Notizie » Politica PD Umbertide Corbucci su E45: 'occorrono azioni immediate per dare risposte ai cittadini'

Riceviamo e pubblichiamo  "La chiusura del viadotto ‘Puleto’ è stata disposta a seguito di una segnalazione di un cercatore di tartufi e non dall’ente preposto al controllo e alle ispezioni periodiche. Come è possibile? Di fronte ad una situazione così grave ognuno si deve far carico del problema, e le Amministrazioni locali devono avere il sostegno di tutti per agire con autorevolezza e pretendere azioni immediate per dare una prima risposta alle esigenze dei cittadini e delle imprese, a partire dallo stanziamento di risorse certe e dalla predisposizione di tutti gli atti necessari per accelerare i tempi. Il ministro Delrio nel 2015 aveva autorizzato sul bilancio pluriennale dello Stato 1,6 miliardi per lavori strutturali sulla E45 riguardanti manutenzione straordinaria del fondo stradale, barriere di sicurezza e messa in sicurezza di ponti e viadotti. Nel tratto umbro sono stati già effettuati lavori per circa 80 milioni di euro. Come Pd chiediamo a tutti i rappresentanti politici del nostro territorio, di qualunque parte politica, di utilizzare ogni strumento utile per attenzionare al ministero delle infrastrutture e dei trasporti la grave situazione che si è venuta a creare, per insistere affinché si trovino le risorse necessarie per un intervento strutturale e definitivo di messa in sicurezza e affinché Anas faccia la sua parte anche nel tratto toscano-emiliano dell’E45, che da decenni è oggetto di continue interruzioni a causa dei lavori." Filippo Corbucci, consigliere comunale Umbertide  

17/01/2019 17:29:49 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: SULLA QUESTIONE BELLADANZA SIAMO CON BACCHETTA

Riceviamo e pubblichiamo “Sulla questione rifiuti sosteniamo la posizione del Sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta perché tende a sollecitare concretamente scelte e soluzioni definitive e perché ribadisce, come noi da anni, l’esigenza di una politica territoriale in materia, rilanciando la soluzione di una gestione pubblica”. Umbertide cambia, attraverso il Presidente Alessio Tardocchi, interviene con nettezza sulla diatriba che vede protagonisti i Comuni di Città di Castello e Perugia. “In realtà – sottolinea Tardocchi - il problema è conseguenza di una fondamentale mancanza da parte della Regione che non ha saputo o voluto in questi anni decidere con coraggio e chiarezza. Ora i nodi di questa totale assenza di programmazione vengono al pettine e non è possibile che Belladanza ne sopporti il peso e le conseguenze. Peso che tra l’altro ricade anche sui cittadini di Umbertide, perché gravati da tariffe in costante aumento a causa dal costo del trasporto dei rifiuti fuori regione, e perché fuori, dal punto di vista politico ed amministrativo, dalla gestione diretta e pubblica del servizio in ambito territoriale, oggi in capo a So.Ge.Pu., a causa della poco lungimirante decisione di uscire dalla compagine aziendale”. “Lo scorso luglio – aggiunge il consigliere comunale di Umbertide cambia Gianni Codovini - si è verificato un serio e positivo cambiamento di prospettiva nella gestione dei rifiuti e della sostenibilità ambientale, che riguarda il nostro territorio e l’intera regione. La discarica di Belladanza si è trasformata in Polo Integrato per il trattamento, il recupero, la valorizzazione e lo smaltimento dei rifiuti. Si è avviato cioè quel processo virtuoso da noi sempre richiamato di una gestione pubblica di area vasta del ciclo dei rifiuti, capace di garantire una gestione autosufficiente dell’intera filiera, di ridurre la movimentazione di essi e di favorire il contenimento delle tariffe dei servizi ai cittadini. Un processo che non può andare in crisi a causa di un conferimento eccessivo in discarica. Va dato atto positivamente a So.Ge.Pu, che ha investito 12 milioni su Belladanza con il contributo della Regione di 3 milioni, di un cambiamento radicale nella gestione dei rifiuti territoriale e regionale. Anche il Comune di Umbertide deve prendere atto della nuova impostazione. Certo – sottolinea il capogruppo di Umbertide cambia - la scellerata uscita della nostra Amministrazione dalla stessa So.Ge.Pu. nel 2013 e l’isolamento del nostro Comune con l’ex Sindaco Locchi, sono stati un danno gravissimo per la costituzione di una società pubblica capace di gestire l’intero territorio, ma oggi nuove condizioni favoriscono un rovesciamento di prospettiva. La stessa questione ambientale di Calzolaro, per esempio, può essere risolta nell’ambito di questa nuovo Polo Integrato. Ci vuole coraggio – conclude Codovini - per abbattere annosi tabù e conflitti tra amministrazioni. E ci vuole capacità di investimento strategico per realizzare la gestione pubblica dei beni comuni come rifiuti, acqua e reti del metano. Tuttavia, Sogepu per Città di Castello e i Comuni dell’Alta Umbria, e Multiservice per Umbertide, sono due realtà che possono e debbono integrarsi. Aspettiamo da questa nuova Giunta umbertidese un atto di coraggio e di strategia. Altrimenti rimarremo piccoli, isolati e senza futuro. Come prima e più di prima”.      

08/01/2019 12:19:45 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica PD Umbertide sulla Legge di Bilancio

Riceviamo e pubblichiamo "La Lega a Roma toglie i soldi ai Comuni, a chi fa impresa, ai lavoratori dipendenti, ai pensionati (che avranno un minor adeguamento all’inflazione rispetto a quanto previsto) e ai più bisognosi. La pressione fiscale – dopo cinque anni di lenta ma costante discesa – nel 2019 (per effetto della legge di bilancio di M5S e Lega) sale dal 42% del 2018 al 42,4% del 2019. Significa circa 7 miliardi di tasse in più a carico di chi lavora e produce in Italia. Questa non è un’opinione. È un fatto, certificato dall’Ufficio Parlamentare di Bilancio. E non è affatto vero che “sono solo tasse sulle banche”. Tutti i benefici fiscali che vengono annullati (Iri, Ace, crediti di imposta ecc.) andavano a vantaggio soprattutto dalle piccole e medie imprese. In più, lo sblocco delle tasse locali (non comprese nel conto di cui sopra) aggraverà ulteriormente – la CGIA di Mestre dice di un altro miliardo – il peso sulle buste paga di lavoratori dipendenti e pensionati (tramite l’addizionale Irpef) e sugli immobili (tramite Imu e Tasi). Non vorremmo – dicono dal PD umbertidese – che l’Amministrazione targata Lega aumenti le tasse (addizionale Irpef ad esempio) anche nel nostro Comune. E i leghisti, anche quelli morosi proprio verso il Comune, non dicano che la colpa è di chi amministrava prima, visto che gli ultimi assessori al bilancio (Tosti e Villarini) sono in Giunta con la Lega."  

07/01/2019 18:07:48 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide, primarie PD: “Il successo sarà decretato dalla partecipazione”

Riceviamo e pubblichiamo “Domenica 16 dicembre, dalle 8 alle 20, in Umbria si voterà per scegliere il Segretario regionale del Partito Democratico. A tal proposito vorrei sottolineare, in qualità di Segretario del PD umbertidese, come questo appuntamento di libera democrazia (che non ha eguali in altri Partiti e raggruppamenti) risulti necessario sia per riallacciare i fili con le tante persone che non guardano più a noi, sia per rafforzare i legami e il confronto con chi ancora ci segue. In questo periodo, fino al 16, non mi stancherò di dire che il successo delle primarie sarà decretato in primo luogo dalla partecipazione. Inoltre verrà eletta anche la Assemblea Regionale, l’organismo che avrà dinanzi a sé compiti importanti da svolgere, il primo dei quali dovrà essere quello di costituire una sede di dibattito franco, un punto di incontro di discussione aperta e senza intermediazioni. È vero, abbiamo commesso diversi errori e non abbiamo percepito fino in fondo il malessere che attraversava le fasce sociali tradizionalmente vicine alle nostre idee e ai nostri valori. Ecco perché è così importante partecipare a questo momento democratico! Quindi rinnovo l’appello agli iscritti, ai simpatizzanti e ai cittadini, di recarsi nelle sedi elettorali per esprimere la loro preferenza.” FILIPPO CORBUCCI – SEGRETARIO PD UMBERTIDE E CONSIGLIERE COMUNALE

11/12/2018 16:19:14 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica M5S Umbertide risponde all'Amministrazione

Riceviamo e pubblichiamo "Dal Sig. Sindaco e dagli egregi componenti della Giunta ci saremmo aspettatati una risposta più costruttiva alle nostre osservazioni, fatte in buona fede e nell’intento di dare un contributo affinché la preselezione fosse rimodulata nell’interesse dei cittadini, ma sembra che siano più impegnati ad esprimere giudizi politici ed a lanciare una nuova campagna elettorale, che ad amministrare il nostro paese. Se così deve essere vogliamo puntualizzare che è nell’interesse della comunità che abbiamo osservato che il bando può, e deve, essere rimodulato privilegiando l’offerta tecnica ed i suoi contenuti sociali, piuttosto che l’offerta economica. Abbiamo fatto notare che i requisiti richiesti sembrano essere così gravosi da rendere giocoforza preponderante e sbilanciata la parte commerciale rispetto a quella sociale e che in questo modo si snaturerebbe l’essenza sociale e aggregativa della piattaforma. Ebbene, se parlare e proporre soluzioni che vanno a vantaggio della comunità è essere comunisti, forse un po’ lo siamo. Se poi per il Sindaco e la Giunta essere comunisti vuol dire difendere la Piattaforma come luogo vivo della memoria, che affonda le proprie radici nell’antifascismo e nella resistenza che, lo ricordiamo a quelli che non lo sanno, non lo hanno mai saputo o oggi se ne sono dimenticati, è uno dei valori fondanti della nostra Costituzione, si forse un po’ lo siamo. Se poi per convenienza politica, i comunisti questa amministrazione se li è messi in casa per la paura di non essere eletta, non è certo stata una scelta nostra. Certo è che con questa mossa, al momento, il solo risultato che ha ottenuto è stato quello di dover tenere le ruspe in garage, ricorrere ad un ulteriore indebitamento per fare le manutenzioni che il suo sodale non aveva fatto, essere costretto e limitarsi ad operazioni di facciata. Pensassero a governare serenamente e a mantenere le promesse fatte agli Umbertidesi in campagna elettorale invece che offendersi per delle fondate critiche mosse in maniera costruttiva da chi ottempera al proprio mandato elettorale nell’interesse degli Umbertidesi, scevro da quelle pregiudiziali ideologiche che sembrano piuttosto caratterizzare da qualche tempo questa maggioranza e questa giunta. Ci sembra di essere tornati indietro di quindici anni, quando, mutatis mutandis, altri sindaci e altri amministratori si comportavano nello stesso modo, ebbene cari concittadini pensavamo di aver cambiato tutto e non abbiamo cambiato niente, un cambio di mentalità nella politica ci aspettavamo da chi ci governa e non solo un cambio di partito tra l’altro cambiato solo in parte, invece no, neanche il nobile gattopardo, ad Umbertide c’è toccato il più prosaico “gattopuzzo”. Comunque la nostra non è rassegnazione, continuiamo e continueremo a sollecitare questa amministrazione con proposte che vorremmo discutere nelle Commissioni Consiliari, luogo della Democrazia propositiva e non dimenticate sedi dove vengono espletati passaggi resi obbligatori dalla procedura, continueremo nella sana critica costruttiva a riportare al centro della dinamica politica i temi veri dell’amministrazione: ambiente, salute, sociale, tasse, rifiuti, cultura, tessuto produttivo, urbanizzazione e piano regolatore, solo per ricordarne alcuni a chi ci governa, abituati come siamo ad essere etichettati, sempre a torto e mai a ragione, come fascisti dai comunisti e come comunisti dai fascisti."

11/12/2018 16:16:08 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Alla 'Di Vittorio' grande affluenza per i laboratori creativi dedicati al Natale

Affollati oltre ogni aspettativa gli atelier che alla scuola Primaria “G. Di Vittorio” sono stati dedicati alla realizzazione di oggetti decorativi in vista delle prossime festività natalizie. Il 2° Circolo di Umbertide ha infatti inaugurato un percorso che vedrà numerosi appuntamenti in cui i laboratori creativi saranno aperti al territorio, coinvolgendo in particolar modo i bambini di tutte le scuole, nella convinzione che le attivitá laboratoriali siano fondamentali per realizzare una formazione applicata sul campo e siano l'ideale perché, in maniera ludica, si può apprendere molto velocemente. Gli atelier in questo caso sono qualcosa di più, si tratta infatti di spazi innovativi in cui manualità, e creatività si incontrano con artigianato e tecnologie, dove tradizione e futuro si compenetrano armoniosamente, la fantasia progetta e il fare genera tra analogico e digitale. La Di Vittorio già da tempo ha allestito al suo interno quattro atelier creativi dotati di strumentazioni che supportano la robotica educativa e l’apprendimento di nuovi linguaggi e alfabetizzazioni (pensiero computazionale, coding, digital storytelling), stampante 3D, proiettore interattivo, microscopio con telecamera per video e foto, tablet nelle postazioni di lavoro, attrezzature per la produzione della carta, bee bot e cubetto per il coding. In questi spazi creativi gli insegnanti sono promotori di una didattica attiva e dinamica, attivando costantemente laboratori per i propri alunni che si collocano nell’ambito delle varie attività curricolari. “Già da qualche anno pensiamo alla nostra scuola come ad un ambiente in cui poter fare principalmente esperienze e acquisire competenze - ha dichiarato Angela Monaldi, dirigente scolastico del II Circolo -. Oggi abbiamo la fortuna di poter disporre di atelier creativi dotati di strumentazioni innovative in cui i nostri studenti sono costantemente coinvolti attraverso attività laboratoriali che incoraggiano la creatività e la manualità insieme all’uso dei media e delle tecnologie”. Gli atelier saranno aperti al pubblico in occasione dell’open day del 14 dicembre dalle 16.30 alle 19.00. 

05/12/2018 13:07:20 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Alessio Tardocchi nuovo Presidente di Umbertide Cambia

Riceviamo e pubblichiamo L’associazione culturale e politica Umbertide cambia ha un nuovo presidente, Alessio Tardocchi, e un nuovo direttivo, completamente rinnovato. A breve verrà composto anche il Comitato Scientifico, strumento di approfondimento e di studio dell’Associazione. L’assemblea, molto partecipata, ha dettato le nuove linee programmatiche, tese a confermare l’autonomia del movimento civico, l’esigenza di confrontarsi con altri soggetti che operano nel territorio, la volontà di continuare con iniziative concrete l’incisiva azione già sviluppata nei cinque anni di operatività, con l’obiettivo di rendersi utili per la città. Lo stesso presidente uscente, il consigliere comunale Gianni Codovini, ha ribadito che  “l’Associazione Umbertide cambia è uno strumento di mobilitazione sociale e culturale, che ha contribuito alla crescita democratica di Umbertide. La nostra presenza nelle istituzioni è, semmai, il terminale concreto di un’attività civica preminente, ma che deve incidere sulle soluzioni che si prendono nella politica e nelle amministrazioni”.    Il nuovo direttivo, con il presidente Alessio Tardocchi e la vice presidente (e segretaria) Martina Ciocchetti ha subito evidenziato che “un soggetto come il nostro, fuori dalle logiche di partito e dagli schemi precostituiti, ma radicato nella società, è indispensabile nella città perché è un presidio di molte attività civiche, ed anche una garanzia di libertà intellettuale. Allo stesso tempo – ha sottolineato Tarocchi - è una piattaforma propositiva di progetti per far crescere Umbertide. Il civismo che esprimiamo e vogliamo continuare a rappresentare ha come obiettivo quello di far tornare a ragionare e impegnare i molti cittadini che sentono che la politica attuale, fatta di slogan e superficialità, non basta più”. Il nuovo direttivo di Umbertide cambia è composto, oltre che dal presidente, Alessio Tardocchi, e dal vice presidente, Martina Ciocchetti, da: Beatrice Cardinali, Claudia Chiesi, Claudia Dominici, Spartaco Ceccagnoli, Girolamo Ponte, Diego Marchetti, Enrico Cristofani, Stefano Conti”.    

05/12/2018 12:58:04 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide Partecipa scende in campo a difesa dell’Ambiente e dello Sport

Riceviamo e pubblichiamo Umbertide Partecipa scende in campo a difesa dell’Ambiente e dello Sport attraverso un proprio gruppo di lavoro specifico che opera in stretta sintonia con Ivano Pino Presidente della 2^ Commissione Consiliare. UP rinnova l’appello alle istituzioni e agli organismi preposti affinchè prestino massima attenzione riguardo alle problematiche del Tevere che anche nell’ultimo periodo  estivo si è presentato  sempre torbido  e con odore nauseabondo di ammoniaca e di scarichi fognari, nonostante le consistenti piogge del periodo primaverile. Numerose sono state le persone che recandosi a passeggio lungo il Tevere hanno evidenziato tale situazione lamentando spesso irritazioni agli occhi e al naso. E’ evidente che tutto questo danneggia  l’impianto sportivo e  il mondo della pesca che rappresenta   anche sul piano  turistico ed economico un importante volano  per l’economia locale. Tutto ciò assume un valore ancora maggiore tenuto conto anche del fatto che siamo alla vigilia  di un importantissimo evento: infatti nel 2019 si terranno i campionati del mondo di pesca che vedranno la presenza di oltre  40 Nazioni; gare che si svolgeranno ai Laghi del Faldo, ma che comporteranno un coinvolgimento  di tutto il mondo della pesca  locale, del settore turistico e ricettivo  del nostro territorio e costituiranno  un momento di forte promozione  per entrambi gli impianti di pesca sia del Tevere, sia dei laghi del Faldo. Umbertide Partecipa conferma  il proprio impegno per  la  tutela di una risorsa così importante e auspica che quanto prima il campo gara dei laghi di  Faldo possa riprendere la propria attività sportiva, attualmente ferma, pena l’annullamento dei campionati del mondo. Umbertide Partecipa chiede alle Amministrazioni di Umbertide e Montone a farsi promotrici ai vari livelli di azioni che consentano rapidamente il ripristino delle condizioni di agibilità degll’impianto.

04/12/2018 15:54:11 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy