M5S Umbertide:''Good morning Vietnam''

Riceviamo e pubblichiamo

Ci è capitato di leggere la presentazione del candidato a sindaco del PD e, sinceramente, non è comprensibile da quale torpore si sia ridestata.
 

Magari risvegliandosi dal profondo sonno in cui è stata immersa negli ultimi 15 anni si sarà anche accorta che qualcuno aveva anche fatto chiudere la Ferrovia!
Si rimane basiti e sconcertati di fronte ad affermazioni “ad Umbertide NON può esistere una moschea” “ridurre la TARI” “i cittadini devono essere protagonisti” “cacciare dalle piazze chi spaccia e chi ruba”, queste affermazioni escono dalla bocca di coloro che hanno governato fino ad oggi! Affermazioni di chi senza pudore pensa ancora di insultare l’intelligenza degli Umbertidesi, MENTONO SAPENDO DI MENTIRE, quelli che sono stati autori e complici dello stato in cui ci troviamo.
 

Si parla di ridiscutere e ridimensionare gli spazi del centro culturale islamico, quando fino ad ora il PD umbertidese ha sempre difeso questo progetto che ha visto partecipare sia la giunta giuliettiana (che ha concesso all’associazione un’area di terreno così vasta) che la giunta locchiana che ha portato a conclusione l’iter. Il tutto è passato sotto gli occhi del partito di maggioranza per ben due legislature senza che facesse nulla, ma anzi difendendo strenuamente l’operato delle loro giunte.
 

Viene poi trascinato nello scontro elettorale il centro Alzheimer, fiore all’occhiello della nostra cittadina, che è così per merito di chi l’ha pensato, realizzato e ci lavora con dedizione e professionalità, combattendo le difficoltà di ogni giorno e non per merito del politico di turno che in campagna elettorale se ne riempie la bocca per riscuotere voti.
 

Senza pudore è anche l’affermazione “di un milione all’anno per mettere in sicurezza le scuole”, questo significa per noi fare promesse elettorali, omettendo completamente il fatto che per anni questa non è stata certo una priorità, basti ricordare il tetto in amianto della Monini e i 130 mila euro spesi per un ampliamento della stessa che non è mai stato usato. Intanto la scuola è chiusa e chissà ancora per quanto. Questo solo per citarne una.
Non parliamo poi delle affermazioni su Calzolaro, solo ora ci si accorge che i cittadini di questa frazione devono poter vivere in maniera dignitosa, finora dov’era tutto il PD e la sua candidata che lo rappresenta? Magari stavano pensando a dove spostare l’azienda che tratta i rifiuti, da recenti affermazioni apparse sulla stampa pare abbiano pensato a Camporeggiano. Saranno felici di apprendere questa notizia gli abitanti del luogo. La candidata del PD si erge a portabandiera della vecchia politica e con un goffo tentativo tenta di fare ammenda delle colpe che hanno, riconoscendo di fatto gli errori commessi nelle passate amministrazioni, ma poi, senza alcun pudore torna a riproporci la stessa vecchia storia, lo stesso modo di fare e gli stessi protagonisti.
Ci auguriamo che gli umbertidesi abbiano memoria e ne facciano ricorso al momento opportuno.

 


Commenti

Inserisci un nuovo commento

News in evidenza

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy