Notizie » Politica Umbertide: acqua pubblica. La posizione di Umbertide cambia

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO L’acqua dovrebbe tornare ad una gestione completamente pubblica. Come pure il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. In entrambi i casi possono e debbono essere previste aziende  a totale partecipazione pubblica.  Non “carrozzoni” improduttivi e costosi, ma aziende che operano in regime privatistico garantendo efficacia del servizio e garanzia dei cittadini. Umbertide cambia esprime con nettezza queste scelte fondamentali di natura politica, aggiungendo l’esigenza di un piano territoriale e comunale per le energie rinnovabili in grado di programmare in maniera sistemica, integrata ed equilibrata la tipologia degli impianti, le modalità di gestione, la loro finalità, la dislocazione, l’impatto ambientale, i riflessi per la salute, benefici e costi, sistemi di approvvigionamento, valutando le esigenze ed il potenziale energetico del territorio e puntando a soluzioni che consentono una diretta utilità per la comunità locale. Ciò  prima della realizzazione delle centrali previste a Pian d’Assino e nella Valle del Niccone. La gestione pubblica di servizi relativi alla distribuzione dell’acqua è doverosa, in quanto la risorsa idrica rappresenta un bene primario sul quale non si può consentire ad un privato di generare profitto. Anche la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti assume una valenza fondamentale in un’ottica di tutela dell’ambiente e di scelte strategiche, legate alla modalità del servizio (che incide sui costi e quindi sulle tariffe applicate ai cittadini), al percorso dei  rifiuti, alle attività economiche che ad esso possono essere collegate. Da tutti questi punti di vista un indirizzo ed una gestione pubblica favorirebbe una dinamica virtuosa del sistema, concepito in un’ambito territoriale adeguato . Da qui la proposta sostenuta da Umbertide cambia di realizzare una azienda pubblica partecipata da tutti i comuni del territorio interessato, competitiva, in grado di gestire efficacemente il servizio uscendo da logiche municipalistiche e clientelari per favorire soluzioni che garantiscano una diretta utilità per la comunità locale.

09/05/2014 14:58:07

Attualità » Primo piano Furti ad Umbertide. Arrestati due giovani

Due giovani, un ragazzo ed una ragazza, questa notte sono stati arrestati dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Città di Castello. L’accusa è di furto aggravato. Gli arrestati, insieme ad almeno un altro complice, in corso di identificazione, avrebbero messo in atto un vero e proprio raid riuscendo, in pochissimo tempo, a commettere diversi furti in danno di negozi ed autovetture in sosta. Verso le 04.30 una guardia giurata della “Vigilanza Umbra” ha sorpreso tre giovani i quali, dopo aver distrutto la vetrata di una gelateria, stavano asportando prodotti alimentari. I tre si sono dati alla fuga a piedi per le strade limitrofe. Sul posto sono immediatamente arrivate due pattuglie dell’Arma che stavano perlustrando proprio il territorio Umbertidese. I militari dell’Aliquota Radiomobile sono riusciti in pochi minuti a rintracciare ed arrestare due dei tre malviventi. Si tratta di una ragazza e di un ragazzo del posto, appena maggiorenni, ma già con qualche precedente di Polizia alle spalle. Le indagini hanno consentito di stabilire che gli arrestati, poco prima di essere bloccati, avevano verosimilmente commesso altri furti in danno di un’altra attività commerciale e di un’autovettura parcheggiata in strada, da cui era stato rubato un computer portatile, che è stato rinvenuto e restituito al legittimo proprietario. Dopo aver formalizzato l’arresto, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, ed in ossequio alle vigenti normative, i due sono stati tradotti presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari. Il ragazzo ha però pensato bene di evadere dopo pochi minuti. La stessa pattuglia che lo aveva accompagnato a casa, nel proseguire il pattugliamento di Umbertide, lo ha notato, inseguito e bloccato. Il giovane è stato quindi nuovamente arrestato con l’accusa di evasione e tradotto in camera di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida.

09/05/2014 14:06:48

Notizie » SLIDER Umbertide: il paese del caso

È uno strano paese Umbertide: il paese della casualità. Si incrociano infatti eventi, persone e destini nei momenti in cui proprio non dovrebbero accadere. L’ultimo, guarda caso!, è avvenuto ieri pomeriggio per luogo e circostanze che non ti aspetti, naturalmente. Questo i fatti del destino cinico e baro. Una giovane e brillante ricercatrice dell’Università di Perugia, Alessia Bartolini, umbertidese, avrebbe dovuto tenere un incontro con una sessantina di genitori sull’importante tema “Essere genitori oggi; la cura responsabile”. Si ragiona di genitorialità e responsabilità: il cuore della vita, insomma. Un incontro programmato fin da ottobre 2013 nell’ambito di una lodevole iniziativa degli assessorati alle politiche educative territoriali, che prevedono sessioni fino a giugno 2014. Che cosa non ti aspetti? Il caso, appunto. Ieri, un’ora prima dell’incontro, ad Alessia Bartolini e ai genitori viene comunicato, in modo concitato, che non si può tenere l’incontro. Gli impegni dell’Ufficio di Piano (soggetto promotore e organizzatore), in questo periodo, sono enormi, così come quelli dei Servizi sociali comunali. Alessia rimane impietrita, come statua di sale, alla casuale comunicazione e i genitori, che vogliono discutere di educazione, provano una qualche perplessità sulla singolarità educativa della comunicazione. Se ne fanno una ragione: gli incontri restanti, dicono i responsabili, si spostano dopo il 25 maggio. Poco importa se il caso ci ha messo lo zampino. Già il caso! Per dovuta informazione: la brillante relatrice dott.ssa Alessia Bartolini è candidata per una lista alle prossime elezioni amministrativa del 25 maggio.

09/05/2014 08:58:00

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy