Notizie » Editoriale Prima il bilancio poi la politica

Dopo il menù di Capodanno veniamo al menù della città per il prossimo anno, ricco di eventi che potrebbero cambiare il volto della nostra comunità. Innanzitutto, accanto alle elezioni europee del 22-25 maggio, si svolgeranno anche le elezioni amministrative per il nuovo sindaco. Le manovre sono già in atto, ma il terremoto dentro il Pd di Umbertide, dopo la vittoria di Renzi, le rende più complicate. Legittimamente la componente maggioritaria nel partito - quella renziana - auspica un suo candidato; i “Giovani turchi” e i bersaniani (se ancora vi sono), che pur hanno la maggioranza interna al partito dopo il congresso, vantano una priorità. Che fare? Presto è detto: con Renzi segretario nazionale e data la prassi ormai consolidata non vi è altra soluzione che le primarie. Una diversa soluzione di compromesso interno (difficile da prevedere, comunque) sarebbe il definitivo svuotamento di un partito e la testimonianza di un comportamento che i cittadini, prima che gli iscritti al PD, rifiuterebbero. Meglio: non vedere il segno dei tempi sarebbe la prova provata di una classe dirigente che vive in altro pianeta. Primarie sì: ma come e con chi? Evidentemente, nelle elezioni comunali, ciò che conta è la coalizione con il suo programma di governo; di conseguenza, per renderla più forte, occorre il bagno del consenso delle primarie allargate alla coalizione. Questa strategia vale anche per il centro destra, chiamato a rendere possibile una svolta storica. I numeri, infatti, potrebbero dare la possibilità del doppio turno e in quel contesto nulla è scontato. Ancora: appaiono all’orizzonte anche le liste civiche. Bene è un segno di vitalità, solo però se riusciranno a coalizzarsi poiché il rischio è quella della polverizzazione del consenso. Tuttavia, le liste civiche potrebbero essere effettivamente la nuova variabile del cambiamento. Non sembra, allo stato attuale, che il movimento 5 Stelle abbia un candidato forte e un programma chiaro e distinto. Ma se avvenisse una coalizione di liste civiche e grillini allora le sorprese potrebbero esserci. Naturalmente si parla al condizionale con gli elementi che si hanno. All’indicativo, invece, un problema va posto: il bilancio comunale. Le ultime vicende (Tares, Imu, ecc.) hanno evidenziato una fatica di gestione. A tutte le forze politiche responsabili va lanciato un appello: capire come sostenere il bilancio. Poi si vedrà.  

03/01/2014 15:19:01

Notizie » Società Civile Gruppo missionario umbertidese: 25 anni di solidarietà

La solidarietà si sviluppa nel tempo, con costanza, abnegazione, gratuità e perseveranza. Questi i caratteri che ha il Gruppo Missionario Umbertidese, che festeggia 25 anni di attività. Il responsabile, Giampaolo Giostrelli, sottolinea perché l’attività è andata sempre bene: non è stato mai smarrito (e sprecato) un centesimo. “Perché – spiega Giostrelli - il Vangelo non ammette alcuna deroga”. In 25 anni il gruppo incardinato nella parrocchia della Collegiata ha raccolto oltre un milione e mezzo di euro, destinati sopratutto al Burkina Faso, uno dei Paesi in assoluto più poveri del mondo. “Tanti soldi - afferma Giostrelli – che non sono stati frutto di una vaga idea di solidarietà, oggi tanto abusata e di moda, ma di vero, concreto impegno cristiano, vissuto alla luce esigente del Vangelo. Tutta la città e non solo (esistono benefattori a Saronno, come a Cagliari, a San Sepolcro come a Roma) in questo lunghissimo scorcio di tempo che va dal 1988 al 2013 si è stretta attorno al gruppo missionario, permettendo di realizzare una serie straordinaria di opere, senza che una sola lira o un euro fossero sprecati. Basti pensare ai 35 pozzi di acqua potabile costruiti nella regione di Nanoro (dove si è concentrata l'attività missionaria), le 580 adozioni scolastiche in corso, le tre scuole costruite, la chiesa di Ouagadougou. E poi ancora una casa di accoglienza di ben 24 camere in grado di ospitare 70 ragazze, serbatoi di acqua da 12 metri, gli aiuti alla popolazione che quotidianamente permettono il pasto di 2600 bambini e tanto altro ancora, compresi gli aiuti inviati ad Haiti dopo il terremoto, il denaro per un orfanotrofio di Phnon Penn in Cambogia, i ben 13 mila euro versati alle parrocchie ed alle associazioni di Umbertide, i 20 mila euro per acquistare 14 barche da pesca per le popolazioni del sud est asiatico colpite dallo Tsunami”.  

01/01/2014 19:53:13

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy