Attualità » Primo piano Alla Rocca di Umbertide la mostra “4TRESS”

Verrà inaugurata domenica 20 ottobre alle ore 17 alla Rocca-Centro per l'arte contemporanea la mostra 4TRESS. Spazio e arte intervengono in questa esposizione, curata da Alessia Vergari, attraverso le opere di quattro artisti eterogenei: Giulia Manfredi, Antonio Massarutto, Massimiliano Poggioni e David Pompili. La solidità della Rocca di Umbertide si contrappone alla leggerezza e all’effimero di materiali e installazioni contemporanee, in cui passato e presente si incontrano per dare vita ad un nuovo linguaggio. Aumentare il valore naturale del proprio grado di protezione dall’esterno è uno dei compiti della Fortezza; attraverso artifici e strategie l’uomo si è sempre ingegnato per proteggere il proprio bagaglio di oggetti, conoscenze e relazioni. Come piccole fortezze gli uomini edificano intorno a loro stessi muri, creando sovrastrutture e apparati in cui potersi richiudere e proteggere.   La mostra 4TRESS ragiona insieme agli artisti sul concetto di difesa e relazione con il mondo che ci circonda. I quattro artisti lavorano ormai da tempo sulla moltitudine delle sfere che circondano l’uomo: la natura, il mondo animale, l’uomo e le sue relazioni. Quattro immaginari torrioni, che corrispondono a quattro spazi ben precisi all’interno del museo, racchiudono il diversificato lavoro degli artisti. Nello spazio angusto delle segrete, dove fu rinchiuso il capitano di ventura Braccio Fortebraccio da Montone, la raffinatezza delle resine e coralli di Giulia Manfredi esplorano il concetto di natura e la propria linfa vitale; risalendo per la Rocca, Antonio Massarutto con la leggerezza della rete metallica espone anatomie animali surreali quanto perfette; è invece, l’uomo, la sua spiritualità e i suoi impulsi, il tema predominante delle tele di Massimiliano Poggioni in cui la drammaticità del chiaroscuro ci catapulta nell’interiorità dell’essere umano; i cartoni incisi e dipinti di David Pompili stordiscono, infine, i nostri sensi riportando l’uomo alla sua sfera relazionale con la società, il mondo mediatico e le sue contraddizioni.     La Rocca di Umbertide diventa così un microcosmo in cui flora – fauna – uomo – società vengono studiati e messi in discussione sul tavolo dell’artista che ci restituisce una visione viscerale e collettiva del mondo. Tutta la vita dell’uomo si snoda lungo questi binari, che rappresentano le basi stesse per comprendere in modo efficace le espressioni della sua esistenza. Sia che costituiscano un’opposizione tra loro, sia che formino un’integrazione, sono comunque un’opportunità per saperne di più sulla dimensione umana. Partner dell'evento sono: ARCA Hotel, Cantine Polidori, Radio Onda Libera, Digital Editor. La mostra, organizzata dall'assessorato alla Cultura del Comune di Umbertide con il contributo di Regione Umbria, sarà visibile fino 24 novembre dal martedì alla domenica nei seguenti orai: 10.30 /12.30 – 16.30/18.30. Chiuso il lunedì.    

14/10/2019 16:22:39 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Lezione del fisico umbertidese Roberto Piandani ai ragazzi dell'Istituto Comprensivo Umbertide-Montone-Pietralunga

Tanti sapevano forse di un umbertidese che lavorava al Cern di Ginevra, ma pochi lo avevano visto di persona. Si chiama Roberto Piandani, ha 37 anni e si è diplomato alle scuole medie Pascoli di Umbertide e ha preso il diploma di maturità scientifica al locale Liceo di Umbertide (ora Campus Da Vinci). Si è poi laureato in Fisica e ha conseguito un dottorato di ricerca all’Università di Perugia, in cui svolge ricerche su un campo affascinante e sterminato come materia e antimateria. Da lì è cominciata la sua carriera di scienziato che lo ha portato a diventare una delle 1500 persone che provenienti da tutto il mondo che hanno dato il via all’acceleratore del Cern a Ginevra, la più grande e potente struttura mai realizzata dall’uomo per indagare i misteri della materia. In uno dei momenti che lo vedono libero (visto che alterna periodi a Ginevra ed altri in Italia) è stato ospite dell’Istituto Comprensivo di Umbertide, dove ha tenuto una bella lezione ai ragazzi di tutte le classi Terze per parlare del suo lavoro. Tante le domande dei giovani affascinati dall’ “Einstein” umbertidese, che ha parlato loro in un linguaggio accessibile (nonostante la difficoltà della materia) della sua passione per i Neutrini e altro. Ha parlato del fatto se esista il famoso “Bosone di Higgs” (o particella di Dio) e della materia oscura, che da tempo occupa le indagini dei cosmologi. Attualmente lavora ad un esperimento sulla stazione spaziale internazionale, cosa che ha colpito molto i ragazzi. Piandani è un fisico teorico che si occupa delle particelle elementari e ha parlato ai giovani del fatto che “a lui non interessano le ricadute pratiche di quello che sta studiando, ma saranno poi altri che si occuperanno delle applicazioni pratiche”. Per fare un esempio, ai primi del ‘900 con quello che è avvenuto coi raggi x, in cui ci sono stati dei teorici che hanno studiato le radiazioni, poi c’è stato chi si è preoccupato di applicarle alla medicina e creare le radiografie. Alla domanda su cosa bisogna fare, quale consiglio darebbe a un ragazzo che volesse fare il fisico ha risposto : innanzitutto lo studio, senza trascurare quello dell’inglese (perché è la lingua internazionale della scienza), ma se volessero lavorare al Cern anche il francese che è la lingua colloquiale in cui si parla. Piandani ha affermato come oggi gli studi e le grandi scoperte siano fatte di grandi collaborazioni, di un lavoro di èquipe, che tra scienziati oggi è fondamentale. Roberto Piandani ha tenuto “incatenati” senza una pausa al suo respiro i ragazzi delle medie nell’aula magna dell’Istituto, dalle 9,30 alle 10,30 circa, sciorinando scontri tra protoni, particelle subatomiche ed eventi fisici che hanno lasciato attoniti i giovani ascoltatori, ma, in fondo, è solo una persona troppo intelligente…     Nel numero di ottobre approfondiremo la conoscenza di Roberto Piandani con una bella intervista a firma di Fabrizio Ciocchetti

11/10/2019 15:14:53 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Ospedale di Città di Castello, esami di risonanza magnetica fino alle 23

Città di Castello, 10 ottobre 2019 – Sulla base del nuovo piano regionale per il governo delle liste di attesa deliberato lo scorso maggio, la Usl Umbria 1 ha messo a punto un programma aziendale per l’abbattimento delle liste di attesa degli esami radiologici, in virtù del quale il servizio di radiologia dell’ospedale di Città di Castello, dalla metà di ottobre, amplierà i propri orari di apertura fino alle ore 23.  Attualmente il servizio di risonanza magnetica è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle 20 e il sabato dalle ore 8 alle 14. Con la nuova articolazione oraria l'apertura nei giorni feriali verrà protratta fino alle 23 e si prevede di aprire i servizi anche il sabato pomeriggio e la domenica mattina e pomeriggio. Con l’incremento delle prestazioni effettuate si auspica un sostanziale abbattimento dei tempi di attesa. “Un ulteriore impegno messo in campo per l’ospedale di Città di Castello – sottolinea il commissario straordinario Luca Lavazza - riguarda la sostituzione dell’apparecchiatura di risonanza magnetica attualmente in uso, ormai prossima alla fine del suo ciclo vitale, con una nuova apparecchiatura di ultima generazione. L’acquisizione, per la quale sono già in corso le procedure amministrative, avverrà nel corso del prossimo anno e comporterà una spesa di circa 750 mila euro”.

10/10/2019 12:59:19 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Il 13 ottobre a Umbertide la campagna 'Io non rischio'

Per il nono anno consecutivo il volontariato di Protezione Civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si impegnano insieme nella campagna di comunicazione nazionale “Io non rischio” sui pericoli naturali che interessano il nostro Paese. Nel weekend del 12 e 13 ottobre, 7.000 volontari e volontarie di protezione civile allestiranno punti informativi “Io non rischio” in circa 700 piazze distribuite su tutto il territorio nazionale per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i concittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto. Domenica 13 ottobre, dalle 9 alle 18, in contemporanea con altre piazze in tutta Italia, i volontari dell’associazione Gruppo Comunale di Protezione Civile di Umbertide partecipano alla campagna con un punto informativo “Io non rischio” che sarà allestito in piazza Matteotti per incontrare la cittadinanza, consegnare materiale informativo e rispondere alle domande su cosa ogni cittadino può fare per ridurre il rischio terremoto, rischio maremoto. In caso di maltempo il punto informativo si svolgerà nell'area coperta di piazza Michelangelo. “Io non rischio”, campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico, è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. Tutte le informazioni sulla campagna del 12 e 13 ottobre sono online sul sito www.iononrischio.it , dove è inoltre possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto o un maremoto.    

10/10/2019 12:32:37 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Rinnovate le cariche della Commissione Pari Opportunità del Comune di Umbertide

Si è insediata ufficialmente la nuova Commissione Pari Opportunità del Comune di Umbertide. Nel corso della riunione che si è svolta presso il Centro socio-culturale San Francesco alla presenza del vicesindaco, sono state rinnovate le cariche dell'organismo. Per il ruolo di presidente la Commissione ha eletto Gloria Volpi, il vicepresidente è Michael Zurino mentre fanno parte dell’ufficio di presidenza Eva Giacchè, Patrizia Tonanni, Giovanna Sivo e Maria Leonella Zucchini. Alla Commissione Pari Opportunità è stata inoltre affiancata una segreteria composta da Cinzia Ragni e Francesco Biccheri. La Commissione Pari Opportunità opera per il conseguimento della parità e inclusione sociale tra tutti i cittadini, rimuovendo gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il raggiungimento di una condizione di piena parità. In questo ambito può proporre specifici interventi per concorrere ad assicurare la tutela della vita e la funzione della famiglia; sviluppare i servizi per bambini e adolescenti, favorire l'autonomo apporto dei giovani allo sviluppo della comunità; ha inoltre funzioni propositive, di vigilanza e di controllo. La Commissione Pari Opportunità è composta da 21 membri che sono: Lara Baldacci, Ilenia Bartocci, Ombretta Bugiolacchi, Martina Ciocchetti, Martina Falcini, Eva Giacchè, Simona Lepri, Ivana Mastriforti, Maria Vittoria Migliorati, Benedetta Milani, Carla Milleri, Elvira Monni, Milena Morelli, Benedetta Moscatelli, Tecla Roselli, Giovanna Sivo, Patrizia Tonanni, Benedetta Tosti, Gloria Volpi, Maria Leonella Zucchini, Michael Zurino.    

07/10/2019 15:12:32 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy