Notizie » Politica Moschea ad Umbertide Guasticchi attacca amministrazione

L'ultimo presidente della Provincia di Perugia prima della riforma, l'umbertidese Marco Vinicio Guasticchi, attuale Vicepresidente vicario del Consiglio Regionale umbro,renziano della prima ora, esponente cattolico del Partito Democratico, attacca l'operato dell'amministrazione Locchi, in merito alla costruzione ad Umbertide di un centro culturale islamico di notevoli dimensioni. Guasticchi dichiara in una nota:   “La vicenda della moschea ha di nuovo messo in evidenza l’arroganza di una parte di dirigenza politica e amministrativa del Pd umbertidese. Si è fatta una scelta sopra la testa dei cittadini, considerati poco o nulla nelle scelte politico-amministrative della nostra comunità. Una moschea di oltre mille metri quadrati con tanto di minareto per scandire le ore di preghiera. Uno schiaffo alla nostra cultura cattolica e alla nostra storia, caratterizzata sempre da un atteggiamento accogliente e di apertura, ma stavolta si è veramente passato il segno”. Un cambio di destinazione urbanistica effettuato nel 2012 ha trasformato questa area ad hoc. Destinazione per attività culturali e ricreative. Forse la numerosa comunità islamica umbertidese  interessa troppo ai suddetti politici locali. Sicuramente tutte le procedure sono state regolari sia nel vendere il terreno che per dare la concessione, ma un’amministrazione oculata deve anche preoccuparsi delle tensioni sociali che certe iniziative innescano. La politica dello struzzo non è più praticabile a Umbertide e i cittadini, che tutto sono tranne che razzisti, oggi si sentono presi in giro da coloro di cui si fidavano. Non è normale costruire una gigantesca moschea in una cittadina di poco meno di ventimila abitanti”.

03/04/2016 13:24:31

Sport Umbertide affronta Battipaglia al PalaMorandi

La Pallacanestro Femminile Umbertide torna a calcare il parquet di casa, questa volta l’avversaria è un’altra giovane squadra del campionato, la Givova Convergenze Battipaglia. Diverse giocatrici della compagine campana sono reduci dalla vittoria alle finali nazionali giovanili al Pala Dozza di Bologna dove hanno battuto in finale la Reyer Venezia Under-20. Tra le fila battipagliesi, i punti di forza sono dati dalle straniere Gray e Boyd che totalizzano nelle percentuali al tiro, il 52 ed il 49 per cento nei tiri da 2 ed il 38 per cento nei tiri da tre punti. Il pericolo maggiore nel roster a disposizione di coach Riga è dato da una delle migliori giovani sulla piazza, Marzia Tagliamento, ala brindisina classe 1996, MVP delle finali U-20 disputate appunto lunedì scorso. Umbertide non può che rispondere con la sua stella, Meighan Simmons al secondo posto tra le top scorer del campionato. Speedy, come viene soprannonimata, vanta un 42 per cento nel tiro da due e un 38 per cento nel tiro da tre, molto precisa anche nei tiri liberi dove finora ne ha realizzati l’87 per cento. Partita quindi ricca di insidie per la formazione umbertidese, ormai salva, ma dalle rotazioni ristrette.  Dopo la brutta prestazioni di Sesto San Giovanni dello scorso 20 marzo, l’unico obiettivo che rimane alle ragazze di “Lollo” Serventi è confermare l’ottava piazza della classifica in vista dei play-off. Francesco Cucchiarini  

02/04/2016 15:48:42

Notizie » Società Civile Gatti di Canoscio: è polemica sullo spostamento del rifugio

Riceviamo e pubblichiamo lo sfogo amaro di una volontaria del Rifugio Enpa di Canoscio « La storia dei gatti di Canoscio è la seguente: Credo che la colonia sia nata circa 25anni fa, quando, nella casa più’ vicina al santuario abitava un’anziana donna, ormai sola, che aveva cani e gatti. Quando in relazione alla sua perdita di autonomia dovette andare al Muzi Betti, nota istituzione cittadina, chiese aiuto per i suoi animali.  I cani furono adottati, i gatti ovviamente rimasero li e si moltiplicarono. I parroci che si sono susseguiti nel tempo furono sempre molto tolleranti: la zona e’ vasta e verde, c’è posto per tutti. Uno  dei parroci diede il permesso ai volontari Enpa di costruire un rifugio per i mici, molto razionale, situato nella scarpata a destra, venendo dal parcheggio, ben nascosto dalle siepi, esposto al sole, sicuro e pulito. Furono costruite scalette per accedervi. Io ho visto questa bella struttura 5 anni fa circa, passando per caso durante una passeggiata, ho capito che i frati che gestivano allora il santuario, molto poveri, non si occupavano dei gatti e ho iniziato a portare cibo con regolarità, avendo così modo di conoscere un’ altra volontaria che da tempo si occupava dei mici. Negli anni ci siamo organizzate in modo che ai mici non mancasse mai il necessario e siamo riuscite a fare sterilizzare 2 gatte, a curare un micino malato e darlo in adozione. Altri volontari hanno dato il loro importante contributo. Tre anni fa circa il rettore del santuario ha ipotizzato uno spostamento del rifugio, in previsione della costruzione di un orto. Ci siamo incontrati, abbiamo prospettato  insieme uno spostamento di circa 100 metri in direzione della cosidetta casa del tesoro, sempre nella stessa scarpata, area attigua al rifugio, ben esposta al sole, vicina alla zona che per i mici era familiare e dove si sarebbero potuti adattare . Non se ne fece nulla, i frati si resero conto che gatti e orto non erano incompatibili. Arrivando al presente, giunge il nuovo prete e da subito, la prima cosa che si viene a sapere è che non vuole i gatti, con tutti i problemi della diocesi, appare subito evidente che questa ossessione per lui è prioritaria. Ci poniamo in un atteggiamento non aggressivo, ma di attesa e disponibilità, vigilando comunque. Negli ultimi due giorni veniamo a sapere con orrore che la colonia è stata spostata, senza chiedere niente a nessuno, senza rispetto per i gatti e per le persone che per anni li hanno seguiti e curati. I gatti si sono trovati privi dei loro rifugi, di quella che era stata la loro casetta da sempre, disperati e piangenti. Mani estranee hanno preso le loro-nostre cose, le cucce , i contenitori per il cibo e li hanno trasferiti dalla parte opposta della collina di Canoscio, verso nord, un luogo esposto a venti e brina, umido, lontano e sconosciuto, un luogo dove non andranno mai. Intanto i gatti si sono dispersi, lo scopo del buon parroco è stato raggiunto, non dovrà più sostenere l’orrore di incontrare una decina di poveri gatti all’uscita della sua vuota canonica di 500 metri quadri, dove vivono in due. Questa è la storia, fino ad ora, vedremo cosa si può fare per rimediare a questo scempio. Intanto il prete cerca di cavalcare i media locali affermando che non ha distrutto il rifugio dei gatti ma lo ha solo spostato. Per quello che mi riguarda continuerò a portare i crocchi come facevo prima e se necessario li metterò nella riproduzione della grotta di Lourdes, così gatti e cibo saranno al riparo. La Madonna capirà, non è una donna di potere.»   Marcella Chialli  

02/04/2016 10:28:22 Scritto da: Eva Giacchè

Cultura Sabato 2 aprile secondo appuntamento con la rassegna di danza “Raccordi”

Si terrà sabato 2 aprile al Teatro dei Riuniti il secondo ed ultimo appuntamento della rassegna di danza contemporanea “Raccordi”. Si tratterà di una giornata dedicata ad Umbria Contemporanea, già in scena lo scorso 22 marzo al Teatro Brecht di Perugia, con una matinée alle ore 11 realizzata in collaborazione con il Campus Leonardo da Vinci di Umbertide, riservata agli allievi dell’Istituto e, a seguire, una serata aperta al pubblico. Il programma, alle ore 21.15, prevede la messinscena di due laboratori coreografici e del lavoro svolto dai coreografi residenti Roberto Costa Augusto, Claudia Fontana e Emanuele Giombetti. Ospiti sul palco: Agora Coaching Project, corso di perfezionamento professionale diretto da Michele Merola e Enrico Morelli, e INC InNprogressCollective, gruppo indipendente diretto dal coreografo Afshin Varjavandi. “Raccordi” nasce come piattaforma che vede protagonisti sul palcoscenico non solo giovani compagnie del panorama nazionale e internazionale, ma anche allievi del laboratorio Il Corpo a cura di Alessia Gatta che si è svolto ogni anno, in tutte e cinque le passate edizioni, presso il Centro Studi Danza diretto da Maria Paola Fiorucci. Quest’anno il progetto laboratoriale si è ampliato, unendo tre importanti realtà umbre quali il Centro Danza di Perugia, il Centro Studi Danza di Umbertide e l’Umbria Ballet School di Gubbio e coinvolgendo due importanti coreografi della scena della danza italiana, la stessa Alessia Gatta e Michele Merola. Per informazioni e prenotazioni: 075.9411317 - 075.9412697 - 340.0959352 - info@cdsumbertide.com.  

31/03/2016 15:40:15 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy