Notizie » Società Civile Scuola, tavolo territoriale per coordinare l'offerta formativa dell'Altotevere

Si è tenuto nei giorni scorsi un tavolo territoriale tra le Amministrazioni Comunali di Umbertide e Città di Castello e i dirigenti scolastici degli istituti altotiberini al fine di coordinare l'offerta formativa del territorio. Per l'Amministrazione Comunale di Umbertide erano presenti il sindaco Marco Locchi e l'assessore all'Istruzione Maria Cinzia Montanucci che hanno espresso la necessità di coordinare e valorizzare la rete scolastica oggi esistente sul territorio, al fine di offrire agli studenti una didattica di qualità. Nello specifico nel corso dell'incontro è stata ribadita la netta contrarietà alla duplicazione degl indirizzi di studio nei vari livelli territoriali e di area vasta, provinciale e regionale, anche in riferimento ai nuovi spazi di flessibilità curriculare per la scuola secondaria aperti dalla legge 107/2015 ed è stata avanzata richiesta di potenziamento della formazione ed educazione degli adulti con l’istituzione di un Centro provinciale di istruzione per adulti dotato di autonomia organizzativa e didattica a Città di Castello che copra l’utenza proveniente dal territorio dell'Alta Umbria. Amministratori e dirigenti scolastici altotiberini hanno inoltre deciso di attivare immediatamente, in vista delle iscrizioni per l’anno scolastico 2016-17, politiche di orientamento condivise ed integrate a livello comprensoriale nonché politiche di servizi comuni, a partire dalla risoluzione dal tema dei trasporti alla luce dell’attuale momento di criticità che penalizza l’Altotevere. Infine è stata proposta l'apertura, entro il mese di ottobre, di un tavolo delle istituzioni scolastiche e dei Comuni altotiberini finalizzato a cogliere le nuove opportunità di risorse economiche nazionali ed europee. “L'incontro è stata un'importante occasione per confrontarsi tutti insieme sull'offerta formativa del territorio e per ragionare in maniera costruttiva sullo sviluppo futuro della rete scolastica altotiberina, - hanno affermato il sindaco Locchi e l'assessore Montanucci - che non passa per la duplicazione di un'offerta di per sé già molto ricca bensì per il miglioramento e la specializzazione degli indirizzi di studio già esistenti”.

24/09/2015 16:12:26

Notizie » Politica I CONSIGLIERI PD PALAZZOLI E VALDAMBRINI INTERROGANO LA GIUNTA SULLA VICENDA DELLA EX FCU

Riceviamo e pubblichiamo I consiglieri comunali del PD di Umbertide Gianluca Palazzoli e Giovanni Valdambrini hanno presentato un'interrogazione al sindaco e alla Giunta comunale in merito alla situazione della ex Fcu che dal 10 settembre scorso ha visto sospendere, per motivi di sicurezza, il trasporto ferroviario sulla tratta Umbertide – Città di castello, causando notevoli disagi agli utenti. “La chiusura della tratta sta causando enormi disagi ai tanti studenti e lavoratori pendolari che usufruiscono del servizio ferroviario e che si sono acuiti con la chiusura del parcheggio della stazione, oggi adibito agli autobus sostitutivi– hanno affermato i consiglieri del Pd – La situazione è alquanto grave, visto che esiste la seria possibilità che anche la tratta Città di Castello – San Sepolcro possa rischiare a breve la chiusura per criticità analoghe, mettendo in discussione il futuro di un'infrastruttura di primaria importanza per il territorio regionale, che costituisce una dorsale strategica per l'Umbria. A tal proposito l'assessore regionale ai trasporti Chianella ha affermato che, per provvedere alle opere urgenti di manutenzione della ferrovia e consentirne la riapertura, occorrono 6 milioni di euro e un anno di lavori, per questo interroghiamo il sindaco e la Giunta di Umbertide per sollecitare l'Amministrazione Regionale e l'Ente gestore, Umbria Mobilità, a definire un piano di rilancio e di sviluppo della Ferrovia Centrale Umbra, in linea anche con quanto previsto dal nuovo Piano regionale del trasporti e a vigilare sul rispetto dei tempi indicati dall'assessore Chianella. Con questa interrogazione invitiamo inoltre l'Amministrazione Comunale a salvaguardare l'officina di Umbertide, ad istituire un tavolo permanente con le istituzioni ed i soggetti interessati al servizio di trasporto ferroviario regionale al fine di rilanciare la Fcu ed evitare in futuro il ripetersi di tali inaccettabili situazioni, ad individuare una soluzione alternativa per garantire il parcheggio delle auto presso la stazione di Umbertide e a verificare presso Umbria Mobilità la possibilità di ridurre i disagi degli utenti applicando agevolazioni sugli abbonamenti o sui biglietti giornalieri”.  

24/09/2015 11:22:45

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: RISPOSTE CHIARE SUL PUC 2

Riceviamo e pubblichiamo Umbertide cambia è assolutamente favorevole alla riqualificazione del quartiere sottostante la ferrovia, chiede però chiarezza su alcuni passaggi fondamentali. “Bene il parco adiacente il campo sportivo – afferma Stefano Conti, consigliere comunale del movimento civico -  ma lo stesso impianto in erba sintetica, non certo di nuova generazione, è privo fin dall'origine della fondamentale dotazione di materiale ammortizzante. Ci chiediamo come abbia passato il collaudo visto che un terreno in simili condizioni riflette problemi importanti a livello di tendini e legamenti degli atleti (chiedere a chi lo usa). Si è dotato l'ex magazzino tabacchi di impianto fotovoltaico. Sarebbe stata inaccettabile una scelta diversa – continua Conti -  ma il problema è: per quale finalità e con quali criteri è stato realizzato il nuovo e necessario spazio? La questione avrebbe dovuto essere alla base delle scelte progettuali ed invece non è stata ancora affrontata. Nuovo sottopassaggio: utile, ma occorre risolvere il problema della visibilità. Riqualificare  - sottolinea il consigliere del movimento civico - significa anche affrontare situazioni di degrado. Allora occorre intervenire per il recupero dei vecchi opifici, risolvere il problema della moschea, la cui attività si sta svolgendo in uno spazio assolutamente fatiscente e capire se il centro islamico sia già in costruzione. Che dire poi di via Cesare Battisti: manca ancora una illuminazione efficace, i marciapiedi sono sconnessi a causa delle radici degli alberi, la caduta di foglie rende la strada insicura. Quando poniamo queste domande – conclude Conti -  l'Amministrazione ribatte indispettita, affermando che siamo contro tutto e che gli interventi sono stati finanziati dalla Regione. In realtà non risponde. Umbertide cambia non è contro tutto. Semplicemente vorremmo che i soldi pubblici siano spesi bene e quando avremo risposte chiare saremo i primi a sostenere soluzioni efficaci”.

24/09/2015 09:50:19

Notizie » Politica PD UMBERTIDE: "INACCETTABILE LA SITUAZIONE CHE SI E' VENUTA A CREARE NEI SERVIZI FERROVIARI EX FCU"

Riceviamo e pubblichiamo A seguito dell'assemblea comunale tenutasi lunedì 21 settembre il Partito Democratico di Umbertide ritiene inaccettabile la situazione che si è venuta a creare nei servizi ferroviari della ex FCU. Negli anni sono state spese risorse pubbliche per l'elettrificazione ma ad oggi viaggiano solo treni diesel e due soli "minuetti" visto che dagli altri vengono prelevati "pezzi" per garantire la manutenzione ed il funzionamento degli unici due rimasti in servizio; negli anni sono state spese risorse pubbliche destinate alla linea per la manutenzione degli edifici lasciando indietro le manutenzioni necessarie della linea ferroviaria (mentre la bretella di Pierantonio in via di completamento è finanziata con risorse non utilizzabili per la manutenzione e prima di parlarne sarebbe utile informarsi); negli anni si è proceduto all'accorpamento delle aziende umbre della mobilità e non vorremmo che le risorse disponibili per la ferrovia siano servite a coprire problematiche di altri. Negli ultimi mesi la tratta ferroviaria Umbertide-Città Di Castello aveva una velocità ridotta a 50 km/h per problemi di sicurezza; è evidente che, non essendo stata oggetto di alcuna manutenzione, la situazione di suddetta linea non poteva che aggravarsi. Oggi, aldilà delle responsabilità del passato, occorre giungere quanto prima al ripristino della tratta Umbertide – Città Di Castello garantendo i necessari investimenti e cercando di riattivarla nel più breve tempo possibile; ad impegnarsi per utilizzare appieno la linea ferroviaria ex FCU (direttrice fondamentale che attraverso longitudinalmente l'Umbria) garantendo le manutenzioni lungo tutta la tratta e per sfruttare al meglio le sue caratteristiche di metropolitana di superficie valorizzando l'elettrificazione e la possibilità di collegamenti veloci ed efficienti; a lavorare per un'integrazione forte con RFI, mettendo in sinergia la rete ferroviaria umbra con quella nazionale, avendo a disposizione le risorse necessarie per un suo pieno funzionamento; a garantire i lavoratori ex FCU, la qualità della nostra officina e dare piena attuazione al Piano Regionale dei Trasporti che valorizza il trasporto su ferro (anche per le merci) quale scelta strategica per la nostra Regione.

23/09/2015 17:11:12

TORNATI I VOLONTARI DALLA MISSIONE INTERNAZIONALE IN KOSOVO

Cinquecento scatoloni per oltre 20 tonnellate di viveri e prodotti di prima necessità: è il bilancio definitivo della “Grande raccolta viveri” di Altotevere senza frontiere Onlus (Asf Onlus) che nelle scorse settimane ha raggiunto il Kosovo, insieme a 20 volontari dell’associazione che hanno prestato servizio nella casa di accoglienza di Leskoc. Il ritorno dei giovani dalla missione internazionale è l’occasione per tracciare un bilancio delle ultime attività e proiettarsi con rinnovata fiducia ai progetti futuri. Dopo il successo della quinta edizione del Festival della solidarietà, il gruppo dei volontari di Asf, insieme ai ragazzi della sezione “Casentino senza frontiere”, ha raggiunto il paese balcanico mettendosi a disposizione della casa famiglia per bambini orfani e abbandonati di Leskoc. Una realtà sorta all’indomani della terribile guerra del 1999 grazie all’impegno di una coppia di italiani e sostenuta da cinque anni anche da Altotevere senza frontiere. La struttura oggi guarda al futuro delle giovani generazioni con l’importante progetto di formazione che prevede la creazione di laboratori per l’avviamento al lavoro dei ragazzi. Fra le attività messe in campo dai volontari, la distribuzione degli aiuti a oltre 200 famiglie povere della zona in una realtà che, nonostante i rapidi cambiamenti degli ultimi anni, reca ancora le ferite della guerra e vive profonde contraddizioni. Al ritorno in Italia, sono subito ricominciati i lavori di costruzione della nuova sede dell’associazione, in fase di ultimazione, e il servizio di visita e animazione alla residenza per anziani “Muzi Betti” di Città di Castello. Fra i prossimi appuntamenti, la partecipazione alla kermesse “Altrocioccolato” dedicata al commercio equo e solidale, una serata di beneficenza in occasione del primo anno dalla nascita della sezione “Casentino senza frontiere” e una serie di campi di lavoro per finanziare i progetti in corso. Prosegue inoltre il sostegno all’Emporio della solidarietà di Città di Castello, il supermercato solidale per le famiglie in difficoltà dell’Alta valle del Tevere promosso dalla Caritas e dai Comuni, a cui è stata donata una parte degli aiuti della Grande raccolta viveri. Tutte le informazioni sul sito www.altoteveresenzafrontiere.it

23/09/2015 16:02:15

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy