Degli oltre 364mila euro previsti per il Comune di Umbertide dal Decreto Agosto ne arriveranno solo 119mila

Dal governo centrale sono arrivati al Comune di Umbertide solo 119mila euro dei 364mila previsti dal cosiddetto Decreto Agosto. In seguito alla modifica dei criteri di assegnazione da parte del governo centrale, anziché 245mila euro come era stato precedentemente comunicato, le somme a saldo si sono rivelate pari a zero. Il Comune dovrà quindi fare ricorso all'intero proprio Fondo di Riserva per garantire gli interventi in programma e gli equilibri di bilancio.
E' quanto emerso nel corso dell'ultima seduta del Consiglio comunale durante la risposta dell'assessore al Bilancio, Pier Giacomo Tosti a una interrogazione presentata dal gruppo consiliare della Lega.
“In merito al Fondo per le funzioni fondamentali bis, il cosiddetto Decreto Agosto – ha detto l'assessore – nel mese di novembre sono state erogate a titolo di acconto al Comune di Umbertide risorse pari al 32,7% del complessivo previsto, quindi una cifra pari a 119.345,97 euro. In occasione dell'approvazione della salvaguardia degli equilibri al bilancio di previsione 2020/2022 e dell'assestamento sono stati quindi inseriti in entrata i 364.972 euro previsti e in spesa stanziamenti per importanti interventi sui servizi comunali relativi all'emergenza Covid-19”.
“Nelle scorse settimane si è dibattuto molto su questi fondi provenienti dal governo ed erano state anche avanzate dalle minoranze proposte di utilizzo. Tali proposte sono state fortunatamente respinte dalla maggioranza. Dico per fortuna perché il 1° dicembre, il giorno dopo il termine ultimo dell'approvazione della salvaguardia degli equilibri e dell'assestamento di bilancio, è stato reso noto il cambio dei criteri della distribuzione delle risorse da parte del governo agli enti locali e al Comune di Umbertide è stato comunicato che, ad esclusione degli oltre 119mila euro già erogati, il saldo spettante previsto che era stato previsto per 245mila euro, sarebbe risultato pari a zero. Quindi, la restante parte di quei famosi 364mila non ci sarebbe stata versata”.
“Faremo fronte a questa situazione – ha proseguito l'assessore – utilizzando per interno il nostro Fondo di riserva. Fortunatamente, avendo tenuto nel corso del tempo, un atteggiamento rigoroso riusciremo a sopperire a questa situazione incomprensibile e inaccettabile, perché non si può prima comunicare risorse per poi toglierle dopo la salvaguardia degli equilibri di bilancio. Se non avessimo fatto degli accantonamenti prudenziali saremmo oggi in grande difficoltà”.
“E' chiaro – ha concluso l'assessore - che l'atteggiamento del governo non può lasciarci indifferenti e quindi l'Amministrazione utilizzerà i canali istituzionali, interessando anche l'Associazione Nazionale Comuni Italiani, per stigmatizzare quanto avvenuto e far sì che non si ripeta”.
 
 

Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy