Campione di judo ricoverato per Covid: per Milli addio al ritiro con la Nazionale

Inizia oggi (12 marzo) presso il Centro di Preparazione Paralimpica di Roma il raduno tecnico della nazionale di Judo Fispic. Due gli atleti convocati per il Kodokan Fratta, Gabriele Scorsolini, categoria 60kg e Michele Milli, categoria 81kg. Purtroppo Milli non potrà prendere parte al ritiro perché sta combattendo una sfida ancora più grande nel reparto Covid dell'ospedale di Città di Castello. Classe 1984 Michele è uno dei pilastri della Nazionale Fispic, un titolo Italiano nel 2018, una partecipazione agli Europei Ibsa del 2019 e un sogno che sembra diventato un incubo, la partecipazione alle Olimpiadi di Tokio, allontanate stavolta, non da un infortunio o un avversario ma da un virus che tenta vigliaccamente di espugnare le difese del campione umbertidese.
 
Michele Milli, classe 1984, è la dimostrazione che purtroppo il covid 19 sta aggredendo una fascia di età che nelle prime due ondate era stata toccata solo marginalmente. Il suo ricovero è stato necessario dopo una settimana in cui il virus stava progressivamente esercitando i suoi terribili effetti.
 
“Voglio tranquillizzare tutti – dice il tecnico del Kdk Fratta, Mirco Diarena – la situazione sanitaria di Michele al momento è stabile. Sono molto preoccupato invece per il virus, non sa chi è andato a sfidare. Sta attaccando un ragazzo che ha lottato più volte con la morte e ne è sempre uscito vincitore. Nel 2008 ha ricevuto una fucilata in pieno volto e da quel giorno il ragazzo è diventato un uomo e ha iniziato la sua personale battaglia contro il destino. Michele guarirà e lo farà presto, in tempo per tornare a dare il suo contributo alla Nazionale.
Michele – continua Diarena – non sa arrendersi. A luglio la nostra società si è ritrovata senza una palestra dove potersi allenare ma lui non si è perso d'animo. Si è costruito una palestra in cantina e ha continuato ad allenarsi, con alcuni compagni quando la situazione sanitaria lo permetteva o da solo. Stiamo parlando di un ragazzo che ha subito due operazioni alle ginocchia e sei agli occhi. Ribadisco, il virus cinese stavolta ha sbagliato bersaglio. Michele vincerà anche questa sfida e lo farà in poco tempo”.
 
"Michele è un judoka - ha detto il presidente della Fispic, Sandro Di Girolamo - vincerà anche questo incontro. Lo aspettiamo a braccia aperte e siamo sicuri che tornerà presto a dare il proprio contributo alla squadra".

Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy