Attualità » Primo piano UMBERTIDE CAMBIA: SUL CENTRO ISLAMICO OCCORRE ANCORA CHIAREZZA

UMBERTIDE CAMBIA: SUL CENTRO ISLAMICO OCCORRE ANCORA CHIAREZZA Da un lato la richiesta di chiarire in Commissione consiliare il complesso procedimento amministrativo che ha portato alla vendita del terreno dove si sta costruendo la nuova Moschea, dall’altro una serie di proposte utili a collocare il tema del Centro Islamico in un adeguato contesto capace di contemperare la libertà di culto e l’esigenza di sicurezza e di stabilire con l’Associazione stessa un rapporto di collaborazione, utile a garantire partecipazione nella gestione del Centro e reciprocità nel riconoscimento dei principali diritti costituzionali, in particolare rispetto alla condizione femminile. Umbertide cambia traccia su queste direttrici le linee di intervento presentate in occasione del Consiglio Comunale aperto convocato sul tema. “Prima ancora dell’aspetto religioso – ha detto il capogruppo di Umbertide cambia Claudio Faloci - occorre affrontare la questione in termini culturali e sociali attivando concreti percorsi di collaborazione, partecipazione e cittadinanza. È allora necessario, ad esempio, costituire un Comitato scientifico terzo e neutro del Centro Islamico,  prevedere la partecipazione di alcuni rappresentanti dell'Associazione Islamica, in particolare donne, al Centro pari opportunità e al Centro anti violenza, supportare la mobilità sociale delle nuove generazioni con specifici interventi per il diritto allo studio, assicurare da parte dell’Associazione una costante collaborazione con le forze dell’ordine”. “Tanti problemi che sono nati intorno alla costruzione della nuova Moschea – ha aggiunto Stefano Conti, Consigliere di Umbertide cambia – derivano dal modo verticistico e nascosto in cui l’Amministrazione comunale, soprattutto precedente, ha trattato l’argomento, come fosse una semplice pratica edilizia, senza la necessaria informazione ai cittadini, scegliendo tra l’altro di contrattare con una parte, seppure importante, del complesso mondo islamico. Solo grazie alle opposizioni il tema ha assunto la giusta dimensione ed il necessario livello di partecipazione e ci fa piacere constatare come oggi anche l’Amministrazione comunale si stia avvicinando alle nostre posizioni, che non sono né pregiudiziali, né buoniste, ma semplicemente chiare, lontane da ogni logica di scambio, tese al riconoscimento di fondamentali valori costituzionali”                                                                                                                                                                               Umbertide cambia

24/06/2016 12:26:11

Attualità » Primo piano Al Centro socio-culturale San Francesco il consiglio comunale aperto sul Centro culturale islamico

Si è svolto Mercoledì pomeriggio presso il Centro socio-culturale San Francesco il consiglio comunale aperto sul tema “Centro culturale islamico: integrazione e trasparenza per un percorso conoscitivo”. Il consiglio, convocato dal presidente Natale su richiesta delle opposizioni, è stata un'ulteriore occasione di approfondimento relativamente alla realizzazione del nuovo centro culturale islamico ed ha visto la partecipazione, oltre che dei consiglieri e della giunta comunale, anche di membri esterni invitati ad intervenire. Nello specifico hanno preso la parola i consiglieri Pigliapoco, Conti, Venti, Palazzoli e Faloci, il sindaco Marco Locchi, l'assessore Cinzia Montanucci e, come invitati esterni, Tito Antoniuccio (Partito Comunista), Valerio Mancini (Vicepresidente Consiglio regionale dell'Umbria) e Khalid Belkchach (mediatore culturale Comune di Umbertide). Da tutti è stata ribadita l'importanza di proseguire nel percorso di integrazione culturale avviato ad Umbertide già da molti anni ed è stata sottolineata la necessità di garantire a tutti la libertà di culto. Le opposizioni hanno avanzato critiche all’Amministrazione in merito al percorso intrapreso per la vendita del terreno all’Associazione culturale islamica e il successivo avvio dei lavori di realizzazione del centro ed hanno parlato di poca trasparenza nel procedere e di assenza di partecipazione.   A tali critiche l'Amministrazione ha risposto ricordando il percorso intrapreso e le varie occasioni di discussione sull’argomento, sia all’interno del consiglio comunale che in occasione di incontri pubblici aperti alla cittadinanza, ribadendo che atti e procedure sono a disposizione, secondo il percorso di trasparenza e chiarezza che ha sempre contraddistinto l’operato di questa Amministrazione. “Se l’opposizione intende continuare a parlare di presunti vizi nelle procedure, presenti le prove nelle sedi opportune, sempre che ce ne siano, altrimenti eviti di fare illazioni prive di fondamento”, ha aggiunto l’assessore Montanucci. Anche le opposizioni hanno comunque condiviso la necessità espressa in più occasioni dalla comunità islamica di avere a disposizione spazi più ampi e idonei allo svolgimento delle varie attività, che prevedono momenti di aggregazione e socializzazione oltre a corsi di lingua e aiuto compiti per bambini; il centro sarà inoltre un luogo aperto a tutta la cittadinanza ed inserito a pieno regime nella rete dei centri culturali e spazi aggregativi presenti in città. In merito alla gestione della struttura, che, come affermato dal sindaco, è l’aspetto cruciale su cui l’Amministrazione comunale si è confrontata più volte con l’Associazione culturale islamica coinvolgendo anche il Consiglio di quartiere, si sta predisponendo una convenzione che ne regolamenti l’utilizzo e ne garantisca il pieno e libero accesso a tutti, per far sì che il centro, oltre ad essere il luogo di ritrovo della comunità islamica, sia anche un ulteriore passo in avanti nel positivo processo di integrazione culturale che da sempre caratterizza la città di Umbertide.   

24/06/2016 12:22:59

Attualità » Primo piano Comunicato del Movimento 5 Stelle sul nuovo centro culturale islamico

Riceviamo e pubblichiamo “Centro culturale islamico: integrazione e trasparenza per un percorso conoscitivo” Un consiglio comunale sul costruendo Centro culturale islamico sarebbe dovuto servire per affrontare in maniera chiara una questione che ha sollevato forti perplessità, e in quest'ottica il M5S ha ritenuto giusto richiederne la convocazione. Vorremmo ricordare che l’integrazione passa anche per il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati e per l’attuazione di un corretto percorso di partecipazione. Il fine è quello di integrare e non disintegrare. Abbiamo voluto ripercorrere tutto l’iter procedurale in questa sede proprio per avere un confronto serio con la Giunta, e magari affrontare alcuni aspetti che andrebbero chiariti, d'altronde a chi altri dovremmo rivolgerci se non alla Giunta? Tra gli assenti la metà dei consiglieri del partito democratico. L'area occupata dal nascente centro culturale islamico era fino a pochi anni fa una proprietà comunale dove veniva svolta un'attività di aggregazione gestita da associazioni di volontariato locali. La passata giunta, in accordo con i gestori delle associazioni, decise di individuare una zona più consona alle esigenze dell’attività aggregativa e di delocalizzare la struttura su una nuova area. L'amministrazione pertanto propose una variante urbanistica dei terreni occupati da questi servizi per reperire così risorse finanziarie per la costruzione della nuova struttura. E proprio in merito alla vendita dei lotti abbiamo formulato all'amministrazione delle domande per avere dei chiarimenti. Risulta che un primo lotto sia stato assegnato con una gara d'asta al Centro culturale islamico nel 2011, la passata amministrazione era dunque a conoscenza delle intenzioni dell'Associazione islamica? Se sì, perché non ha fatto già da allora partecipe la comunità umbertidese? Successivamente, a fine gennaio 2013, l'Associazione fece richiesta per delocalizzare il lotto assegnato e chiese di acquistare un'ulteriore rata di terreno all’interno del medesimo comparto. La giunta i primi di febbraio 2013 con propria deliberazione accoglieva questa istanza e approvava una variazione planimetrica e distributiva dei lotti. Perché non è stata indetta una nuova gara d’asta per l'assegnazione dell’ulteriore rata di terreno? E perché il tutto è stato stabilito con una delibera di Giunta senza che vi sia stato un passaggio in Consiglio comunale? La stessa Amministrazione in una nota del 30 aprile 2016 affermò che l'acquisto dei due lotti da parte dell'associazione avvenne attraverso asta pubblica, affermazione che sembrerebbe smentita dagli atti. Quando il primo lotto di terreno è stato spostato su un altro sedime vi è stato o meno un adeguamento di prezzo? Attendiamo dei chiarimenti dalla stessa amministrazione visto che non ci sono stati forniti in Consiglio comunale.

24/06/2016 12:18:59

Cultura MICHAEL ZURINO PUNTA TUTTO SULL'UMBRIA: È ORA DI AGGIUNGERE COLORI PIÙ GIOVANI

MICHAEL ZURINO PUNTA TUTTO SULL'UMBRIA: È ORA DI AGGIUNGERE COLORI PIÙ GIOVANI Un bilancio sui 9 mesi di trasmissione, alcuni ringraziamenti. E poi il grande annuncio. ARTIST ACADEMY resta in Umbria. Il "rivoluzionario" talent televisivo nato in Umbria ad opera del giovane artista Michael Zurino sembra prepararsi ad una seconda edizione che partirà il prossimo novembre. "Ho avuto la possibilità - spiega Zurino - di vivere da vicino diverse realtà regionali in cui la musica sembra proprio un vero e proprio collante sociale. Nella mia esperienza umbra, invece, posso dire di non aver trovato sempre istituzioni ed enti capaci di comprendere appieno il ruolo che iniziative come "Artist Academy" sono in grado di dare a livello promozionale, formativo e di valorizzazione del territorio stesso. Trovo che l'Umbria possieda un patrimonio artistico a cui vadano aggiunti colori più giovani. E la musica, per come la vedo io, è quella forma d'arte capace di mantenere sempre vivo e "colorato" ogni sorta di spazio. Non nascondo che mi era stata concessa la possibilità di portare il format in un'altra regione. Ci ho riflettuto bene, e alla fine mi sono detto che "scappare" sarebbe stato troppo facile. Lavorerò per una seconda edizione innovativa, che porti l'Umbria alla ribalta attraverso le vetrine mediatiche che mi verranno proposte. Mi auguro, dato che sono molto giovane, di trovare, nei prossimi mesi, personalità disponibili ed attenti al mio progetto di valorizzazione musicale e territoriale".

23/06/2016 18:56:31

Attualità » Primo piano Incontro tra la Commissione sanità e il direttore generale della Usl Umbria 1 Andrea Casciari

Si è tenuto ieri pomeriggio presso la Residenza comunale un incontro tra il sindaco Marco Locchi, il direttore generale della Usl Umbria 1 Andrea Casciari e la Commissione Sanità istituita nell'ambito della Seconda commissione consiliare e composta da consiglieri comunali e membri esterni con lo scopo di monitorare lo stato di salute dei servizi sanitari locali, vigilare sul loro funzionamento ed avanzare proposte e suggerimenti. In apertura, il sindaco Locchi ha ribadito la necessità di garantire la piena funzionalità dei servizi sanitari offerti sul territorio e di potenziare l'ospedale cittadino, che riveste un ruolo strategico per la sanità altotiberina. L'incontro è stato quindi l'occasione per portare all'attenzione del direttore generale Casciari alcune delle questioni più urgenti riguardanti il sistema sanitario locale: potenziamento del personale nel reparto di Medicina al fine di restituire la piena funzionalità del reparto stesso; riqualificazione del Pronto soccorso sia per quanto riguarda l'accesso che per quanto riguarda la funzionalità; razionalizzazione ed efficientamento dei servizi ambulatoriali; potenziamento del servizio oncologico per garantire prossimità di cure ai pazienti umbertidesi grazie anche alla preziosa collaborazione del Comitato di Umbertide dell'Aucc, presente all'incontro; integrazione delle attività dell'ospedale con l'Istituto di riabilitazione Prosperius. I componenti della Commissione hanno inoltre portato ulteriori elementi specifici alla discussione. E' stato ribadito che lo scopo della Commissione è infatti quello di far sì che l'ospedale di Umbertide rappresenti sempre di più un punto di riferimento per il territorio, offrendo servizi rispondenti alle reali necessità degli umbertidesi; la Commissione intende altresì promuovere momenti di incontro e dibattito al fine di definire anche le linee strategiche di sviluppo della sanità locale.   Dal canto suo il direttore generale Casciari ha assicurato massima attenzione verso l'ospedale di Umbertide, sottolineandone il ruolo strategico in un'ottica di rete aziendale che interessa tutto il territorio della Usl Umbria 1, ed ha annunciato importanti novità che riguarderanno il nosocomio a partire già dai prossimi mesi. Da luglio entreranno infatti a regime i 18 posti letto del reparto di Medicina che verrà potenziato con l'assunzione di un infermiere, mentre da settembre sarà operativa la Tac che verrà trasferita nei prossimi mesi da Branca e che andrà a potenziare ulteriormente il reparto di Radiologia; inoltre nel piano degli investimenti dell'azienda sanitaria, attualmente fermo ma che sarà sbloccato a breve, è previsto l'acquisto di ulteriori attrezzature tecnologiche, come la Moc e il litotritore. Casciari ha inoltre ricordato i servizi che recentemente sono stati attivati ad Umbertide e che hanno notevolmente potenziato il sistema sanitario locale, a partire dall'ambulatorio per i disturbi del comportamento alimentare e dalla chirurgia plastico-ricostruttiva, in merito alla quale ha assicurato che il personale prossimo al pensionamento verrà rimpiazzato. Infine Casciari si è preso l'impegno di verificare la possibilità di potenziare il servizio oncologico, per far sì che si possano garantire i cicli di terapia anche ad Umbertide, e ha sottolineato l'importanza di integrare l'ospedale con i servizi offerti dall'istituto Prosperius, risorsa preziosa per la sanità locale.    

23/06/2016 12:41:57

Cultura » Mostre Umbertide: Sabato 25 giugno inaugurazione della mostra di Christy Astuy ‘’The intelligence of love’’

Sabato 25 giugno alle ore 18 presso la Rocca - Centro per l'arte contemporanea aprirà i battenti la personale di Christy Astuy, "The intelligence of love", promossa dal Comune di Umbertide, su progetto di Massimiliano Poggioni e Christy Astuy, e organizzata dall'Associazione Culturale ARTECH. La mostra, visitabile fino al 31 luglio, presenta una selezione di dipinti della Astuy realizzati negli ultimi anni, sia in Austria che in Italia. La Astuy è un'artista di fama internazionale, nata in California che vive e lavora a Vienna e da dieci anni anche in Umbria. Opera nel campo della pittura, ha una lunga carriera espositiva e le sue opere sono state esposte in gallerie e musei prestigiosi, fra i quali il Kunsthistorisches Museum di Vienna e la Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma, il Lentos Art Museum di Linz, la Galerie Thaddeus Ropac di Parigi e Salisburgo, la International Triennale Lalit Kala Academy di New Delhi. Il titolo The Intelligence of Love ispirato ai versi della celebre canzone di Dante “Donne ch'avete intelletto d'amore”, racchiude in un’unica locuzione l’intero universo visivo e poetico dell’artista. Come riportato nel catalogo, la mostra propone un viaggio attraverso questo universo popolato da donne che hanno una conoscenza fisica, intellettuale e spirituale dell’amore e quindi una comprensione piena della forza generatrice di sentimenti e della creatività in esso contenuta. Si fanno carico di esprimere tale forza, nei dipinti della pittrice, tutte le forme di vita possibili. Il processo di ascesa verso una visione sacra del mondo e quindi dell’essere, lo stesso che secondo l’interpretazione dell’artista accompagna il poeta nel suo viaggio di purificazione, conferisce alla pittura una apparenza aulica, incarnata dall’uso da parte di Astuy dell’oro. È l’occhio dell’artista “che ama troppo”, come lei stessa tiene a sottolineare, a cogliere e a lodare “l’amore” che pervade il mondo. E lo fa attraverso la pittura che ha il potere di trasformare la vita in immagini cariche di sacralità e di bellezza. Il riferimento a Dante, così ambizioso, nasce dal desiderio di rendere omaggio all’Italia, cui con ogni evidenza l’artista deve tanto.                                                                                                                                                                                       

23/06/2016 12:39:23

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy