Notizie » Politica L'ex Sindaco Locchi:''Finalmente il PD di Umbertide comincia a riconoscere il buon lavoro fatto dall'Amministrazione Comunale''

Riceviamo e pubblichiamo Sulla questione bilancio del comune di Umbertide. Finalmente dopo tanto silenzio il PD di Umbertide comincia a riconoscere il buon lavoro fatto dalla Amministrazione Comunale innanzitutto in termini di bilancio, affermando che il Comune non ha debiti, intendendo con questa affermazione che non ha “buchi di bilancio”. Gran parte del lavoro fatto in questi anni dalla Amministrazione Comunale ha riguardato proprio gli aspetti legati al bilancio. E quindi è utile riportare alcuni numeri ufficiali. Alla fine del 2016 il comune di Umbertide aveva un indebitamento di € 10.337.002,8 (tasso di indebitamento del 3,18%) mentre alla fine del 2012 era di € 15.559.364,72 (tasso di indebitamento del 4,91%). In questi anni c'è stato un taglio dei trasferimenti statali pari ad € 2.500.000 ai quali vanno sommati ulteriori € 800.000 derivanti dalla applicazione della nuova contabilità. In questi anni è stata ridotta la TASI dello 0,8%, c'è stato il blocco di tutte le imposte (imu, addizionale comunale,pubblicità, affissioni, tosap) e delle tariffe dei servizi ( refezioni, asilo nido, trasporti scolastici,servizi cimiteriali). Tutti i servizi sono stati mantenuti, pur in presenza di una riduzione del personale. Altro elemento da non sottovalutare è che nel periodo 2014/2017 c'è stata una riduzione di circa 1/5 dei contributi regionali, rispetto al periodo 2009/2013. Questo è ciò che è stato fatto in questi anni. Per chiarezza, al fine di evitare le solite strumentalizzazioni delle opposizioni che sistematicamente da anni parlano al vento di buchi di bilancio inesistenti, credo sia opportuno spiegare ulteriormente che l' indebitamento di un comune nasce per finanziare infrastrutture necessarie per la comunità e di per sé non è un elemento negativo. Va tenuto conto della sua dimensione per capire se potrà essere sostenibile. E' un dato che va gestito bene per la salute del comune. Questa Amministrazione tenuto conto della situazione sopra descritta ha deciso, fin dal suo insediamento, di abbassare l'indebitamento e quindi di non contrarre altri mutui. Questa decisione, grazie anche alla chiusura di vecchi mutui, ci ha permesso di ottenere risultati positivi: meno mutui significa avere liberato sul bilancio più risorse da utilizzare per la spesa corrente. Una gestione oculata ed accorta da buon padre di famiglia. 16 gennaio 2018

16/01/2018 11:56:11

Notizie » Politica Città di Castello: fermati i lavori in Piazza dell’Archeologia, la Lega porta la questione in Consiglio comunale

Riceviamo e pubblichiamo Fermati i lavori in Piazza dell’Archeologia, la Lega porta la questione in Consiglio comunale Marchetti e Mancini: “Appalti a chilometro zero, la soluzione. Conosci le aziende ed incentivi l’economia locale” "Chiarezza. Porteremo la questione in consiglio comunale per avere le dovute spiegazioni". Ad intervenire sullo stop dei lavori di Piazza dell'Archelogia, è la Lega di Città di Castello con i suoi consiglieri Riccardo Augusto Marchetti e Valerio Mancini  che annunciano una battaglia serratissima. "Non più di un mese fa assistemmo ad una conferenza stampa in cui il sindaco Luciano Bacchetta e l'Assessore Secondi  illustravano, con orgoglio, il progetto di realizzazione di Piazza dell'Archeologia. Nei giorni scorsi le cronache locali rompono l'idillio e parlano di lavori in attesa di realizzazione perchè l'amministratore della Società che si è aggiudicata l'appalto, è stato arrestato per (come riportato dai media ) "concorso mafioso esterno". Al di là dell'esito giudiziario e pur rimanendo garantisti ci chiediamo se si tratta di sfortuna o cattiva programmazione. Dall'amministrazione Cecchini a quella Bacchetta tante le aspettative disattese e le opere iniziate ma mai terminate. Ci riferiamo alla decennale chiusura della biblioteca tifernate, le cui promesse di riapertura si sono dissolte nel tempo, ci riferiamo all'ex cinema Vittoria, la cui risistemazione è stata annunciata ma mai terminata o al vecchio ospedale, edificio chiuso da anni in evidente stato di abbandono, la cui manutenzione pesa sulle spalle dei cittadini. Stesso epilogo per la Piastra logistica, l'ex Fcu ed ora pure Piazza dell'Archeologia. Visti i numerosi esempi citati difficile pensare che si tratti solo di sfortuna - continuano i leghisti -  consapevoli del fatto che l’amministrazione comunale ha dovuto scrivere al Prefetto per avere delucidazioni su azioni amministrative che avrebbe dovuto essere in grado di svolgere . A nostro avviso per governare serve programmazione e lungimiranza: nella gara degli appalti non basta solo una Legge o un certificato, serve maggior severità e controlli nelle opere di realizzazione: indispensabile vigilare  sui materiali utilizzati, sul rispetto delle norme di sicurezza, sui tempi di esecuzione e sulla professionalità e competenza degli addetti ai lavori, solo così si possono scoraggiare i "furbetti" ed impedire ad alcune società di vincere appalti. Certo è che con la Lega al Governo di questa città, situazioni simili difficilmente si sarebbero potute verificare. Il programma del nostro movimento, presentato alle ultime elezioni amministrative parlava chiaro: "appalti a chilometri zero", ossia l'affidamento,  nel rispetto delle normative vigenti,di appalti pubblici ad imprese locali: così facendo avremmo potuto incentivare l'economia locale e limitare concretamente situazioni poco chiare che spesso derivano da una serie di dinamiche tra cui la non conoscenza storica delle aziende selezionate". Marchetti e Mancini rilanciano: "La chiarezza prima di tutto poi riproporremo al consiglio la nostra mozione a vantaggio dell'economia locale, sul modello lombardo e vedremo quanto l'amministrazione comunale avrà a cuore i tifernati "  

15/01/2018 17:04:39

Notizie » Politica Redditi di professionisti e ditte individuali, numeri negativi per Umbertide. Il Pd:''Professionisti sono una risorsa all'interno di una comunità''

Riceviamo e pubblichiamo Redditi di professionisti e ditte individuali, numeri negativi per Umbertide. Il Pd: “Professionisti sono una risorsa all'interno di una comunità” UMBERTIDE - Nei giorni scorsi Mediacom043 ha fornito il quadro dei redditi Irpef di professionisti e imprenditori di ditte individuali in tutti i comuni umbri sopra i 2mila abitanti. Tra i municipi più grandi, con più di 10mila abitanti, solo 5 su 18 sono in ripresa: dati non positivi si leggono anche ad Umbertide. “Dati che preoccupano e che – afferma il Pd locale – Fanno riflettere sulle soluzioni da dover mettere in campo per salvaguardare professionisti e imprenditori di ditte individuali. L'estensione ai liberi professionisti di tutte le categorie, ordinistiche e non, del cosiddetto 'equo compenso' - continua il Pd – E cioè il diritto ad un riconoscimento economico 'proporzionato' alle prestazioni e al lavoro svolto nei rapporti con clienti diversi dai consumatori ovvero con i clienti 'forti', come banche e assicurazioni, è stata una scelta significativa.” La disciplina dell'equo compenso ha subìto alcuni importanti correttivi con la legge di Bilancio 2018, che rafforzano ulteriormente le tutele a favore dei professionisti. In una segnalazione al Parlamento e al premier giunta dopo l'introduzione della norma al Senato l'Antitrust ha bocciato l'equo compenso («reintroduce di fatto i minimi tariffari, con l'effetto di ostacolare la concorrenza di prezzo tra professionisti nelle relazioni commerciali con tali tipologie di clienti») ma la novità è stata fortemente difesa in piena sintonia con la stragrande maggioranza degli ordini professionali e gli organi di rappresentanza dei professionisti. La norma sull'equo compenso rende anche nulle le clausole contrattuali considerate vessatorie per il professionista sia per i clienti privati, sia quando il committente è la Pubblica amministrazione. “I professionisti sono una risorsa all'interno ogni comunità, e – conclude il Pd umbertidese – l'introduzione dell'equo compenso, come spiegato, rappresenta, oltre che una misura concreta, l'allargamento, grazie a un lavoro faticoso ma fondamentale di ascolto e confronto, del campo dei Diritti. E' importante tradurre impegni in fatti, mettendo sempre al centro la qualità del lavoro.” Segreteria Pd Umbertide

13/01/2018 12:53:52

Notizie » Politica Umbertide Cambia:’’Una politica con la testa rivolta all’indietro’’

Riceviamo e pubblichiamo Umbertide Cambia:’’Una politica con la testa rivota all’indietro’’ «Vi siete accorti che le forze politiche e i politici di Umbertide, anche durante questo 2018, hanno la testa rivolta all’indietro? Ecco, essi sono ripiegati polemicamente sul passato, oltre che su logiche di partito. Non hanno lo sguardo verso il futuro e il nuovo. Noi, invece, siamo in marcia verso questo nuovo e vogliamo con tutti i cittadini governarlo e orientarlo con un’alleanza per l’innovazione, aperta a tutti quelli che credono nel cambiamento». Con queste parole Umbertide cambia con Faloci, Conti, Codovini e Orazi definisce la strategia per le prossime elezioni amministrative di maggio. «Con la caduta della maggioranza del Pd si è aperto dopo 70 anni un libro nuovo, che dobbiamo scrivere completamente. Perciò l’unico e democratico metodo possibile per poter governare su basi alternative è ascoltare e accogliere le esigenze e le proposte delle persone, delle associazioni e della società civile. Insomma ci vuole una bussola che ci orienti nelle cose concrete che vengono richieste, ora e per il futuro. Noi, come movimento civico estraneo ai partiti, ci impegniamo sulle cose utili per la città e non per favorire una parte politica. Per questo, da oggi, lanciamo le primarie del programma, con una piattaforma digitale aperta a tutti, con tavoli nelle strade e in apposite riunioni aperte». Per il momento, il movimento civico Umbertide cambia propone una prima base del programma da sviluppare: «nei primi 100 giorni di governo metteremo in atto alcuni provvedimenti urgenti: blocco del cantiere della Moschea e revoca del patto con l’associazione islamica; maggiore sicurezza e ordine pubblico con l’introduzione del controllo di vicinato e controlli quindicinali da parte delle Forze speciali da richiedere al Prefetto; taglio ai costi della politica su gettoni di Sindaco, assessori e Presidente del Consiglio comunale per recuperare almeno 177mila euro, la cifra del costo annuo della precedente amministrazione. Questi soldi andranno subito al sociale, in particolare 30mila euro annui per la Balducci, al bonus famiglia per asili nido; all’integrazione del reddito per famiglie e donne sole, al Fondo per l’occupazione, alle borse di studio» Umbertide cambia, inoltre, intende «sviluppare un nuovo modo di gestire il bilancio. Così introdurremmo la riduzione delle addizionali Irpef, da calcolare in base agli scaglioni del reddito, per il principio che chi più ha più metta. Contestualmente inizieremo il piano delle opere, del tutto nuove: costruzione della serra per disabili e della palazzina del “Dopo di noi”, la residenza per l’hospice. Insomma con noi, gli scempi del PUC2 e dell’ex fornace, difficili da ristrutturare, non avverranno. Importante, invece, saranno il recupero di alcuni siti industriali (ex Fagnus) per nuova occupazione, la definizione una iniziativa di sistema rivolta al commercio, finalizzata anche all’ipotesi di un centro commerciale naturale, un graduale cambiamento del modello agricolo».  

11/01/2018 13:52:05

Notizie » Politica Ex Fcu, Pd Umbertide su situazione lavori:''Ferrovia riaperta ad aprile e treni più veloci''

Riceviamo e pubblichiamo Ex Fcu, Pd Umbertide su situazione lavori: "Ferrovia riaperta ad aprile e treni più veloci" Il Pd di Umbertide auspica alla realizzazione di un sistema integrato e interconnesso con la rete ferroviaria nazionale che consentirà di potenziare i servizi, a vantaggio dei pendolari e degli utenti umbri ed anche in funzione dell’incremento del turismo   Proseguono in maniera più che spedita i lavori sulla tratta ferroviaria Umbertide-Città di Castello. “Sono stati demoliti circa 18 chilometri di rotaie, ne sono stati ricostruiti circa 6 chilometri e – afferma il Pd umbertidese - La fine dei lavori è prevista entro aprile 2018.”  Il compito di progettare e realizzare gli interventi necessari al potenziamento della rete regionale è stato assunto da Rfi. “Ricordiamo che – sottolinea il Pd – Sull’intera infrastruttura regionale si stanno investendo 63 milioni di euro, 51 dei quali per l’ammodernamento e 12 per l’introduzione di tutte le tecnologie di sicurezza che permetteranno alla rete ferroviaria di acquisire gli standard di sicurezza nazionali ed europei. Per il PD l'obiettivo dei lavori non deve essere soltanto quello di ripristinare le condizioni preesistenti della della linea ferroviaria, ma anche quello di adeguarla agli standard di sicurezza internazionali anche in termini di prestazioni. Inoltre va garantito il pieno funzionamento  dell'officina di Umbertide con l'indispensabile valorizzazione delle professionalità presenti. Tutti questi interventi possono rappresentare un salto di qualità per il futuro dei trasporti e della mobilità nella nostra Regione".   Foto: Alessandro Minestrini

10/01/2018 10:33:22

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy