L'on Giulietti querela per diffamazione un articolo di Umbertide Cambia

Questa mattina, durante la seduta del Consiglio Comunale, il consigliere Stefano Conti, ha informato l'assemblea di essere indagato per una querela sporta dall'onorevole Giampiero Giulietti, in qualità di ex sindaco di Umbertide, per un comunicato stampa di Umbertide Cambia pubblicato il 7 maggio scorso dal sito www.informazionelocale.it . A tal riguardo, anche al nostro direttore Giovanni Codovini è stato notificato un avviso di garanzia.

Per completezza d'informazione, di seguito riportiamo l'intervento svolto stamani dal consigliere Conti:

"Sono stato formalmente informato dalla Procura della Repubblica di Perugia, in qualità di indagato, di una querela per diffamazione che Giampiero Giulietti, in qualità di ex Sindaco di Umbertide, ha presentato in merito ad un articolo di Umbertide cambia, inerente le vicende relative all'affidamento del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, nel quale si evidenziano alcune contraddizioni dell’Amministrazione Comunale in ordine alla vicenda Gesenu-Sogepu.

Articolo redatto in piena campagna elettorale, pubblicato, tra gli altri organi di stampa, in data 7 maggio sul sito di Informazione locale, il cui direttore Prof. Giovanni Codovini, peraltro magistrato onorario, è parimenti indagato.

Articolo che pone delle domande di natura politica, rispetto al quale non è pervenuta alcuna riposta né richiesta di rettifica, come garantisce la legge sulla stampa e come di prassi solitamente avviene.

Essendo stato io individuato, tra altri, quale possibile responsabile in qualità di componente della Lista elettorale Umbertide cambia, ed essendo sostanzialmente l'articolo stesso una espressione politica della Lista, è evidente come l'iniziativa giudiziaria di Giulietti si rivolga contro una parte politica, ora anche presente in Consiglio Comunale. Fatto, questo, che riteniamo molto grave e che rischia di condizionare pesantemente la normale dialettica politica ed istituzionale. Per questo abbiamo ritenuto necessario portare formalmente a conoscenza della vicenda politico / giudiziaria l'organo consiliare, oltre che la cittadinanza.

La querela nei confronti delle affermazioni contenute in un comunicato stampa di una Lista elettorale non può infatti essere derubricata a fatto meramente personale. Trova piuttosto fondamento nella tutela della libertà di espressione politica e della libertà di stampa, diritti di natura costituzionale.

Ci troviamo dunque “querelati” per aver espresso una critica riguardante una vicenda chiusa in modo definitivo sul piano giuridico dalla sentenza del Consiglio di Stato, ma che sul piano politico abbiamo e stiamo tuttora cercando di approfondire, distinguendo nettamente, noi, l'aspetto giudiziario da quello dell'opportunità e del merito.

Umbertide cambia è nata infatti per contribuire a realizzare una buona amministrazione, fondata sulla verità, la trasparenza, il confronto e la partecipazione. Lontana da logiche di potere e di controllo.

Questo atto mi spinge e spinge Umbertide cambia a continuare con determinazione, coraggio, serenità, senza alcun bavaglio e con maggior energia questa azione politica.

D'altra parte, l’azione penale posta in essere ci offre la possibilità di rinnovare e specificare ulteriormente nel merito la definizione della vicenda, rimettendoci totalmente e con fiducia all’operato della Magistratura.

Il Gruppo Umbertide cambia chiede che la presente comunicazione, consegnata al Presidente del Consiglio Dott. Giovanni Natale, sia diffusa a tutti i Consiglieri Comunali, auspicando la solidarietà dell'intero Consiglio, e posta a verbale".

                                                                                                                             Stefano Conti

                                                                                                       Consigliere Comunale Umbertide cambia


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy