Cultura Umbertide. Iniziativa in ricordo di Olita Franceschini

Venerdì 23 maggio alle ore 16.30 presso la Fabbrica Moderna si terrà l’iniziativa “In ricordo di Olita Franceschini a dieci anni dalla sua morte (23 maggio 2004 - 23 maggio 2014)”, promossa dalla Soprintendenza archivistica dell’Umbria. Olita era nata a Perugia ma ha vissuto sempre ad Umbertide. Era dipendente di ruolo del Ministero per i beni e le attività culturali in servizio presso la Soprintendenza archivistica per l'Umbria con il profilo professionale di bibliotecario. Nel 1976 aveva conseguito la Laurea in lettere presso l'Università degli studi di Perugia e nel 1979 il diploma di archivistica, paleografia e diplomatica presso la Scuola annessa all'Archivio di Stato della medesima città. Nel suo lavoro presso la Soprintendenza ha svolto una costante attività di vigilanza sugli archivi degli enti pubblici, ha effettuato censimenti archivistici, ha svolto numerosi lavori di schedatura e inventariazione di archivi. La sua attività si è incentrata soprattutto nel territorio dell'Alta Valle del Tevere; in particolare un lungo periodo di tempo lo ha dedicato al riordinamento e all'inventariazione dell'archivio storico comunale di Umbertide e dei fondi archivistici a questo aggregati, lavoro purtroppo interrotto a causa dalla sua morte prematura. All’iniziativa interverranno Mario Squadroni, soprintendente archivistico per l’Umbria ed Alvaro Tacchini, ispettore archivistico onorario. Saranno presenti i familiari.  

18/05/2014 17:09:28

Notizie » Politica Centrodestra Umbertidese. Forza Italia in campo col coordinatore Galmacci

Riceviamo e pubblichiamo dal coordinatore comunale di Forza Itaòia Vittorio Galmacci Mi presento: 63 anni, laureato, sposato e con un figlio avvocato libero professionista . Dirigente Industria per conto di una multinazionale farmaceutica tedesca: percorse tutte le tappe fino a ricoprire l'incarico di Responsabile del Personale e delle Vendite di tutta l'area centro-nord Italia.  Quando il lavoro me lo ha permesso mi sono interessato di politica e oggi sono Coordinatore comunale di Forza Italia. QUESTI SONO I MIEI TEMI  ELETTORALI :   TROPPE TASSE—NON PIU' SPESE INUTILI TRASPARENZA AMMINISTRATIVA VERA SICUREZZA SOCIALE    LE TROPPE TASSE Tutti i cittadini che andranno a votare, gli indecisi, gli scontenti e anche quelli di sinistra sono stufi di pagare sempre più TASSE. In questi ultimi 4 anni 'ICI/IMU  è aumentata del 50%, l'ASPORTO DI RIFIUTI (la Gesenu insomma) è passato da 1.174.000 a 2.932.000 con un aumento del 150% Questi aumenti di tasse sono enormi e servono soltanto a pareggiare il conto con le troppe spese spesso inutili e non certo indispensabili fatte dal Comune. L’ACCENSIONE DI NUOVI PRESTITI  è passata da 834.000  a 3.757.000 euro con un aumento stratosferico del 350 %. IL RIMBORSO DEI PRESTITI ottenuti è passato da 1.696.000 euro a 4.574.000 segnando un aumento del 170%. RIASSUMENDO: CI SIAMO INDEBITATI TROPPO ! L'Amministrazione di sinistra ha continuato allegramente a spendere e spandere in opere non indispensabili o urgenti, utili solo a far fare bella figura a qualche politico in carriera. Essa, al momento di fare i conti e pur di intascare soldi per pareggiare le spese, non ha esitato a farci pagare l’aliquota IMU più alta di tutta la Regione.   LE TROPPE SPESE Un piccolo cinema, una biblioteca e poco più (Fabbrica Moderna) ci sono costati la bellezza di 2.900.000 euro; essa è davvero la MADRE DI TUTTI I NOSTRI DEBITI: è da lì che sono iniziati i nostri guai ! 105.000 euro, cioè 200 milioni di vecchie lire, spesi solo per spostare la Biblioteca comunale: c’era bisogno ? 13MILA euro per pagare la PORTAVOCE del sindaco: non poteva bastare un buon megafono ? E i soldi spesi per la caotica e assurda situazione del traffico venutasi a creare in Piazza Mazzini ? che dire poi della cementificazione della Reggia e dei lavori della Rocca? Ve li ricordate quei lavori, vero ? sono quelli con la passeggiata dei sorci e dei gatti, quelli di giuliettiana memoria (piuttosto, che fine ha fatto la Fontana della Lira ? si può riavere ? ) Ultima grande follia è poi stato il Piano Urbano Complesso, detto PUC2. Lì i soldi degli umbertidesi sono serviti a realizzare un campo di calcio che non è neppure regolamentare visto che neanche la squadra del Monteacuto può giocarvi una regolare partita di campionato. All'interno dell'ex-Tabacchi e proprio nel bel mezzo della sala, hanno realizzato nientepopòdimenochè dei bagni pubblici. ASSURDO ! Ma non potevano lasciare libero tutto il salone per eventuali grandi eventi come esposizioni, convegni o altro ? I bagni avrebbero potuto benissimo essere realizzati  in qualche angolo senza ingombrare la sala. Il peggio del peggio però è la realizzazione dell'inutile quanto costosissimo sotto passo ferroviario: tutti quei soldi spesi non fanno altro che appesantire e intasare ancor più il traffico che dal rettilineo è diretto verso la zona industriale. Invece, con un semplice cartello stradale, si poteva incanalare tutto il traffico pesante diretto alla zona industriale indirizzandolo verso il cavalcavia già esistente a metà rettilineo ( lì da Tonzani, per intenderci) risparmiando così un mare di soldi. Fateci caso: in tutte le città, ovunque, il traffico pesante si cerca di non farlo dirigere verso il centro cittadino. A Umbertide NO, questo non avviene ! Chi ci ripaga poi dei tanti soldi pagati in più  alla Gesenu per raccogliere i rifiuti ? E perchè per un certo tipo di rifiuti il servizio di raccolta avviene solo ogni 15 giorni e non ogni settimana ? Perchè mai, in caso di giorni festivi, il servizio previsto per quel giorno non viene effettuato e "salta" di una settimana ? Basterebbe dare un'occhiata al calendario e spostare di 1 giorno il servizio previsto; è chiedere troppo con quello che paghiamo ? TRASPARENZA AMMINISTRATIVA Può essere TRASPARENTE un Comune in cui il sindaco era contemporaneamente PRESIDENTE DELL'AIMET e TESORIERE DEL PD ? Può dirsi TRASPARENTE un 'Amministrazione in cui il PRESIDENTE DEL CONSIGLIO era contemporaneamente anche SEGRETARIO DEL PD ? Può essere TRASPARENTE un Comune il cui sito ufficiale viene usato troppo spesso solo per magnificare quanto di bello e di buono ha fatto chi lo amministra ? ANEDDOTO in 3 tempi : (1)Come forse già sapete Giulietti,sindaco di Umbertide, era anche alle dipendenze del comune di Montone e lavorava per tutte e due le Amministrazioni. (2) Vice-sindaco del comune di Montone, oggi anche candidato sindaco, era ed è tale Mirco Rinaldi, di professione geometra. (3) A Umbertide, quando si è trattato di scegliere un tecnico al di fuori del Comune al quale affidare un importante incarico professionale , la scelta è caduta sul geometra Rinaldi Mirco, sempre quello di Montone ! TRASPARENZA per noi di Centrodestra significa fare le cose alla luce del sole; prima di prendere qualunque decisione di rilievo che riguardi la collettività bisogna interpellare i cittadini. SICUREZZA SOCIALE La criminalità è in continuo aumento e dovere di ogni Amministrazione è quello di contrastarla e di combatterla. Sono stato il primo a chiedere che fossero installate telecamere di sicurezza, ancor oggi troppo poche e per giunta collocate in punti non strategici. Vanno invece installate nelle vie di uscita/ingresso della città in modo che, in caso di furti, scippi,rapine, atti vandalici o altro sia possibile controllare tutte le auto  transitate in quel giorno; devono poi essere controllati tutti i punti oggi diventati luogo abituale di ritrovo di persone sospette e di extracomunitari. Da tempo chiediamo che siano investiti soldi per realizzare una nuova Caserma dei Carabinieri che funzioni sempre nelle 24 h. Chiediamo anche che i nostri Vigili Urbani facciano più controlli  ; essi dovrebbero poter accertare, ogni qual volta la situazione lo richieda, la regolarità dei documenti di persone sospette. Essi per svolgere al meglio il loro lavoro dovrebbero essere anche dotati di armi di difesa e di dissuasione; così almeno recita la legge e così vige in tanti altri Comuni italiani. Con il vostro voto, e come Forza Italia, mi impegnerò per ottenere Meno tasse, Meno Spese inutili, Massima Trasparenza nell'amministrazione e Maggior Sicurezza per tutto il nostro territorio. Vogliamo un Sindaco, non uno Zar Finora ad Umbertide è sembrato di abitare in una piccola Russia: peccato però che il palazzo comunale non si chiama Cremlino, il nostro fiume è il Tevere e non la Moskova ed è popolato di barzi e anguille, non certo di storioni. Cari concittadini, Umbertide, come altri Comuni d'Italia, e' arrivata a un bivio. Per anni il paese e' stato emarginato, quasi dimenticato da Amministrazioni inette e incompetenti, da giochi politici che hanno fatto l'interesse di pochi e ignorato le necessita' di molti. Oggi e' giunto il momento di dire basta!   Vogliamo crescere, svilupparci, far sentire la nostra voce, fare un ruggito e non un belato! La nostra economia e' stagnante, i pochi posti di lavoro ci sono rubati da chi non ne ha il diritto. Perche' ciò accade? Perche' i nostri precedenti eletti  mancano di coraggio e di visione, la visione necessaria per sviluppare questa nostra cittadina che ha tanto da dare. Basta con le scuse ! Mandiamoli a casa ! Le scuse non son altro che i chiodi che si usano per costruire le case delle disfatte ! Ci vogliono fatti concreti e azioni decise e io, se avro' l'onore di essere votato da voi, ho il coraggio e l'esperienza necessarie per rimuovere Umbertide da questa posizione di stallo. Diciamo tutti insieme "basta con gli inciuci di palazzo, basta col tirare a campare". BASTA SPESE INUTILI CHE PORTANO SOLO AD AUMENTI DI TASSE; VOGLIAMO CHE IL NOSTRO COMUNE SIA TRASPARENTE E CHE SIA UN COMUNE DOVE I CITTADINI POSSANO VIVERE DAVVERO SICURI. Bisogna muoverci, bisogna fare, occorre alzarsi in volo. Ma per poter volare non ci vogliono solo le ali, bisogna anche sbatterle. Cari concittadini, abbiate il coraggio di votare per il progresso di Umbertide ! FATE UNA CROCE SUL SIMBOLO DEL CENTRO-DESTRA E SCRIVETE “Galmacci “ SULLA SCHEDA CON IL VOSTRO VOTO LI MANDEREMO A CASA  

17/05/2014 19:28:11

Notizie » Politica Umbertide cambia: una giornata di festa per giovani e famiglie

Umbertide Cambia con le famiglie ed i giovani per una giornata di festa La lista civica Umbertide Cambia invita tutti a partecipare domenica 18 maggio 2014, dalle ore 15:30, alla giornata di festa che si terrà presso i locali de “La Piattaforma”. Si inizierà con un intero pomeriggio dedicato alle famiglie ed in particolare ai più piccoli, i quali potranno divertirsi con i giochi organizzati dai ragazzi dell'Associazione “La Festaccia”, con le letture dei nostri candidati e con i Giochi di Luce coordinati dall'Accademia della Luce. Un breve intervallo verrà dedicato alla merenda. Dalle ore 18:30 circa, ci sarà un dibattito sui temi della cultura, delle politiche educative, giovanili e sociali e sulla tutela delle diversità. Interverranno il candidato sindaco di Umbertide Cambia, Claudio Faloci, i candidati consiglieri Alessia Bartolini, Maurizio Gianandrea, Giorgio Gustinelli, Michela Cerbarano e la prof.ssa Silvia Fornari, sociologa presso l'Università degli Studi di Perugia. Dalle ore 20:00 prende vita la serata “Be young, Be yourself”di Umbertide, una serata rivolta ai giovani e ai meno giovani ed a favore delle donne e dei diritti civili con apericena (costo di € 13,00 a persona), musica con DJ Enrico Carini e spettacolo fino a tarda notte. Crediamo che l'aumento dei fenomeni di violenza sia fisica che verbale fondata sull'odio richiedano, da parte delle persone che intendono amministrare l'interesse pubblico, un impegno concreto nel favorire pratiche positive di accettazione delle diversità, rivolto in particolare ai più giovani. Perché la cultura e l'educazione di oggi, sono i pilastri della società di domani.  

17/05/2014 15:48:13

Notizie » SLIDER Ospedale di Umbertide: quale futuro

Si è tenuto nei giorni scorsi un incontro tra l’Amministrazione Comunale di Umbertide e la direzione della Usl Umbria 1 con i dipendenti dell’ospedale cittadino. Per l’azienda sanitaria erano presenti il direttore generale Giuseppe Legato, il direttore del Distretto sanitario dell’Alto Tevere Daniela Felicioni e il direttore del presidio ospedaliero Città di Castello – Umbertide Silvio Pasqui. Nel corso dell’incontro il direttore Legato ha ribadito che l’ospedale di Umbertide non subirà né tagli né razionalizzazioni; il nosocomio cittadino, anzi, sarà oggetto di una serie di interventi atti a migliorare i servizi al cittadino, ed in particolare si procederà con il potenziamento delle tecnologie e la sistemazione dei locali del reparto di Radiologia e inoltre, entro il mese di giugno, con l’attivazione di alcuni posti di Residenza Sanitaria Assistita, servizio di livello e intensità assistenziale intermedi, capaci di garantire l’integrazione e la continuità delle cure tra il livello ospedaliero, territoriale e domiciliare. I posti letto di Residenza Sanitaria Assistita consentiranno infatti di gestire in modo più appropriato il ricovero ospedaliero, di liberare risorse e di rendere più efficiente l’offerta assistenziale integrata ed intermedia. Nonostante quindi le voci, infondate, di un depotenziamento dei servizi offerti, è stata riconfermata la centralità dell’ospedale di Umbertide nell’ambito del presidio ospedaliero dell’Alto Tevere, che registra performance di tutto rispetto anche in termini di mobilità attiva, con un saldo positivo e un significativo numero di pazienti provenienti da fuori ASL.  In generale, con un fatturato che anche nel 2013 supera i 6milioni  di euro, il presidio lo scorso anno ha registrato circa 2.300 ricoveri di cui il 43% circa in regime di Day Hospital e Day Surgery. In particolare, con riferimento alla degenza ordinaria nelle unità operative di chirurgia plastica ricostruttiva, chirurgia, otorinolaringoiatria e medicina si è registrato un tasso di utilizzo della struttura superiore all’81%. Tendenzialmente stabile, l’attività chirurgica si attesta sopra le 2.000 prestazioni, di cui 1.295 in regime di ricovero e oltre 800 in regime ambulatoriale, mentre l’attività specialistica ambulatoriale conta più di 38.200 prestazioni per un fatturato che da solo vale oltre un milione e duecentomila euro.

17/05/2014 07:13:29

Notizie » SLIDER Umbria Acque: bilancio e servizi

L’Assemblea dei Soci di Umbra Acque S.p.A., società mista costituita al 60% dai 38 Comuni degli ATI 1 e 2 dell’Umbria ed al 40% dal socio operativo ACEA S.p.A., ha approvato il Bilancio consuntivo 2013 predisposto dal Consiglio di Amministrazione. Nel 2013, la puntuale opera di efficientamento dei costi operativi, senza intaccare la qualità del servizio idrico erogato, ha consentito di chiudere il Bilancio con un utile pari ad Euro 3.102.489,71 che i Soci hanno deciso di destinare, integralmente, a riserva per alimentare i necessari investimenti infrastrutturali nei territori serviti. Dal 2008 a oggi Umbra Acque ha reinvestito sul territorio circa il 90% degli utili conseguiti, per un valore superiore a 8 milioni di Euro. Sul versante costi, in particolare, è da segnalare la riduzione di circa un milione di Euro (6%) del costo del personale, frutto della riduzione dell’organico (dai 351 dipendenti al 31/12/2010 si è passati ai 336 del 31/12/2013) e della nuova organizzazione interna che ha consentito, a parità di efficacia del servizio all’utenza, l’abbattimento delle ore di straordinario, più che dimezzate rispetto agli anni precedenti. Anche la scelta strategica di reinternalizzare diverse attività operative (es. manutenzione ordinaria e straordinaria, contatoristi, call center), ha consentito di impiegare al meglio le risorse umane in organico abbattendo il costo degli appalti per i lavori esterni (risparmi per oltre 3 milioni di Euro). Il costante monitoraggio e presidio di tutti i centri di costo sono palesati anche dalla flessione dei costi di gestione relativi allo smaltimento fanghi ed autospurghi (dagli oltre 3 milioni del 2011, ai 2.340 ca. del 2013) ed ai materiali di consumo (inerti, reattivi, ossigeno, materiale tecnico, ridotta dal 2012 al 2013 di quasi mezzo milione di Euro). E’ inoltre da evidenziare un’attenta politica di recupero delle morosità pregresse (dal 2010 al 2013 incassati circa 3,3 milioni di Euro), volta a tutelare i numerosi utenti che pagano regolarmente il servizio idrico fornito e che distingua le morosità tra quelle dei “furbi” e quelle delle famiglie in difficoltà. All’opera di ottimizzazione dei costi e di aumento della produttività, si è affiancata quella di rimozione delle cause e di contenimento dell’indebitamento, che nell’ultimo triennio è passato da 53 milioni a 32 milioni di Euro, garantendo il recupero di credibilità economico/finanziaria alla Società ed un nuovo accesso al credito a medio/lungo termine per finanziare gli investimenti necessari. Nell’ultimo decennio, Umbra Acque ha realizzato investimenti per 130 milioni di Euro, di cui circa 100 a carico del sistema tariffario e 30 con finanziamenti pubblici comunitari; rispetto agli anni 2003 e 2004, la capacità di investimento è più che raddoppiata (da 4,5 a 10 milioni di Euro/anno), consentendo la realizzazione di infrastrutture “invisibili beni comuni” volte al miglioramento della qualità del servizio e dell’ambiente, per i cittadini di oggi e per le generazioni future. Efficacia del servizio (apprezzata in tutte le indagini di customer satisfaction), ingenti investimenti infrastrutturali, utilizzo di tecnologia all’avanguardia consentono un’efficienza nei costi, con una tariffa media, per gli utenti domestici per l’anno 2013, deliberata dall’Assemblea degli ATI 1 e 2 dell’Umbria pari a 1,67 Euro al metro cubo (un litro d’acqua costa in media 0,167 centesimi). Questa tariffa è nettamente la più bassa dell’Umbria e in piena media nazionale, come rilevato anche dall’Osservatorio Tariffe e Tributi Locali promosso dalla Regione Umbria, Associazioni dei Consumatori e Agenzia Umbria Ricerche. Il dato risulta confermato anche se si misura il costo medio annuo per una famiglia-tipo di tre persone, il cui consumo è di 120 metri cubi pari ad un pagamento circa 200 Euro annui. Tale pagamento assicura la continuità di avere a casa acqua potabile di qualità e “supercontrollata” (la Società svolge annualmente oltre 10.000 controlli/analisi) e per il servizio di fognatura e depurazione dei reflui. La società guarda con fiducia al futuro, auspicando per il settore idrico un assetto definitivo, industriale ed imprenditoriale, che può essere perseguito solo con lungimiranti politiche strategiche e chiare programmazioni da parte della Regione, degli ATI e, in prospettiva, dell’Autorità Umbra per i Rifiuti e le Risorse idriche (AURI). Un quadro regolatorio incentivante, infatti, consentirà di far fronte al fabbisogno di investimenti in tutte le fasi del SII, Sistema Idrico Integrato (acquedotto, fognatura, depurazione), a favore dell’intero territorio servito; potrà inoltre favorire il progressivo superamento della frammentazione gestionale su scala regionale (e non solo), poiché è proprio un serio percorso di integrazione, senza presunte egemonie territoriali e supportato da rigorosi studi di fattibilità tecnico/operativi, la chiave per garantire la capacità di investimento e per abbattere i costi, creando rilevanti economie di scala e positive ricadute per l’utenza, sia nella qualità del servizio che nel contenimento tariffario.

17/05/2014 07:06:15

Notizie » Politica Umbertide cambia risponde al Pd: no ad arroganza

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO Il PD di Umbertide giudica bugie, maldicenze e cattiverie le informazioni documentate che Umbertide cambia ha pubblicato in merito a: bretella ferroviaria di Pierantonio, ex fornace, moschea, ospedale, gestione rifiuti (caso Sogepu), ex tabacchi, centro storico. Ci aspettavamo risposte, suffragate, come le nostre posizioni, da numeri, fatti, motivazioni. La verità è che Umbertide cambia richiede e pratica trasparenza. Concetto scomodo per chi è abituato ad usare, piuttosto che a guidare, l’Amministrazione comunale, svendendo l’interesse della comunità locale per fini diversi dall’interesse generale. Noi non siamo – come dice il PD – “candidati” contro il centro sinistra. Noi siamo nati per contrastare prepotenza, arroganza, personalismo. Ci impegniamo per portare Umbertide fuori da questa mentalità politica feudale, fatta di amici e nemici, fondata sul controllo, la disinformazione, l’intimidazione, l’offesa (come stiamo ben sperimentando in questa campagna elettorale, ma di certo non ci arrendiamo). Lo facciamo per favorire una crescita vera della nostra città, sul piano economico, culturale, sociale. Lo facciamo con l’obiettivo di elevare il livello del confronto politico. Lo facciamo anche per stimolare il PD ad un coraggioso scatto d’orgoglio. In tutto questo siamo utili alla nostra città. Umbertide cambia. Con il tuo voto cambiala con noi. Umbertide cambia

17/05/2014 07:00:34

Notizie » Politica Inceneritori Zero: risposta e polemica con Locchi

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DAL COMITATO INCENERITORI ZERO   In occasione dell'assemblea pubblica del 9 Maggio riguardante la discarica di Pietramelina organizzata da vari comitati e pro loco del territorio tra cui Il comitato Inceneritori Zero, sono stati invitati i candidati sindaco di Umbertide e Perugia. Teniamo a puntualizzare che i candidati sono stati invitati senza concordare con nessuno la data e  soprattutto tutti lo stesso giorno e con le stesse modalità . Chi dei candidati non ha potuto presenziare l'assemblea ha inviato dei candidati consiglieri che hanno esposto le considerazioni del partito o della lista che rappresentavano in merito al tema trattato. La presa di posizione del Sig. Locchi Marco, candidato sindaco del PD ad Umbertide, è fuori luogo, fuorviante e soprattutto incomprensibile. Chi sta strumentalizzando la vicenda per fini elettorali non è sicuramente un Comitato di cittadini, apartitico , che ha il solo fine di salvaguardare la salute dei cittadini e l'integrità ambientale di un territorio martoriato da decenni da decisioni amministrative scellerate . I dubbi del Sig. Marco Locchi sono del tutto infondati e l'assenza della lista che rappresenta all'assemblea non sono sicuramente da imputare al Comitato Inceneritori Zero che con grande senso civico organizza eventi informativi su una bomba ecologica come la discarica di Pietramelina . Il Comitato non ha interessi politici , il Comitato combatte da decenni per il diritto alla salute dei cittadini di un territorio e vedere dietro il nostro operato un progetto politico mettendo in discussione la bontà ed il fine del nostro operato ci offende e ci lascia assolutamente allibiti.    Comitato Inceneritori Zero  

17/05/2014 06:48:06

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy