Riceviamo e pubblichiamo la Lettera aperta alla Direzione USL Umbria 1 firmata dall'Associazione Umbertide Partecipa

 

"Dopo la FASE 2 inizierà dal 18 maggio un altro momento importante per la ripresa del Paese. Verrà  riaperto con ben due settimane di anticipo rispetto al primo cronoprogramma  il  commercio al dettaglio, così come concordato tra la presidente della Regione Donatella Tesei e il presidente del Consiglio  al termine dell'incontro avuto tra tutti i governatori e il governo stesso. Questo non vuol dire che l’emergenza è finita: anzi sarà ancora un momento nel quale la differenza la farà ancora il nostro senso di responsabilità e il rispetto delle regole.

Crediamo che un altro segnale di “quasi” ritorno alla normalità sia  rappresentato dalla chiusura del reparto COVID di Città di Castello che in questi due mesi ha svolto un ruolo essenziale nel nostro territorio in un momento particolarmente difficile.

E' pertanto logico, e su questo punto crediamo  che moltissimi cittadini umbertidesi concordino, che stante la situazione attuale si possa procedere alla fine dell' emergenza anche nel nostro Ospedale riattivando   anticipatamente  la RSA la cui riapertura è prevista per luglio ma che, in linea con  quanto deciso per il reparto Covid di Città di Castello nonchè del crescente disagio creato a tanti ammalati e alle loro famiglie in questo periodo di chiusura si potrebbe anticipare all’inizio di giugno.

Chiediamo pertanto alla Direzione della USL Umbria 1 di adoperarsi in tal senso restituendo al nostro Ospedale un servizio essenziale di grande utilità,  apprezzato da tutti anche grazie al  personale sanitario che nel  corso di questi cinque anni ha dimostrato grandi doti di umanità e professionalità. 

 

Associazione Umbertide Partecipa"