Inchiesta su falsi contratti di lavoro, l'Imam di Umbertide tra gli indagati

L'imam di Umbertide Chafiq El Oqaily sarebbe uno dei  40 indagati per un'inchiesta della Procura della Repubblica di Perugia, riguardo falsi contratti di lavoro che avrebbero favorito l'immigrazione clandestina.

La vicenda risale a qualche anno fa, quando un venditore ambulante di frutta e verdura di Città di Castello, era stato arrestato. Il commerciante sarebbe risultato il datore di lavoro di una quarantina di persone, mai impiegate né retribuite.

Le indagini sono concluse e nell'avviso si afferma che, il presunto datore di lavoro e lo straniero, tramite documentazione falsa attestante un rapporto di lavoro, pagamenti fittizi ed atto di licenziamento, avrebbero tentato di indurre in errore i funzionari Inps, i quali avrebbero corrisposto l'indennità di disoccupazione dal 27 luglio al 31 ottobre 2012, per un ammontare di 7400 Euro. 


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy