Attualità » Primo piano Il pro sindaco di Umbertide replica all'opposizione

 La polemica è al calor bianco: Umbertide è spaccata. Nostro dovere è perciò l'informazione a tutto tondo. Così riceviamo e pubblichiamo il comunicato del Sindaco facente funzioni Marco Locchi, in risposta all'opposizone consiliare.   "Il bilancio del Comune di Umbertide era ed è sano, è stato ampiamente discusso in Consiglio Comunale e nelle Commissioni, è trasparente, è pubblicato sul sito istituzionale del Comune, come peraltro previsto dalla normativa sulla trasparenza, ed è pertanto accessibile a tutti i cittadini.  Non ci sono i buchi che qualcuno conosce bene per averli creati in altre realtà; tutto viene strumentalizzato a fini elettorali. Tra i soggetti e i partiti che aprono bocca, a nessuno interessa dei cittadini.  In primavera si andrà alle elezioni e gli umbertidesi sapranno distinguere le persone corrette da quelle alla ricerca solo di tornaconti personali. Avremo l’occasione di un confronto schietto e veritiero che, una volta per tutte, metterà fine ad insinuazioni e strumentalizzazioni. Chi amministra lo fa nell’interesse dei cittadini mentre quelli che spesso parlano sono animati da astio e voglia di rivincita proprio nei confronti degli umbertidesi che non hanno mai dato loro la fiducia necessaria per essere forza di maggioranza della città. L’autonomia e la forza dell’Amministrazione si dimostra con i comportamenti, con il coraggio di metterci la faccia, con la serietà con cui si affrontano i problemi.  Forza Italia con il suo leader condannato e, a breve, ai servizi sociali, parla di criminali. Si vergogni! E’ una colpa non aver fatto pagare di più fino a quando si è potuto? Si vergognino questi individui che, avendo tra l’altro introdotto la Tares con l’ultimo Governo Berlusconi, hanno tagliato risorse ai Comuni e quindi ai servizi ai cittadini e soprattutto a chi ha maggiori difficoltà. Sono loro i responsabili dello sfascio del Paese e delle difficoltà che vivono le famiglie e le imprese. Si nascondono dietro i “forconi” ma i “forconi” dovrebbero inseguirli". Il sindaco di Umbertide  Marco Locchi

18/12/2013 21:14:25

Attualità » Primo piano L'opposizione a Umbertide: il pro sindaco Locchi si dimetta

Riceviamo e pubblichiamo. "Non è questa la sede per ricordare che i sottoscritti sono stati i primi - e gli unici - a esprimere un voto contrario in Consiglio comunale in tutte le puntate scabrose della vicenda TARES. Fa sorridere vedere ora soggetti eletti in maggioranza, che hanno in precedenza avallato tutte queste scelte, inseguire le legittime esigenze della popolazione. Era - ed è - evidentemente necessario cercare di rateizzare e spalmare nel tempo questa “batosta”, che si abbatte in unica soluzione soprattutto su attività produttive e commerciali, ma anche sui privati cittadini. Il punto politico sta però nella criminale gestione del Sindaco Giulietti che scientificamente ha ritardato nel tempo l’adeguamento da “tassa” a “tariffa”, facendo quindi trovare l’intera Comunità umbertidese in questa difficile situazione, proprio in un momento drammatico dal punto di vista economico. Un atteggiamento perseguito fino all’ultimo per perpetrare un consenso “drogato”, arrivando alla follia di far mandare le cartelle solo all’indomani delle primarie del PD. Il tutto con l’avallo del Prosindaco, che fa il semplice esecutore delle volontà politiche del predecessore. Un Prosindaco, ricordiamolo, individuato alla vigilia delle dimissioni dell’ora onorevole Giulietti e privo di qualsiasi mandato elettorale. Umbertide non può permettersi questa cattiva gestione della cosa pubblica, tra l’altro determinata esclusivamente da mentalità “vetero-sovietiche” finalizzate al consenso e al culto della personalità, tanto più con un Primo Cittadino privo della più elementare forma di rappresentatività, vale a dire quella data dal voto popolare. Dispiace dirlo, ma un Commissario può fare certamente meglio, garantendo tra l’altro anche un percorso elettorale trasparente. Il Prosindaco Locchi si dimetta !" I Consiglieri di opposizione Giovanna Monni      Antonio Molinari      Michele Zurino

18/12/2013 19:18:31

Cultura SAP-ORI IN CORSO: dalla gioielleria al Cozzari quotidianamente Casa.

Nella vetrina dei corsi di gastronomia non è sempre oro tutto quello che luccica. Lo è se a organizzarli ci pensa una storica gioielleria di Pierantonio. Luigi Cozzari mi mostra un bicchiere da acqua, poi suggerisce d’utilizzarlo per un semifreddo. Con una credenza così le credenziali ci sono già. Quando Luigi mi fa accomodare in cucina capisco immediatamente che, pur trovandomi all'interno d’un gioiellino, non sono finita in una cucina-gioiello del tipo guardare e non toccare; c’è del cibo sul grande tavolo bianco. Non è una questione di girocollo bensì di girovita potenzialmente in pericolo dopo che lo chef ha spiegato come realizzare sfiziosi dessert d’inverno. L’ambiente attrezzatissimo è un porta-gioie sì, ma per il palato. Per una volta, non si parla di solitario, tutt'altro, “in cucina si respira aria di aggregazione, convivialità, scambio di saperi” mi informa Luigi mentre cerca di spiegare come tutto sia nato dalla passione e dal lavoro suo, della sorella Antonella e dell’intero staff. E ci saremmo aspettati una spiegazione su come dalle ostriche si ricavino le perle non certo i risotti! Cosa ci fa una cucina al primo piano d'una gioielleria? Facciamo il punto (luce). Da Cozzari, siamo abituati a farci prendere per la gola quando si tratta di infilarci una collana. Non c’è da sorprendersi che adesso si voglia passare ai fatti, in casa, più precisamente in cucina dove si svolgono le lezioni di “Cucina in corso”. Insomma, si parla di anelli ma stavolta, semmai, ci si riferisce a quelli di cipolla! D’altro canto con il braccial-etto di farina il maestro impastatore sceglie di realizzarci l’impasto del pane e allora non si possono fare orecchi(ni) da mercante perché c’è da stare attenti al timer del forno. Dia manti a 24 cariati: i vassoi pieni di biscotti di pasta frolla (il tema d’una lezione svoltasi da poco) lasciano intendere dolcezza. Torno seria, torno posata,giustappunto. L’idea nasce con l’intento di promuovere la cultura alimentare a partire dai prodotti tipici come olio, lenticchie, carne o vini locali. L'idea prosegue perché per quanto appaia inaspettato il mix di lezione, realizzazione e degustazione non tarda a piacere. Da Cozzari si sceglie di stare al passo con i tempi purché non entrino in contrasto con quelli di cottura: la tradizione ha la meglio. "Cucina in Corso” ben diversa dalla cucina di corsa, quest’ultima trangugiata per fretta quando non per trascuratezza del banchetto, mancava. C'è da rimanere proprio con l'amaro in bocca nello scoprire che il progetto è partito un anno fa e che ha all'attivo una serie di lezioni già tenutesi. Cosa ci siamo persi. La cucina-espositore Cozzari non sembra proprio fat ta perché il visitatore possa rimanere sulla porta o in piedi troppo a lungo: l’arredamento invita a sedersi, riposarsi un po’ come fa l’impasto. E allora è bello pensare i commensali replicare la stessa lievitazione del buon pane sforno; dopo tre ore di esperienze olfattive, gustative, visive tanto da diventare estetiche, non si può che uscirne migliori, saporiti. “Cucina in corso” non si limita ad insegnare qualche ricetta in più, non c’è nessun frettoloso ( e talvolta isterico) copia e incolla d’ingredienti da libri specializzati trovabili ovunque al giorno d’oggi. Beninteso, ci si iscrive alle lezioni per tornare a casa non soltanto entusiasti ma anche ammaestrati; al termine delle lezioni, tematiche non a caso, si acquisiscono competenze mirate. "Cucina in corso" è un'esperienza da fare, di cui spettegolare e da regalare a parenti e amici perché, si sa, ci pensa già la cr isi a tenerci a stecchetto perciò se il pacchetto da scartare è commestibile questo tempo di magra ci apparirà più digeribile... e anche più grasso. "Un diamante è per sempre", la carne in frigo un po' meno ma pazienza: non riempirà il cuore ma lo stomaco sì! Da sapere. Il ciclo di lezioni del 2013 si è concluso ma un nuovo calendario bolle in pentola per il 2014. Per informazioni www.cozzaricasa.it. Fb: Cozzari Casa. Elisa Vescarelli

18/12/2013 16:13:48

Attualità » Primo piano Rifondazione comunista: esce dalla Giunta di Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato ufficiale del direttivo del PRC di UMbertide, a conferma dei “rumors” di ieri. “Il direttivo del Circolo del PRC di Umbertide Enrico Berlinguer, riunitosi domenica scorsa ha deciso di ritirare il proprio sostegno alla Giunta del Comune di Umbertide. Dopo mesi di aperto e franco confronto con le forze della maggioranza il Prc di Umbertide ritiene che siano svaniti i possibili margini di mediazione tra le forze politiche che compongono la maggioranza. In questo ultimo anno l'amministrazione è stata coinvolta in una “faida” interna al PD che, con il cambio di Sindaco, ha finito per rendere ancora più complicata l'azione dell'amministrazione. Basti semplicemente pensare al cambio di assessori, o al rimpallo di responsabilità sulla vicenda della centrale a Biomasse di Pian D'assino fra la Provincia ed il Comune. Con estremo senso di responsabilità, pur essendo cambiate moltissime cose sul quadro politico nazionale, abbiamo comunque sostenuto questa amministrazione e le sue scelte, anche quelle più dolorose ed impopolari, cercando di ridurre i danni che le politiche dei governi delle larghe intese hanno portato avanti rendendo di fatto i comuni dei “gabellieri” dei governi, costretti di fatto a scegliere se fallire o tagliare servizi o aumentare le tasse. A fronte di un atteggiamento responsabile di questo tipo, nonostante il nostro partito sia all'opposizione sul livello nazionale al Governo Letta, sulle questioni locali nulla è stato fatto per ridurre i margini di differenza politica che si stavano ampliando. Non è stato fatto il fondo di solidarietà, e di fatto l'unico assessore che ha deciso di destinare la metà del suo compenso per dare un esempio di buona politica è stato solo il nostro. A fronte di richiesta di sacrifici questo atto sarebbe stato un modo intelligente per ridurre la distanza tra cittadini ed eletti, siamo invece stati accusati di strumentalità. Non è stato fatto come avevamo proposto in sede di verifica il regolamento d'igiene sulla centrale a Biomasse e di fatto questa amministrazione ha mancato di coraggio sull'intera vicenda. Nel bel mezzo di questo confronto inoltre il PD ha votato un ODG del Psi che altro non era che un tentativo di risolvere in Consiglio Comunale una verifica di maggioranza che avrebbe dovuto tenersi in altra sede e che chiedeva al nostro partito di abbassare la testa pubblicamente con il ricatto del voto di maggioranza. Come ultimo atto infine, nello stesso giorno in cui si è approvato un bilancio lacrime e sangue il PD locale ha bocciato il nostro ODG contro la trasformazione della E 45 in autostrada, opera inutile, costosa e dannosa, tracciando un ulteriore distanza nella maggioranza. Questi elementi ci hanno portato a ritenere che sia conclusa l'esperienza del centro sinistra nel nostro territorio”.  Il Direttivo del PRC di Umbertide

17/12/2013 16:31:35

Attualità » Primo piano Il Movimento 5 Stelle: contro la Tares cittadini liberi

Riceviamo e pubblichiamo.   Ieri ad Umbertide il Movimento 5 Stelle ha organizzato insieme ai commercianti ed ai cittadini una manifestazione contro la Tares alla quale si sono uniti vari gruppi, associazioni e liberi cittadini. Abbiamo presentato la comunicazione in questura, avvertito le forze dell'ordine, abbiamo montato il nostro Gazebo con tanto di bandiere, abbiamo portato microfono e cassa per amplificare gli interventi di chi avesse voluto dire la sua, dando voce ai cittadini, abbiamo portato qualcosa da mangiare per chi fosse intervenuto. La manifestazione ha avuto un grande successo, ed è stato bello vedere finalmente cittadini liberi che esprimono le proprie idee, abbiamo apprezzato anche il confronto con il Sindaco che per lo meno non si è nascosto dietro le finestre del palazzo comunale, anche se le sue risposte sono risultate purtroppo incomplete , totalmente insoddisfacenti e spesso fuorvianti. Contenti della partecipazione popolare e al tempo stesso arrabbiati per la situazione nella quale questa classe dirigente ci costringe a vivere, ce ne siamo tornati ognuno alle proprie vite. Stamattina la grande sorpresa! Leggendo i giornali troviamo che PDL e Umbertide Aperta si prendono tra le righe i meriti della protesta . Ma quando mai? Ma dove? Ma dov'erano? Noi non abbiamo visto nessuno! Probabilmente ai giornalisti sfugge che Orazi esponente di Umbertide Aperta, che tra le altre cose era anche consigliere della maggioranza fino a poco tempo fa , ed il PDL umbertidese, che ancora non si sa se è rimasto con il condannato Berlusconi o sia passato con Alfano, erano entrambi presenti all’interno del Consiglio Comunale quando queste strozzanti tasse venivano discusse e deciso ed applicate dalla Giunta. Allora avrebbero dovuto scendere in piazza , informando i cittadini, dicendo che si poteva evitare per il 2013 l’introduzione della TARES e non ora a prendersi dei meriti che non hanno. La macchina della disinformazione è partita di nuovo ad Umbertide , ma i cittadini non sono stupidi e vedono chi è tra loro in quanto tali e quali a loro, il Movimento 5 Stelle era lì, e di chi vuole solo avere momenti di gloria per mantenere il proprio status quo non c’era traccia.    Questo signori è un problema molto grave! Perché purtroppo non possiamo fidarci dei racconti di nessuno per capire la realtà che ci circonda, purtroppo l'invito è sempre quello, partecipiamo in prima persona così non dovremo leggere i resoconti parziali o totalmente fuorvianti. Saluti e a presto. m5s Umbertide. Responsabile delegato invio presente mail Palazzini Michele  

17/12/2013 16:25:25

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy