Notizie » Società Civile Trapianto di midollo osseo: il Lions club international in prima linea per la vita

Nella splendida cornice del Museo Santa Croce di Umbertide, si è tenuto nei giorni scorsi l’evento organizzato dai Lions Club di Umbertide, Città di Castello, Gubbio e Montone sul Tema di Studio Nazionale dell’associazione, dedicato all’informazione ed alla sensibilizzazione sul trapianto di midollo osseo, con particolare riguardo alla tematica della donazione. Il “motore” della manifestazione è stato il responsabile distrettuale del Tema di Studio Mauro Tarragoni Alunni, insieme ai Presidenti dei Clubs promotori Anna Paola Giacché per Umbertide, Marta Minciotti per Città di Castello, Sira Guerra per Gubbio Piazza Grande, Carlo Giuli per Gubbio Host e Guido Lombardo per Montone Aries. L’incontro, del quale è stato moderatore il Prof. Giovanni Codovini, giornalista e docente di storia e filosofia, ha visto una numerosa e calorosa partecipazione di pubblico, che ha avuto modo di ascoltare le relazioni del Prof. Andrea Velardi, ordinario di Ematologia e Direttore del programma di trapianto di cellule staminali presso l’Azienda Ospedaliera di Perugia e l’Università degli Studi della stessa città, la Dr.ssa Rita Tognellini, responsabile del Laboratorio di Immunogenetica e Biologia dei Trapianti presso il servizio Immunotrasfusionale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia e la Dr.ssa Olivia Minelli, responsabile dell’unità Aferesi del Trapianto di Midollo presso il Servizio Immunotrasfusionale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia. Il Prof. Codovini ha innanzitutto tenuto a sottolineare come la donazione di midollo osseo, che conosce come sua progenitrice quella di sangue e per la quale le comunità Umbertidesi, Eugubina ed Altotiberina sono da sempre presenti massicciamente, si caratterizzi per l’altissimo senso civico e la disponibilità verso la società civile in genere; appunto un “dono” unidirezionale, che a differenza dei regali, non costituisce la contropartita di alcunché. I relatori hanno così avuto modo di informare e sensibilizzare il pubblico presente sulle enormi possibilità della donazione di midollo osseo, nell’ambito di un programma mondiale che prevede la raccolta dei dati di ogni donatore e l’incrocio di questi dati con quelli dei pazienti, essendo facile comprendere come più ampia sia la base dei donatori, più ampie siano e saranno le possibilità che le proprie cellule ed il proprio midollo osseo, poiché compatibili con quelle dei primi, possano definitivamente guarire persone che magari stanno dall’altra parte del mondo, o anche molto vicine. Molto toccante è stata a tal proposito la testimonianza di Giampaolo Conti, un umbertidese DOC che avendo aderito al programma, nel 2007 è stato chiamato a donare il proprio midollo ed ha salvato la vita di una ragazza di appena sedici anni. Un eroe sconosciuto? Forse un antieroe, perché il mondo non ha bisogno di eroi, ma di persone comuni che capiscano a tutti i livelli quanto sia importante un gesto semplice e senza alcuna contropartita “materiale”; un gesto che al tempo stesso fornisce il senso del vivere insieme e del servizio come modello e la cui moneta è invece poprio la vita. E sul servizio, meglio sul “we serve” che è faro guida di tutti Lions del mondo, sono tornati in chiusura i Presidenti dei Clubs organizzatori, che hanno altresì avuto modo di ringraziare i Comuni di Umbertide e di Città di Castello per il patrocinio, nonché Mauro Tarragoni, che ha ancora una volta rimarcato l’importanza del servizio come valore fondante e fondamentale dei Lions, che incessantemente ne fanno vessillo e battaglia nella società civile.  

25/02/2016 17:18:21 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Federico Peverini nel consiglio direttivo dell'Anbima Umbria

C'è anche l'umbertidese Federico Peverini, storica colonna della banda musicale “Città di Umbertide”, nel nuovo direttivo dell'Anbima, l'Associazione Nazionale Bande Musicali Italiane Autonome. Il 21 febbraio scorso infatti si è svolto a Costano il Congresso per l'elezione del Consiglio Regionale Anbima Umbria che dovrà guidare l'associazione del mondo musicale bandistico e corale nel prossimo quadriennio 2016 - 2020. A seguito di regolari votazioni sono stati nominati: Giorgio Moschetti Presidente, Gianni Paolini Paoletti  Vicepresidente, Federico Peverini Segretario, Francesco Barcaccia Economo cassiere, Fabio Arcaleni Delegato per la provincia di Perugia, Paolo Sciaboletta Delegato per la provincia di Terni, Stefano Mancini Consigliere, Agostino Serangeli Consigliere, Luca Longhi Consigliere. Con l’occasione sono stati nominati revisori dei conti Vittorio Pulcinelli (presidente), Andrea Mercanti, Gabriele Giglioni, e i probiviri Paolo Ortica, Anna Maria Gissi e Fioroni Elisa. Hanno presieduto il Congresso il delegato Nazionale Anbima Nicola Fabbroni e il presidente onorario di Anbima Umbria Alberto Giglietti. Tra gli ospiti era presente anche l’assessore regionale alla cultura Fernanda Cecchini, che ha ribadito il forte interesse dell’Amministrazione regionale a voler sostenere e finanziare le bande musicali umbre, espressione vera delle tradizioni locali e della diffusione della cultura musicale. A seguire Claudia Lucia, assessore alla politiche culturali del Comune di Bastia Umbra, ha espresso la sua gratitudine per l’immenso lavoro di volontariato profuso dalle organizzazioni bandistiche. Nel 2015 Anbima Umbria ha raccolto le adesioni di ben 56 formazioni bandistiche, di cui 42 nella provincia di Perugia, 14 in quella di Terni, per un totale di 2167 iscritti. L’associazionismo musicale è un fenomeno ampiamente diffuso su tutto il territorio regionale ed Anbima ha l’obiettivo primario di offrire un servizio di informazione e tutela, nonché di promozione culturale con particolare attenzione al settore giovanile.

24/02/2016 10:15:49

Cultura Al Cinema Metropolis il concerto dei “Bachi da Pietra”

Tornano i concerti al Cinema Metropolis di Umbertide, dopo l'enorme successo dell'esibizione dei romani ZU. Sabato 27 febbraio protagonisti della serata saranno “Bachi da Pietra”: “Necroide” (La Tempesta, 2015), il sesto album in studio è un ritorno ancor più profondo alle radici musicali che segnarono la loro adolescenza (molti anni prima del Blues) e che coincisero grosso modo con la scena Heavy Metal dei primissimi anni Ottanta. Eppure, anche in questa ennesima trasfigurazione, quelle dei Bachi da Pietra restano canzoni d’autore. La nuova scommessa di Giovanni Succi e Bruno Dorella è dare vita a un Frankenstein musicale, qualcosa di apparentemente paradossale e inimmaginabile, una sorta di cantautorato Black Metal, attraverso brani in cui risuoni, mascherata in quel nero, anche la pulsazione vitale della Black Music, contrapposta a quella eternamente e felicemente mortifera del metal. Nei fatti, nella carne e nell’esoscheletro dei Bachi, queste passioni apparentemente antitetiche convivono. Del resto l’archetipo del chitarrista metal fu Hendrix (nella sostanza un chitarrista Blues) e tutte le derive successive ed estreme del rock pendono ancora oggi dai suoi labbroni. In quest’ottica, in qualche modo, il metallo nasce nero. Questo è “Necroide”, il nuovo album, l'ennesima mutazione dei Bachi Da Pietra che i nostri presenteranno nella splendida cornice del Cinema Metropolis a Umbertide. Un concerto denso, un ritorno a un tempo remoto che coincide con un possibile futuro. “Per noi quarantenni vecchi e marci di oggi - dichiarano i Bachi - quei primi anni Ottanta erano i bei tempi, e prima o poi, all’approssimarsi della fine, si torna alle origini, mischiando tutto insieme. Così nasce ‘Necroide’. La scommessa con un piede nella fossa di chi non ha niente da perdere.

24/02/2016 10:10:28 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy