Precisazioni del Sindaco Locchi riguardo comunicati delle opposizioni in merito al centro islamico

Riceviamo e pubblichiamo

In risposta agli articoli di stampa da parte delle forze politiche di opposizione sulla questione del centro culturale islamico e della lettera che il sindaco Marco Locchi ha fatto pervenire al Ministro degli Interni Marco Minniti, il Sindaco intende fare alcune precisazioni.

“Sembra che le forze di opposizione facciano finta di non capire e si meraviglino per le iniziative che l’Amministrazione comunale prende nell’interesse della collettività.

Le posizioni espresse nella lettera al Ministro non sono posizioni dell’ultim’ora e scopiazzate da quelle dei partiti di opposizioni. Come essi sanno, anche se fanno finta di non saperlo, fin dall’inizio l’Amministrazione Comunale si è posta il problema di una corretta gestione del centro per togliere qualsiasi ombra che arrecasse preoccupazione tra la popolazione.

E’ da più di un anno che è stata posta la questione di una convenzione, o meglio di un “Patto di cittadinanza”,  tra l’Amministrazione Comunale e la comunità islamica; sono state numerose le occasioni nel corso delle quali se ne è parlato, in ultimo nella commissione consiliare appositamente convocata  e precedentemente nel consiglio comunale del 22 settembre scorso, dove, in risposta ad una interrogazione, il Sindaco faceva presente che era necessario continuare il percorso già intrapreso che prevede  momenti  di dialogo con la comunità musulmana, le associazioni del territorio, i cittadini, i consigli di quartiere.  Partendo da una base già discussa oltre un anno fa con la Comunità Islamica per arrivare alla definizione di un patto, come già fatto da altri  comuni, i quali lo hanno sottoscritto da tempo  per stabilire i rapporti tra le comunità islamiche e l’amministrazione,  anche su punti fondamentali quali la lingua da utilizzare nei sermoni, la provenienza dei fondi, ecc.. Si ribadisce che tutto questo era stato detto dal Sindaco nel consiglio comunale del 22 settembre e successivamente nella commissione consiliare  anche se le opposizioni fanno orecchie da mercante, facendo finta di non aver sentito, o giocando su una errata interpretazione  dei titoli di giornale.

Questa era e resta la nostra linea. Non c’è nessuna ambiguità né incertezza nel nostro comportamento. Abbiamo sempre detto che per dare più forza al Patto, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti più delicati come la tracciabilità finanziaria dei contributi e i sermoni in lingua italiana, sarebbe stato importante che fossero stabilite ufficialmente delle linee guida a livello nazionale.

Per questo il Sindaco ha  scritto al Ministro che poi ha incontrato personalmente; e anche per ribadire  che la nostra è una realtà che ha saputo gestire sempre bene le questioni della immigrazione e della integrazione e quindi non  dobbiamo preoccuparci della costruzione di un Centro Culturale Islamico, tenuto conto che già oggi esiste un luogo (poco dignitoso) dove la comunità musulmana locale si ritrova da anni. Questo nuovo centro dovrà  essere gestito bene, stabilendo criteri chiari e condivisi e soprattutto con tanta trasparenza e partecipazione.

E quindi  la sottoscrizione del  Patto a livello nazionale fra le associazioni del tavolo islamico e il Ministero degli Interni,  finalmente avvenuta  nella giornata del 31 gennaio 2017,  che richiama prima di tutto il principio supremo di laicità dello Stato quale  “garanzia della libertà di religione in regime di pluralismo confessionale e culturale”, rappresenta un punto di svolta fondamentale.

Il Ministro ha dichiarato: "Abbiamo firmato con le associazioni del tavolo islamico italiano un importantissimo documento, cruciale, che riguarda il presente e il futuro dell'Italia attraverso il dialogo interreligioso".

Un patto che si basa su numerosi articoli della nostra costituzione e che verrà interamente recepito all’interno del nostro Patto di Cittadinanza.  Il patto nazionale prevede, fra l’altro,   agli art. 8,9,10 di rendere pubblici i nomi e i recapiti degli Imam, di adoperarsi  affinchè il sermone  del  venerdì sia svolto o tradotto in italiano, di assicurare la massima trasparenza nella gestione e documentazione dei finanziamenti ricevuti dall’ Italia e dall’ Estero e di proseguire nell’azione di contrasto dei fenomeni di radicalismo religioso.  Il Patto prevede inoltre tutta una serie di azioni volte a favorire  incontri e dibattiti  pubblici  tra le istituzioni e i musulmani in tema di cittadinanza attiva, dialogo interculturale e contrasto all’islamofobia, al fondamentalismo, ecc.

Concetti questi che non sono appannaggio delle opposizioni, le quali oggi  provano a rivendicare, in modo totalmente strumentale, concetti  alla base di un percorso  condiviso fra le associazioni islamiche e lo Stato italiano e che hanno trovato conferma nel patto. Concetti, come già detto,  emersi già in altre occasioni: consigli comunali, commissione dove si è discusso, prendendolo ad esempio,  del Patto di cittadinanza di Firenze dove alcuni di questi  concetti sono presenti  e ben rimarcati.


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy