Sos Tevere

Passando per il centro storico della nostra città una sosta è quasi forzata: quella sul ponte del Tevere. Ogni visitatore rimane a bocca aperta per lo scenario che gli si presenta davanti. Il fiume scorre lentamente, con il “Patollo” e il percorso verde che gli fanno da cornice. E’ una storia d’amore quella fra gli abitanti e il corso d’acqua che si è protratta per secoli.
Tevere significava, in epoche passate, sia lavoro che divertimento. Le cosiddette “lavandare” si recavano al fiume per lavare i panni di casa propria o di altre famiglie. Ci si divertiva anche al Tevere, come ci viene raccontato dai nostri anziani. Il fiume era il nostro mare, dove si passavano intere giornate per fare bagni o per rilassarsi.
Oggigiorno Tevere significa turismo, portato dai numerosi eventi pesca- sportivi che numerose volte si tengono sul campo gara posto sulle sue rive.
Da un po’ di tempo a questa parte però è sorto un problema: il Tevere sembra essersi ammalato, la sua acqua è diventata torbida ed emette fastidiosi odori. E’ inquinato, si sa, e la colpa può essere imputata  sia ad eventi meteorologici sfavorevoli, sia all’ incuria dell’uomo.
Ma per capire meglio la situazione in cui sta versando il nostro fiume, abbiamo chiesto spiegazioni sia a chi ha monitorato, dal punto di vista didattico la situazione del corso d’acqua, sia a chi il Tevere lo vive nella quotidianità. Nicoletta Boldrini, insegnate di chimica e biologia presso l’IISS “Leonardo Da Vinci” di Umbertide ha dichiarato: «Negli ultimi anni  il Tevere e i suoi affluenti sono stati oggetto di una serie di indagini e di campionamenti da parte di diverse classi dell’Istituto superiore Leonardo da Vinci, nell’ambito di un progetto di educazione ambientale, che attraverso azioni e progetti diversificati in base alle fasce d’età, abituasse i giovani a comprendere la complessità dei fenomeni naturali, partendo dalla conoscenza del proprio territorio. L’ultima di queste azioni- prosegue l’insegnante- ha portato alla stesura di un progetto complesso finanziato dalla Regione dell’Umbria, in cui il fiume assumeva la veste di un vero e proprio “paesaggio liquido”,un paesaggio fatto quindi oltre che di elementi naturali, di memorie condivise, di tradizioni, di cultura. Il progetto,coordinato dal Leonardo da Vinci,ha visto la partecipazione di classi di scuola primaria e secondaria, di  San Giustino, Lama, Città di Castello,Umbertide, Ponte Felcino, ha quindi abbracciato tutto il corso del Tevere,dal confine nord con la Toscana fino alle porte di Perugia. (per chi fosse interessato a visionare l’enorme mole di lavoro svolto dalle scuole insieme a esperti,cittadini portatori di “memoria”,testimoni,è disponibile il progetto finale al sito http://www.umbriageo.regione.umbria.it/pagine/geolandia-e-il-fiume-tevere ndr).

In particolare i ragazzi del corso tecnologico di Umbertide, hanno svolto esami sul campo, prelievi e monitoraggio per due anni consecutivi,in date ripetute con cadenza stagionale. La metodica applicata è quella suggerita dai vari protocolli ambientali, approvati scientificamente e testati ormai da anni sul campo, a partire dal progetto Ecomappa. Per quanto riguarda i dati chimici e fisici, rilevati con kit portatili a disposizione della scuola e ricontrollati in laboratorio per correttezza, non si discostano molto da quelli forniti dalla centralina collocata da Arpa, nel tratto fluviale umbertidese. Temperatura, pH, conducibilità, sono tutto sommato coerenti,c on i dati rilevati  dai ragazzi. I dati chimici e fisici sono stati accompagnati nei nostri prelievi, da dati biologici, in particolare l’esame di micro e macroinvertebrati. E su questo aspetto invece qualche dato ci ha dato da pensare, soprattutto per la netta prevalenza di microfauna che predilige le condizioni di scarsa ossigenazione. Il dato ufficiale sull’ossigeno fornito da Arpa ci da indicazioni di fluttuazioni,che sembrerebbero però fisiologiche, legate cioè a parametri climatici, di certo nei nostri campionamenti prevalgono specie che preferiscono gli ambienti poco ossigenati. L’altro dato su cui abbiamo riflettuto e fatto confronti con i dati ufficiali, è  certamente la torbidità, che appare estremamente variabile e in alcuni casi, molto accentuata e fluttuante anche in esami ravvicinati nel tempo. Ossigenazione e torbidità ci sono sembrati i due parametri di una certa criticità e su cui appuntare l’attenzione per la cura del fiume; l’impegno della scuola è di continuare nel tempo queste esperienze,perché solo dalla conoscenza del territorio più prossimo all’individuo,può nascere l’attenzione e la cura per l’ambiente, quindi i campionamenti e le uscite sul campo Tevere,continueranno con altre classi di ragazzi,anche nell’anno scolastico in corso». Sentiamo ora il parere di Sandro Zucchini, vicepresidente dell’associazione “Amici del Tevere” e organizzatore di grandi eventi pesca- sportivi sia nazionali che internazionali.  «Come pescatori- afferma Zucchini- ogni anno dobbiamo rimettere a posto i danni che avvengono durante l’inverno, periodo in cui c’è un’abbondanza di piogge e in cui avvengono varie piene. Quest’anno è stato un anno maledetto, perché non c’è stato mese in cui non abbiamo avuto come minimo tre giorni di pioggia. Le acque diventano così più fredde poiché, oltre a provenire dalla natura, vengono anche dall’invaso di Montedoglio che per noi è diventato un grande problema perché in alcuni momenti rilascia quantitativi d’acqua elevatissimi e, aumentando di parecchio la velocità dell’acqua, va a finire che erode l’impianto sportivo costruito al 90% su terra. Oltre questo problema- continua Zucchini- abbiamo avuto anche quello delle acque torbide che non sono solo dovute alle varie piene che si sono succedute, ma purtroppo anche all’incuria e alla cattiveria di qualcuno che tutti i giorni, in maniera sistematica, inquina il Tevere. Non è un inquinamento chimico elevatissimo, ma porta problemi per i la pesca, visto che i pesci non rimangono attaccati all’amo. Per questo abbiamo dovuto rimandare quattro o cinque gare nazionali creando un grande danno, visto che il turismo della pesca è diventata una parte integrante del turismo locale. Dobbiamo ricordare che noi abbiamo avuto l’onore e l’onere di aver ospitato nel 2005 i Mondiali di Pesca. Per quell’evento era stato costruito un impianto ad hoc  che nel tempo sta andando degradandosi. Noi pescatori lo mettiamo sempre a posto e negli ultimi dieci anni abbiamo speso circa 45mila euro di tasca nostra. Abbiamo una convenzione col Comune di Umbertide nella quale è stabilito che noi dobbiamo riparare e mettere a posto il campo gara, controllarlo e intervenire direttamente qualora ci sia un minimo problema. Facciamo uno sforzo notevolissimo. Abbiamo già avuto due riunioni con il Comune; il sindaco si sta attivando ma non riusciamo a venire a capo in questa situazione. Abbiamo chiesto tanti interventi dell’Arpa ma purtroppo ci viene raccontata sempre la stessa cosa negandoci i controlli necessari. Da diciotto anni ci viene detto che la colpa è dei lavori fatti per il campo gara, dimenticando che esso non è stato fatto per la pesca, ma per la regimazione idraulica del fiume Tevere. Noi lo abbiamo adoperato come impianto sportivo ed è stato riconosciuto in tutto il mondo come il più bel impianto presente come qualità dei servizi, come sicurezza, come agibilità, bellezza del paesaggio e come qualità del pesce. Sono anni che faccio le battaglie con l’Arpa perché ci raccontano delle cose che non esistono. La colpa viene data ai lavori che però sono stati fatti dalla Regione, il Demanio, le Opere Pubbliche e la Provincia. Di conseguenza dovrebbero casomai autodenunciarsi e invece la colpa la danno sempre ai pescatori».
Ma da dove proviene una parte dell’inquinamento del Tevere? Zucchini ha le idee chiare: «Ho trovato due volte gli scarichi di un’azienda privata nel Tevere, per tre invece ho trovato il depuratore di Città di Castello aperto in pieno regime. Anziché depurare l’acqua la immetteva dentro il fiume. Quest’anno ho chiamato la Polizia Provinciale e mi hanno detto che era tutto lecito. C’è un tubo da 8 centimetri che non regge tutta quella quantità; nelle fogne non entra e finisce direttamente nel Tevere. Il nostro comune ha rifatto il depuratore perché negli anni la popolazione è raddoppiata. Il Comune di Città di Castello è quarant’anni che ha costruito il depuratore e non è riuscito a farne uno nuovo.

Non dico che debbano costruire il depuratore un giorno per l’altro, ma prima di tutto bisogna ripulire le fogne, stanziare dei soldi per far sì che esse possano ricevere più quantitativi di acque reflue da mandare al depuratore. Abbiamo chiesto, in questi periodi in cui c’è molta torbidità, di poter aprire almeno tre volte la settimana l’invaso di Montedoglio. Ci hanno negato anche questo; la Regione ci ha detto che non è possibile. Noi dall’anno prossimo, se dovesse proseguire questo atteggiamento, non organizzeremo più ad Umbertide gare nazionali o internazionali di pesca».

 

Alessandro minestrini


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy