UMBERTIDE CAMBIA PER LO SPORT

Riceviamo e pubblichiamo

Educazione sportiva, collaborazione tra le società , in particolare nell’offerta sportiva ai giovani, messa a sistema delle strutture e delle risorse, attività sportiva per le persone con disabilità. Sono questi i pilastri della politica di Umbertide cambia per lo sport, che guarda con una diversa attenzione quelle discipline considerate impropriamente “minori” ed a garantire la pratica sportiva nelle frazioni. “Per raggiungere questi obiettivi – ha detto Gianni Codovini, candidato sindaco di Umbertide cambia in occasione di una iniziativa pubblica - il movimento civico intende mettere in campo tre strumenti/progetto: il tavolo per lo sport e l’educazione, la cittadella dello sport, il centro sportivo giovanile nella zona Usu. Ma soprattutto promuovere una diversa forma di relazione tra le società sportive. Previsto anche un fondo, con accesso regolamentato e gestito dai servizi sociali, per sostenere il pagamento delle quote di iscrizione di ragazzi in difficoltà economica ed un investimento sul campo gara pesca agonistica, considerato importante volano anche per la promozione del turismo sportivo”.

Il centro sportivo giovanile, parte integrante della cittadella dello sport, - ha spiegato Stefano Conti, candidato per la lista civica al Consiglio Comunale - avrebbe a disposizione il campo sintetico (con spogliatoi ampliati), il parco giochi, l’ex magazzino tabacchi. Quest’ultimo, comprensivo del bar-cucina, è concepito come spazio multiservizio destinato a palestra, attività di recupero da infortuni e riabilitazione motoria, laboratorio di psicologia sportiva, sale studio, riunioni, eventi. Nella piazza contigua dovrebbero essere realizzati campetti liberi dove poter praticare varie discipline sportive, ad esempio basket, pallamano, pattinaggio, bocce. In alternativa queste attività potrebbero essere previste nell’area verde lungo via della Repubblica, anche ad uso della parrocchia. Questa scelta definirebbe un collegamento fisico con la zona degli impianti sportivi, del parco e della pineta Ranieri, nucleo fondamentale della cittadella dello sport che dovrà essere valorizzata attraverso uno specifico progetto che preveda finanziamenti privati e pubblici, anche europei”. “Gli aspetti strutturali – ha aggiunto Susanna Susta, anch’essa candidata per Umbertide cambia - dovranno andare di pari passo con una nuova idea di collaborazione sportiva. Nella loro piena autonomia le società potranno aderire ad una progetto educativo condiviso, sviluppato appunto attraverso il tavolo per lo sport e l’educazione al quale partecipano le scuole e le altre agenzie educative che operano sul territorio. Collaborazione, programmazione, ma anche buona gestione. Sara in questo senso opportuno definire un regolamento che preveda l’erogazione di contributi a sostegno delle società che dimostrano una buona situazione economica e garantiscono una attività sportiva e formativa di qualità. Una particolare attenzione – ha concluso Susta - dovrà essere posta, in un più ampio progetto a loro destinato, alla attività sportiva delle persone con disabilità, sull’esempio del baskin già in corso. In tal senso sarà necessario eliminare ogni barriera architettonica che impedisce la piena fruizione degli impianti”.


 

23.05.2018

Umbertide cambia

 


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy