Notizie » Politica M5S Umbertide: su restituzione Mini IMU mancata riflessione

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento 5 Stelle Umbertide  Noi pensiamo che sull’argomento vi sia una mancata riflessione. Se si prova a decodificare l’agire politico dell’amministrazione comunale, circa la restituzione della mini-IMU, non si può fare a meno di rilevare un pressappochismo, a dir poco, imbarazzante. Un modo di amministrare personalistico e privo di trasparenza. Che la mini IMU non verrà restituita è un dato di fatto certo ed accertato! Tutta l’opposizione lo ha spiegato molto bene. Inutile girarci in torno, solo i gonzi ci sperano ancora. Noi non vogliamo neanche indagare nelle pieghe del bilancio e sulle tariffe applicate, né intendiamo dimostrare tecnicamente perché la “finta restituzione” è artificiosa ed ingannevole, anzi falsa, iniqua e illusoria. Tuttavia, quello che ci preme mettere in evidenza è il modo arrabattato, personalistico e furbesco di amministrare da parte del Sindaco e dalla sua Giunta, e lo vogliamo fare attraverso poche domande e alcune considerazioni: ma perché mai un Sindaco dovrebbe restituire la mini-IMU ai migliaia di cittadini? Un impulso di generosità? No! Fino a prova contraria si restituisce solo il “maltolto”, oppure somme non dovute. Ebbene, come tutti ricorderanno, il 27/11/2013, con atto n° 63, la Giunta deliberava, in fretta e furia, l’aumento dello 0.2% dell’IMU, sull’abitazione principale, portandola dallo 0.4% allo 0.6%. Questa scellerata operazione voleva essere una vera e propria furberia nei riguardi dello stato centrale, una furberia che ha costretto, però, migliaia di umbertidesi a pagare un balzello su una imposta che non esisteva! Altro che trasparenza! La scelta di aumentare l’IMU era stata fatta perché, e qui sta la furbizia indecente, si sperava che lo stato centrale coprisse per intero il mancato gettito derivante dall’abolizione dell’IMU sulla prima casa. Ed è proprio questo il nocciolo della questione, perché v’è stato un passaggio circa l’incapacità di un qualsiasi pensiero politico verso il bene comune, ad una forma di difesa del proprio agire privo di responsabilità e di buon senso. Morale della favola: gli unici a pagare veramente sono stati i contribuenti, questo grazie alle grandi manovre e alla “allegra economia” della nostra amministrazione. Poi, dopo il danno arriva anche la beffa, il Sindaco promette la restituzione della mini-IMU. Altro madornale errore, perché fa questa promessa in modo personale ma senza nessun atto politico (li mette di tasca propria?), nulla è scritto in modo specifico e ufficiale circa la restituzione. Tutto viene celato tra le pieghe del bilancio, in modo da rendere tutto “illusoriamente vero”. Se proprio si vuole rimborsare il “maltolto”, lo si faccia tenendo conto del grande disagio causato a migliaia di cittadini, e del fatto che la stragrande maggioranza ha dovuto pagare un CAF o un professionista per il calcolo e il versamento dell’IMU. Si apra uno sportello dove, in modo trasparente, il cittadino viene rimborsato dimostrando e certificando il danno subito, ovvero le spese reali che ha dovuto sostenere grazie agli illuminati provvedimenti dell’amministrazione. Una ultima osservazione: ammettiamo per assurdo che l’IMU venga rimborsata ... se ciò avviene ... il rimborso diviene, di per se stesso, l’esplicita ammissione delle proprie incapacità ad amministrare in modo trasparente, dimostrando che si è più propensi a l’esercizio del potere senza “governo” ignorando volutamente i cittadini, i quali meriterebbero un diverso rispetto.

17/08/2014 16:26:27

Sport Acqua&Sapone Umbertide: inizia la preparazione per la nuova stagione

Dopo il riposo e le vacanze estive, sta per iniziare ufficialmente la stagione 2014/15 per Acqua&Sapone Umbertide. Domani, lunedì 18 agosto, infatti, alle ore 9, le giocatrici si ritroveranno per effettuare il primo allenamento agli ordini di coach Serventi e del suo staff. Inizierà così il lungo percorso di avvicinamento alla partita d’esordio in campionato contro la Triestina, prevista per sabato 4 ottobre alle ore 14 a S. Martino di Lupari, sede dell’opening day 2014, un cammino che passerà attraverso un intenso lavoro per trovare la giusta forma fisica e la necessaria coesione e amalgama di un gruppo che presenta diverse novità rispetto alla passata stagione, anche grazie alle partite amichevoli in programma nel mese di settembre. Cinque gli appuntamenti previsti, secondo il seguente calendario Mercoledì 10 settembre ore 18,30: Ceprini Orvieto – Acqua&Sapone Umbertide Palazzetto dello Sport di Porano (Tr) Sabato 13 settembre ore 18: Acqua&Sapone Umbertide – Lavezzini Parmaal PalaMorandi Sabato 20 – domenica 21 settembre: Torneo di Frosinone con Acqua&Sapone Umbertide, Techmania Battipaglia, Saces Dike Napoli e Carispezia La Spezia Mercoledì 24 settembre ore 18,30: Acqua&Sapone Umbertide – Ceprini Orvieto al PalaMorandi Sabato 27 settembre ore 18: Acqua&Sapone Umbertide – Umana Reyer Venezia al PalaMorandi Le tre giocatrici straniere si aggregheranno nei prossimi giorni al resto del gruppo, mentre, come già annunciato in precedenza, svolgeranno la preparazione assieme alle ragazze di Acqua&Sapone Umbertide anche tre giovani provenienti dalla Pallacanestro Perugia, nell’ambito del programma di collaborazione stipulato con la società perugina: Giulia Ricci, Francesca Aquinardi e Chiara Fusco.

17/08/2014 13:03:56

Sport Bc Fratta: al via la nuova stagione

  Pronti, partenza e via! Inizia la nuova stagione sportiva del Basket Club Fratta. Aspettando di festeggiare il suo cinquantesimo compleanno, la società di via Andreani affida la guida tecnica della prima squadra a coach Michele Staccini. I gialloblu parteciperanno alla C regionale, campionato che prevede nove squadre  umbre che si confronteranno in un girone di andata e ritorno, in una successiva fase a orologio e nei playoff. Nessuna retrocessione e nessuna promozione, in attesa della futura riforma dei campionati dilettantistici. Roster ancora da definire ma che di sicuro verrà rinnovato inserendo giovani uscenti dal settore giovanile che già nella passata annata hanno maturato esperienza con squadre senior. Il giovane Michele si occuperà anche di due formazioni giovanili, U19 e U17. Graziano Carubini, anno scorso alla guida dei Leoni Altotevere in serie D, sarà l'allenatore in seconda sia della squadra senior che delle due squadre giovanili prima citate. Settore giovanile importante per una società che, come molte altre, deve ottimizzare a pieno ogni singola risorsa umana ed economica. Continua, anche a questo proposito, la collaborazione già avviatasi nella stagione precedente con il Città di Castello. Gli allenatori potranno contare così su un bacino più ampio di atleti e costruire al meglio rose competitive e preparate per affrontare i campionati. Claudio Lisetti sarà alla guida dell'under 15 e Federico Banello si occuperà dell' under13 e 14 e degli esordienti. Il minibasket invece potrà contare sullo storico istruttore Luca Pazzi, su Silvia Lisetti e sul giovane Michele Crispoltoni. Inoltre, parteciperà al campionato di Promozione il Basket Leoni Altotevere, squadra fatta da giocatori sempre di Umbertide. La prima squadra comincia a sudare Lunedì 18 Agosto, mentre la settimana successiva sarà la volta delle squadre giovanili. Filippo Corbucci

14/08/2014 17:41:19

Notizie » Politica Umbertide Cambia: risposta al Sindaco Locchi sul bilancio

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia L’opposizione vive su un altro pianeta, afferma il sindaco Locchi parlando di bilancio. “E’ vero – risponde il capogruppo di Umbertide cambia Claudio Faloci –  viviamo nel pianeta della verità, della trasparenza, della proposta costruttiva”.   “La valutazione dei documenti di bilancio – aggiunge Faloci - deve partire da una operazione di chiarezza, quindi una valutazione politica onesta sulla condizione economico finanziaria dell’Ente, in equilibrio per così dire “precario”, appesantito da un indebitamento e da una consistente mole di residui attivi, frutto di scelte costose ed inopportune fatte dalla precedente Amministrazione, che pesano sulla possibilità di indirizzare risorse verso nuovi e necessari progetti per lo sviluppo della città, condizionando di fatto le stesse scelte di questa Amministrazione”.   “Umbertide cambia ha votato contro i documenti di bilancio –ha dichiarato il capogruppo Claudio Faloci - perché non rappresentano una necessaria innovazione. Sono ancora in continuità con le precedenti amministrazioni e soffrono per scelte costose e poco lungimiranti testardamente perseguite negli ultimi cinque anni. E’ un bilancio privo di risorse utili a finanziare progetti nuovi e veramente necessari alla collettività, che non recepisce nemmeno gli obiettivi indicati dal Sindaco nelle sue linee programmatiche. Un bilancio che non ha ancora segnato il passaggio verso la necessaria revisione strutturale della spesa, che, pur mantenendo alta la qualità dei servizi, consentirebbe un contenimento della pressione fiscale. Un bilancio che non investe come dovrebbe in politiche per il lavoro ed in conoscenza. Che, quindi, non risponde alle esigenze primarie delle persone e delle famiglie, né contiene strumenti finalizzati a supportare la competitività del sistema produttivo e commerciale”.   In coerenza con l’analisi sviluppata il gruppo di Umbertide cambia ha avanzato precise proposte. Finanziare con almeno 20.000 euro nel 2014 ed almeno 30.000 nel 2015 e nel 2016 il “Fondo per il diritto allo studio universitario per studenti meritevoli in difficoltà economiche”. Attivare il progetto “Responsabilità sociale delle imprese”, almeno nella “Fase 1”, riguardante l’occupazione. Si tratta in pratica di prevedere nel bilancio 2014 una somma pari ad almeno 20.000 euro, prevedendone 50.000 nel 2015 e nel 2016, per incentivare concretamente le assunzioni di persone disoccupate, residenti nel comune, che abbiano più di 50 anni.   “Le proposte avanzate individuano solo i primi, più urgenti obiettivi sui quali occorre puntare: lavoro e conoscenza. Questo - ha aggiunto Faloci - significa cambiare rotta, passando dalla fase delle opere pubbliche appunto alla fase dell’investimento sulle risorse umane, sul capitale sociale di cui la comunità umbertidese dispone.   “Bisognerebbe ricordare – ha concluso il capogruppo di Umbertide cambia - che criteri di  valutazione di una buona amministrazione sono l’efficienza della spesa, cioè fare le cose programmate, l’economicità della spesa, cioè conseguire gli obiettivi stabiliti spendendo il meno possibile, già qui potremmo discutere per ciò che riguarda Umbertide, e soprattutto l’efficacia della spesa, che richiama l’attitudine ad utilizzare le risorse cercando di soddisfare le reali e prioritarie esigenze della collettività. Principio, quest’ultimo, che valuta l’opportunità delle scelte politiche e amministrative, elemento a nostro avviso particolarmente critico nella strategia che ha caratterizzato l’Amministrazione cittadina negli anni passati, e che invece dovremo tenere ben presente per il futuro”.  

14/08/2014 17:36:21

Attualità » Primo piano Umbertide: giovane cade da muro mentre scappa dai Carabinieri

Un giovane albanese di 22 anni è ricoverato presso l’ospedale di Città di Castello con 25 giorni di prognosi in seguito alla frattura scomposta di tibia e perone, procuratasi nel tentativo di sfuggire ai Carabinieri che lo stavano inseguendo. Il fatto è accaduto un paio di notti fa ad Umbertide. Una pattuglia di militari della locale Stazione, nel corso dei consueti servizi perlustrativi, verso le 03.00, transitando in una strada del centro, hanno notato una persona nascosta tra due autovetture parcheggiate. I militari hanno immediatamente fermato la marcia ed il capoequipaggio è sceso per bloccare la persona. Costui, oramai scoperto, alla vista dei Carabinieri si è dato alla fuga a piedi, inseguito a poca distanza dai militari. Dopo alcune centinaia di metri il giovane, vistosi quasi raggiunto, nel tentativo disperato di sottrarsi alla cattura non ha esitato a lanciarsi da un muro alto circa tre metri. La caduta è stata però disastrosa ed il fuggitivo è rimasto a terra. Soccorso dagli stessi Carabinieri, e successivamente dal 118, è stato trasportato presso il pronto soccorso di Umbertide ove, come detto, gli è stata riscontrata la frattura scomposta di tibia e perone venendo successivamente trasferito e ricoverato a Città di Castello. Le indagini dei militari hanno consentito di appurare che il 22enne, da poco in Italia, è senza fissa dimora. Quando è stato sorpreso dai Carabinieri, con tutta probabilità era in procinto di commettere un furto in danno di un’autovettura in sosta o presso uno dei numerosi negozi presenti nel centro di Umbertide. Dovrà rispondere di resistenza a pubblico ufficiale.

13/08/2014 13:26:46

Notizie » Politica Umbertide Cambia risponde al Sindaco Locchi su restituzione Mini Imu

Riceviamo e pubblichiamo Umbertide cambia e Movimento 5 Stelle sostengono che non c’è e non può esserci alcuna restituzione della MINI IMU pagata dai cittadini di Umbertide nel 2013. Il sindaco taccia le opposizioni di falsità. “Ridicolo”, afferma Stefano Conti, Consigliere Comunale di Umbertide cambia. “Sulla questione in oggetto l’amministrazione comunale si incarta da sola, e rischia di mettere in serio dubbio la propria credibilità. Vediamo perché. La restituzione, poi diventato riconoscimento, adesso rimborso, sarebbe dovuta avvenire prevedendo un’aliquota TASI ridotta (rispetto a quale parametro?) dello 0,8% (dichiarazione del sindaco in occasione del Consiglio Comunale del 16 luglio). Ora apprendiamo che la MINI IMU verrebbe invece rimborsata attraverso una maggiore detrazione dell’aliquota TASI (detto per inciso, chi non ha figli si vedrebbe penalizzato). Maggiore rispetto a cosa? L’applicazione di detrazioni sulla abitazione principale è prevista dalla legge e tutti i comuni, con modalità diverse, ne usufruiscono (vedi sito www.finanze.it). Tanto è vero che nella applicazione della TASI possono essere superati i limiti stabiliti per un ammontare complessivo non superiore allo 0,8 per mille a condizione che con questo aumento vengano finanziate detrazioni d’imposta relative alle abitazioni principali. Lo 0,8 per mille è previsto, per quanto riguarda Umbertide, come maggiorazione applicata alla categoria altri immobili, cioè alle seconde case. Dunque, i proprietari di seconde case coprono le detrazioni applicate sulle prime. Semmai, quindi, sarebbero loro a finanziare la MINI IMU. Meglio ancora, le detrazioni vengono applicate a prescindere dalla MINI IMU, semplicemente, hanno un’altra finalità: contribuire alla progressività del carico tributario. Di fatto non c’è alcuna restituzione dal punto di vista economico, ma non c’è nemmeno dal punto di vista tecnico-giuridico. In alcun atto formale sono infatti contenute le dichiarazioni del sindaco (e l’amministrazione si fa per atti, non per chiacchiere). Non c’è alcun atto formale nel quale si afferma chiaramente che attraverso una qualche modalità (quale?) viene restituita la MINI IMU per la semplice ragione che la restituzione della MINI IMU sarebbe illegale. La questione è molto più semplice di quanto sembra. L’amministrazione comunale a suo tempo ha fatto una promessa che non poteva mantenere, e adesso si arrampica sugli specchi per far credere ai cittadini di averla rispettata. L’aspetto negativo della questione sta proprio nella presa in giro. Riteniamo che continuare a discutere di questo argomento leda l’immagine della nostra città. Per questo, chiarito il punto, ci asterremo da qualsiasi altra considerazione”. L’altra affermazione discutibile del sindaco riguarda, secondo Umbertide cambia, il fatto che per il 2014 l’amministrazione comunale non ha previsto aumenti di tributi e tariffe, ad esclusione della nuova TASI, che essendo una tassa nuova prima non c’era. “Il problema- spiega Conti - è che la somma di IMU e TASI, così come applicate dal comune (cioè al massimo possibile), porta ad un pagamento complessivamente superiore a quello relativo al 2013. Applicando aliquote TASI più basse avremmo pagato di meno. Elementare. Abbiamo noi stessi riconosciuto che il comune è stato costretto a questa manovra finanziaria per far quadrare un bilancio sul quale gravano problemi di liquidità ed un indebitamento dovuto a spese effettuate dalla precedente amministrazione. Altrimenti, non potendo immediatamente intervenire sulle spese, avrebbe dovuto aumentare i costi a carico dei cittadini per i servizi a domanda individuale. Da qualche parte i soldi devono entrare. Basta ammettere questa semplice verità, senza, ancora una volta, mistificare i fatti”. “Trasparenza, verità, proposta. Sono le premesse – conclude Conti - sulla quali Umbertide cambia intende costruire la propria azione amministrativa. Cercando, come è stato fatto anche in occasione dell’ultimo Consiglio Comunale, di aprire un confronto aperto, responsabile e costruttivo. Per il sindaco questa è una novità scomoda? Pazienza. Non lo è per i cittadini”.

13/08/2014 11:22:52

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy