La banda di Umbertide suona per il Papa e dà spettacolo in Vaticano

La pioggia ha fermato la tradizionale sveglia di Santa Cecilia ma non l'entusiasmo della banda “Città di Umbertide” che domenica scorsa, nel giorno dedicato alla protettrice dei musicisti, ha avuto l'onore di suonare in Vaticano al cospetto di Papa Francesco. La banda di Umbertide è stata infatti una delle 34 bande musicali provenienti da tutta Italia che domenica mattina si sono ritrovate in Piazza San Pietro per le celebrazioni per il 60esimo anniversario dalla fondazione dell'Anbima – Associazione nazionale bande italiane musicali autonome. Così i musicisti della banda insieme al maestro Galliano Cerrini e al sindaco Marco Locchi che ha voluto partecipare all'evento, sono partiti alla volta di Roma dove sono stati accolti dalla banda Pontificia. Poi in Basilica oltre mille musicisti hanno accompagnato la santa messa officiata dal cardinale Angelo Comastri e il coro della Diocesi del Vaticano diretto da mons. Marco Frisina; divise per strumenti le 34 bande hanno formato un unico grande complesso musicale dando vita ad uno spettacolo unico ed emozionante. Terminata la santa messa, le bande hanno dato prova della loro bravura in piazza San Pietro, eseguendo ognuna alcuni brani, e come sempre la banda “Città di Umbertide” ha stupito e divertito i presenti presentando un repertorio ricco e variegato che ha visto anche la commovente esecuzione della Marsigliese, in omaggio alle vittime degli attentati di Parigi. Quindi la banda ha preso parte all'Angelus di Papa Francesco per poi riprendere la strada per Umbertide dove ha terminato in bellezza la giornata sfilando per le vie della città e proponendo una sorta di versione pomeridiana della sveglia di Santa Cecilia che, sia per i concomitanti impegni in Vaticano che per il maltempo, quest'anno non è stato possibile eseguire.


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy