Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: GARA D’AMBITO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI ANCORA IN ALTO MARE

Riceviamo e pubblichiamo UMBERTIDE CAMBIA: GARA D’AMBITO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI ANCORA IN ALTO MARE La questione della gestione dei rifiuti è la cartina tornasole di tutta la politica territoriale. Umbertide cambia solleva criticità e ritardi, in particolare per quanto concerne la procedura relativa al bando che dovrebbe assegnare il servizio di raccolta e smaltimento in tutto il territorio dell’Alta Umbria. L’Associazione Umbertide cambia con Gianni Codovini e i tre consiglieri comunali Conti, Faloci e Orazi va al cuore del problema, che conosce bene. La lista civica fu infatti oggetto di querela da parte dell’allora Sindaco Giulietti proprio sullo scottante tema dell’affidamento del servizio a Gesenu: «È passato un anno dall’avviso di gara, da parte dell’ATI 1 (Ambito territoriale integrato) per l’affidamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani, e che cosa è successo? Niente. Peggio ancora: il ritardo della gara ha causato una proroga del servizio ad Umbertide di sei mesi alla ditta GESENU, la quale però è soggetta ad interdittiva antimafia del Prefetto. Il risultato? La proroga di sei mesi, secondo noi, legittima anche se probabilmente viziata da qualche errore procedurale da parte dell’Amministrazione comunale che faremo eventualmente valere nelle sedi opportune, continua a far gestire il servizio ad una società che, allo stato dei fatti, non potrà partecipare alla futura gara, e lo fa senza modificare le condizioni contrattuali nell’interesse della comunità, continuando a far spendere ai cittadini una cifra superiore rispetto a quella che avrebbero pagato qualora il servizio fosse stato affidato fin dall’origine a SOGEPU». Per quanto riguarda la gara dell’ATI 1, Umbertide cambia sostiene che ci troviamo di fronte «una situazione paradossale, che coinvolge il destino territoriale di oltre 135.000 persone e non permette di ridefinire gli investimenti e i costi diretti e indiretti previsti, risalenti, per Umbertide, al 2011». «Dal punto di vista politico – continuano gli esponenti di Umbertide cambia - tale situazione conferma la debolezza dell’attuale Amministrazione di Umbertide, che sulla questione specifica non assume alcuna posizione. Dopo la sentenza definitiva del Consiglio di Stato che aveva revocato a GESENU l’affidamento del servizio rifiuti umbertidese a favore di SOGEPU, ma da questa poi non assunto, si sarebbe dovuto aprire una nuova stagione di integrazione territoriale dei servizi di utilità generale, ma contrariamente la Giunta del Sindaco Locchi si è isolata e non ha preparato né una uscita dal contratto con GESENU, né ha promosso accordi tra i Comuni, come dimostra il silenzio sull’inammissibile ritardo dell’ATI 1 e sul ricorso presso il TAR e presso l’Agenzia anticorruzione di Cantone da parte dell’ESA (Eco Servizi Appennino) di Gualdo Tadino.». Anche Umbertide cambia solleva dubbi sulla natura del contratto dell’ATI 1: «Esso ha una lunghissima durata di 15 anni, che non prevede però alcun recesso, a fronte di un valore del servizio di 300 milioni di euro! Senza prendere in considerazione la possibilità di affidare il servizio ad una società pubblica». Stefano Conti, Claudio Faloci, Orazi Luigino, Consiglieri di Umbertide cambia Gianni Codovini, Presidente dell’Associazione Umbertide cambia.  

07/07/2016 18:48:54

Attualità » Primo piano Città di Castello: denunciato automobilista che ha investito ciclista a San Giustino

E’ stato identificato e denunciato per omissione di soccorso un 40enne di Città di Castello. Nella mattinata di lunedì 4 luglio un 37enne albanese residente San Giustino si è recato alla caserma dei carabinieri di tifernati per sporgere denuncia. Mentre percorreva a bordo della sua bicicletta la Sp 100 Selci-Pistrino, in direzione Selci, giunto all'altezza del ponte sul Tevere, è stato investito da un’autovettura che viaggiava nella sua stessa direzione di marcia e scaraventato a terra. Il conducente del mezzo, anziché fermarsi si è dato alla fuga. Il ciclista è stato  soccorso da alcuni passanti: sul posto un equipaggio del 118 ha provveduto al trasporto in ospedale dove è stato medicato e dimesso con una prognosi di 10 giorni, per “contusione emitorace dx e sx, contusione escoriata ginocchio gamba dx”. Sul posto non è stato fatto intervenire alcun organo di polizia per i rilievi del caso. Le indagini immediatamente attivate dai carabinieri di Città di Castello hanno portato ad acquisire elementi di colpevolezza a carico del 40enne tifernate, il quale a bordo della propria autovettura, per cause in corso di accertamento, ha investito il ciclista per poi darsi alla fuga senza prestare soccorso. L'uomo è stato denunciato per “fuga in caso di incidente con danni alle persone, omissione di soccorso alle persone ferite in incidente stradale e lesioni personali colpose”. La patente è stata ritirata e l’autovettura sottoposta a sequestro.

06/07/2016 18:19:35

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: GARA D'AMBITO PER GESTIONE RIFIUTI ANCORA IN ALTO MARE

Riceviamo e pubblichiamo   UMBERTIDE CAMBIA: GARA D’AMBITO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI ANCORA IN ALTO MARE La questione della gestione dei rifiuti è la cartina tornasole di tutta la politica territoriale. Umbertide cambia solleva criticità e ritardi, in particolare per quanto concerne la procedura relativa al bando che dovrebbe assegnare il servizio di raccolta e smaltimento in tutto il territorio dell’Alta Umbria.  L’Associazione Umbertide cambia con Gianni Codovini e i tre consiglieri comunali Conti, Faloci e Orazi va al cuore del problema, che conosce bene. La lista civica fu infatti oggetto di querela da parte dell’allora Sindaco Giulietti proprio sullo scottante tema dell’affidamento del servizio a Gesenu: «È passato un anno dall’avviso di gara, da parte dell’ATI 1 (Ambito territoriale integrato) per l’affidamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani, e che cosa è successo? Niente. Peggio ancora: il ritardo della gara ha causato una proroga del servizio ad Umbertide di sei mesi alla ditta GESENU, la quale però è soggetta ad interdittiva antimafia del Prefetto. Il risultato? La proroga di sei mesi, secondo noi, legittima anche se probabilmente viziata da qualche errore procedurale da parte dell’Amministrazione comunale che faremo eventualmente valere nelle sedi opportune, continua a far gestire il servizio ad una società che, allo stato dei fatti, non potrà partecipare alla futura gara, e lo fa senza modificare le condizioni contrattuali nell’interesse della comunità, continuando a far spendere ai cittadini una cifra superiore rispetto a quella che avrebbero pagato qualora il servizio fosse stato affidato fin dall’origine a SOGEPU».  Per quanto riguarda la gara dell’ATI 1, Umbertide cambia sostiene che ci troviamo di fronte «una situazione paradossale, che coinvolge il destino territoriale di oltre 135.000 persone e non permette di ridefinire gli investimenti e i costi diretti e indiretti previsti, risalenti, per Umbertide, al 2011». «Dal punto di vista politico – continuano gli esponenti di Umbertide cambia - tale situazione conferma la debolezza dell’attuale Amministrazione di Umbertide, che sulla questione specifica non assume alcuna posizione. Dopo la sentenza definitiva del Consiglio di Stato che aveva revocato a GESENU l’affidamento del servizio rifiuti umbertidese a favore di SOGEPU, ma da questa poi non assunto, si sarebbe dovuto aprire una nuova stagione di integrazione territoriale dei servizi di utilità generale, ma contrariamente la Giunta del Sindaco Locchi si è isolata e non ha preparato né una uscita dal contratto con GESENU, né ha promosso accordi tra i Comuni, come dimostra il silenzio sull’inammissibile ritardo dell’ATI 1 e sul ricorso presso il TAR e presso l’Agenzia anticorruzione di Cantone da parte dell’ESA (Eco Servizi Appennino) di Gualdo Tadino.». Anche Umbertide cambia solleva dubbi sulla natura del contratto dell’ATI 1: «Esso ha una lunghissima durata di 15 anni, che non prevede però alcun recesso, a fronte di un valore del servizio di 300 milioni di euro! Senza prendere in considerazione la possibilità di affidare il servizio ad una società pubblica». Stefano Conti, Claudio Faloci, Orazi Luigino,  Consiglieri di Umbertide cambia Gianni Codovini, Presidente dell’Associazione Umbertide cambia.  

06/07/2016 18:11:17

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy