M5S Umbertide: 'la giunta del non cambiamento'

Riceviamo e pubblichiamo

Ogni anno, come da prassi, l'amministrazione comunale deve redigere un documento nel quale programma le spese che intenderà intraprendere, le entrate che prevede di ottenere dalle sue operazioni, in pratica un bilancio, un atto programmatico su quelle che sono le sue intenzioni. Il bilancio di ogni ente è l'atto politico per eccellenza, lì si vede fin da subito se le promesse fatte in ambito elettorale, ad esempio sulla riduzione delle tasse e sul miglioramento dei servizi, trovano un oggettivo riscontro. Abbiamo sempre sostenuto in passato che ai bilanci delle passate amministrazioni mancasse una programmazione, che fossero bilanci di sopravvivenza visto l'enorme debito o disavanzo, chiamatelo come preferite, che ci portavamo dietro, figlio delle pessime passate gestioni. Oggi abbiamo un'altra amministrazione, ma di fatto nulla è cambiato anzi si continua nella scellerata scelta di esternalizzare i servizi, uno importante come quello relativo ai tributi. Emerge proprio la volontà di consegnare le mansioni svolte dal nostro ufficio tributi ad una figura esterna, infatti per il futuro è prevista l'indizione di una gara per l’appalto del servizio di supporto all’attività accertativa e per l’attività ordinaria delle entrate tributarie. Così viene lasciato in mano al privato un servizio pubblico, interno al nostro Comune, seguendo sempre la logica che il privato possa svolgere meglio certe funzioni. Si sta effettuando uno smantellamento della struttura comunale e dei suoi settori importanti, iniziato già con le passate amministrazioni. Perchè questa scelta? Depotenziare la macchina comunale con quale vantaggio poi per i cittadini, su cui ricadranno tali scelte in termini di servizio? Privato non è sinonimo di efficienza, lo abbiamo sempre sostenuto. Si dovrebbe migliorare ciò che si ha e renderlo più efficiente se carente piuttosto che dismettere come se fosse qualcosa di inutile. D'altronde come potersi aspettare qualcosa di nuovo se l'assessore al bilancio è sempre lo stesso. Cambiano le bandiere, ma alla fine …. Eppure lo avevamo detto, ricordate? “O il futuro o tutto si ripete” e a dire il vero dall’esame attento del bilancio di previsione e dal DocUP non possiamo che trarre amare conclusioni, le tasse aumentano a discapito delle fasce di reddito più deboli, che inevitabilmente risentiranno in maniera più acuta degli aumenti, i servizi diminuiscono con la chiusura di fatto a partire dal 2020 dell’Ufficio Tributi. La scarsa attenzione per i servizi resi è altresì testimoniata dalla diminuzione della copertura finanziaria per i servizi a domanda individuale. Diciamo basta ai dictat imposti da questa amministrazione come da quelle precedenti. Rendersi disponibili e tentare di contribuire a risollevare le sorti del paese si sta rivelando una delusione. Fino ad oggi abbiamo assistito impotenti ad una maggioranza che ha dimostrato tutta la sua arroganza ignorando, quasi irridente, ogni proposta (tranne una, quella della modifica del regolamento di igiene) che è venuta dal Movimento 5 stelle. E d’altro canto l’amministrazione, non tanto la maggioranza consiliare che fino ad oggi è rimasta muta e silente in consiglio (tanto che c’è chi dubita che i componenti della “strana” compagine abbiano il dono della favella), non ha fatto altro che sfruttare, per ottenere consenso, il lavoro del Commissario Straordinario, beandosi di risultati di operazioni poste in essere da altri e dedita a mere operazioni di facciata con fini palesemente elettorali. Le campagne elettorali si lascino a Salvini e Berlusconi, le passerelle, si facciano al teatro e ci si renda più disponibili al confronto !

il metodo resta lo stesso e a rimetterci sono i cittadini in termini di servizi.

Movimento 5 Stelle Umbertide


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy