Notizie » Politica L'ex Sindaco Locchi sulla ex Fornace:''Al via la manutenzione straordinaria affidata a ditte umbertidesi''

Riceviamo e pubblichiamo EX FORNACE: al via la manutenzione straordinaria affidata a ditte umbertidesi Dopo la buona notizia della sottoposizione a VIA del progetto di ampliamento della Splendorini, piano piano si stanno concretizzando anche le tante altre attività e progetti che riguardano il nostro Comune. Attendiamo ancora l'ufficialità scritta, anche se quella verbale già c'è stata, in merito ai lavori di manutenzione straordinaria della EX Fornace che sono stati affidati ad un pool di aziende del nostro Comune in qualità di subappaltatori principali che si sono aggiudicati, attraverso una gara indetta dal fondo UNI HS proprietario del complesso La Fornace, i lavori di manutenzione straordinaria dell'intero complesso. Le aziende principali ora coinvolgeranno anche altre imprese di Umbertide operanti nei settori della costruzione, dell'impiantistica, artigiani ed altri operatori del settore. I lavori inizieranno entro la fine di febbraio e saranno completati entro il 2018. Dai primi del 2019 i vari appartamenti e/o villette saranno vendute e/o affittate. Un progetto che finalmente si concretizza risolvendo una delle criticità più grosse della nostra città; un progetto seguito sempre con estrema attenzione dalla Amministrazione Comunale. L'intera zona sarà completamente trasformata in quanto entro il 2018 verranno realizzate, presso l' area EX Draga, la serra e l'orto per disabili con un parco e un parcheggio intorno; quest'ultimo intervento prevede anche la sistemazione della via di accesso al Tevere (via del Mulinaccio) e le scalette che scendono al Tevere dopo il passaggio a livello. Una bellissima zona a ridosso del centro che verrà interamente riqualificata e che sono convinto potrà costituire un volando di sviluppo non solo per il centro storico, ma per l'intera città. Marco Locchi

06/02/2018 20:52:26

Notizie » Politica Salvini, ad Umbertide per lanciare un messaggio chiaro all’Italia:''Con la Lega al Governo no ai centri culturali islamici''

Riceviamo e pubblichiamo Salvini, ad Umbertide per lanciare un messaggio chiaro all’Italia. “Con la Lega al Governo no ai centri culturali islamici” Ad Umbertide per lanciare un messaggio chiaro agli italiani: “con la Lega al Governo tutti i centri culturali islamici verranno chiusi specialmente se essi alterano i principi fondamentali come legalità e trasparenza ”. Matteo Salvini torna in Alto Tevere, questa volta a sostenere Riccardo Augusto Marchetti candidato alla Camera e lo fa forte dei numerosi consensi che la Lega sta registrando su scala nazionale. “Ho deciso di aprire ufficialmente la mia campagna elettorale in Umbria e nello specifico ad Umbertide – precisa il leader nazionale del Carroccio - perché questa cittadina incarna l’esempio della politica fallimentare del Pd per cui si aprono centri culturali islamici che, fatti alla mano, minano la sicurezza cittadina, si assegnano le case popolari a vantaggio degli stranieri, ad Umbertide circa l’80% degli immigrati gode di alloggi comunali, si chiudono caserme o si riduce il numero delle forze dell’ordine come è già accaduto in Altotevere e nel resto di Italia a causa del mal governo renziano. Noi presentiamo chiarezza e faremo in modo che quel terreno di via Madonna del Moro, torni ai suoi reali destinatari, ossia le associazioni che operano nel sociale”. La linea tracciata dal leader della Lega è chiara se si condividono queste posizioni né il Pd nè il Movimento 5 stelle possono essere gli interlocutori. Matteo Salvini- come si legge nella nota – sarà ad Umbertide nella mattinata di Giovedì 8 ed ha in programma due tappe, la prima davanti alla moschea intorno alle 11, la seconda in via dell’Unita di Italia, dove verrà inaugurata la nuova sede elettorale della Lega che vede in Vittorio Galmacci il suo referente cittadino”

06/02/2018 17:02:17

Notizie » Politica Stefano Conti e Gianni Codovini:''La giustizia giusta esiste. Ne siamo diretti testimoni''

Riceviamo e pubblichiamo «La giustizia giusta esiste. Ne siamo diretti testimoni». Così inizia l’intervista con Stefano Conti e Gianni Codovini del gruppo civico Umbertide cambia sulla annosa controversia processuale che hanno affrontato come imputati nel processo per diffamazione, sorto dalla querela e per iniziativa dell’on Giampiero Giulietti nel maggio-luglio 2014, immediatamente dopo le elezioni comunali che videro Umbertide cambia quale protagonista, diventando il secondo partito della città. L’intervista ai due esponenti civici e al loro avvocato Raffaello Agea chiarisce la questione giudiziaria - favorevole a Conti e Codovini - che è stata una spada di Damocle sulla vita politica locale. Partiamo dalla fine. Avvocato Agea, una bella vittoria giudiziaria per Lei, per Conti e Codovini. «Il procedimento si è svolto a Firenze in quanto al tempo dei fatti Codovini era giudice onorario al Tribunale per i Minori di Perugia: cosa questa che ne ha determinato il trasferimento. Il GIP di Firenze, su richiesta del PM, ha archiviato l’ipotesi di diffamazione poiché gli elementi acquisiti erano inidonei a sostenere l’accusa. Si trattava della pubblicazione di una nota attribuita a Codovini e ad Umbertide cambia riguardante la gara per la gestione dei rifiuti vinta da Gesenu sulla concorrente Sogepu. Nella nota, apparsa sul sito internet di una testata della quale era direttore Codovini, si evidenziava come quella gara fosse costata alle casse comunali di più rispetto alla migliore offerta del concorrente (Sogepu), dapprima escluso in sede di aggiudicazione e poi dichiarato vincitore dal Consiglio di Stato. Fin dall’inizio del procedimento, originato da una querela dell’On. Giulietti, è subito apparso chiaro come l’iniziativa, se non temeraria, fosse priva di fondamento fattuale e giuridico: nessuna diffamazione era stata consumata; non vi erano elementi per attribuire la nota a Codovini e a Conti; trattandosi di un sito internet le vigenti norme escludono la responsabilità per omesso controllo. Aggiungo solo che ho sempre ritenuto l’iniziativa del tutto ingiustificata e assai singolare il fatto che l’On. Giulietti non abbia mai chiesto rettifiche e/o l’oscuramento del sito» Conti e Codovini. Cosa ne ricavate umanamente e politicamente dalla sentenza? «La sfida lanciata dall’on Giulietti l’abbiamo vissuta - noi, il movimento e molti cittadini, affermano Codovini e Conti - come la difesa della libertà di critica e opinione nei confronti del potere che deborda dal suo alveo. Siamo contro ogni tipo di arroganza e la nostra battaglia giudiziaria voleva dimostrare che le buone ragioni possono rendere il re nudo, nonché far vedere che la zona grigia è sempre pericolosa. Insomma, almeno noi, questa esperienza l’abbiamo intesa come l’alternativa tra due modelli politici. Ma questo è anche un messaggio futuro per tutta la cittadinanza. Infatti, possiamo fare un appello?». In che senso un appello alla cittadinanza? «La nostra limpida vittoria giudiziaria deve rappresentare concretamente la fine di un’epoca politica e storica quindicinale, fatta di conflitti e asprezze anche personali. Ora basta: c’è un tempo per la guerra e uno per la pace. Non è possibile continuare, come oggi, in un clima di cospirazione, querele, falsità costruite ad arte, patacche e bufale politiche da fine impero. C’è bisogno per la città di uno scatto di qualità. Le prossime elezioni comunali, le più importanti di tutte le precedenti perché porteranno ad un cambiamento, dovranno basarsi non più sul povero chiacchiericcio complottardo, ma sul ricco programma che ogni forza sarà in grado di avanzare e rappresentare con donne e uomini competenti. Umbertide cambia, se governerà, assicurerà di certo pacificazione civile, crescita e competenza.»  

06/02/2018 16:53:00

Notizie » Politica Finanziamenti nuova scuola ''Monini'', Locchi:''Altra grande soddisfazione''

Riceviamo e pubblichiamo Altra grande soddisfazione, che porta a termine un altro degli impegni prioritari della amministrazione comunale: l'edilizia scolastica. È solo questione di giorni per la comunicazione del finanziamento per la costruzione della nuova scuola "Monini". Un obiettivo rincorso dalla Amministrazione fin dal 2015, quando il comune partecipò al bando Del governo Renzi "la buona scuola", poi il nostro progetto venne inserito fra i 5 progetti innovativi della nostra Regione, ma non venne finanziato.  Così venne inserito tra i progetti finanziabile con i mutui BEI. Ed ora la bella notizia . Il progetto, come già comunicato in diverse occasioni, è stato oggetto di numerosi aggiornamenti e auspico che a breve venga presentato alla cittadinanza. Agli oltre 2 milioni di finanziamento si aggiungerà un mutuo comunale di 500/600.000 euro. I lavori dovranno partire entro pochi mesi dal finanziamento. una bella notizia per i tanti genitori e bambini che in questo periodo hanno dovuto adattarsi ad una sistemazione non ottimale, ma che per motivi di sicurezza si è resa necessaria. Quindi a chi dice: faremo, faremo..rispondo che questa amministrazione ha fatto, ha progettato, ha pianificato ed ora si vedono i risultati concreti. Alla faccia degli incapaci! Un percorso che alcuni irresponsabili hanno cercato di bloccare, ma che purtroppo per loro, considerato lo stato di avanzamento dei progetti, può solo andare avanti secondo il piano già definito. Marco Locchi

06/02/2018 09:09:05

Notizie » Politica Marchetti, candidato alla Camera:’’Io la voce di una generazione che non si arrende’’

Riceviamo e pubblichiamo Marchetti, candidato alla Camera:’’Io la voce di una generazione che non si arrende’’ Il sostegno e l’appoggio del partito “La voce di una generazione che non si arrende”, Riccardo Augusto Marchetti candidato alla Camera Collegio Uninominale Umbria 02 lancia la sua campagna elettorale e lo fa con l’appoggio dell’intera sezione Lega Per Salvini di Città di Castello. “Ci stiamo apprestando – si legge nella nota - ad affrontare in prima linea un’ intensa campagna elettorale che vedrà nella figura del nostro Capogruppo di Città di Castello Riccardo Augusto Marchetti il candidato di Centrodestra nella circoscrizione Umbria 2 Città di Castello - Foligno. La sfida che ci troveremo ad affrontare non sarà certo povera di colpi di scena, considerando il peso di alcuni avversari”. Lo sa bene il segretario della sezione della Lega di Città di Castello Nico Mazzoni che a tal proposito dichiara "Sarà una battaglia senza eguali. Il vincitore di questa sfida tra centrodestra e centrosinistra, tra Lega e Partito Democratico e tra Salvini e Renzi, si aggiudicherà il passepartout verso la conquista delle regionali 2020. Credo di parlare a nome di tutti i militanti e sostenitori della nostra sezione nel dire che la figura del capogruppo Marchetti nella circoscrizione Umbria 2 sia la più idonea per poter fronteggiare dinosauri della politica e poter interpretare quel cambiamento che Salvini da anni propone per questo paese. L'Italia ha bisogno di un cambiamento, di gente giovane e determinata, attaccata alla propria terra e alle proprie tradizioni, pronta a difenderle e tutelarle, cosa che il PD non ha mai fatto tutti questi anni al governo. Ringrazio anche tutti i cittadini – conclude Mazzoni - che ci hanno dato fiducia, sperando che insieme possiamo abbattere questo sistema che fino ad ora ha governato l’Italia senza grandi risultati e che ha isolato sempre di più una terra che è il cuore d'Italia”.    

03/02/2018 15:09:54

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy