Umbertide Cambia interviene sul Piano triennale Opere Pubbliche

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia

Dare priorità all’intervento di adeguamento sismico della scuola materna di via Morandi, dotare di un ascensore la scuola media Mavarelli – Pascoli per consentire una normale agibilità a studenti con disabilità, realizzare una efficace viabilità presso il pericoloso quadrivio di Via Colombo, via dei Patrioti, strada provinciale per San Benedetto, mettere a norma i marciapiedi e gli attraversamenti pedonali eliminando ogni barriera architettonica, prevedere una soluzione idonea per la caserma dei Carabinieri, individuata da Umbertide cambia all’interno di un piano di recupero dell’area “ex Fornace”. Questi sono gli interventi che secondo il movimento civico dovrebbero essere previsti nella prima annualità del Piano triennale delle opere pubbliche 2014 – 2016, sospendendo al contempo i lavori di completamento del raccordo ferroviario nella zona industriale di Pierantonio, inutile finchè la ferrovia non prevederà il trasporto merci. Soluzione peraltro al momento nemmeno presa in considerazione, visto che tutte le scelte compiute dalla Regione Umbria negli ultimi lustri rendono evidente come la rinuncia al trasporto merci su ferro sia ormai definitiva. Preso atto che l’amministrazione comunale non ha accolto queste richieste il gruppo di Umbertide cambia ha votato contro il documento presentato. “Riteniamo necessario dare priorità agli interventi necessari per la messa in sicurezza e l’efficienza degli istituti scolastici di competenza del Comune - ha detto Alessia Bartolini, consigliera comunale di Umbertide cambia – sollecitando la Provincia anche a realizzare l’ampliamento dell’istituto superiore. Occorre inoltre predisporre un piano di costante manutenzione della Pineta Ranieri, se necessario ricorrendo al sistema dei lavori socialmente utili. Pensiamo, infine, che sia necessario affrontare concretamente il problema della bonifica delle parti in eternit che ancora si vedono in molti edifici pubblici e privati e progettare un’ efficace rete di percorsi ciclabili sicuri che colleghino diverse parti della città a punti strategici come le scuole, gli impianti sportivi, la stazione.”.

“Il piano – ha aggiunto Bartolini - apre anche una riflessione su due argomenti particolarmente sensibili: il necessario recupero di Piazza Mazzini, che a sua volta riapre il tema della valorizzazione del centro storico e della improbabile viabilità definita in zona; il completamento dell’ex edificio tabacchi, che deve essere dotato di adeguate soluzioni per il risparmio energetico, individuando al contempo una precisa destinazione d’uso. Temi sui quali presenteremo a breve proposte operative”.


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy