Notizie » Politica Amministrative Umbertide 2018: Castaldo e Agea eurodeputati M5S visitano alcune aziende con il candidato sindaco Giampaolo Conti

Riceviamo e pubblichiamo Si è tenuta ieri la visita del vicepresidente del Parlamento europeo, Fabio Massimo Castaldo, e della sua collega Laura Agea, entrambi eurodeputati del M5S. Con il candidato sindaco Giampaolo Conti sono state visitate alcune aziende del territorio, eccellenze del settore agroalimentare, dell'industria del ferro e del settore ceramico. La volontà del M5S è quella di avvicinare e rendere più agevole l'accesso ai fondi comunitari, alle imprese come ai cittadini e alleassociazioni. Con questo spirito nasce il progetto del M5S dello “Sportello Europa”, che dovrà essere a disposizione di tutti i cittadini per informarli sui bandi europei e supportarli nella partecipazione agli stessi. Finora siamo stati abituati a vedere l'accesso ai bandi europei come un qualcosa di difficile e lontano, attraverso la creazione di questo sportello all'interno dell'amministrazione comunale si potranno avere da persone competenti in materia le necessarie informazioni per accedere ai bandi in maniera chiara, tempestiva, diretta, rivolgendosi sia agli imprenditori che al singolo cittadino, ma sarà anche un'importante opportunità per l'Ente stesso per reperire fondi utili. Considerando i continui tagli che lo Stato ha fatto ai trasferimenti verso i Comuni i bandi europei, oggi, sono uno strumento di fondamentale importanza, non solo per l’Amministrazione ma anche per le aziende. Questo è proprio il valore aggiunto del M5S di Umbertide che, al contrario delle liste civiche, può vantare una rete di portavoce eletti sia nel parlamento italiano che in quello europeo con i quali lavorare per il bene del nostro Comune. Questo è anche un cambio di sistema rispetto ai vecchi partiti che hanno sempre visto i fondi europei come un qualcosa di esclusiva pertinenza delle amministrazioni e delle aziende da loro partecipate. Quello che dovrà partire da Umbertide è un nuovo approccio: aiutare le aziende per migliorare le condizioni dei lavoratori ed aumentare l’occupazione.    

11/05/2018 22:03:13

Notizie » Politica M5S Umbertide:''Il tema della sicurezza è un punto centrale della convivenza civile''

Riceviamo e pubblichiamo Il tema della sicurezza è un punto centrale della convivenza civile, il vivere in un contesto urbano sicuro è da ritenersi diritto fondamentale di ogni cittadino e impegno primario di ogni amministrazione. Bisogna creare una sinergia tra i corpi locali e sviluppare una lotta al crimine intesa come prevenzione: adottare misure che riducano i fenomeni criminosi e al contempo restituire alla comunità una percezione concreta e tangibile di sicurezza. La sicurezza è un bene per la comunità e la convivenza civile, deve essere perseguita da tutti i cittadini, i quali possono contribuire fattivamente, basta solo fornire ad essi gli strumenti necessari. L’interazione con la Polizia Locale e le forze dell'ordine è fondamentale. Il controllo del territorio, rendendo presenti e visibili le forze dell'ordine, è anche un deterrente nonché stimolo per i cittadini a contribuire ad una maggiore sicurezza. L'impegno del M5S sarà quello di garantire un'attenzione specifica a questo tema sollecitando in maniera costante i diversi organi di controllo. Come ottenere ciò? Vogliamo incrementare la presenza della Polizia Municipale sul territorio comunale, la quale per poter svolgere appieno le sue funzioni di controllo dovrà essere armata, come già avviene in comuni limitrofi (Montone). Questo consentirà il monitoraggio del territorio attraverso controlli presso cantieri edili, verifiche relative a locazioni immobiliari (verifica sia dei domiciliati che dei residenti). Nello svolgimento delle mansioni d’ufficio della Polizia Municipale si dovrà affiancare un impiegato comunale ad un agente così che il maggior numero possibile di agenti sia presente sul territorio. Sarà possibile usufruire dei cittadini che hanno optato per il Servizio Civile e dedicarli a servizi oggi svolti dalla polizia locale, come il controllo degli incroci presso le scuole o operazioni di “ufficio”. Andrà implementata la presenza di telecamere sul territorio per monitorare le vie di accesso alla città e luoghi sensibili e pubblici (parchi, stadi, palazzetti, luoghi di culto) e potenziata l’illuminazione. Si potrà valutare, in base alle prossime disposizioni normative, anche la possibilità di ricorrere all'uso di droni per il monitoraggio del paese. Altro strumento utile sarà l'adesione al progetto “Controllo del vicinato”che si serve di una rete di volontari e specialisti in supporto all'amministrazione comunale al fine di sviluppare progetti di sicurezza partecipata. Sicurezza però non è solo quella legata a fenomeni della microcriminalità, ma è anche quella della viabilità cittadina attraverso una maggiore attenzione alla cura degli incroci pericolosi e alla manutenzione delle strade. Sicurezza collegata ai fenomeni di violenza domestica attraverso l'implementazione dei servizi di ascolto ai familiari colpiti. Facciamo funzionare al meglio certe commissioni e gruppi già esistenti, mettendoli nelle migliori condizioni possibili e incentivando le loro attività. Un'attenzione dunque a 360 gradi per garantire una serena convivenza nella nostra comunità. 

11/05/2018 11:17:03

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA:’’SICUREZZA INTEGRATA E PARTECIPATA’’

Riceviamo e pubblichiamo UMBERTIDE CAMBIA:’’SICUREZZA INTEGRATA E PARTECIPATA’’ Umbertide Cambia affronta per la prima volta nella nostra città il tema della sicurezza in modo ampio e complessivo, proponendo un piano che coinvolge tutte le forze di polizia ed anche i cittadini. “Vogliamo infatti – spiega Claudio Faloci, Vice Prefetto e capolista del movimento civico che appoggia la candidatura a sindaco di Gianni Codovini - una sicurezza integrata e partecipata. Integrata in quanto il territorio potrà essere controllato a turno da tutte le forze di polizia, ed anche dalla nostra polizia locale, che dovrà per questo essere armata perché solo messa nelle condizioni di operare essa stessa in condizioni di sicurezza potrà dare il proprio fondamentale contributo insieme a Carabinieri e Polizia di Stato nel pattugliamento del territorio comunale e nei fondamentali controlli stradali. Vogliamo inoltre una nuova caserma dei carabinieri ed un ampliamento del loro numero”. “La sicurezza – aggiunge Faloci - deve poi essere partecipata dai cittadini stessi con l'organizzazione del controllo di vicinato. Una forma di coinvolgimento degli abitanti nel controllo del proprio quartiere così come viene già fatto in tante città italiane ed europee. Solo così riusciremo a combattere i furti nelle abitazioni e lo spaccio di droga, sempre più diffuso nella nostra città”. “Occorre poi evitare il degrado urbano e situazioni come quella dell'ex Fornace e del parco Ranieri, diventati area di spaccio e consumo di droga. Proponiamo per questo di introdurre l'amministrazione condivisa dei beni. Significa che un quartiere, un condominio oppure un'associazione se vogliono prendersi cura di un giardino, di una piazza, di una particolare zona della città possono farlo con particolari agevolazioni fiscali e materiali concesse dall'amministrazione comunale. Lo si potrà fare con un regolamento apposito sui beni comuni. Quindi sicurezza partecipata da tutti gli umbertidesi. Non vogliamo sceriffi, ma una città che difende insieme alle forze dell'ordine la sua sicurezza. Bisogna poi aiutare chi è solo, chi percepisce di più il senso di insicurezza e di solitudine rispetto ad una realtà sociale che cambia intorno a lui. Avremo quindi un'attenzione particolare al problema della solitudine. Non vogliamo lasciare indietro nessuno”. “Non ci interessano proposte demagogiche”, conclude Faloci, che ribadisce, ”ci interessa risolvere i problemi degli umbertidesi con proposte concrete, senza chiederci se siano di destra o di sinistra. Pensando piuttosto che siano utili ed efficaci”.   10.05.2018   Umbertide cambia  

10/05/2018 14:25:37

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy