Insediato il nuovo Consiglio Comunale di Umbertide

Si è insediato questa mattina il nuovo Consiglio Comunale di Umbertide. L’assise cittadina è composta da 16 membri (Elisabetta Agea, Sara Finocchi, Ilaria Fiorucci, Milena Fiorucci, Nicola Orsini, Giovanni Natale, Mirco Massai, Gianluca Palazzoli, Lucia Ranuncoli e Giovanni Valdambrini per la lista Partito Democratico; Alessia Bartolini, Stefano Conti e Claudio Faloci per la lista Umbertide Cambia; Valentina Pigliapoco e Michele Venti per la lista Movimento Cinque Stelle; Giovanna Monni per la lista Umbertide Viva), di cui 8 uomini e 8 donne, ed ha un’età media pari a 40 anni. La seduta si è aperta con la convalida degli eletti e la surroga dei consiglieri comunali che sono stati nominati assessori, dopodiché è stata la volta del giuramento del sindaco Marco Locchi a cui è seguita l’elezione del Presidente e del Vicepresidente del Consiglio Comunale. E’ risultato eletto alla prima votazione il consigliere Giovanni Natale con 11 voti; la votazione per il vicepresidente, limitata ai soli membri della minoranza, ha visto l’elezione di Valentina Pigliapoco con 2 voti. La parola è poi passata al sindaco Locchi per la comunicazione delle nomine del vicesindaco Maria Chiara Ferrazzano e degli assessori Paolo Leonardi, Maria Cinzia Montanucci, Pier Giacomo Tosti e Raffaela Violini e il discorso di insediamento.

Sono stati poi costituiti i seguenti Gruppi consiliari: Gruppo consiliare Partito Democratico con capogruppo Gianluca Palazzoli; Gruppo consiliare Umbertide Cambia con capogruppo Claudio Faloci; Gruppo consiliare Movimento Cinque Stelle con capogruppo Valentina Pigliapoco. E’ stata infine nominata la Commissione Elettorale composta da Ranuncoli, Valdambrini e Monni (componenti effettivi) e Orsini, Fiorucci Ilaria e Faloci (componenti supplenti). 

Il discorso di insediamento del Sindaco Marco Locchi

“Signor Presidente dell’Assemblea, signore e signori Consiglieri ed Assessori, cittadine e cittadini,

oggi è un giorno molto importante per la nostra città: si insedia questo nuovo consiglio comunale e questa nuova Amministrazione che guiderà la città per i prossimi cinque anni.

E quindi permettetemi innanzi tutto di rivolgere proprio ai nostri Concittadini di Umbertide, il mio primo saluto ed il sincero ringraziamento per la loro presenza a questa prima seduta del Consiglio comunale , la prima della nuova legislatura.

Ai Consiglieri Comunali voglio esprimere i miei più sinceri complimenti per la loro elezione in questa Assemblea e l’augurio di buon lavoro.

Ai dipendenti del nostro Comune il ringraziamento per il lavoro che ho potuto apprezzare nell'anno da facente funzione, per l'impegno profuso nei giorni del voto e per l’apporto che certamente continueranno a dare con assiduità , correttezza e competenza nella gestione amministrativa del nostro Comune.

Ai cittadini che ci hanno votato, che hanno con il loro consenso consegnato a Noi il dovere di guidare la nostra Città nei prossimi cinque anni , rivolgo il mio personale ringraziamento e quello dell’ intera maggioranza.

Ma il mio ringraziamento va anche a coloro che hanno sostenuto con il loro voto i candidati delle liste di opposizione. Veniamo tutti da mesi di campagna elettorale che è stata molto combattuta, in alcuni momenti anche aspra; ciascuna forza politica ha avuto modo di presentare il proprio programma, le proprie idee. La nostra città ha vissuto questi momenti con grande intensità e partecipazione e questo lo abbiamo visto anche dalla alta affluenza elettorale a dimostrazione che che la nostra città è una città matura, che ha compreso bene il significato  di questo fondamentale appuntamento democratico dal quale sono usciti in maniera chiara i risultati elettorali che conosciamo.

Potrà sembrare una citazione ovvia e banale , quasi scontata, ma voglio ripeterla anch’io perché dire che sarò Sindaco di tutti , anche di quei cittadini che non hanno condiviso il mio programma e che con il loro voto hanno eletto in questo Consiglio quanti svolgeranno il ruolo di opposizione che è mia intenzione tenere in alta considerazione perchè proprio dalla dialettica tra idee e programmi, che a volte si contrappongono, dal confronto tra coloro che pensano diversamente,  trae alimento la democrazia, maturano le società, si consolidano le comunità.    

Oggi si apre quindi un capitolo nuovo con un consiglio ed  una giunta nuovi che poi come previsto nell'ordine del giorno Vi presenterò.

E voglio aggiungere un ringraziamento alle amministrazioni che ci hanno preceduto perchè hanno assicurato alla nostra collettività uno sviluppo organico che ha tutelato sempre le fasce più deboli, cercando di ascoltare sempre i problemi e le difficoltà della nostra gente portando comunque la nostra realtà a livelli tra i più alti della nostra regione seppur con una pressione fiscale che è tra le più basse.

Debbo dirvi che pur avendo ricoperto il ruolo di Sindaco Facente Funzione per oltre un anno oggi mi sento molto emozionato come se fosse il primo giorno che mi siedo su questi scranni.  Durante l'anno di facente funzione in molti mi hanno ricordato il fatto che ero un Sindaco non eletto dal popolo, come se fossi un abusivo: oggi, dopo le elezioni del 25 maggio, mi siedo qui come Sindaco eletto dal popolo; mi sento  onorato di questo ruolo che cercherò di ricoprire nel migliore dei modi a vantaggio dell'intera nostra città. Un impegno che oggi credo dobbiamo assumere tutti nel rispetto del mandato che ci hanno dato i nostri cittadini.

Quella di oggi non è l’occasione per discutere dei progetti e delle idee concrete – lo faremo nel prossimo Consiglio comunale discutendo e votando gli indirizzi programmatici dell’Ente – ma delle motivazioni che hanno spinto noi tutti ad assumere questi incarichi, per volontà espressa dei nostri elettori.

Il consiglio di questa mattina non va preso come una semplice formalità da sbrigare il prima possibile perché tanto va fatto: il consiglio di oggi è un momento estremamente importante che si fonda sulle regole democratiche del nostro paese. Una democrazia che vede nella Repubblica e nella sua Costituzione i baluardi ed i riferimenti per ogni azione da compiere.

E quindi anche oggi voglio ricordare quanti hanno combattuto e dato la vita per liberare l'Italia dal nazifascismo: oggi 16 giugno 2014 nel pieno del 70esimo anniversario delle stragi del 1944 e del bombardamento di Umbertide del 25 aprile 1944, nel ricordo degli orrori della seconda guerra mondiale.

Iniziamo oggi un nuovo quinquiennio che ci vedrà molto spesso seduti su questi banchi per discutere ed affrontare insieme le questioni che riguardano la nostra città. Io lo dico chiaramente: non ho pregiudizi nei confronti di nessuno né nei confronti di alcuna formazione politica; se le proposte sono proposte che condividiamo in quanto di interesse per la nostra collettività noi non abbiamo alcun problema a condividerle per dargli quella ulteriore forza necessaria per la loro realizzazione.

Questa maggioranza intende governare in modo aperto, partecipato nell'interesse esclusivo della nostra città.

Aggiungo anche, tanto per chiarirci subito, che in questa residenza municipale non ci sono segreti, né stanze oscure né trame segrete né chissà quali scheletri nascosti: questo Comune non è né mio né vostro ma di tutti noi umbertidesi e quindi anche tutti i dipendenti sono al servizio della nostra città: i bilanci sono pubblici da anni. Vanno ulteriormente dettagliati? Benissimo decidiamo come e lo facciamo. Lo stato patrimoniale di amministratori e consiglieri deve essere reso pubblico come anche di recente qualche forza politica ha richiesto? Bene, tutti sappiamo che sia consiglieri che amministratori sono obbligati fin dallo scorso anno con il decreto legge 33 sulla trasparenza ad esporre sul sito del Comune il proprio stato patrimoniale quindi anche qui non ci sono problemi.

Io piuttosto i problemi li vedo – come per altro ci insegna la storia delle precedenti amministrazioni-  nello scarso interesse ed attenzione verso quelli che sono gli istituti istituzionalmente previsti che nel corso della legislatura finiscono per svuotarsi di interesse fino a perdere il loro significato la loro azione.

Quindi pensiamo a mettere in piedi delle buone commissioni – che come previsto per legge verranno nominate al prossimo consiglio-  o altre commissioni speciali, o ad usare se lo riteniamo necessario gli ulteriori strumenti di partecipazione democratica previsti nello statuto: lavoriamo in una logica costruttiva con l'obiettivo esclusivo di sviluppare qualcosa di positivo per il nostro territorio.

In questa ottica è mia intenzione chiedere al Presidente del Consiglio di convocare periodicamente i capigruppo al fine di assicurare una costante circolarità delle informazioni necessaria per il buon governo della città.

Io ho in mente un modello di governo fondato sulla trasparenza, sulla correttezza reciproca, sulla discussione, su cose concrete che dovranno essere fatte; su questi punti auspico che ci sia una condivisione, pur nel rispetto dei ruoli, tale da poter garantire alla città ulteriori anni di crescita e di sviluppo.

Chiudo augurando a tutti un buon lavoro.

Grazie”.


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy