY – VOLLEY UMBERIDE = 3 - 1

(25-11, 25-16, 22-25, 25-22)

 

FOLIGNO VOLLEY: Pacilio (C), Falcinelli P., Mancinelli, Adriani, Gaudenzi, Pagnini, Falcinelli F., Gaudenzi, Crescimbene, Mazzicchi S., Mazzicchi G., Trabalza (L).

Allenatore: Marco Loreti. Vice allenatore: A. Loreti. 

(dati relativi agli scores individuali e altro non disponibili)

 

VOLLEY UMBERTIDE: Ubaldi (C) 4, Ercolani 10, Leveque 4, Polidori 14, Moretti 6, Fiorucci 7, Giulietti A. 1, Sarnari, Girelli (L1), Giulietti M. (L2). N.e: Beacci.

Allenatore: Maddalena Rosi.

(b.s. 9; aces 6; muri 11; errori 24) 

 

Arbitro: Raffaella Medoli


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy