Notizie » Politica PD UMBERTIDE: "INACCETTABILE LA SITUAZIONE CHE SI E' VENUTA A CREARE NEI SERVIZI FERROVIARI EX FCU"

Riceviamo e pubblichiamo A seguito dell'assemblea comunale tenutasi lunedì 21 settembre il Partito Democratico di Umbertide ritiene inaccettabile la situazione che si è venuta a creare nei servizi ferroviari della ex FCU. Negli anni sono state spese risorse pubbliche per l'elettrificazione ma ad oggi viaggiano solo treni diesel e due soli "minuetti" visto che dagli altri vengono prelevati "pezzi" per garantire la manutenzione ed il funzionamento degli unici due rimasti in servizio; negli anni sono state spese risorse pubbliche destinate alla linea per la manutenzione degli edifici lasciando indietro le manutenzioni necessarie della linea ferroviaria (mentre la bretella di Pierantonio in via di completamento è finanziata con risorse non utilizzabili per la manutenzione e prima di parlarne sarebbe utile informarsi); negli anni si è proceduto all'accorpamento delle aziende umbre della mobilità e non vorremmo che le risorse disponibili per la ferrovia siano servite a coprire problematiche di altri. Negli ultimi mesi la tratta ferroviaria Umbertide-Città Di Castello aveva una velocità ridotta a 50 km/h per problemi di sicurezza; è evidente che, non essendo stata oggetto di alcuna manutenzione, la situazione di suddetta linea non poteva che aggravarsi. Oggi, aldilà delle responsabilità del passato, occorre giungere quanto prima al ripristino della tratta Umbertide – Città Di Castello garantendo i necessari investimenti e cercando di riattivarla nel più breve tempo possibile; ad impegnarsi per utilizzare appieno la linea ferroviaria ex FCU (direttrice fondamentale che attraverso longitudinalmente l'Umbria) garantendo le manutenzioni lungo tutta la tratta e per sfruttare al meglio le sue caratteristiche di metropolitana di superficie valorizzando l'elettrificazione e la possibilità di collegamenti veloci ed efficienti; a lavorare per un'integrazione forte con RFI, mettendo in sinergia la rete ferroviaria umbra con quella nazionale, avendo a disposizione le risorse necessarie per un suo pieno funzionamento; a garantire i lavoratori ex FCU, la qualità della nostra officina e dare piena attuazione al Piano Regionale dei Trasporti che valorizza il trasporto su ferro (anche per le merci) quale scelta strategica per la nostra Regione.

23/09/2015 17:11:12

TORNATI I VOLONTARI DALLA MISSIONE INTERNAZIONALE IN KOSOVO

Cinquecento scatoloni per oltre 20 tonnellate di viveri e prodotti di prima necessità: è il bilancio definitivo della “Grande raccolta viveri” di Altotevere senza frontiere Onlus (Asf Onlus) che nelle scorse settimane ha raggiunto il Kosovo, insieme a 20 volontari dell’associazione che hanno prestato servizio nella casa di accoglienza di Leskoc. Il ritorno dei giovani dalla missione internazionale è l’occasione per tracciare un bilancio delle ultime attività e proiettarsi con rinnovata fiducia ai progetti futuri. Dopo il successo della quinta edizione del Festival della solidarietà, il gruppo dei volontari di Asf, insieme ai ragazzi della sezione “Casentino senza frontiere”, ha raggiunto il paese balcanico mettendosi a disposizione della casa famiglia per bambini orfani e abbandonati di Leskoc. Una realtà sorta all’indomani della terribile guerra del 1999 grazie all’impegno di una coppia di italiani e sostenuta da cinque anni anche da Altotevere senza frontiere. La struttura oggi guarda al futuro delle giovani generazioni con l’importante progetto di formazione che prevede la creazione di laboratori per l’avviamento al lavoro dei ragazzi. Fra le attività messe in campo dai volontari, la distribuzione degli aiuti a oltre 200 famiglie povere della zona in una realtà che, nonostante i rapidi cambiamenti degli ultimi anni, reca ancora le ferite della guerra e vive profonde contraddizioni. Al ritorno in Italia, sono subito ricominciati i lavori di costruzione della nuova sede dell’associazione, in fase di ultimazione, e il servizio di visita e animazione alla residenza per anziani “Muzi Betti” di Città di Castello. Fra i prossimi appuntamenti, la partecipazione alla kermesse “Altrocioccolato” dedicata al commercio equo e solidale, una serata di beneficenza in occasione del primo anno dalla nascita della sezione “Casentino senza frontiere” e una serie di campi di lavoro per finanziare i progetti in corso. Prosegue inoltre il sostegno all’Emporio della solidarietà di Città di Castello, il supermercato solidale per le famiglie in difficoltà dell’Alta valle del Tevere promosso dalla Caritas e dai Comuni, a cui è stata donata una parte degli aiuti della Grande raccolta viveri. Tutte le informazioni sul sito www.altoteveresenzafrontiere.it

23/09/2015 16:02:15

TORNATI I VOLONTARI DALLA MISSIONE INTERNAZIONALE IN KOSOVO

Cinquecento scatoloni per oltre 20 tonnellate di viveri e prodotti di prima necessità: è il bilancio definitivo della “Grande raccolta viveri” di Altotevere senza frontiere Onlus (Asf Onlus) che nelle scorse settimane ha raggiunto il Kosovo, insieme a 20 volontari dell’associazione che hanno prestato servizio nella casa di accoglienza di Leskoc. Il ritorno dei giovani dalla missione internazionale è l’occasione per tracciare un bilancio delle ultime attività e proiettarsi con rinnovata fiducia ai progetti futuri. Dopo il successo della quinta edizione del Festival della solidarietà, il gruppo dei volontari di Asf, insieme ai ragazzi della sezione “Casentino senza frontiere”, ha raggiunto il paese balcanico mettendosi a disposizione della casa famiglia per bambini orfani e abbandonati di Leskoc. Una realtà sorta all’indomani della terribile guerra del 1999 grazie all’impegno di una coppia di italiani e sostenuta da cinque anni anche da Altotevere senza frontiere. La struttura oggi guarda al futuro delle giovani generazioni con l’importante progetto di formazione che prevede la creazione di laboratori per l’avviamento al lavoro dei ragazzi. Fra le attività messe in campo dai volontari, la distribuzione degli aiuti a oltre 200 famiglie povere della zona in una realtà che, nonostante i rapidi cambiamenti degli ultimi anni, reca ancora le ferite della guerra e vive profonde contraddizioni. Al ritorno in Italia, sono subito ricominciati i lavori di costruzione della nuova sede dell’associazione, in fase di ultimazione, e il servizio di visita e animazione alla residenza per anziani “Muzi Betti” di Città di Castello. Fra i prossimi appuntamenti, la partecipazione alla kermesse “Altrocioccolato” dedicata al commercio equo e solidale, una serata di beneficenza in occasione del primo anno dalla nascita della sezione “Casentino senza frontiere” e una serie di campi di lavoro per finanziare i progetti in corso. Prosegue inoltre il sostegno all’Emporio della solidarietà di Città di Castello, il supermercato solidale per le famiglie in difficoltà dell’Alta valle del Tevere promosso dalla Caritas e dai Comuni, a cui è stata donata una parte degli aiuti della Grande raccolta viveri. Tutte le informazioni sul sito www.altoteveresenzafrontiere.it

23/09/2015 16:02:15

Notizie » Società Civile TORNATI I VOLONTARI DALLA MISSIONE INTERNAZIONALE IN KOSOVO

Cinquecento scatoloni per oltre 20 tonnellate di viveri e prodotti di prima necessità: è il bilancio definitivo della “Grande raccolta viveri” di Altotevere senza frontiere Onlus (Asf Onlus) che nelle scorse settimane ha raggiunto il Kosovo, insieme a 20 volontari dell’associazione che hanno prestato servizio nella casa di accoglienza di Leskoc. Il ritorno dei giovani dalla missione internazionale è l’occasione per tracciare un bilancio delle ultime attività e proiettarsi con rinnovata fiducia ai progetti futuri. Dopo il successo della quinta edizione del Festival della solidarietà, il gruppo dei volontari di Asf, insieme ai ragazzi della sezione “Casentino senza frontiere”, ha raggiunto il paese balcanico mettendosi a disposizione della casa famiglia per bambini orfani e abbandonati di Leskoc. Una realtà sorta all’indomani della terribile guerra del 1999 grazie all’impegno di una coppia di italiani e sostenuta da cinque anni anche da Altotevere senza frontiere. La struttura oggi guarda al futuro delle giovani generazioni con l’importante progetto di formazione che prevede la creazione di laboratori per l’avviamento al lavoro dei ragazzi. Fra le attività messe in campo dai volontari, la distribuzione degli aiuti a oltre 200 famiglie povere della zona in una realtà che, nonostante i rapidi cambiamenti degli ultimi anni, reca ancora le ferite della guerra e vive profonde contraddizioni. Al ritorno in Italia, sono subito ricominciati i lavori di costruzione della nuova sede dell’associazione, in fase di ultimazione, e il servizio di visita e animazione alla residenza per anziani “Muzi Betti” di Città di Castello. Fra i prossimi appuntamenti, la partecipazione alla kermesse “Altrocioccolato” dedicata al commercio equo e solidale, una serata di beneficenza in occasione del primo anno dalla nascita della sezione “Casentino senza frontiere” e una serie di campi di lavoro per finanziare i progetti in corso. Prosegue inoltre il sostegno all’Emporio della solidarietà di Città di Castello, il supermercato solidale per le famiglie in difficoltà dell’Alta valle del Tevere promosso dalla Caritas e dai Comuni, a cui è stata donata una parte degli aiuti della Grande raccolta viveri. Tutte le informazioni sul sito www.altoteveresenzafrontiere.it

23/09/2015 16:02:15

Sport Al campo Usu memorial di calcio amatoriale in ricordo di Livio Pici

Sabato 19 settembre si è svolto presso lo stadio comunale Usu il 7° Memorial del calcio Amatoriale. Quest’anno il gruppo sportivo GSD la Pineta del presidente Stefano Cartucci ha voluto ricordare Livio Pici, grande appassionato di sport e sostenitore della stessa squadra, prematuramente scomparso due anni fa. Al memorial hanno partecipato, oltre al GSD la Pineta, altre due squadre militanti nel campionato di eccellenza Uisp di Perugia, ovvero l’ADP Magione e il Centro Gomme Collestrada. Le squadre, all’insegna dell’amicizia e del divertimento, da sempre elementi caratterizzanti del mondo Uisp, si sono date battaglia in un triangolare della durata di 40 minuti a tempo; le partite, egregiamente dirette dall’arbitro  Antonello Ricci, si sono concluse con i seguenti risultati: Centro Gomme – GSD la Pineta 2- 0; ADP Magione  - Centro Gomme Collestrada 1- 0; GSD la Pineta – ADP Magione 1- 0. Per effetto della differenza reti, il triangolare è stato vinto dal Centro Gomme Collestrada di mister Palazzoni, seguito dal ADP Magione e dal GSD la Pineta. Dopo le gare, il presidente Cartucci, ricordando la generosità e l’altruismo dell’amico Livio, ha dapprima portato il saluto dell’Amministrazione comunale e del sindaco di Umbertide  Marco Locchi ed ha poi consegnato delle targhe ricordo al direttore di gara, al Presidente della Lega Calcio Umbria Paolo Righetti, ai figli Marco e Paolo e alla moglie Luciana.

23/09/2015 15:34:21

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: NELLE ZONE PARZIALMENTE SERVITE AUMENTO TARI DEL 100 % RISPETTO AL 2013

Riceviamo e pubblichiamo   Rivedere le aliquote sulla TARI nelle zone parzialmente servite dal servizio di nettezza urbana, in particolare quelle in cui la raccolta domiciliare è sostituita da contenitori ad uso plurimo distanti meno di 4 chilometri dall'abitazione. In questo caso infatti le tariffe applicate subiscono una riduzione pari solo al 20%, che aumenta fino al 60% se la distanza è superiore. In alternativa organizzare la raccolta porta a porta. Lo chiede Umbertide cambia, pensando alle famiglie che risiedono nelle  aree periferiche del comune, ad esempio San Benedetto, Civitella Ranieri, Serra Partucci, Molino Vitelli, Spedalcchio, Niccone, Montecorona, e che abitano appunto ad una distanza di oltre 4 chilometri dai punti di raccolta dell'immondizia. “Questi utenti – sottolinea il consigliere di Umbertide cambia Luigino Orazi – devono pagare una cifra decisamente alta per caricare in macchina l'immondizia trovando spesso i contenitori pieni, vuoi perché vengono usati anche impropriamente da tutti quelli che passano, con il rischio di multe, vuoi perché la raccolta non è tempestiva, ragioni per cui spesso si determina una condizione di sporcizia che abbiamo documentato con tanto di foto. A fronte di tutto ciò, il nuovo regolamento TARI, votato solo dai consiglieri PD, già dal 2014 determina un aumento pari al 100% rispetto al 2013, in regime di TARES”. “Gli abitanti delle periferie - continua Orazi -  sono molto delusi, ma non rassegnati e sono pronti a protestare fino in fondo per questa ennesima ingiustizia che la nostra amministrazione perpetra. Il comune – conclude il consigliere di Umbertide cambia - anzichè tutelare e dare servizi al cittadino sembra infatti più sensibile al fatturato della ditta appaltatrice, facendosi carico dei suoi debiti, dei suoi contratti e delle assunzioni di personale”.

23/09/2015 09:19:21

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy