Grazie Don Luigi!

Un pezzo di storia umbertidese, una grande guida che ha contribuito alla crescita di tante generazioni, oggi lascerà la comunità che ha contribuito a far crescere durante questi tre decenni. Don Luigi Lupini, che il 22 gennaio di quest'anno ha festeggiato i trenta anni dal suo arrivo nella nostra città, domenica 21 settembre ritornerà nel suo luogo natio, nel comune di Scheggia e Pascelupo, e sarà sostituito dal parroco di Padule don Luca Lepri.

Di seguito riportiamo l'intervista a don Luigi pubblicata nel numero di febbraio 2014 di Informazione Locale in cui il parroco di Cristo Risorto ripercorre i suoi trent'anni di missione.

"Sono arrivato a Umbertide- racconta don Luigi- il 27 gennaio del 1984. Prima di venire qui sono stato parroco di Semonte per diciotto anni. Il mio predecessore, come parroco di Cristo Risorto, è stato Monsignor Pietro Bottaccioli, diventato poi vescovo di Gubbio. Fui mandato ad Umbertide dal cardinale Ennio Antonelli, all'epoca guida della nostra diocesi. Quando arrivai, trovai una comunità parrocchiana già importante e attiva, piena di ragazzi e di bambini. Già trent'anni fa la nostra parrocchia era la più grande della diocesi di Gubbio con 5mila parrocchiani. Ancora oggi Cristo Risorto detiene questo "record" e i fedeli sono cresciuti e sono diventati 8mila. A causa di ciò abbiamo dovuto progettare e costruire la nuova chiesa. Ricordo che quando arrivai, essa, che era situata in piazza Marx, aveva davanti a se la campagna. Negli anni Umbertide è cresciuta e la chiesa vecchia era diventata piccola. Quindi, davanti alla famiglia che cresceva, da buon padre, ho deciso di far diventare più grande la casa". "Già al tempo di Mons. Bottaccioli- prosegue il Dongi- c'erano molte attività e il servizio pastorale era molto impegnato ed erano coinvolti tantissimi giovani che sono rimasti fino ad oggi al servizio della nostra comunità. Da subito ho cercato di proseguire l'attività del mio predecessore. Appena giunto in città ho incontrato la realtà dei cinque Centri d'ascolto, che sono serviti per incontrarci e per approfondire nelle case il Vangelo e il Catechismo. Negli anni abbiamo completato la lettura del primo Catechismo degli adulti, dal titolo "Signore, da chi andremo". Inoltre, col tempo, tutte le attività, sia quelle rivolte ai giovani, agli adulti e alle famiglie, si sono ampliate". Uno dei punti di forza di Cristo Risordo, come ha ricordato Dongi, sono sempre stati i giovani: "Oggi, nella nostra parrocchia, abbiamo più di sessanta fra animatori e catechisti. Un'attività importantante è sempre stata quella dei campeggi estivi, dove ogni volta sono tantissimi i ragazzi che li vivono". Anche verso coloro che hanno il desiderio di costruire una famiglia è stato rivolto un servizio e per questo, da parecchi anni, "la nostra parrocchia  e la Zona Pastorale, promuovono dei corsi. Le coppie vengono seguite da don Gerardo Balbi, che le aiuta a comprendere l'importanza e la responsabilità dello sposarsi in chiesa". Don Luigi aggiunge che per questo "è importante il lavoro fra le tre comunità parrochiali presenti ad Umbertide. Il lavoro da fare è sempre tanto e le comunità devono essere educanti. Le famiglie devono essere sempre il soggetto della pastorale. Numerosi sono i nuclei familiari disponibili e il servizio di preparazione deve proseguire anche dopo il matrimonio e oggigiorno, anche a causa della crisi, sono cresciute di entità le convivenze". Un'altra importante attività all'interno della parrocchia guidata da don Luigi, anch'essa cresciuta in questi tre anni, è la Caritas. " Sono oltre quaranta- afferma il parroco- le persone che svolgono questo servizio, che è rivolto sia alle persone che vengono da fuori sia agli umbertidesi. La Caritas non ha solo il compito della distribuzione di vestiti e cibo, ma ha anche il compito di animare il servizio della carità, che è il mezzo pedagogico per educare e promuovere la responsabilità di tutta la comunità verso il sostegno comunicativo. Questa organizzazione si impegna a promuovere la carità verso coloro che sono nel disagio. Adesso le famiglie, al posto di buttare via capi d'abbigliamento o suppellettili, pensano che possano servire ad altri". Sempre per quanto riguarda l'aiuto verso i bisognosi, nella parrocchia guidata da don Lupini ogni anno viene organizzato un importante appuntamento: "Nel tempo- racconta Dongi- la Raccolta cibo, con cui raccogliamo beni di prima necessità che poi inviamo a due missionari originari della nostra città, don Leonardo che sta in Bolivia e don Vittorio che vive in Perù, è stata potenziata ed è divenuta una vera e propria dimensione educativa". Per don Lugi un tema fondamentale è sempre stato quello della collaborazione: "La collaborazione coi laici- afferma il sacerdote- è un elemento fondamentale e significativo. Importante è anche il dialogo e il sostegno con le altre istituzioni al fine di dare un servizio a tutte le persone e a tutto il territorio". Infine don Luigi si sente "molto soddisfatto di quello che è stato seminato, ma- aggiunge- c'è ancora molto da seminare. Dal punto di vista umano- dopo la decisione presa da Monsignor Ceccobelli di affidargli una parrocchia nel comune di Scheggia e Pascelupo e di aver scelto don Luca Lepri come suo successore- provo molta sofferenza a lasciare la nostra comunità, ma come sacerdoti siamo al servizio della Chiesa e quando siamo ordinati diamo obbedienza e rispetto alle proposte che ci vengono fatte".


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy