Attualità » Primo piano Incontro tra la Commissione sanità e il direttore generale della Usl Umbria 1 Andrea Casciari

Si è tenuto ieri pomeriggio presso la Residenza comunale un incontro tra il sindaco Marco Locchi, il direttore generale della Usl Umbria 1 Andrea Casciari e la Commissione Sanità istituita nell'ambito della Seconda commissione consiliare e composta da consiglieri comunali e membri esterni con lo scopo di monitorare lo stato di salute dei servizi sanitari locali, vigilare sul loro funzionamento ed avanzare proposte e suggerimenti. In apertura, il sindaco Locchi ha ribadito la necessità di garantire la piena funzionalità dei servizi sanitari offerti sul territorio e di potenziare l'ospedale cittadino, che riveste un ruolo strategico per la sanità altotiberina. L'incontro è stato quindi l'occasione per portare all'attenzione del direttore generale Casciari alcune delle questioni più urgenti riguardanti il sistema sanitario locale: potenziamento del personale nel reparto di Medicina al fine di restituire la piena funzionalità del reparto stesso; riqualificazione del Pronto soccorso sia per quanto riguarda l'accesso che per quanto riguarda la funzionalità; razionalizzazione ed efficientamento dei servizi ambulatoriali; potenziamento del servizio oncologico per garantire prossimità di cure ai pazienti umbertidesi grazie anche alla preziosa collaborazione del Comitato di Umbertide dell'Aucc, presente all'incontro; integrazione delle attività dell'ospedale con l'Istituto di riabilitazione Prosperius. I componenti della Commissione hanno inoltre portato ulteriori elementi specifici alla discussione. E' stato ribadito che lo scopo della Commissione è infatti quello di far sì che l'ospedale di Umbertide rappresenti sempre di più un punto di riferimento per il territorio, offrendo servizi rispondenti alle reali necessità degli umbertidesi; la Commissione intende altresì promuovere momenti di incontro e dibattito al fine di definire anche le linee strategiche di sviluppo della sanità locale.   Dal canto suo il direttore generale Casciari ha assicurato massima attenzione verso l'ospedale di Umbertide, sottolineandone il ruolo strategico in un'ottica di rete aziendale che interessa tutto il territorio della Usl Umbria 1, ed ha annunciato importanti novità che riguarderanno il nosocomio a partire già dai prossimi mesi. Da luglio entreranno infatti a regime i 18 posti letto del reparto di Medicina che verrà potenziato con l'assunzione di un infermiere, mentre da settembre sarà operativa la Tac che verrà trasferita nei prossimi mesi da Branca e che andrà a potenziare ulteriormente il reparto di Radiologia; inoltre nel piano degli investimenti dell'azienda sanitaria, attualmente fermo ma che sarà sbloccato a breve, è previsto l'acquisto di ulteriori attrezzature tecnologiche, come la Moc e il litotritore. Casciari ha inoltre ricordato i servizi che recentemente sono stati attivati ad Umbertide e che hanno notevolmente potenziato il sistema sanitario locale, a partire dall'ambulatorio per i disturbi del comportamento alimentare e dalla chirurgia plastico-ricostruttiva, in merito alla quale ha assicurato che il personale prossimo al pensionamento verrà rimpiazzato. Infine Casciari si è preso l'impegno di verificare la possibilità di potenziare il servizio oncologico, per far sì che si possano garantire i cicli di terapia anche ad Umbertide, e ha sottolineato l'importanza di integrare l'ospedale con i servizi offerti dall'istituto Prosperius, risorsa preziosa per la sanità locale.    

23/06/2016 12:41:57

Cultura » Mostre Umbertide: Sabato 25 giugno inaugurazione della mostra di Christy Astuy ‘’The intelligence of love’’

Sabato 25 giugno alle ore 18 presso la Rocca - Centro per l'arte contemporanea aprirà i battenti la personale di Christy Astuy, "The intelligence of love", promossa dal Comune di Umbertide, su progetto di Massimiliano Poggioni e Christy Astuy, e organizzata dall'Associazione Culturale ARTECH. La mostra, visitabile fino al 31 luglio, presenta una selezione di dipinti della Astuy realizzati negli ultimi anni, sia in Austria che in Italia. La Astuy è un'artista di fama internazionale, nata in California che vive e lavora a Vienna e da dieci anni anche in Umbria. Opera nel campo della pittura, ha una lunga carriera espositiva e le sue opere sono state esposte in gallerie e musei prestigiosi, fra i quali il Kunsthistorisches Museum di Vienna e la Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma, il Lentos Art Museum di Linz, la Galerie Thaddeus Ropac di Parigi e Salisburgo, la International Triennale Lalit Kala Academy di New Delhi. Il titolo The Intelligence of Love ispirato ai versi della celebre canzone di Dante “Donne ch'avete intelletto d'amore”, racchiude in un’unica locuzione l’intero universo visivo e poetico dell’artista. Come riportato nel catalogo, la mostra propone un viaggio attraverso questo universo popolato da donne che hanno una conoscenza fisica, intellettuale e spirituale dell’amore e quindi una comprensione piena della forza generatrice di sentimenti e della creatività in esso contenuta. Si fanno carico di esprimere tale forza, nei dipinti della pittrice, tutte le forme di vita possibili. Il processo di ascesa verso una visione sacra del mondo e quindi dell’essere, lo stesso che secondo l’interpretazione dell’artista accompagna il poeta nel suo viaggio di purificazione, conferisce alla pittura una apparenza aulica, incarnata dall’uso da parte di Astuy dell’oro. È l’occhio dell’artista “che ama troppo”, come lei stessa tiene a sottolineare, a cogliere e a lodare “l’amore” che pervade il mondo. E lo fa attraverso la pittura che ha il potere di trasformare la vita in immagini cariche di sacralità e di bellezza. Il riferimento a Dante, così ambizioso, nasce dal desiderio di rendere omaggio all’Italia, cui con ogni evidenza l’artista deve tanto.                                                                                                                                                                                       

23/06/2016 12:39:23

Notizie » Politica Il Fronte Nazionale di Umbertide presente al consiglio comunale sul centro culturale islamico

Presente anche Gloria Volpi del Fronte Nazionale di Umbertide e Castelli per segreteria regionale presso il centro culturale San Francesco al consiglio comunale di Umbertide aperto su centro culturale islamico. Il Fronte dopo avere ascoltato gli interventi sia della maggioranza che dell'opposizione. Alla fine del consiglio comunale, il Fronte negli uffici della sede di Umbertide esprime la propria opinione sulla questione:   Premesso che il Fronte Nazionale dice Castelli,  noi usiamo  un linguaggio diverso dai compagni dell'accogliere tutti ma anche da ributtiamoli tutti in mare. Vogliamo solamente essere sicuri di continuare a fare quello che ci piace, non quello che deve piacere alla comunità religiosamente diversa dalla nostra. Vogliamo la certezza che il centro islamico non deve cercare di  cambiare il nostro stile di vita, i nostri usi e costumi. Il Fronte Nazionale dice sempre Castelli, ci sforzeremo nella  lotta per dire no ad un centro islamico che non vorrà dialogare con la cittadinanza soprattutto per le attività che svolgeranno,  prendere le distanze condannando i crimini che commettono gli integralisti in nome dell'islam, la trasparenza, possibilità di vigilare, ma soprattutto che segnalano alle autorità le mele marce lì dove ci fossero. Vogliamo la certezza di continuare a vivere bene così come abbiamo sempre fatto. Vogliamo continuare a vivere le ricchezze e la felicità che il presente ci regala, non vogliamo un futuro che potrebbe imporci di rinunciare a tutto. Integrazione significa anche convivere in un tessuto sociale fatto di culture diverse. Il Fronte Nazionale vigilerà affinché Umbertide non diventi una nuova Molenbeek.

23/06/2016 12:09:22

Notizie » Politica Il PD di Umbertide definisce le proposte per il futuro della sanità locale

COMUNICATO STAMPA  Il PD di Umbertide definisce le proposte per il futuro della sanità locale (e non si chiudono posti letto per mancanza di personale) La segreteria del Partito Democratico di Umbertide ha elaborato un documento di analisi e riflessione sulla sanità locale, che vuole essere un punto di partenza da cui prendere le mosse per costruire uno spazio nel quale elaborare proposte e linee guide per il futuro dei servizi medico assistenziali del territorio. L’Ospedale di Umbertide svolge un ruolo programmato nella rete e nell'organizzazione dei servizi della ASL n.1, tuttavia deve conservare e consolidare la sua vocazione di ospedale di comunità. Il Pronto Soccorso abbisogna di urgenti interventi nella struttura e nella riorganizzazione degli spazi; inoltre non è più rinviabile l’adeguamento di organici e mezzi tecnici a disposizione. Il reparto di Chirurgia svolge un ruolo a valenza aziendale con la specializzazione di Chirurgia Plastica e ricostruttiva, tuttavia deve essere tutelato il rapporto virtuoso con la comunità locale attraverso la riorganizzazione di una efficiente struttura ambulatoriale e di Day Surgery con organici e presenze specialistiche adeguate . La Medicina generale, a seguito della opportuna e positiva scelta di attivare la RSA , si è ritrovata in sofferenza di spazi ed organici (e non è accettabile che si chiudano camere di degenza per carenza di organico a scapito certamente dei cittadini). Importante in prospettiva sarebbe anche la creazione di posti letto di degenza legata al servizio dei disturbi alimentari presente da due anni ad Umbertide. Risulta inoltre fondamentale l’efficientamento dei servizi ambulatoriali che necessitano di un improrogabile adeguamento, sia in termini di spazi che di tecnologia, con particolare riferimento a cardiologia e gastroenterologia, mentre è necessario riconsiderare l’organizzazione del servizio di oncologia e terapia del dolore, in modo da poter garantire con un servizio continuativo e strutturato su almeno cinque giorni a settimana sia i cicli di terapia sia l’attività ambulatoriale di supporto. In stretta collaborazione con medici e pediatri di base e le associazioni del volontariato, il Centro Salute deve essere in grado di assicurare direttamente nel contesto familiare attività infermieristica, assistenza domestica, terapie del dolore e psicologiche e occorre riorganizzare totalmente l’attività riabilitativa e motoria a livello domiciliare. Infine,  è oramai necessario riflettere su un ulteriore sviluppo del Centro di Riabilitazione Prosperius Tiberino sull’Alta Specialità e sui livelli di integrazione con la struttura sanitaria.

22/06/2016 20:29:20

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy