Notizie » Politica L'ON. GIULIETTI (PD) INTERROGA IL MINISTRO DELL'AMBIENTE SULLA SITUAZIONE DI CALZOLARO

Riceviamo e pubblichiamo L'interrogazione ha la finalità di porre all'attenzione del Ministero la situazione nella quale si trovano a vivere i residenti nella frazione Calzolaro del Comune di Umbertide (PG), abitata da circa un migliaio di persone, considerando anche agriturismi, case vacanze, bar e attività di ristorazione, dal momento che la qualità della vita degli abitanti della zona è da tempo gravemente pregiudicata dalla presenza di continui gas e odori intollerabili che permeano tutta l'area di giorno e di notte. Nella frazione, a ridosso dell'abitato, si trova l'impianto di recupero per rifiuti speciali non pericolosi della società Splendorini Molini Ecopartners srl, in cui vengono trattate tipologie di rifiuti consistenti in scarti del settore agricolo, alimentare, lattiero caseario e relative catene di trasformazione e distribuzione.  L'impianto negli anni è stato autorizzato ad incrementare i quantitativi di materiale trattato e, da 14.000 T/anno è passato a 21.000 T/anno nel 2013, 35.000 T/anno nel 2016, fino ad arrivare a 50.000 T/anno nel corrente anno. La Provincia di Perugia infatti con determinazione n. 4922 del 20/11/2015 autorizzava l'impianto Splendorini a trattare 35.000 T/anno nel 2016 per poi aumentare a 50.000 T/anno dal 2017. La tipologia di materiali trattati comporta emissioni maleodoranti intollerabili che inevitabilmente danneggiano gli abitanti. Va rilevato che la presenza di tali impianti industriali ha determinato un notevole incremento del passaggio di mezzi pesanti, quali Tir e camion, rendendo pericolosa la strada che attraversa l'abitato e incrementando l'insalubrità dell'aria. L'Arpa dopo aver effettuato un monitoraggio tramite sistemi di olfattometria e multisensoriali (naso elettronico), ha registrato numerosi eventi di cattivo odore.  Nella sua relazione evidenzia che nel periodo maggio-giugno 2017, sia il personale dell'A.R.P.A. che il personale della Polizia Municipale, ha in più occasioni evidenziato un disturbo olfattivo conclamato e persistente.  Specifica altresì che i sopralluoghi effettuati nei mesi di maggio e giugno hanno evidenziato la presenza di odori disturbanti di difficile tollerabilità. Riferisce altresì l' A.R.P.A. che il disturbo olfattivo in alcune occasioni è legato al trasporto dei rifiuti in ingresso, dei rifiuti prodotti e del prodotto finito e si verifica anche per i mezzi che escono vuoti. Per completezza di informazione va significato che a poca distanza da Calzolaro, in loc. Bonsciano (Comune Città di Castello), si trova una centrale a biomasse. L'interrogazione dell'on. Giulietti chiede al Ministro dell'Ambiente quali iniziative intende mettere in atto per garantire ai cittadini e alle attività di Calzolaro un ambiente salubre dove vivere ed operare.  

13/07/2017 12:44:38 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica LA PRESIDENTE DELL'ASSEMBLEA LEGISLATIVA PORZI ALLA PRESENTAZIONE DEI RISULTATI DEL PROGETTO ''SCHOOL STILL PLAYS'': ''INIZIATIVA CHE METTE LA PERSONA AL CENTRO DELLE POLITICHE SCOLASTICHE''

Riceviamo e pubblichiamo Perugia, 12 luglio 2017 - “E' fondamentale mettere la persona al centro delle politiche scolastiche, evitando di sottoporre il settore a continui tagli”. Lo ha detto la presidente dell'Assemblea legislativa dell'Umbria, Donatella Porzi, intervenendo nella Sala Falcone e Borsellino della Provincia di Perugia alla presentazione dei risultati del progetto “School still plays”, che mira a combattere l'abbandono scolastico. “E' stato uno dei progetti che ho fortemente voluto da assessore provinciale, che ha visto la Provincia di Perugia come capofila – ha spiegato la presidente Porzi – e che spinge il mondo scolastico a concentrarsi su aspetti e fragilità che, per la struttura stessa del sistema, spesso sfuggono. Servono però le giuste risorse per concentrarsi su un lavoro di prevenzione, da attuare anche con dati ed analisi utili alla sensibilizzazione di chi poi scrive le 'regole del gioco'”. “In questo contesto l'iniziativa 'School still plays', iniziata nel 2014, è da classificarsi dunque come una buona pratica, premiata con un ingente finanziamento europeo, che dovrà essere replicata quanto prima. Si tratta di un progetto che si è concentrato sulla cosiddetta 'educazione emozionale', che coinvolge le persone nella sua globalità, comprendendo anche la sfera affettiva e delle inclinazioni. Ha previsto la realizzazione di report, ma anche lo sviluppo di modelli pedagogici innovativi. Attività importanti, che hanno visto la sinergia di realtà come il Centro Studi Villa Montesca e il Tucep dell'Umbria (Tiber Umbria commett education programme), che ringrazio per il proprio contributo, e che hanno portato il nostro territorio a distinguersi nel panorama nazionale”.  

13/07/2017 12:32:12 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica Umbertide Cambia su questione Calzolaro:''Le responsabilità che inchiodano questa e la precedente Amministrazione comunale, come Provincia e Regione, sono senza appello''

Riceviamo e pubblichiamo Aspettavamo i risultati Arpa su Calzolaro per capire definitivamente le responsabilità e orientare le decisioni. Ebbene, i dati sulla continua presenza di emissioni odorigene nauseabonde che persiste nella frazione umbertidese è, da referto, di “difficile tollerabilità”. Anche l’Arpa parla di modifica delle autorizzazioni. Le responsabilità che inchiodano questa e la precedente Amministrazione comunale, come Provincia e Regione, sono pertanto senza appello. Proprio per questo, ormai, la questione Calzolaro non ha più una dimensione locale, ma deve essere portata all’attenzione regionale, facendone l’occasione per ripensare nella sua totalità il sistema di gestione dei rifiuti, perché rimanendo ancorati ad una visione ristretta si finisce per fare di un problema di ordine generale una bega di quartiere. Quello che finora ha portato a nascondere le responsabilità del Pd e della maggioranza e, soprattutto, a non risolvere il problema per i cittadini di Calzolaro. Questa, del resto, è anche la ragione del nostro esposto in Procura. Ciò è tanto più vero se si pensa alla nuova situazione che la stessa Arpa indica, quella di una necessaria rivisitazione dell’autorizzazioni concesse alla ditta Splendorini. Pensare di ridurre il tonnellaggio del trattamento rifiuti significa rimettere in dubbio l’assetto regionale dal momento che tanto la ditta quanto il ruolo di Belladanza, su cui entrambe ora pesa l’intera gestione umbra dei rifiuti, vanno ricollocate per dare al nostro territorio una strategia da qui a venti anni. In questo quadro, la prossima settimana ci siamo fatti promotori di una conferenza presso il Consiglio regionale con alcuni movimenti civici e ambientalisti dell’Umbria per alzare il tiro su Calzolaro, che è questione regionale e nazionale.    Umbertide cambia      

12/07/2017 12:43:09 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica M5S Umbertide:''Assemblea pubblica a Calzolaro molto partecipata''

Riceviamo e pubblichiamo Lunedì 10 luglio, il Movimento 5 Stelle ha indetto un'assemblea pubblica a Calzolaro, molto partecipata e alla quale hanno preso parte anche i colleghi del M5S di Città di Castello. Abbiamo ritenuto questo incontro un atto dovuto per una questione di correttezza e di rispetto nei confronti degli abitanti della frazione umbertidese, alla luce delle recenti notizie che vedono protagonista proprio l'impianto di trattamento sito all'interno della frazione. Documenti alla mano abbiamo voluto illustrare nel dettaglio quello che è stato l’iter che ha condotto alla situazione attuale e abbiamo voluto puntare l’attenzione su quelli che saranno i possibili sviluppi della questione legata, all’impianto in vista anche di una possibile acquisizione dello stesso da parte di Sogepu. C'è il rischio che la frazione organica umida con l’entrata di Sogepu nell'azienda sarà molto probabilmente implementata con conseguente peggioramento della qualità della vita degli abitanti della frazione. Da molto tempo i cittadini non fanno segreto del disagio legato alla presenza di un simile impianto in pieno centro abitato. Le problematiche riguardano principalmente il cattivo odore che pervade tutto il paese e che in alcuni casi ha causato malori ad alcune persone, ma riguardano anche il continuo passaggio di mezzi pesanti che transitando ininterrottamente e rumorosamente (sia di giorno che notte) provocando un notevole disagio alla popolazione e destando molta preoccupazione dal punto di vista della sicurezza. Durante l’incontro i presenti hanno sottoscritto la petizione promossa da alcuni residenti. Con tale documento, indirizzato al Sindaco di Città di Castello, i cittadini di Calzolaro manifestano l’assoluta contrarietà a che l'attività di trattamento di rifiuti prosegua all'interno del centro abitato. I cittadini chiedono al Sindaco di Città di Castello, in vista del possibile acquisto da parte di Sogepu delle quote dell'azienda, di tenere conto delle esigenze degli abitanti della frazione. Nel frattempo il M5S mantiene alta la guardia su questa situazione, proprio ieri Arpa ha notificato al Comune di Umbertide uno studio sugli odori molesti di Calzolaro. A seguito di ciò il M5S si è subito mobilitato per prendere visione dello studio e ha conseguentemente presentato un'interrogazione urgente da discutere nel prossimo consiglio comunale del 24 luglio. L'interrogazione fa riferimento proprio ai risultati dello studio condotto da Arpa, chiedendo inoltre che gli stessi vengano resi pubblici e che il Sindaco si impegni ad attuare quanto richiesto da Arpa nella sua nota.

12/07/2017 12:37:49 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica Giulietti (PD): "Più sicurezza e più lavoro"

Riceviamo e pubblichiamo Lo straordinario sciame sismico che ha colpito il Centro Italia e l'Umbria negli ultimi 9 mesi creando danni ingenti al patrimonio immobiliare dei comuni umbri inseriti all’interno del cratere, ha riproposto il tema della sicurezza e della classificazione del rischio sismico delle costruzioni. “Grazie ad un intenso lavoro anche in Commissione Bilancio – ha detto l’On. Giampiero Giulietti (PD) - all’interno di Casa Sicura, nuova agevolazione fiscale per interventi edilizi antisismici voluta dal Governo nella legge di Bilancio 2017 per consentire un’ampia azione di prevenzione in Italia, è inserito il “Sisma Bonus” che riguarda costruzioni adibite ad abitazione (prima e seconda casa), ad attività produttive e parti comuni condominiali”. Per accedere all’agevolazione è necessario rivolgersi ad un tecnico professionista che compia la diagnosi sismica dell’edificio e ne individui la classe di rischio sismico. Le spese per la classificazione e verifica sismica degli immobili sono detraibili nella dichiarazione dei redditi, su un ammontare delle spese non superiore a 96 mila euro, una percentuale variabile dal 50% fino all’85% secondo le tipologie di intervento. Le spese devono essere sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021. I lavori devono essere stati autorizzati dopo il 1° gennaio 2017. “La triste attualità ci ha messo di fronte alla vulnerabilità degli edifici e ritengo questa misura importante per un territorio come quello umbro, fortemente ferito dal sisma” – ha aggiunto. “Inoltre – insiste Giulietti– gli importanti incentivi fiscali danno ossigeno ad un comparto, quello dell’edilizia, che è in crisi da anni con la chiusura di tante azienda e le difficoltà anche per molti professionisti”. Tutti gli indicatori del comparto edilizio in Italia dal 2010 ad oggi hanno registrato una netta contrazione. Rispetto al 2010, in Italia si sono lavorate nel settore costruzioni quasi un terzo in meno delle ore (-28,6%), con evidenti ripercussioni per il settore. Con questi incentivi si prova a coniugare l'esigenza di avere maggior sicurezza ma anche maggiori possibilità di occupazione.

11/07/2017 17:32:45 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica Sinistra per Montone:''Distribuiti volantini contro l'associazione Uniti Per Montone''

Riceviamo e pubblichiamo Apprendiamo in questi minuti da moltissime segnalazioni dei nostri cittadini, che questa notte a Montone sono stati distribuiti volantini contro alcuni nostri concittadini e contro l'associazione Uniti Per Montone. Non vogliamo entrare nel merito in quanto come ci riferiscono,  già sono state informate le forze dell'ordine, ma a livello politico non possiamo non manifestare il nostro più vivo e fermo sdegno per quello che è successo, in quanto anche se con Uniti Per Montone la pensiamo diversamente su alcune proposte, per il futuro del nostro territorio, non possiamo accettare che il nostro territorio viva un clima politico così acceso e rovente. Per noi tutti i nostri cittadini sono uguali e li difenderemo sempre e comunque, per questo chiediamo da alleati dell'Amministrazione comunale di prendere immediatamente una posizione di forte condanna in merito, in quanto la politica è tutta un altra cosa. La politica non è offendere, la politica è misurarsi in termini di idee e proposte anche se molto diverse e tentare di trovare un punto di convergenza, se questo non è possibile se ne prende atto, ma con rispetto. Montone non merita questo clima politico veramente acceso e condanneremo sempre e comunque forti della nostra storia questi atteggiamenti sempre a fianco dei nostri cittadini. Infine lanciamo un appello a tutte le forze politiche presenti nel nostro territorio comunale e si ritorni a parlare di politica quella vera, dove c'è una maggioranza e un'opposizione. Facciamolo per il nostro territorio e per i nostri cittadini. Rinnoviamo nel contempo la nostra massima solidarietà a tutti i nostri cittadini coinvolti e all'associazione Uniti Per Montone. Sinistra Per Montone - Socialisti in Movimento Circolo Sandro Pertini Possibile Montone

11/07/2017 14:18:29 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy