Città di Castello: coltivava marijuana in casa, 30enne condannato

Aveva creato all’interno della propria abitazione, nei pressi dello Stadio “Bernicchi” di Città di Castello, una serra artigianale per la coltivazione di marijuana. La Guardia di Finanza nell’ambito dell’operazione denominata “Pollice verde”, ha arrestato un 30enne di Città di Castello, con l'accusa di coltivazione di sostanze stupefacenti.

Il 30enne aveva costruito nel suo giardino una struttura in legno, con all’interno una stanza chiusa, dove era stata allestita una serra per la coltivazione della canapa indiana. Sfruttando speciali attrezzature per il controllo dei cicli di irraggiamento, umidità e areazione, costituiti da timer, lampade riscaldanti UVA/UVB, igrometri e ventilazione forzata, il giovane coltivava 21 piante di marijuana in perfetto stato di fioritura, pronte per essere essiccate ed utilizzate.

All’interno dell’appartamento, le fiamme gialle, hanno rinvenuto anche un bilancino di precisione, 3 etti di marijuana già pronta per il consumo ed altre numerose piante sistemate su dei comuni stendini per la fase finale dell’essicazione. Lo spacciatore è stato condotto davanti al Giudice per il rito direttissimo ed è stato condannato alla pena di 10 mesi e 20 giorni di reclusione e 2.600 euro di multa, con il beneficio della pena sospesa.


Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy