Il mantenimento dell'ordine nella fratta del ‘500

Nel 1521, l’amministrazione di Fratta, ordinò al notaio Mariano Sponta di stendere i nuovi statuti, sulla base di quelli del 1362, ormai antichi. Il notaio frattegiano acconsentì e in pochi mesi terminò l’opera, il testo venne poi approvato il 22 febbraio 1521. Il nuovo statuto era diviso in quattro parti; in particolare la parte terza era chiamata dei “liber malefitiorum” e disciplinava le sanzioni per i crimini commessi nel territorio di Fratta. E’ interessante sapere che già in quegli anni, molti comportamenti erano puniti severamente;  il capitolo 62 prevedeva l’inflizione di una pena di cinque denari e tre giorni di prigionia per i bestemmiatori: “Non solamente siamo tenuti per comandamenti della legge adorare lo omnipotente Idio ma etiamdio cum summo studio abstinerne da nominare el suo nome in vano quanto magiurmente e da punire chi epsso Idio omnipotente et la sua santissima matre et li soi sancti biastimma et maledissce”. Il capitolo successivo vietata di portare qualsiasi sorta di arma all’interno dei borghi di Fratta, sia essa bianca o da sparo, sanzionandone i colpevoli con pene dai venti ai cinquanta denari, questa misura probabilmente venne adottata per evitare fatti di sangue che vedevano protagonisti, forestieri intenti a commettere rapine e gli stessi abitanti di Fratta. Erano vietati alcuni giochi chiamati “prohibiti”, vale a dire tutte quelle sfide che prevedevano l’uso di dadi o carte; si potevano svolgere ad almeno un miglio di distanza dalle mura castellane, tutto ciò per evitare risse, accoltellamenti ed altri atti di violenza che di consueto nascevano durante questi passatempo. Come si legge nello Statuto: ” Perche el gioco e causa et guida de molti mali: si commo biastemmie: furti et risxe et fraude ad eradicarlo dal nostro castello Statuimo et ordinamo che in lo castello della Fratta: borghi soi et territorio: ne fora del suo territorio per uno miglio: alcuna persona tanto terrazzano quanto forestiero ardissca ne presuma giuchare a dade: ne accarte: ne attavole cum dadi: ne ad alcuno altro gioco simile a dadi o carte ad qualuncha gioco sia alcuna quantita de dinari […]”.  Pesanti sanzioni anche nei confronti di sodomiti e meretrici, sia pecuniarie che detentive. Era proibito inoltre l’uso di archi e balestre per la cacciagione, all’interno delle mura, pratica diffusa in quegli anni. La pena era di dieci denari, non incorrevano in sanzioni, i minori di dodici anni. Il decoro urbano iniziava ad essere uno degli elementi fondamentali per la società e il capitolo 75 stabiliva che: “Volendo refrenare la advaritia de molti li quali se studiano de occupare le vie publiche Statuimo et ordinamo che niuna persona ardisscha de occupare ne sopra prehendere alcuna via publica o vero vicinevele o veramente alcuna cosa la quale apartenesse o expectassese al comuno del castello della Fratta pena ad ciaschuno che contra facesse per ciaschuna fiada de cento soldi de dinari: et la ditta via o altra cosa sopra presa siano tenuti di sgombrare […]” ; evitando quindi a chiunque, non solo di occupare le vie pubbliche, ma anche di deturparle, come si legge nel capitolo successivo: ” Ad conservare la bellezza: utilita et sanita del nostro castello et persone habitante in epsso Statuimo et ordinamo che niuna persona ardissca et presumma gettare ponere: et collocare alcuna sozzura et in munditia: terraccio: saxa: legname: calcinaccio et alcuna altra cosa occupante et deturpante le strade de epsso castello et soi borghi la quale ce steggha et dimori oltre doi di sotto pena de soldi vinti de dinari […]”. Proibito anche l’uso di tamburi nelle ore notturne, visto il capitolo 130:” Statuimo et ordinamo che niuna persona de notte tempo de poi el terzo suono della campana del comuno insino al suono della Ave Maria qual sona ad l aurora in sancto Francesco ardisscha o vero presumi sonare: corno: tromba o tanburo per le strade del ditto castello ne in alcuno loco de ditto castello o soi borghi sotto pena de soldi X de dinari per ciaschuno et per ciaschuna volta”.  La maggior parte degli illeciti erano sanzionati, come abbiamo visto con pene pecuniarie; i governanti scelsero questo sistema per evitare il sovraffollamento carcerario. Il carcere di Fratta all’epoca era situato nella Rocca, aveva una capienza di circa dieci detenuti, ma in alcuni casi arrivò ad ospitarne anche il triplo, la maggior parte dei quali forestieri sprovvisti di documenti o in attesa di essere trasferiti nelle carceri di Perugia.   


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy