Illegittimo il compenso ai revisori dei conti

Il consigliere  regionale di Fratelli d'Italia, Lignani Marchesani, attacca il sindacco Bacchetyta. Ciò quanto il consigliere riferisce: Non esiste normativa generale sui revisori dei conti degli enti locali ma una normativa specifica che riguarda composizione, natura e criteri di individuazione peraltro cambiata più' volte negli anni. Per il resto vale la normativa generale sugli enti privati ed il codice civile. L'unico riferimento ai compensi dei revisori pubblici a parte le tabelle di quantificazione dei massimi ( e non dei minimi) e' il tutt'ora vigente art.241 del TUEL che stabilisce a chiare lettere che il compenso e' stabilito a monte come per i revisori di società' e aziende private. La normativa del 2010 ha previsto eccezioni su cui la fattispecie del Comune tifernate non rientra come da me spiegato. La delibera e' dunque illegittima. Sorprende la risposta arrogante del Sindaco Bacchetta che dovrebbe farsi meglio consigliare e sorprende anche il silenzio dei diretti interessati che dovrebbero rinunciare. A questo punto deciderà' la Corte dei Conti e dispiace che a pagare saranno Consiglieri comunali indotti in errore e che prestano la loro opera gratuitamente.


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy